La Commissione Europea ha annunciato la sua tanto attesa proposta di modifiche legislative in relazione all’iniziativa IVA nell’era digitale (ViDA). Si tratta di uno degli sviluppi più importanti nella storia dell’IVA europea, che riguarda non solo le aziende europee, ma anche quelle non europee che commerciano con l’UE.

La proposta richiede la modifica della Direttiva IVA 2006/112, del relativo Regolamento di esecuzione 282/2011 e del Regolamento 904/2010 sulla cooperazione amministrativa per la lotta alle frodi nel settore dell’IVA. Coprono tre aree distinte:

  1. Obblighi di rendicontazione digitale dell’IVA e fatturazione elettronica
  2. Trattamento IVA dell’economia di piattaforma
  3. Registrazione IVA unica nell’UE

Questa proposta di modifica normativa dovrà ancora essere adottata formalmente dal Consiglio dell’Unione Europea e dal Parlamento Europeo secondo le procedure legislative ordinarie, prima di poter entrare in vigore. In questioni fiscali come queste, il processo richiede l’unanimità tra tutti gli Stati membri.

Questo blog si concentra sugli obblighi di dichiarazione digitale dell’IVA e sulla fatturazione elettronica, mentre i futuri aggiornamenti di Sovos riguarderanno le altre due aree.

Obblighi di rendicontazione digitale dell’IVA e fatturazione elettronica – una panoramica

I dati delle transazioni B2B intra-UE dovranno essere comunicati a un database centrale:

I requisiti di rendicontazione digitale per le transazioni nazionali rimarranno facoltativi:

Saranno apportate modifiche per facilitare e allineare la fatturazione elettronica:

La "trasmissione" non sarà regolamentata:

La Commissione Europea, in questa fase, ha scelto di non proporre un regolamento relativo al canale di trasmissione dei dati riportati alle autorità fiscali. Attualmente la decisione spetta agli Stati membri.

La ragione di questa decisione è probabilmente dovuta al fatto che si tratta di una questione tecnica e che la discussione avrebbe rallentato il processo di pubblicazione di questa proposta. La Commissione Europea sembra anche ambigua sul fatto di voler regolamentare questo aspetto in futuro.

Qual è il futuro dell’IVA nell’era digitale?

Molti Paesi pronti a introdurre i controlli sulle transazioni continue (CTC) hanno atteso che le autorità di regolamentazione dell’UE fornissero una risposta sulle regole che i singoli Stati membri dovranno rispettare. Resta da vedere se questa proposta incoraggerà questi Stati membri ad andare avanti con i piani, nonostante lo status non definitivo della proposta. È degno di nota il fatto che la Germania abbia richiesto una deroga all’attuale Direttiva IVA per poter imporre la fatturazione elettronica solo pochi giorni prima della data originaria in cui la Commissione aveva previsto di pubblicare questa proposta – il 16 novembre 2022.

Parli con i nostri esperti fiscali per capire come queste modifiche proposte influiranno sulla sua azienda.

È un buon anno per essere un leader IT. Dopo troppi anni in cui la frase "fare di più con meno" è stata il mantra della maggior parte delle organizzazioni per quanto riguarda la spesa tecnologica, le cose stanno finalmente migliorando.

Secondo la società di ricerca Gartner , la spesa IT raggiungerà una cifra stimata di 4,5 trilioni di dollari nel 2022. Questo rappresenta un aumento del 5,1% rispetto al 2021 e rappresenta una spinta molto necessaria per le aziende che hanno bisogno di aggiornamenti tecnologici che potrebbero essere stati messi in secondo piano a causa della pandemia COVID-19.

I dipartimenti IT sono anche desiderosi di spostare l’attenzione dal semplice mantenimento a galla a progetti più a lungo termine che supporteranno strategicamente e con successo il futuro del lavoro. Questa affermazione è sostenuta dai numeri forniti dalla società di soluzioni di gestione IT Flexera nel suo State of Tech Spend Report.

Alla domanda su quali fossero i budget da destinare quest’anno, il 54% degli intervistati si aspetta un aumento degli investimenti e delle risorse da destinare alla tecnologia che rende più facile e agevole per i dipendenti lavorare da casa. Un altro 42% degli intervistati ha dichiarato una nuova disponibilità a passare al cloud per supportare le realtà di un mondo post-pandemia. I partecipanti a questo sondaggio, tutti dirigenti e manager di alto livello nel settore IT con una conoscenza significativa dei budget IT complessivi delle loro organizzazioni, hanno valutato cosa aspettarsi nell’anno a venire.

Questi risultati mostrano il livello di importanza che le aziende attribuiscono agli ambienti di lavoro ibridi e flessibili. La probabilità che il lavoro da casa, almeno in una certa misura, sia destinato a rimanere, ha spinto i reparti IT a ripensare le loro strategie per essere pronti ad affrontare qualsiasi sfida possa presentarsi.

Il Governo potrebbe ostacolarla?

Le strategie delineate dai dipartimenti IT sono solide e in linea con il mondo in cui viviamo. Tuttavia, c’è un’altra forza post-pandemica all’opera con il potenziale di far deragliare i piani migliori e di divorare una grande quantità di budget e risorse. La fatturazione elettronica è stata imposta dal governo.

Se lavora come leader IT in un’azienda multinazionale, probabilmente rientra in una delle due categorie seguenti. In primo luogo, siete stati portati a confrontarvi con le nuove realtà della supervisione e dell’applicazione in tempo reale da parte delle autorità di regolamentazione. Oppure due, lei sta per essere coinvolto nella mischia con il suo mandato interno, risolvendo definitivamente questo problema.

Perché sono così definitivo in questa dichiarazione? Perché lavoro con alcuni dei più grandi marchi del pianeta e sono testimone in prima persona dell’impatto che questi mandati hanno sulla loro organizzazione IT.

Quando si tratta di progetti IT, la maggior parte non è reattiva, ma è il risultato di una pianificazione attenta e metodica per un lungo periodo di tempo. Tuttavia, il governo sta cambiando le regole. I progetti e gli aggiornamenti non sono più sulla sua linea temporale. Quando implementano nuove leggi e mandati, o vi muovete rapidamente per affrontare il problema e sistemarlo o pagherete le conseguenze, che possono andare da multe salate fino alla perdita della licenza di operare.

Cosa significa per me?

Le leggi sulla fatturazione elettronica imposte dai governi si stanno rapidamente diffondendo in tutto il mondo e rappresentano una minaccia credibile per i vostri budget IT. I dipartimenti IT devono essere preparati per le nuove realtà che accompagnano la fatturazione elettronica su mandato del governo. Con le autorità che ora si trovano nello stack di dati delle sue aziende e che esaminano le transazioni in tempo reale mentre attraversano la sua rete, avrà bisogno di una soluzione che le consenta di fornire le informazioni nel formato richiesto in tempo reale.

In conclusione, la conformità non è più un problema fiscale. I leader dell’IT e gli altri dirigenti devono collaborare per allineare le funzioni aziendali in modo trasversale. L’IT deve garantire le risorse e gli strumenti necessari per soddisfare gli obblighi imposti dal governo, indipendentemente dal settore o dall’ubicazione dell’azienda.

L’incapacità di affrontare il problema in anticipo porterà solo a problemi più complessi e costosi, che assorbiranno budget e risorse critiche destinate ad altri progetti prioritari.

Agisci

Se non sa da dove iniziare per costruire la sua strategia, si rivolga ai nostri esperti.

Forse non si tratta di QUEL telefono rosso che sta squillando, ma stia certo che la direzione sta affrontando un problema serio e si rivolge all’IT per risolverlo.

Ci sono due cose che rendono i consigli di amministrazione e le C-Suite più nervosi di qualsiasi altra cosa. Rischi che possono avere un impatto sulla linea di fondo e sulla reputazione dell’azienda/marchio. Questo problema attuale può fare entrambe le cose e in fretta, se non viene affrontato tempestivamente.

Sto parlando di mandati fiscali del governo.

Ora si potrebbe chiedere: i mandati governativi non esistono da decenni? Perché l’urgenza ora? Sì, esistono da molto tempo, ma non sono mai esistiti nella loro forma attuale e non hanno mai avuto la capacità di avere un impatto così rapido sulle sue operazioni.

Mi permetta di spiegare. In passato, le organizzazioni di tutto il mondo erano tenute a riferire sulle transazioni dopo il fatto e a pagare gli importi che erano legalmente obbligati a pagare. Se non lo facessero, il governo potrebbe sottoporli a un audit qualche mese o anno dopo e applicare una sanzione nel caso in cui le cose non fossero in regola. Nel grande schema delle cose, si trattava di un piccolo inconveniente per le aziende e non di un vero deterrente per i processi difettosi o la negligenza.

Tutto questo ha iniziato a cambiare qualche anno fa, quando i governi hanno iniziato a guardare a un divario fiscale che stava crescendo, senza soluzioni facili per regnare. Pensa che stia esagerando? Secondo il rapporto 2021 sul Gap IVA della Commissione Europea, solo nel 2019 i Paesi dell’UE hanno perso 134 miliardi di euro di entrate derivanti dall’Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) legalmente dovute dalle imprese.

Questo è stato un campanello d’allarme per tutti i Paesi che utilizzano il sistema di tassazione IVA in tutto il mondo. Non solo stavano perdendo le entrate necessarie, ma il problema si stava aggravando. Bisognava fare qualcosa e in fretta, altrimenti non sarebbero stati in grado di finanziare programmi vitali nei loro Paesi.

Arriviamo a oggi. I Paesi hanno preso in seria considerazione il problema e hanno deciso che la tecnologia è la risposta. Hanno investito molto nella digitalizzazione e hanno portato le loro capacità non solo al livello delle imprese, ma in molti casi, probabilmente per la prima volta nella storia, hanno superato le capacità dell’industria privata di monitorare e riferire sulle transazioni finanziarie.

Oggi non c’è più un rapporto dopo il fatto. I governi si sono insediati proprio nel vostro stack di dati e stanno esaminando le transazioni in tempo reale. E con il monitoraggio in tempo reale è arrivata anche l’applicazione in tempo reale. Se non riporta le informazioni nel modo richiesto dal governo, può aspettarsi un’azione rapida che va da multe costose fino alla revoca della licenza commerciale in quel Paese. Entrambi sarebbero colpi devastanti per le prospettive finanziarie e la reputazione della sua azienda.

Ecco perché è così urgente coinvolgere l’IT e avere una strategia per affrontare il problema su base globale. Le cose si complicheranno sempre di più e la capacità di scalare i sistemi per soddisfare i mutevoli mandati fiscali in tutti i luoghi in cui si opera è diventata una priorità assoluta per le aziende.

Per quanto riguarda l’IVA, si tratta di un mondo nuovo, con il quale bisogna fare i conti. Se queste informazioni sono nuove per lei o sta affrontando l’impatto sulla sua organizzazione, la invito a ricordare e a condividere con i suoi colleghi le seguenti cinque cose:

1. Il governo è nei suoi dati

La rendicontazione fiscale in tempo reale sta diventando la nuova norma per le aziende di tutto il mondo. I governi non si accontentano più di ricevere i dati a posteriori e ora richiedono una presenza permanente nel vostro stack di dati.

2. I mandati governativi in materia di dati stanno togliendo il controllo alle aziende

Con la fatturazione elettronica, che è stata imposta dai governi, le aziende hanno poco tempo per prepararsi a questo cambiamento. Per rimanere operativo e rispettare questi mandati, l’IT deve creare una strategia per garantire il rispetto degli obblighi del mandato, rispettando i parametri dei piani e dei budget a lungo termine.

3. I mandati dei dati si muovono e si evolvono rapidamente

Poiché i governi si stanno muovendo rapidamente verso l’implementazione della fatturazione elettronica, le organizzazioni si trovano ora di fronte a una finestra estremamente breve per aggiornare i codici fiscali e i mandati. Per i dipartimenti IT, la supervisione e l’esecuzione di questi cambiamenti diventerà una delle loro principali priorità.

4. I mandati per i dati non sono coerenti da Paese a Paese

Per le organizzazioni internazionali, rimanere aggiornati sui nuovi processi, tecnologie e normative sono tutti componenti essenziali per gestire un’attività di successo. Tuttavia, i diversi approcci adottati da ogni singola autorità di regolamentazione stanno causando molta incertezza alle aziende. La sfida per l’IT è quella di creare un’infrastruttura che consenta all’azienda di soddisfare i singoli mandati delle autorità normative di ciascun Paese, integrandosi al contempo per fornire un cruscotto globale in tempo reale sullo stato di conformità dell’organizzazione.

5. I governi hanno aumentato la severità e la velocità dell’applicazione

Le autorità fiscali stanno diventando più aggressive che mai per colmare le lacune fiscali. Con l’uso di strumenti e processi digitali, i governi possono accelerare rapidamente la conformità e tracciare efficacemente le frodi fiscali. Nel mondo digitale di oggi, le sanzioni possono essere più rapide e più severe che in passato. L’IT deve garantire che i dati delle transazioni siano presentati alle autorità di regolamentazione nel formato e nei tempi richiesti.

Spero che queste informazioni le diano qualche spunto di riflessione per affrontare le mutevoli realtà dei mandati fiscali globali.

Agisci

Dopo aver letto questo, se ha delle domande, si senta libero di contattare i nostri esperti.

Immaginate questo scenario.

Il vostro partner commerciale vi cambia le regole a metà strada e la vostra capacità di fare affari con loro dipende ora dal cambiamento dell’intera struttura di reporting per soddisfare le loro nuove richieste.

Oh sì, devo anche dire che i tempi per soddisfare queste richieste sono estremamente stretti e se non lo fa, può dimenticarsi di fare affari nella loro regione finché non lo fa bene. E se, in qualsiasi momento, non riuscirà a rispettare questi standard, potrà essere multato o chiuso.

Sembra inverosimile? Non lo è. È esattamente ciò che si sta verificando nei principali mercati economici, dal Brasile all’Italia e a parti dell’Asia e dell’Africa. Vede, i governi di hanno raggiunto le aziende quando si tratta di tecnologia e, per molti versi, le hanno superate quando si tratta di digitalizzazione.

Cosa significa questo per lei?

Significa che i governi hanno assunto un approccio più proattivo alla revisione delle transazioni finanziarie e richiedono una rendicontazione in tempo reale. Come parte di questo, hanno implementato l’applicazione in tempo reale per garantire che sia conforme alle specifiche obbligatorie. A tal fine, hanno preso la residenza permanente all’interno del suo stack di dati. E non si illuda: quando si tratta di fatturazione elettronica, sono loro a decidere.

Un po’ di storia.

I governi di tutto il mondo stanno implementando la fatturazione elettronica obbligatoria per la sua capacità di facilitare la conformità e di tracciare le frodi in modo rapido ed efficiente. La rendicontazione a posteriori, che finora era la norma, era più difficile da applicare e richiedeva audit lunghi e costosi per recuperare ciò che era legittimamente dovuto. Molte organizzazioni non prendevano sul serio le sanzioni e si limitavano a mettere da parte un po’ di denaro per far fronte a questi inconvenienti man mano che si presentavano.

Questo approccio ha portato a un divario fiscale che continua a crescere. In 2019, il gap IVA dei 28 Stati membri dell’Unione Europea è stato di oltre 134,4 miliardi di euro per tutti gli Stati membri insieme. Questa situazione era diventata insostenibile e inaccettabile per molti governi, per cui è stata realizzata una nuova tecnologia incentrata sulla digitalizzazione, per garantire che tutte le entrate legalmente dovute venissero riscosse in modo tempestivo e completo. La mancata conformità porterebbe a misure di applicazione più rapide e di maggiore impatto.

Questa tendenza è in rapida crescita, con i Paesi di tutto il mondo che adottano nuovi mandati e metodologie per tracciare e applicare le regole. Nei prossimi cinque anni si prevede che quasi tutti i Paesi che utilizzano il sistema di tassazione IVA aggiorneranno in qualche modo i loro sistemi.

Non si faccia illusioni. A causa delle richieste di informazioni in tempo reale, si tratta di un problema informatico, non fiscale. Per le aziende multinazionali che operano in decine di Paesi, potrebbero esserci momenti dolorosi lungo il percorso se non pianificano per tempo e sviluppano una strategia solida per ciascuna delle sedi in cui operano.

Ecco i miei consigli per soddisfare i mandati governativi e garantire che le operazioni continuino senza interruzioni. 

L’IT deve concentrarsi sull’obiettivo finale: implementare un approccio centralizzato per la gestione di queste leggi sulla fatturazione elettronica, imposte dal governo, per garantire un approccio coerente a livello globale a tutti i documenti digitali. Non posso sopravvalutare l’importanza delle sinergie di implementazione quando i requisiti aumentano e si espandono. La situazione diventerà sempre più complessa con il passare del tempo.

E, cosa forse più importante, non abbia paura di chiedere aiuto. Si tratta di cose complicate che cambiano di giorno in giorno. Non è il momento o il problema per provare a fare da soli.

Agire 

Si rivolga a nostri esperti per maggiori informazioni e aiuto.

Parte IV di V – Ryan Ostilly, vicepresidente della strategia di prodotto e GTM EMEA & APAC, Sovos

Clicchi su qui per leggere la parte III della serie.  

Le leggi sulla fatturazione elettronica imposte dai governi si stanno facendo strada in quasi tutte le regioni del mondo, portando mandati e aspettative sempre più stringenti per le aziende. Inseriti in ogni aspetto della sua attività, i governi sono ora un’influenza onnipresente nel suo stack di dati, che esamina ogni transazione in tempo reale mentre attraversa la sua rete. Il monitoraggio in tempo reale ha portato anche all’applicazione di norme in tempo reale che possono variare in gravità, da multe significative alla chiusura completa dell’azienda. Tutto questo ha creato una nuova realtà per i leader IT, che hanno bisogno di una strategia per affrontare questi cambiamenti globali. Abbiamo chiesto al nostro vicepresidente del prodotto e della strategia GTM, Ryan Ostilly, di offrirci la sua guida su come questo influirà sui reparti IT e su come possono prepararsi al meglio.

D: Con le autorità governative che ora si occupano dei dati delle aziende e richiedono un reporting in tempo reale o quasi, che impatto avrà questo sui dipartimenti IT?

RO: I team IT dovranno lavorare sodo per garantire che i loro sistemi fiscali di base, finanziari e transazionali, abbiano una maggiore capacità di estrarre, trasformare, inviare e consumare dati in tempo reale con tutte le giurisdizioni fiscali della loro impronta globale, in conformità con una miriade di requisiti legali e procedurali in continua evoluzione. Con l’accelerazione del ritmo della disruption, i governi stanno riscrivendo le regole sul controllo e l’impegno dei contribuenti, imponendo la connessione diretta e l’intimità con i dati stessi.

Temo che in un numero crescente di casi, i proprietari dei dati possano essere i dipartimenti funzionali. Il reparto IT dovrà evolvere il suo ruolo in questa relazione, considerando il governo come un partner commerciale critico, con il quale deve essere sempre connesso, continuo e completo.

D: Per soddisfare i mandati governativi e garantire che le operazioni continuino senza interruzioni, a cosa dovrebbe dare priorità l’IT? Quale approccio consiglierebbe?

RO: In questa moderna era di trasformazione fiscale avviata dal governo, il reparto IT di successo perseguirà una strategia proattiva che dà priorità a un quadro connesso, continuo e completo per i mandati governativi e i controlli continui delle transazioni (CTC). Questi tre principi sono:

Connected – Architettare una strategia di integrazione e di fornitori semplificata. Ridurre l’esposizione a integrazioni multiple e progetti pesanti quando si adottano nuove giurisdizioni o si implementano modifiche.

Continuo – Collabora regolarmente con esperti di normative e legali. Esamini i prossimi mandati e valuti l’impatto sui suoi requisiti aziendali attuali e futuri.

Completare – Pensare oltre gli aspetti tecnici e gli schemi. Collabori con esperti in materia fiscale per la traduzione e la convalida dei requisiti del mandato, poiché questi risultati definiranno la posizione finanziaria e fiscale della sua azienda con le autorità fiscali in tempo reale.

Sono cambiate molte cose nel mondo della fatturazione elettronica, che è stata imposta dai governi. I continui investimenti nella tecnologia da parte delle autorità governative hanno messo i regolatori nella posizione di richiedere una maggiore trasparenza e un reporting più dettagliato e in tempo reale. Per soddisfare queste esigenze, le aziende si rivolgono alle loro organizzazioni IT. La buona notizia è che non ha bisogno di andare avanti da solo. Sovos ha l’esperienza necessaria per guidarla in questa evoluzione globale, grazie alla nostra esperienza di collaborazione con molti dei marchi più importanti del mondo.

Agisci

Ha bisogno di aiuto per stare al passo con i mandati globali? Si metta in contatto con il team di esperti fiscali di Sovos.

Parte V di V – Christiaan Van Der Valk, vicepresidente, strategia e regolamentazione, Sovos 

Clicchi su qui per leggere la parte IV della serie.  

Le leggi sulla fatturazione elettronica imposte dai governi si stanno facendo strada in quasi tutte le regioni del mondo, portando mandati e aspettative sempre più stringenti per le aziende. Inseriti in ogni aspetto della sua attività, i governi sono ora un’influenza onnipresente nel suo stack di dati, che esamina ogni transazione in tempo reale mentre attraversa la sua rete. Il monitoraggio in tempo reale ha portato anche all’applicazione di norme in tempo reale che possono variare in gravità, da multe significative alla chiusura completa dell’azienda. Tutto questo ha creato una nuova realtà per i leader IT, che hanno bisogno di una strategia per affrontare questi cambiamenti globali. Abbiamo chiesto al nostro vicepresidente della strategia e delle normative, Christiaan Van Der Valk, di offrirci la sua guida su come questo influirà sui reparti IT e su come possono prepararsi al meglio.

D: Con le autorità governative che ora si occupano dei dati delle aziende e richiedono un reporting in tempo reale o quasi, che impatto avrà questo sui dipartimenti IT?

CV: La digitalizzazione dell’IVA e di altre imposte espande notevolmente la portata dei sistemi finanziari e transazionali che devono soddisfare requisiti governativi specifici e in continua evoluzione. Questo fenomeno di ampliamento e decentralizzazione della conformità fiscale nel panorama dei sistemi e dei processi di un’azienda avviene nello stesso momento in cui un numero maggiore di queste applicazioni (per l’automazione della contabilità, l’EDI, l’approvvigionamento, l’automazione della catena di fornitura, la gestione dei viaggi e delle spese, l’order-to-cash, la gestione delle comunicazioni con i clienti, eccetera) viene utilizzato su base SaaS in modalità multitenant.

Ciò richiede di fare il punto sulle applicazioni che possono rientrare nell’ambito dei requisiti IVA in tutte le giurisdizioni pertinenti, e di rivedere i contratti con i fornitori per garantire chiarezza sulla responsabilità della conformità. Potrebbe essere necessario rivedere anche le pratiche di approvvigionamento per la licenza di tali applicazioni esterne, al fine di garantire fin dall’inizio una contrattazione adeguata in materia di conformità fiscale.

D: Per soddisfare i mandati governativi e garantire che le operazioni continuino senza interruzioni, a cosa dovrebbe dare priorità l’IT? Quale approccio consiglierebbe?

CV: Un fattore chiave di successo è il grado di collaborazione tra IT e fisco per influenzare il cambiamento nell’organizzazione. La risposta predefinita alle modifiche delle imposte indirette sarà quella di vederle come evolutive e meglio risolte dalle filiali locali. L’introduzione dei CTC, tuttavia, rappresenta un cambiamento di paradigma e una delle conseguenze è che risolvere queste sfide in modo decentralizzato può essere dannoso per il potenziale di trasformazione digitale di un’azienda. L’IT e la fiscalità devono lavorare a stretto contatto per sensibilizzare tutti gli stakeholder aziendali e nazionali sull’importanza di una risposta coordinata e strategica a questo profondo cambiamento. Il ruolo dei tecnologi fiscali specializzati in queste sfide interdisciplinari non può essere sottovalutato.

Sono cambiate molte cose nel mondo della fatturazione elettronica, che è stata imposta dai governi. I continui investimenti nella tecnologia da parte delle autorità governative hanno messo i regolatori nella posizione di richiedere una maggiore trasparenza e un reporting più dettagliato e in tempo reale. Per soddisfare queste esigenze, le aziende si rivolgono alle loro organizzazioni IT. La buona notizia è che non ha bisogno di andare avanti da solo. Sovos ha l’esperienza necessaria per guidarla in questa evoluzione globale, grazie alla nostra esperienza di collaborazione con molti dei marchi più importanti del mondo.

Agisci

Ha bisogno di aiuto per stare al passo con i mandati globali? Si metta in contatto con il team di esperti fiscali di Sovos.

Parte III di V – Eric Lefebvre, Chief Technology Officer, Sovos 

Clicchi su qui per leggere la parte II della serie.

Le leggi sulla fatturazione elettronica imposte dai governi si stanno facendo strada in quasi tutte le regioni del mondo, portando mandati e aspettative sempre più stringenti per le aziende. Inseriti in ogni aspetto della sua attività, i governi sono ora un’influenza onnipresente nel suo stack di dati, che esamina ogni transazione in tempo reale mentre attraversa la sua rete. Il monitoraggio in tempo reale ha portato anche all’applicazione di norme in tempo reale che possono variare in gravità, da multe significative alla chiusura completa dell’azienda. Tutto questo ha creato una nuova realtà per i leader IT, che hanno bisogno di una strategia per affrontare questi cambiamenti globali. Abbiamo chiesto al nostro Chief Technology Officer, Eric Lefebvre, di offrirci la sua guida su come questo influirà sui reparti IT e su come possono prepararsi al meglio.

D: Con le autorità governative che ora si occupano dei dati delle aziende e richiedono un reporting in tempo reale o quasi, che impatto avrà questo sui dipartimenti IT?

EL: La centralizzazione è la chiave, ma c’è un processo da seguire per una corretta esecuzione. All’inizio, la centralizzazione deve iniziare con i processi aziendali, le prassi, gli strumenti e la standardizzazione delle tecnologie push/pull dei dati in tutta l’organizzazione. Poi, l’IT deve considerare i dati in base alle esigenze basate sugli SLA. A partire da:

Dati di consegna:

  • Dati in tempo reale
  • Magazzino dati – reporting dei dati
  • Archivio dati

Una volta consolidati questi aspetti, l’IT può concentrarsi sui dati operativi, che contengono:

  • Dati o regole di configurazione basati sui mandati
  • Sistema telemetrico

I reparti IT devono concentrarsi sulla disponibilità dei dati, aggiungendo fonti multiple replicate di quei dati. La localizzazione dei dati è un’altra esigenza critica, determinata dai mandati che si spostano per lo più verso il mantenimento dei dati locali, come stiamo vedendo in Paesi come l’Arabia Saudita e molte altre nazioni dell’Asia orientale. I reparti IT devono garantire la possibilità di fornire archivi di dati satellitari, che sono fondamentali per i Paesi con queste specifiche. La centralizzazione dei processi e degli strumenti per la consegna dei dati è il primo passo. Per la fase due, i dati devono essere suddivisi, evitando di conservare i dati per anni in un unico archivio di dati, rendendo impossibile spostarli/replicarli e renderli disponibili.

D: Per soddisfare i mandati governativi e garantire che le operazioni continuino senza interruzioni, a cosa dovrebbe dare priorità l’IT? Quale approccio consiglierebbe?

EL: Quando le organizzazioni passano a un approccio centralizzato, devono essere consapevoli che il raggio d’azione del "fallimento" non riguarda solo un singolo Paese. Per combattere questo problema, le organizzazioni IT devono disporre di procedure e piani solidi che aiutino a evitare queste situazioni e a limitare rapidamente i danni se si verifica un problema. La considero come tre aree di interesse distinte:

Procedure di controllo delle modifiche. Rafforzare i controlli d’impatto non solo per le modifiche al codice o gli aggiornamenti operativi, ma anche per le modifiche normative e di configurazione.
Procedure di test. Si allontani dai test di portata regionale e incorpori test sintetici globali end-to-end, a partire dal servizio edge fino a tutti i server backend e viceversa.
Gestione degli incidenti. Passare dal monitoraggio del backend a una visione centrale del monitoraggio e degli outage in un unico pannello, supportata da un centro operativo globale in un modello in stile Follow the Sun.

Sono cambiate molte cose nel mondo della fatturazione elettronica, che è stata imposta dai governi. I continui investimenti nella tecnologia da parte delle autorità governative hanno messo i regolatori nella posizione di richiedere una maggiore trasparenza e un reporting più dettagliato e in tempo reale. Per soddisfare queste esigenze, le aziende si rivolgono alle loro organizzazioni IT. La buona notizia è che non ha bisogno di andare avanti da solo. Sovos ha l’esperienza necessaria per guidarla in questa evoluzione globale, grazie alla nostra esperienza di collaborazione con molti dei marchi più importanti del mondo.

Agisci

Ha bisogno di aiuto per stare al passo con i mandati globali? Si metta in contatto con il team di esperti fiscali di Sovos.

Parte II di V – Oscar Caicedo, Vicepresidente della gestione dei prodotti IVA America, Sovos

Clicchi su qui per leggere la parte I della serie. 

Le leggi sulla fatturazione elettronica imposte dai governi si stanno facendo strada in quasi tutte le regioni del mondo, imponendo alle aziende mandati e aspettative sempre più stringenti. Inseriti in ogni aspetto della sua attività, i governi sono ora un’influenza onnipresente nel suo stack di dati, che esamina ogni transazione in tempo reale mentre attraversa la sua rete. Il monitoraggio in tempo reale ha portato anche ad un’applicazione in tempo reale che può variare in gravità, da multe significative alla chiusura totale dell’azienda. Tutto questo ha creato una nuova realtà per i leader IT, che hanno bisogno di una strategia per affrontare questi cambiamenti globali. Abbiamo chiesto al nostro vicepresidente della gestione dei prodotti per l’IVA, Oscar Caicedo, di offrirci la sua guida su come questo influirà sui dipartimenti IT e su come possono prepararsi al meglio.

D: Con le autorità governative che ora si occupano dei dati delle aziende e che richiedono un reporting reale o quasi in tempo reale, quale sarà l’impatto sui reparti IT?

OC: Per me, questo si divide in quattro categorie distinte:

1. Architettura dei processi aziendali – Man mano che gli enti normativi diventano più avanzati, è importante esaminare il processo aziendale funzionale complessivo, non solo il meccanismo tecnico di segnalazione. Molti processi aziendali sono stati consolidati molto prima che le capacità attuali fossero prontamente disponibili. È importante rivedere il processo aziendale per poter determinare il miglior percorso tecnico da seguire.

2. Fonte di verità – Con l’ambiente complesso in cui i reparti IT devono navigare, è necessario ridefinire le aspettative sulla fonte di verità dei dati/processi. Gli ecosistemi dei sistemi back-end non sono stati costruiti tenendo conto delle attuali esigenze di conformità/regolamentazione. Nei mercati maturi, dove i governi continuano a far progredire le capacità tecniche, è fondamentale avere una strategia chiara per proteggersi dai rischi di verità alla fonte. Altrimenti, gli enti normativi locali tendono a diventare la fonte ultima della verità.

3. Aggregazione/riconciliazione dei dati – La mancanza di chiarezza sulla fonte di verità per ogni processo aziendale funzionale può portare a rischi importanti. La registrazione dei dati in tempo reale con le autorità di regolamentazione locali è stata la sfida iniziale. La sfida attuale consiste nel garantire che tutti i sistemi coinvolti siano mantenuti in sincronia e siano sempre completamente armonizzati. I reparti IT devono riconoscere che è ormai un must per navigare nell’ambiente attuale.

4. Master Data – I dati nei sistemi back-end erano già abbastanza complicati da supportare in modo centralizzato. Una volta introdotte le esigenze normative in tempo reale, il problema dei dati è diventato esponenzialmente più grande. Le strutture di dati, le librerie di dati e i programmi di estrazione sono tutti tentativi di risolvere il problema, ma normalmente questi tentativi falliscono a causa di lacune nella comprensione di ciò che è obbligatorio o facoltativo. Una guida chiara sulle esigenze locali è fondamentale prima di decidere una strategia tecnica.

D: Per soddisfare i mandati governativi e garantire che le operazioni continuino senza interruzioni, a cosa dovrebbe dare priorità l’IT? Quale approccio consiglierebbe?

OC: Darei la priorità ad una chiara comprensione normativa dei mercati/geografie in cui opera. Questo sembra ovvio, ma non è sempre così. Il 99% delle volte, quando parlo con una grande organizzazione multinazionale, non ha ben chiare le esigenze del mercato locale. Gli sforzi per centralizzare o adottare un approccio coesivo falliscono perché i decisori IT chiave non hanno compreso la normativa.

Inoltre, è necessario concentrarsi sui processi aziendali e sui requisiti dei dati per il loro successo e risolvere il problema end-to-end. La sfida non finisce con la registrazione dei dati. Il problema termina quando si dispone della visibilità, della manutenzione, del supporto, della riconciliazione e dell’intelligence adeguate per essere completamente preparati.

Non corra rischi. L’ambiente normativo è molto dinamico, per cui è importante garantire un’adeguata verifica di tutti gli scenari aziendali necessari per operare. La mancanza di script di test chiari può portare a sorprese negli ambienti di produzione, che possono avere grandi implicazioni per l’operazione.

Infine, consolidare il più possibile. Ciò significa semplificare i punti finali, i protocolli di comunicazione, le strutture dati, ecc. Ciò consentirà un modo più efficiente di gestire i processi obbligatori nelle diverse giurisdizioni.

Sono cambiate molte cose nel mondo della fatturazione elettronica, che è stata imposta dai governi. I continui investimenti nella tecnologia da parte delle autorità governative hanno messo i regolatori nella posizione di richiedere una maggiore trasparenza e un reporting più dettagliato e in tempo reale. Per soddisfare queste esigenze, le aziende si rivolgono alle loro organizzazioni IT. La buona notizia è che non ha bisogno di andare avanti da solo. Sovos ha l’esperienza necessaria per guidarla in questa evoluzione globale, grazie alla nostra esperienza di collaborazione con molti dei marchi leader a livello mondiale.

 

Agisci

Ha bisogno di aiuto per stare al passo con i mandati globali? Si metta in contattocon il team di esperti fiscali di Sovos.

Parte I di V – Steve Sprague, direttore commerciale, Sovos 

Le leggi sulla fatturazione elettronica imposte dai governi si stanno facendo strada in quasi tutte le regioni del mondo, portando mandati e aspettative sempre più stringenti per le aziende. Inseriti in ogni aspetto della sua attività, i governi sono ora un’influenza onnipresente nel suo stack di dati, che esamina ogni transazione in tempo reale mentre attraversa la sua rete. Il monitoraggio in tempo reale ha portato anche all’applicazione di norme in tempo reale che possono variare in gravità, da multe significative alla chiusura completa dell’azienda. Tutto questo ha creato una nuova realtà per i leader IT, che hanno bisogno di una strategia per affrontare questi cambiamenti globali. Abbiamo chiesto al nostro Chief Strategy Officer, Steve Sprague, di offrirci la sua guida su come questo influirà sui reparti IT e su come possono prepararsi al meglio.

D: Con le autorità governative che ora si occupano dei dati delle aziende e richiedono un reporting in tempo reale o quasi, che impatto avrà questo sui dipartimenti IT?

SS: I CIO devono fare una scelta: fare perno su questi cambiamenti e adottare un approccio centralizzato ai dati, ai sistemi, ai processi aziendali e alle applicazioni, oppure gestire una piattaforma decentralizzata in cui ogni Paese è lasciato libero di prendere le proprie decisioni? Oltre il 95% delle aziende ha implementato un approccio decentralizzato, dato che questi mandati sono cresciuti da Paese a Paese. Tuttavia, poiché l’America Latina è cresciuta da soli tre Paesi che hanno istituito questi mandati nel 2014 a più di 14 Paesi che li stanno attuando ora, e con altri 30 Paesi in tutto il mondo che stanno iniziando il processo di attuazione di regimi simili, comprese le economie in Asia e in Europa, come Francia e Germania – un approccio decentralizzato porta a diversi problemi a lungo termine, tra cui:

– Visibilità limitata al di fuori del Paese
– Strumenti e fornitori multipli in diversi Paesi
– Processi disgiunti con un focus solo sull’adempimento degli obblighi locali
– Risolvere il “problema a portata di mano” rispetto a guardare al quadro generale – Ruoli mal definiti e responsabilità non coerenti con l’implementazione di altri Paesi D: Per soddisfare i mandati governativi e garantire che le operazioni continuino senza interruzioni, a cosa deve dare priorità l’IT?
– Ruoli e responsabilità mal definiti
– Approccio incoerente all’implementazione di altri Paesi

D: Per soddisfare i mandati governativi e garantire che le operazioni continuino senza interruzioni, a cosa dovrebbe dare priorità l’IT? Quale approccio consiglierebbe?

SS: IT dovrebbe concentrarsi sull’obiettivo finale: implementare un approccio centralizzato a queste leggi sulla fatturazione elettronica, imposte dal governo, per garantire un approccio coerente a livello globale a tutti i documenti digitali. Ci sarà una riduzione dei costi grazie al consolidamento del numero di fornitori e di strumenti, e il rischio sarà ulteriormente mitigato grazie alla maggiore standardizzazione e visibilità. Non posso sopravvalutare l’importanza delle sinergie di implementazione quando i requisiti aumentano e si espandono. La situazione diventerà sempre più complessa con il passare del tempo. La chiarezza dei ruoli e delle responsabilità è l’altro vantaggio per i team IT, in quanto questo approccio porterà ad aree di interesse chiaramente definite per il team. Infine, sarà possibile allineare le analisi attraverso un unico hub di dati, fornendo un cruscotto centralizzato per le sue operazioni globali.

Sono cambiate molte cose nel mondo della fatturazione elettronica, che è stata imposta dai governi. I continui investimenti nella tecnologia da parte delle autorità governative hanno messo i regolatori nella posizione di richiedere una maggiore trasparenza e un reporting più dettagliato e in tempo reale. Per soddisfare queste esigenze, le aziende si rivolgono alle loro organizzazioni IT. La buona notizia è che non ha bisogno di andare avanti da solo. Sovos ha l’esperienza necessaria per guidarla in questa evoluzione globale, grazie alla nostra esperienza di collaborazione con molti dei marchi più importanti del mondo.

Agisci

Ha bisogno di aiuto per stare al passo con i mandati globali? Si metta in contatto con il team di esperti fiscali di Sovos.

Per le aziende del Regno Unito e di altri Paesi non appartenenti all’UE, è fondamentale determinare l’importatore della merce nell’UE, in quanto ciò avrà un impatto sul trattamento IVA.

Per le merci inferiori a 150 euro esistono opzioni semplificate come Import One Stop Shop (IOSS) o accordi speciali attraverso l’operatore postale. Tuttavia, quando forniscono beni di valore superiore a 150 euro, le aziende devono considerare come vogliono importare i beni.

Un’opzione è che le aziende consegnino su Delivered Duty Paid (DDP) base e siano l’importatore della merce nell’UE. Questo migliora l’esperienza del cliente per le transazioni B2C, ma crea la responsabilità di essere registrati nella contea di importazione e di addebitare l’IVA locale, oltre a ulteriori requisiti di conformità . Se le merci vengono trasferite da questo Paese ad altri Paesi dell’UE, a seconda della catena di fornitura, si potrebbe utilizzare il sito One Stop Shop (OSS) per evitare ulteriori requisiti di registrazione IVA.

Il cliente come importatore – opzioni disponibili

A causa dell’aumento dei costi di conformità, molte aziende hanno scelto di non essere l’importatore e di trasferire questo obbligo al cliente finale. Se un’azienda sceglie questa strada, le opzioni sono ancora disponibili.

L’azienda potrebbe semplicemente mettere l’intero obbligo a carico del cliente.., Al cliente verrebbe inviata una richiesta di pagamento per l’IVA e gli eventuali dazi dal corriere prima della consegna, Potrebbe anche essere applicata una tassa di gestione al cliente. Una volta pagata, la merce viene consegnata Questo approccio non offre la migliore esperienza al cliente.

Ecco perché molte aziende hanno optato per il ‘metodo del costo a terra’ offerto da molti corrieri. Il cliente è ancora l’importatore sulla documentazione d’importazione, ma l’azienda raccoglie l’IVA e i dazi dal cliente al momento della vendita e salda la fattura del vettore per suo conto. In teoria, questo evita che l’azienda debba registrarsi nell’UE e offre comunque al cliente un’esperienza senza soluzione di continuità. Tuttavia, questo solleva la questione: il cliente è effettivamente l’importatore?

L’impatto commerciale dei termini errati

Alcune autorità fiscali stanno iniziando a considerare in modo diverso gli accordi per i beni con un valore superiore a 150 euro, quando i beni vengono importati direttamente nello Stato membro di consegna. Una modifica legislativa del 1° luglio 2021 ha incluso il concetto "quando il fornitore interviene indirettamente nel trasporto o nella spedizione della merce". Questo per contrastare gli accordi che consentivano al venditore di sostenere che non si trattava di una vendita a distanza, ma di una vendita locale, e che quindi doveva pagare l’IVA solo nello Stato membro di spedizione della merce.

In seguito alla modifica della legge, alcune autorità fiscali sostengono che questo concetto significa che se un venditore vende a un privato nel proprio Paese e il venditore organizza la consegna della merce da un Paese non UE e lo sdoganamento nel proprio Stato membro dell’UE, il luogo di fornitura è lo Stato membro, in quanto il fornitore è intervenuto indirettamente nel trasporto.

Di conseguenza, il fornitore deve registrarsi e contabilizzare l’IVA nello Stato membro anche se il cliente è l’importatore della merce. Questa argomentazione potrebbe comportare una doppia imposizione e può creare ulteriori obblighi di conformità, oltre a controlli da parte delle autorità fiscali – tutti elementi che aggiungono ulteriori costi e tempo per le aziende.

Come devono affrontare le aziende questo cambiamento?

È importante che le aziende che adottano un metodo in cui il cliente è l’importatore mettano in atto accordi corretti. Ciò include la garanzia che i termini e le condizioni del sito web riflettano il fatto che il cliente è l’importatore e che l’azienda abbia il potere di nominare un dichiarante doganale per suo conto. È anche importante che la documentazione doganale sia compilata correttamente. Anche evitare termini come DDP sul sito web è fondamentale, in quanto implica che l’azienda è l’importatore.

Ha ancora domande?

Per un aiuto con le richieste di importazione dall’UE o se la sua azienda ha bisogno di assistenza per la conformità all’IVA si metta in contatto con per parlare con uno dei nostri esperti fiscali.

Sembra passato così poco tempo da quando l’HMRC ha inviato una lettera di richiamo nel marzo 2022, ricordando le imminenti modifiche ai sistemi doganali del Regno Unito e spiegando cosa fare per prepararsi a questi cambiamenti.

Con la scadenza che si avvicina rapidamente, ecco un breve riassunto.

Il sistema Customs Handling of Import and Export Freight (CHIEF) , che ha ormai quasi 30 anni (è stato introdotto nel 1994), verrà chiuso in due fasi:

  • Fase uno: Dopo il 30 settembre 2022, la possibilità di effettuare dichiarazioni di importazione terminerà.
  • Fase due: Dopo il 31 marzo 2023, la possibilità di fare dichiarazioni di esportazione terminerà.

Il Servizio di Dichiarazione Doganale servirà come piattaforma doganale unica del Regno Unito, con tutte le aziende che dovranno dichiarare tutte le merci importate ed esportate attraverso il Servizio di Dichiarazione Doganale (CDS) dopo il 31 marzo 2023.

Vantaggi del CDS e cambiamenti chiave

Come indicato sul sito web dell’HMRC, il toolkit del Servizio di Dichiarazione Doganale consente agli operatori commerciali di accedere ai numerosi vantaggi dei cambiamenti imminenti. In sintesi:

Vantaggi

  • Utilizzando la tecnologia più recente, CDS offre un servizio e un’esperienza utente migliori.
  • CDS ha la capacità e l’abilità di crescere in linea con l’agenda di crescita del governo, insieme ai piani per aumentare il volume del commercio internazionale.
  • CDS offre una serie di funzioni e interfacce specializzate. Sostenuto da una moderna architettura basata sul cloud, è completamente agile e regolabile.
  • Le aziende possono dichiarare tutte le merci contemporaneamente su una piattaforma, indipendentemente dal percorso del cliente. Questo processo riduce i costi operativi e l’onere amministrativo della gestione di due sistemi doganali separati.
  • I dati delle dichiarazioni sono trasparenti e gratuiti – le aziende possono accedere facilmente ai dati di importazione ed esportazione in tempo reale e controllare le tariffe e i rendiconti finanziari online grazie a cruscotti digitali dedicati.
  • Il CDS è progettato per essere completato digitalmente.

Modifiche ai CDS

  • Il CDS acquisisce alcune informazioni in modo diverso e il modo in cui l’azienda inserisce i dati è diverso (per alcuni codici merceologici importati nel Regno Unito saranno richieste informazioni aggiuntive e documenti supplementari).
  • Ci saranno ulteriori metodi per effettuare i pagamenti dei dazi doganali, come segue:
    • Conti in contanti
    • Conti di differimento del dovere
    • Pagamenti immediati
    • Conti di garanzia
    • Garanzie individuali
  • CDS le permette di aggiornare online le autorizzazioni degli agenti doganali

Che cosa significa in pratica?

Per poter utilizzare CDS e importare merci nel Regno Unito a partire dal 1° ottobre 2022 e per esportare a partire dal 1° aprile 2023, le aziende devono avere i seguenti requisiti:

  • Un account Government Gateway -> ID utente e password
  • Un numero GB di Registrazione e Identificazione dell’Operatore Economico (EORI).
  • Un numero di riferimento fiscale univoco (UTR) .
  • L’indirizzo commerciale che l’HMRC detiene per i registri doganali
  • Il numero di previdenza nazionale (NI) (se l’azienda è una persona fisica o una ditta individuale)
  • La data di inizio dell’attività dell’azienda
  • Comprensione dei cambiamenti della tariffa di importazione ed esportazione

Le aziende dovrebbero anche considerare:

  • Se sono già iscritti al CDS perché utilizzano la contabilità posticipata per l’IVA all’importazione e scaricano i loro certificati attraverso il CDS
  • Se non stanno utilizzando la contabilità posticipata sulle importazioni, il C79 cartaceo non sarà più inviato e sarà disponibile in formato digitale.
  • Qualsiasi formazione o informazione che l’azienda deve fornire al personale.
  • Qualsiasi modifica ai processi finanziari, ad esempio l’impostazione di un nuovo addebito diretto per un conto di differimento dei dazi, o le modalità di pagamento sul suo conto corrente.
  • Se i dati dell’azienda (e-mail e indirizzo commerciale) corrispondono ai registri dell’HMRC o se devono essere aggiornati.

Agisci

Vuole saperne di più su come le modifiche ai sistemi doganali del Regno Unito avranno un impatto sulla sua azienda e sulla sua conformità? Ci contatti per saperne di più.

In Italia, la disciplina dei prezzi di trasferimento stabilisce che nelle transazioni infra-gruppo tra entità di Paesi diversi, dove una è residente in Italia, le transazioni devono avvenire a condizioni di mercato. In altre parole, le transazioni si basano su prezzi liberamente competitivi e in circostanze comparabili.

Le aziende trattano con attenzione gli aggiustamenti dei prezzi di trasferimento dal punto di vista dell’imposta sul reddito delle società. Tuttavia, viene prestata meno attenzione dal punto di vista dell’IVA.

Vale la pena ricordare che nella maggior parte dei casi, gli aggiustamenti del prezzo di trasferimento sono aggiustamenti della redditività (piuttosto che del prezzo) delle transazioni effettuate tra società associate.

Tuttavia, trattare gli aggiustamenti dei prezzi di trasferimento come non rientranti nel campo di applicazione dell’IVA potrebbe causare problemi in caso di verifica da parte dell’autorità fiscale e di riqualificazione delle transazioni.

Chiarimenti dell’autorità fiscale italiana

La questione delle rettifiche dei prezzi di trasferimento ai fini dell’IVA non è espressamente regolamentata dal legislatore italiano, dai legislatori di altri Stati membri dell’UE o da un punto di vista legislativo dell’UE in materia di IVA. In assenza di una disposizione ad hoc, si fa riferimento alla legislazione europea e locale e alle sentenze private e pubbliche su un’analisi caso per caso.

Per quanto riguarda i ruling pubblici, le autorità fiscali italiane hanno pubblicato diverse risposte nel 2021.

884 del 30 dicembre 2021, ispirandosi al Documento di lavoro della Commissione Europea n. 923 e al Documento del Gruppo di esperti IVA n. 071, le autorità fiscali italiane hanno chiarito che per stabilire se gli aggiustamenti dei prezzi di trasferimento rappresentano il corrispettivo di una transazione rilevante ai fini IVA:

  • È necessario innanzitutto verificare l’esistenza di un rapporto giuridico con benefici reciproci tra l’azienda e le sue filiali estere;
  • Poi, nell’ambito di questa relazione, si deve verificare se esiste un legame diretto tra i trasferimenti effettuati attraverso gli aggiustamenti dei prezzi di trasferimento e qualsiasi vendita di beni e/o fornitura di servizi resi dall’azienda.

Come influirà sulla mia attività?

Nella sentenza del 30 dicembre 2021 (no. 884), le autorità fiscali italiane hanno confermato che gli aggiustamenti in questione erano al di fuori del campo di applicazione dell’IVA a seguito degli aggiustamenti dei prezzi di trasferimento. Ha dichiarato che per le filiali “ il riconoscimento di un costo aggiuntivo volto a ridurre il loro margine operativo” , non “ era direttamente collegato alle forniture originali di prodotti finiti” .

Lo stesso risultato non è stato applicato alla sentenza n. 529 del 6 agosto 2021 . 529 del 6 agosto 2021.

In questo caso, al momento della vendita dei beni, il venditore ha applicato un prezzo provvisorio.

Questo prezzo provvisorio è stato poi soggetto ad aggiustamenti su base trimestrale, attraverso il cosiddetto “ Profit True Up” . Il risultato potrebbe consistere in un credito del cedente nei confronti del cessionario o, al contrario, in un debito del cedente.

In questo caso specifico, le autorità fiscali italiane hanno trovato un “ collegamento diretto tra gli importi determinati nel saldo finale e le forniture” e hanno concluso determinando la rilevanza delle rettifiche dei prezzi di trasferimento effettuate dal contribuente ai fini dell’IVA.

Commenti finali che tengono conto di altri approcci delle autorità fiscali

Indipendentemente dal fatto che la sua azienda operi o meno in Italia, quanto sopra dimostra quanto siano importanti le potenziali implicazioni IVA delle rettifiche dei prezzi di trasferimento e la confusione per le aziende su come procedere in diversi scenari.

In Sovos abbiamo assistito a un maggior numero di audit da parte delle autorità fiscali locali, focalizzati a chiarire se il trattamento è valido dal punto di vista dell’imposta sul reddito delle società e dell’IVA.

Dopo una revisione dei contratti e degli accordi tra le società e le filiali coinvolte, è fondamentale capire se gli aggiustamenti dei prezzi di trasferimento sono:

  • Una riallocazione dei costi o
  • Regolazioni per:
    • Considerazione per una fornitura o importazione sottostante o
    • Compenso per un servizio fornito

Agisci

Parli con il nostro team se ha domande sull’approccio più recente dal punto di vista dell’IVA sulle rettifiche dei prezzi di trasferimento in Italia, nell’UE e nel Regno Unito e sulle potenziali soluzioni per mitigare il rischio di audit e sanzioni.

Le Autorità doganali italiane hanno recentemente aggiornato il loro sistema nazionale di importazione applicando il nuovo Modello di Dati Doganali dell’Unione Europea (EUCDM). Queste nuove modifiche sono entrate in vigore il 9 giugno 2022.

Secondo la nuova procedura, il vecchio modello di dichiarazioni d’importazione cartacee è stato abolito. Le dichiarazioni di importazione vengono ora trasmesse al sistema informativo delle Autorità doganali italiane con una firma digitale.

Che cosa significa in pratica?

L’accettazione di una dichiarazione doganale viene notificata all’operatore economico (che può essere l’importatore, l’agente doganale, ecc.) attraverso un Numero di Riferimento Master (MRN), una stringa alfanumerica di 18 caratteri.

Il vecchio messaggio IM (traccia telematica da presentare al momento dell’importazione alle Autorità doganali italiane attraverso il Servizio Telematico Doganale (ossia. Servizio telematico doganale (STD)) è stato sostituito dai seguenti percorsi, come definito dalla legislazione UE:

  • H1 Dichiarazione di immissione in libera pratica e uso finale
  • H2 Dichiarazione di deposito doganale
  • H3 Dichiarazione di ammissione temporanea
  • H4 Dichiarazione di perfezionamento attivo
  • H5 Dichiarazione di introduzione di merci nell’ambito del commercio con territori fiscali speciali

Come posso sapere a quanto ammonta l’IVA all’importazione per le merci importate in Italia da Paesi extra UE?

Al momento dello svincolo della merce, le Autorità doganali italiane mettono a disposizione il " prospetto di riepilogo ai fini contabili della dichiarazione doganale" (prospetto di riepilogo ai fini contabili della dichiarazione doganale). Il riepilogo include tutti i dati necessari per rilevare i dazi doganali, l’IVA all’importazione e qualsiasi altro onere dovuto.

Il riepilogo di cui sopra è messo a disposizione dell’importatore e del dichiarante/rappresentante nell’area riservata del portale unico delle Autorità doganali italiane attraverso il servizio " Gestione dei documenti – dichiarazioni doganali" .

Raccomandiamo agli importatori di contattare il proprio agente doganale per ricevere una copia di questo riepilogo a fini contabili.

Come e quando posso recuperare l’IVA all’importazione italiana?

Secondo la Legge italiana sull’IVA, per esercitare il diritto al recupero dell’IVA all’importazione in Italia è necessario possedere un Documento Amministrativo Unico (DAU). Poiché il DAU non è ora disponibile, le Autorità doganali italiane, in accordo con l’Agenzia delle Entrate, hanno concordato che la nuova sintesi contabile è sufficiente per consentire all’importatore di esercitare il diritto di recuperare l’IVA all’importazione.

Pertanto, il nuovo riepilogo contabile è necessario per esercitare il suo diritto a recuperare l’IVA all’importazione pagata alle autorità fiscali italiane.

Inoltre, il diritto di recuperare l’IVA all’importazione viene esercitato solo una volta che il riepilogo viene riportato nel registro IVA degli acquisti, come previsto dall’articolo. 25 della Legge IVA italiana.

Infine, il documento di importazione deve essere incluso nella dichiarazione IVA trimestrale e nella dichiarazione IVA annuale, che deve rispecchiare i libri contabili IVA italiani.

Per assicurarsi che la sua IVA all’importazione non vada persa, le consigliamo di considerare che l’ultimo giorno utile per recuperare l’IVA all’importazione, relativa a un’importazione di beni effettuata nel 2022, è il 30 aprile 2023.

Ulteriori documenti introdotti da giugno 2022

Oltre alla Sintesi Prospetto di riepilogo ai fini contabili della dichiarazione doganale, di cui si è parlato sopra, gli operatori economici potranno ricevere

  • Prospetto sintetico della dichiarazione – Prospetto sintetico della dichiarazione, emesso dopo l’accettazione della dichiarazione doganale in AIDA 2.0 e riepilogo dei dati chiave della dichiarazione;
  • Prospetto di svincolo – Prospetto di svincolo, fornito dalle Autorità doganali italiane come parte del processo di uscita delle merci dalle aree doganali e necessario per consentire le attività di controllo della Guardia di Finanza italiana / facilitare l’ottenimento del "visto di uscita".

Le Autorità doganali italiane consigliano agli operatori doganali di fornire ai trasportatori il Prospetto di svincolo come prova dell’adempimento delle formalità doganali in caso di controlli.

Agisci

Parli con il nostro team se ha domande sui più recenti requisiti di importazione italiani e sul loro impatto sulla conformità della sua azienda.

Il 22 luglio, la Commissione UE ha aperto quattro nuove procedure di infrazione contro il Regno Unito per la presunta violazione del Protocollo 2021 dell’Irlanda del Nord sulle condizioni relative ai requisiti doganali, alle accise e all’IVA. L’UE ha avviato sette procedimenti contro il Regno Unito in merito al Protocollo dal 2021.

Il Protocollo dell’Irlanda del Nord

In seguito all’uscita del Regno Unito dall’UE nel 2020, le parti hanno concordato che i punti di controllo doganali al confine terrestre tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica d’Irlanda potrebbero portare all’instabilità politica. Il Protocollo era un tentativo di evitare i posti di frontiera tra i due Paesi.

Invece, il Protocollo assicura che i controlli doganali vengano effettuati nei porti nordirlandesi prima che le merci vengano rilasciate nella Repubblica d’Irlanda. Questo processo ha effettivamente creato un confine doganale sul Mare d’Irlanda. Inoltre, il Protocollo consente all’Irlanda del Nord di seguire le regole dell’UE sugli standard di prodotto e le norme IVA relative alle merci.

Potenziali modifiche al Protocollo del Regno Unito

Il Protocollo è stato controverso nel Regno Unito, in quanto crea regole speciali per l’Irlanda del Nord che non si applicano in Inghilterra, Scozia o Galles. I membri del Partito Conservatore al governo del Regno Unito – tra cui Liz Truss, candidata a sostituire Boris Johnson come Primo Ministro del Regno Unito – hanno recentemente introdotto un disegno di legge sul Protocollo dell’Irlanda del Nord che consentirebbe al Regno Unito di modificare i termini del Protocollo.

Tra le altre cose, il progetto di legge cerca di sottrarre la risoluzione delle controversie alla giurisdizione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, autorizza i "canali verdi [fast track]" per le merci che rimangono all’interno del Regno Unito e consente politiche sull’IVA valide per tutto il Regno Unito. I sostenitori della legge affermano che è necessaria per proteggere l’"interesse essenziale" della pace in Irlanda del Nord.

Controversia sull’Emendamento al Protocollo

Tuttavia, i rappresentanti dell’Unione Europea hanno condannato questo progetto di legge come una potenziale violazione del diritto internazionale. Nella sua più recente procedura di infrazione, l’UE sostiene che il Regno Unito non ha affatto attuato in modo sostanziale alcune parti del Protocollo.

In particolare, l’UE sostiene che:

  • Il Regno Unito non esercita controlli adeguati sul movimento di merci dall’Irlanda del Nord alla Gran Bretagna.
  • Il Regno Unito non ha ancora recepito nel diritto nazionale le norme UE esistenti sulle accise per l’alcol e le bevande alcoliche; inoltre, il Regno Unito non ha dato alcuna indicazione che recepirà le nuove norme UE sulle accise che entreranno in vigore il 13 febbraio 2023.
  • Il Regno Unito non ha adottato le misure tecniche necessarie per implementare lo schema Import One Stop Shop (IOSS) per l’Irlanda del Nord.

L’ultimo punto è particolarmente interessante ai fini dell’IVA, in quanto lo schema IOSS è una firma dell’iniziativa dell’UE "IVA nell’era digitale".

Al momento in cui scriviamo, il disegno di legge sul Protocollo dell’Irlanda del Nord non è ancora stato adottato dal Parlamento britannico. Si attende la revisione da parte della Camera dei Lord. Il Regno Unito e l’UE hanno dichiarato che ulteriori negoziati sul Protocollo sarebbero l’opzione preferita. Le parti, tuttavia, rimangono distanti sui dettagli.

L’UE ha concesso al Regno Unito due mesi di tempo per rispondere all’azione di infrazione. In mancanza di nuovi accordi, l’azione potrebbe portare a possibili multe e/o sanzioni commerciali tra le parti. I contribuenti che effettuano scambi commerciali transfrontalieri tra il Regno Unito e l’Unione Europea dovrebbero assicurarsi di rimanere aggiornati sugli sviluppi futuri.

Agisci

Desidera maggiori informazioni su IOSS e su come potrebbe influire sulla conformità della sua azienda? Si metta in contatto con il nostro team.

Il sistema filippino di controllo continuo delle transazioni (CTC) per la fatturazione/ricezione elettronica (EIS) è stato ufficialmente avviato per i 100 grandi contribuenti selezionati dal governo per inaugurare il mandato. Sebbene i contribuenti stessero ancora lottando per soddisfare i requisiti tecnici del nuovo sistema di fatturazione elettronica poco prima della data di avvio, le Filippine hanno rispettato la scadenza prevista e hanno avviato il progetto pilota il 1° luglio 2022.

L’introduzione nelle Filippine ha evidenziato ancora una volta le sfide legate alla conformità con i nuovi mandati e ha dimostrato che la preparazione è fondamentale.

Insieme a una delle sei aziende pilota iniziali, che hanno iniziato i test all’inizio di quest’anno, Sovos ha sviluppato la prima soluzione software che ha ottenuto l’approvazione dell’EIS per operare la trasmissione della fattura elettronica attraverso la piattaforma di trasmissione del governo. La soluzione di Sovos è già operativa nelle Filippine.

Rilascio di nuovi regolamenti

Un giorno prima dell’avvio dell’EIS, l’autorità fiscale delle Filippine, il BIR (Bureau of Internal Revenue), ha pubblicato i Revenue Regulations n. 6-2022, 8-2022, e 9-2022, che contengono le politiche e le linee guida del nuovo sistema e documentano le regole e le procedure adottate dall’EIS.

Sebbene la normativa non rappresenti una novità per i contribuenti pilota che hanno implementato con successo i loro sistemi di rendicontazione delle fatture elettroniche CTC, lo stesso potrebbe non essere vero per coloro che si stanno preparando a conformarsi al nuovo mandato. La legislazione stabilisce ufficialmente l’iniziativa di emissione e rendicontazione di fatture e ricevute elettroniche, introdotta per la prima volta nel 2018 dalla legge sulla riforma fiscale per l’accelerazione e l’inclusione (Tax Reform for Acceleration and Inclusion Act, TRAIN), e documenta le informazioni pertinenti.

Chi deve adeguarsi?

A partire dal 1° luglio 2022, 100 contribuenti pilota selezionati sono stati obbligati a emettere e trasmettere fatture e ricevute elettroniche attraverso il SIE. La BIR sta pianificando un’introduzione graduale per gli altri contribuenti che rientrano nell’ambito del mandato, a partire dal 2023, ma non è ancora stato annunciato un calendario ufficiale.

I contribuenti interessati dal mandato sono:

  • Contribuenti impegnati nell’esportazione di beni e/o servizi
  • Contribuenti impegnati nel commercio elettronico
  • Contribuenti che rientrano nel Servizio Grandi Contribuenti (LTS)

Il mandato richiede l’emissione elettronica di fatture (B2B), ricevute (B2C), note di addebito e di credito e la loro trasmissione attraverso la piattaforma EIS in tempo quasi reale, ossia in un massimo di tre (3) giorni di calendario dalla data di emissione. I documenti devono essere trasmessi utilizzando il formato di file JSON (JavaScript Object Notation).

Emissione e trasmissione

L’emissione e la trasmissione possono essere effettuate attraverso il portale dei contribuenti EIS o utilizzando le API (Application Programming Interface), in cui i contribuenti devono sviluppare un sistema di trasmissione dei dati di vendita e ottenere la certificazione prima di operare attraverso l’EIS. Ciò comporta la richiesta di una certificazione EIS e di un permesso di trasmissione (PTT), presentando una documentazione con informazioni dettagliate sul sistema del contribuente.

Sebbene la normativa stabilisca che la presentazione di fatture e ricevute stampate non è più richiesta ai contribuenti che operano nell’ambito del SIE, i requisiti di archiviazione non sono stati modificati. Ciò significa che durante il periodo di archiviazione di 10 anni, i contribuenti devono conservare le copie cartacee dei documenti trasmessi per i primi cinque (5) anni, dopodiché è consentita l’archiviazione elettronica esclusiva per il tempo rimanente.

Inoltre, la normativa stabilisce che solo le fatture trasmesse con successo attraverso il SIE saranno accettate ai fini della detrazione dell’IVA.

I contribuenti non erano pronti ad adeguarsi

Molti dei 100 contribuenti pilota hanno faticato a rispettare la scadenza del Paese. Per questo motivo, l’EIS ha consentito a determinati contribuenti di derogare alla scadenza, a condizione che presentino una dichiarazione giurata che illustri le ragioni per cui non sono in grado di soddisfare il requisito in tempo e un calendario con la data entro cui intendono conformarsi, soggetti all’approvazione dell’EIS.

Per quanto riguarda la non conformità, la normativa stabilisce che l’autorità fiscale imporrà una sanzione in caso di ritardata o mancata trasmissione delle fatture elettroniche/ricevute all’EIS e che le vendite non dichiarate saranno oggetto di ulteriori indagini.

Qual è il passo successivo?

Dopo l’avvio del programma pilota e la definizione legale del quadro normativo CTC, il governo prevede di estendere gradualmente il mandato a tutti i contribuenti inclusi nell’ambito di applicazione nel 2023. Tuttavia, i contribuenti che non rientrano nell’ambito di applicazione obbligatorio dell’EIS possono già scegliere di iscriversi al sistema ed essere pronti ad adeguarsi in anticipo.

Sovos è stato il primo fornitore di software a ottenere la certificazione, in collaborazione con uno dei contribuenti pilota, per la trasmissione attraverso l’EIS, ed è pronto a conformarsi alla rendicontazione della fattura elettronica della CTC delle Filippine. Il nostro potente software, unito alla nostra vasta conoscenza del panorama fiscale filippino, aiuta le aziende a risolvere definitivamente il problema delle tasse.

Agisci

Avete bisogno di garantire la conformità ai più recenti requisiti di fatturazione elettronica nelle Filippine? Parlare con un membro del team di esperti fiscali Sovos

L’UE e il Regno Unito utilizzano il sistema di registrazione e identificazione degli operatori economici (EORI) per identificare gli operatori commerciali.

Che cos’è un numero EORI?

Le imprese e le persone che desiderano commerciare nell’UE e nel Regno Unito devono utilizzare il numero EORI come numero di identificazione in tutte le procedure doganali quando scambiano informazioni con le amministrazioni doganali. L’UE ha un numero di identificazione standard per tutta l’UE, mentre il Regno Unito richiede un numero EORI GB separato per il commercio nel Regno Unito dopo la Brexit.

Lo scopo di avere un documento d’identità standard nell’UE è quello di creare efficienza sia per i commercianti che per le autorità doganali. Tuttavia, è fondamentale assicurarsi che vengano presi in considerazione tutti gli aspetti del sistema.

Chi ha bisogno di un numero EORI?

La necessità principale di un numero EORI è quella di poter presentare una dichiarazione doganale sia per le importazioni che per le esportazioni. L’orientamento è che un operatore commerciale dovrebbe ottenere un numero EORI nel primo paese di importazione o esportazione. I vettori richiedono anche un numero EORI.

Formato del numero EORI

Il numero EORI è composto da due parti:

  • Il codice del paese dello Stato membro emittente, seguito da
  • Un codice o un numero unico nello Stato membro.

Anche il Regno Unito ha adottato questo formato, con numeri EORI GB per il commercio in Gran Bretagna (GB) e un numero EORI XI per il commercio attraverso il protocollo dell’Irlanda del Nord. Il Regno Unito e l’Unione europea dispongono di banche dati online in cui è possibile verificare lo stato di un numero EORI.

Numeri EORI GB e XI

Da quando il Regno Unito ha lasciato l’UE, è ora necessario avere un numero EORI GB separato per importare ed esportare dalla GB. Questo numero non sarà valido nell’UE. Tuttavia, se le aziende operano dall’Irlanda del Nord, grazie al protocollo dell’Irlanda del Nord, è possibile richiedere un numero XI EORI per importare nell’UE.

Inizialmente, dopo l’introduzione del prefisso XI, sono stati segnalati diversi problemi. Tra questi, l’impossibilità per le autorità fiscali di riconoscere gli XI numeri EORI o di collegarli ai numeri IVA esistenti nell’UE. Spesso le imprese hanno trovato più semplice cancellare un numero EORI XI e richiedere un numero EORI UE in uno Stato membro, soprattutto se tale Stato membro è il principale punto di ingresso per le importazioni nell’UE.

Problemi pratici relativi agli EORI

Alcuni dei problemi più comuni che riscontriamo presso Sovos includono:

  • Le imprese non dispongono di un EORI prima di avviare un’importazione e le merci rimangono bloccate al confine doganale.
  • Agli operatori viene detto che hanno bisogno di un numero EORI in ogni Stato membro di importazione, ma non è così e di solito il motivo del ritardo doganale è un altro.
  • Imprese che non collegano l’EORI UE alle loro altre registrazioni IVA UE.
  • Agli operatori viene detto che hanno bisogno di un indirizzo dell’UE per l’EORI – questo è normalmente legato alla rappresentanza doganale indiretta, di cui abbiamo parlato nel nostro ultimo articolo.
  • Le aziende che pensano che sia possibile utilizzare il numero EORI del proprio vettore.

Come Sovos può aiutare

Sovos fornisce un servizio di registrazione EORI per i commercianti che devono richiedere un numero EORI. Possiamo anche collegare eventuali numeri di partita IVA dell’UE all’EORI per garantire che le dichiarazioni doganali siano registrate correttamente, assicurando un processo regolare ed evitando ritardi.

Agisci

Contattateci a se avete bisogno di aiuto per gli adempimenti IVA.

Secondo la legislazione doganale europea, le imprese non stabilite nell’UE devono nominare un rappresentante a fini doganali quando importano merci nell’UE. In particolare, il Codice doganale dell’Unione stabilisce che le imprese non residenti nell’UE devono nominare un rappresentante indiretto.

Al termine del periodo transitorio della Brexit, molte imprese britanniche hanno improvvisamente dovuto nominare un rappresentante indiretto per sdoganare le merci nell’UE. In questo articolo analizzeremo in dettaglio le sfide di questo requisito.

Chi può agire come rappresentante indiretto?

La rappresentanza indiretta implica che gli agenti sono responsabili in solido per qualsiasi debito doganale (dazi all’importazione o all’esportazione), motivo per cui è più difficile per le imprese trovare società di trasporto e spedizionieri doganali disposti ad agire per loro conto rispetto alle importazioni con rappresentanza diretta.

Le condizioni per essere un rappresentante indiretto sono che lo spedizioniere doganale deve avere una sede legale o una stabile organizzazione nell’UE. Un agente necessita di una procura che gli consenta di agire per conto della società. La caratteristica principale della rappresentanza indiretta è che l’agente agisce in nome proprio ma per conto della società che lo ha nominato, trasferendo essenzialmente i diritti e gli obblighi dei regimi doganali al rappresentante.

D’altra parte, gli agenti agiscono in nome e per conto dell’azienda in rappresentanza diretta.

Responsabilità congiunta del rappresentante indiretto

Oltre alle implicazioni doganali, anche gli agenti che agiscono come importatori di riferimento o dichiaranti possono essere considerati responsabili del rispetto dei requisiti normativi. Ad esempio, qualsiasi errore nelle dichiarazioni (es. Articolo 77, paragrafo 3, del Codice doganale dell’Unione (CDU), se l’agente era a conoscenza di informazioni errate o se “avrebbe dovuto saperlo meglio”).

La Corte di giustizia europea si è recentemente espressa in merito con la sentenza sulla causa C-714/20, UI Srl. Questa sentenza ha stabilito che il rappresentante indiretto è responsabile in solido dal punto di vista del diritto doganale, ma non per l’IVA (contrariamente a una precedente interpretazione dell’articolo 77 (3) del CDU). La Corte ha precisato che spetta agli Stati membri stabilire espressamente se altri soggetti, come i rappresentanti indiretti, possano essere considerati responsabili in solido per l’IVA dei loro clienti importatori. Tuttavia, secondo il principio della certezza del diritto, questo dovrebbe essere chiaramente espresso nella legislazione locale prima che i tribunali possano far valere tale responsabilità.

Quali sono le opzioni per le imprese del Regno Unito?

  • Rendere il cliente finale importatore di registri utilizzando DAP Incoterms per le vendite piuttosto che DDP (Delivered Duty Paid basis – in cui il venditore è responsabile dello sdoganamento delle merci e del pagamento di dazi e tasse, tra gli altri obblighi). Ciò implica che gli obblighi di importazione sono trasferiti all’acquirente che riceve la merce nel Paese di importazione. In pratica, tuttavia, questa potrebbe non essere un’opzione, considerando l’onere amministrativo ed economico aggiuntivo che imporrebbe ai clienti finali.
  • Stabilire una presenza nell’UE. Ad esempio, creare una filiale che funga da importatore di riferimento, quindi trovare un agente doganale che funga da rappresentante diretto.
  • Nominare un rappresentante in determinati Paesi, come i Paesi Bassi, dove la richiesta di una licenza d’importazione ai sensi dell’articolo 23 (che consente di applicare un reverse charge alle importazioni dichiarate) può ridurre ulteriormente la responsabilità del rappresentante. Insieme alla recente decisione della Corte di giustizia europea, ciò potrebbe rendere più facile per le imprese del Regno Unito trovare un agente disposto a rappresentarle indirettamente e limitare gli onorari e le garanzie che potrebbero essere tenuti a fornire.

Per queste opzioni, ogni soluzione alternativa avrà implicazioni economiche e amministrative da considerare. Si raccomanda alle imprese di rivedere attentamente la propria strategia complessiva prima di decidere quali modifiche apportare per rispettare le formalità doganali.

Agisci

Contattate il team di esperti IVA di Sovos per ricevere assistenza nell’adempimento degli obblighi di conformità all’IVA.

La recente popolarità dei token non fungibili (NFT) ha affascinato investitori, governi e autorità fiscali. Un NFT è una risorsa digitale che rappresenta oggetti del mondo reale, come un’opera d’arte digitale, un clip audio, un gioco online o qualsiasi altra cosa. I NFT vengono acquistati e venduti online e sono tipicamente codificati con lo stesso software delle criptovalute. Sono memorizzati nella blockchain per autenticare e tracciare la proprietà dell’NFT.

Gli NFT sono generalmente unici nel loro genere e possono fruttare decine di milioni di dollari per un singolo NFT. Il valore totale del mercato delle vendite di NFT è salito a miliardi nel 2021. I valori elevati e l’aumento delle vendite hanno ispirato diversi governi a introdurre una legislazione sull’IVA per definire e tassare questi beni digitali.

Legislazione IVA NFT

Diversi Paesi hanno annunciato misure IVA specifiche per il trattamento degli NFT:

Spagna: La Spagna è il primo Paese dell’UE ad applicare l’IVA ai NFT. La Direzione Generale delle Imposte in Spagna ha emesso una sentenza in cui si afferma che la fornitura di NFT è un servizio fornito elettronicamente soggetto all’aliquota IVA standard del 21%.

Belgio: Il Ministro delle Finanze belga ha confermato che la fornitura di NFT è un servizio fornito per via elettronica soggetto all’aliquota IVA standard del 21%.

Norvegia: L’amministrazione fiscale norvegese definisce la fornitura di NFT come un servizio fornito elettronicamente. È importante notare che la creazione o l’estrazione di un NFT non comporta l’applicazione dell’IVA, a differenza di una vendita.

Stato di Washington (USA): Il Dipartimento delle Entrate di Washington dovrebbe annunciare che gli NFT sono soggetti alle imposte sulle vendite e sulle attività commerciali dello Stato in quanto prodotti digitali. Questa sentenza farà di Washington il primo Stato a emettere politiche fiscali sulle vendite di NFT.

In altri Paesi, come Svizzera, la fornitura di NFT è generalmente considerata un servizio elettronico; tuttavia, esiste un’esenzione IVA svizzera per le opere d’arte elettroniche vendute direttamente da un creatore che può essere applicata alle NFT. Il trattamento IVA delle opere d’arte può creare implicazioni per le autorità fiscali nella classificazione degli NFT.

Luogo di fornitura per gli NFT

Un’altra area di interesse IVA che riguarda le transazioni NFT è il luogo di fornitura. Il luogo di cessione ai fini dell’IVA richiede tipicamente che acquirenti e venditori si scambino informazioni sul domicilio, come l’indirizzo di fatturazione. Le transazioni NFT condotte tramite blockchain possono evitare di condividere le informazioni personali con gli intermediari attraverso un “portafoglio” anonimo, il che può portare a problemi di privacy e di altro tipo per le autorità fiscali nel tentativo di far rientrare queste transazioni nell’ambito dell’IVA.

Il trattamento IVA degli NFT è ancora agli inizi e continuerà ad evolversi insieme all’industria degli asset digitali. Ulteriori approfondimenti sulla classificazione degli NFT e sulla determinazione del luogo di cessione di tali transazioni arriveranno man mano che un numero maggiore di autorità fiscali emetterà sentenze che analizzeranno questi beni digitali unici.

Agisci

Per saperne di più su cosa ci riserva il futuro, scaricate il whitepaper 13° Annual VAT Trends. Seguiteci su LinkedIn e Twitter per rimanere aggiornati sulle novità e gli aggiornamenti normativi.