L’IVA nell’era digitale: Fatturazione elettronica obbligatoria nell’UE

Selin Adler Ring
16 Agosto, 2022

Il piano d’azione della Commissione Europea (CE) per una tassazione equa e semplice – ‘IVA nell’era digitale‘- continua a progredire. Dopo un processo di consultazione pubblica, la CE ha pubblicato i Rapporti finali che discutono le migliori opzioni per il mercato europeo per combattere le frodi fiscali e favorire le imprese con l’uso della tecnologia.

Le aree coperte sono:

  1. Obblighi di rendicontazione IVA e fatturazione elettronica
  2. Trattamento IVA dell’economia di piattaforma
  3. Registrazione IVA unica nell’UE

Si prevede che la CE proponga emendamenti legislativi alla Direttiva IVA il prossimo autunno.

Conclusioni sul pilastro della rendicontazione IVA e della fatturazione elettronica

Il rapporto incentrato sulla rendicontazione IVA e sulla fatturazione elettronica valuta i ‘Digital Reporting Requirements (DRR)’. Si tratta di un obbligo per i soggetti passivi IVA di presentare periodicamente o continuamente i dati delle transazioni in formato digitale all’autorità fiscale, ad esempio attraverso l’uso del SAF-T, dell’elenco IVA, della rendicontazione in tempo reale o della fatturazione elettronica.

Secondo il rapporto, la scelta politica migliore sarebbe l’introduzione di un DRR sotto forma di un sistema di fatturazione elettronica a livello europeo con controlli continui sulle transazioni (CTC), che copra sia le transazioni intra-UE che quelle nazionali. Gli Stati membri con un sistema di fatturazione elettronica esistente potrebbero mantenerlo a breve termine tramite una clausola di standstill, a condizione di garantire l’interoperabilità con il nuovo sistema UE. Tuttavia, nel medio termine, da cinque a dieci anni, i sistemi nazionali di fatturazione elettronica dovranno convergere verso il sistema dell’UE.

Un sistema di fatturazione elettronica CTC a livello europeo

Il rapporto favorisce chiaramente l’opzione politica di un’armonizzazione completa nell’UE attraverso un sistema di fatturazione elettronica CTC, il che significa che la fattura sarà presentata alle autorità prima o dopo l’emissione. L’armonizzazione sembra concentrarsi principalmente sulla forma, con il suggerimento di un protocollo e di un formato comuni a livello europeo. Mentre le decisioni importanti relative all’architettura rischiano di essere lasciate agli Stati membri, come ad esempio se il sistema sarà di clearance o di semplice segnalazione, se sfruttare una piattaforma B2G nazionale esistente e la periodicità della segnalazione, eccetera. L’unico requisito per gli Stati membri sembra essere l’accettazione delle fatture elettroniche emesse e trasmesse sulla base di un protocollo e di un formato comuni.

Il rapporto suggerisce di allineare la portata dei requisiti e di escludere i soggetti passivi non registrati e quelli coperti dal regime IVA per le PMI. Nel breve termine, sono coperte solo le transazioni B2B e B2G, mentre le transazioni B2C restano fuori dal campo di applicazione.

Infine, il rapporto suggerisce che per alleggerire l’onere per le imprese, gli Stati membri devono prendere in considerazione una serie di misure, come l’eliminazione congiunta di altri obblighi di rendicontazione, la fornitura di dichiarazioni IVA precompilate, il sostegno agli investimenti nell’automazione aziendale (soprattutto per le PMI) e il supporto pubblico all’adozione dei sistemi di conformità informatica

Non viene discusso il modo in cui tutto ciò verrà coordinato congiuntamente, ma non sembra che la CE si aspetti che tali misure vengano armonizzate dall’UE.

Aspettative future

Sebbene il rapporto concluda che l’implementazione di un sistema di fatturazione elettronica obbligatoria a livello europeo sia la misura migliore e più a prova di futuro, il modo in cui progettare un sistema di fatturazione elettronica efficace non viene spiegato nel rapporto e non sembra essere nell’ambito dell’armonizzazione.

Tuttavia, il design del sistema di fatturazione elettronica può avere un impatto importante sui risultati fiscali ed economici. Come descrive la relazione dell’esperto indipendente ʻNext Generation Model Decentralized CTC and Exchange‘ (sostenuta da EESPA, openPEPPOL e altri gruppi di stakeholder chiave), i maggiori benefici possono essere realizzati solo quando un sistema di fatturazione elettronica consente alle aziende di automatizzare altri processi oltre alla fatturazione.

È un inizio positivo che la Commissione punti a un sistema di fatturazione elettronica CTC a livello europeo. Resta da vedere quanto sarà efficace questa armonizzazione. Quando i politici europei torneranno dalla pausa estiva di quest’anno, inizieremo a capire meglio la fattibilità complessiva delle opinioni della Commissione.

In qualità di fornitore che ha implementato soluzioni di conformità CTC e IVA in tutto il mondo da diversi decenni, il nostro desiderio è che il dibattito vada oltre l’interoperabilità a livello di dati, in modo che l’Europa possa compiere passi coraggiosi verso un futuro che preservi l’automazione della catena di fornitura e l’innovazione tecnologica.

Agisci

Per saperne di più su ciò che riteniamo ci riservi il futuro, scarichi il sito 13th Annual Trends. Ci segua su LinkedIne Twitter per tenersi aggiornati sulle novità e gli aggiornamenti normativi.

Sign up for Email Updates

Stay up to date with the latest tax and compliance updates that may impact your business.

Author

Selin Adler Ring

Selin is Regulatory Counsel at Sovos. Based in Stockholm and originally from Turkey, Selin’s background is in corporate and commercial law, and currently specializes in global e-invoicing compliance. Selin earned a Law degree in her home country and has a master’s degree in Law and Economics. She speaks Russian, Arabic, English and Turkish.
Share this post

E-Invoicing Compliance EMEA
April 5, 2023
Bizkaia: Qual è il sistema fiscale di Batuz?

La Bizkaia è una provincia della Spagna e un territorio storico dei Paesi Baschi, con un proprio sistema fiscale. Prima dell’approvazione della strategia Batuz, l’autorità fiscale della Bizkaia ha sviluppato diversi approcci per implementare una strategia completa che riducesse la frode fiscale. L’obiettivo è quello di impedire che la frode influisca sulle entrate generate dalle […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
March 7, 2023
L’IVA nell’era digitale introduzione di una piu’ estesa platea di transazioni ricomprese nella registrazione unica ai fini IVA

Il piano L’IVA nell’era digitale della Commissione europea propone una serie di novità, fra cui una registrazione IVA unica per facilitare il commercio transfrontaliero. La proposta, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2025, è parte dell’iniziativa della Commissione per modernizzare l’IVA nell’UE. In sostanza, comporterebbe la registrazione IVA una sola volta in tutta […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
February 13, 2023
L’IVA nell’era digitale: risposte alle domande che tutti si pongono

6 Frequenti Domande: Per capire meglio l’impatto delle proposte della commissione Europea nell’era digitale (ViDA) sulla tua attività, ti invito a leggere alcune delle domande più frequenti che ho ricevuto fino a questo momento. D: Quando le aziende probabilmente inizieranno a notare un impatto in seguito all’implementazione delle proposte ViDA?  R: Le proposte della Commissione […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 21, 2022
L’IVA nell’era digitale: trattamento dell’IVA sul fronte delle piattaforme digitali

La proposta “L’IVA nell’era digitale” della Commissione Europea apporta modifiche significative al trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali relativamente agli operatori nei servizi di alloggio di breve durata (massimo 45 giorni) e di trasporto passeggeri. Trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali Vale la pena ricordare che il “trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali” riguarda […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 8, 2022
L’IVA nell’era digitale: Segnalazione e fatturazione elettronica obbligatoria per le transazioni intracomunitarie dell’UE

La Commissione Europea ha annunciato la sua tanto attesa proposta di modifiche legislative in relazione all’iniziativa l’IVA nell’era digitale (ViDA). Si tratta di uno degli sviluppi più importanti nella storia dell’IVA europea, che riguarda non solo le aziende europee, ma anche quelle non europee che commerciano con l’UE. La proposta richiede la modifica della Direttiva […]