La Bizkaia è una provincia della Spagna e un territorio storico dei Paesi Baschi, con un proprio sistema fiscale. Prima dell’approvazione della strategia Batuz, l’autorità fiscale della Bizkaia ha sviluppato diversi approcci per implementare una strategia completa che riducesse la frode fiscale. L’obiettivo è quello di impedire che la frode influisca sulle entrate generate dalle attività economiche.

Questa iniziativa è iniziata all’inizio degli anni 2010, quando l’autorità ha introdotto i requisiti per la tenuta dei registri delle operazioni economiche per le persone fisiche con attività economiche tramite il modello 140, e successivamente imponendo l’obbligo di Fornitura immediata di informazioni (SII) ad alcuni contribuenti della regione.

Batuz rappresenta un progresso significativo verso il raggiungimento di un sistema di controllo fiscale digitalizzato integrale, che copra le persone e le entità che svolgono attività economiche, indipendentemente dalle dimensioni. Come illustrato in questo articolo, il sistema stabilisce nuovi modelli che facilitano il rispetto degli obblighi fiscali.

Che cos’è Batuz?

Batuz è una strategia di controllo fiscale attuata dal governo della Bizkaia che si applica a tutte le aziende e ai lavoratori autonomi soggetti alla normativa della Bizkaia – indipendentemente dalle loro dimensioni e dal volume di attività – e che comprende i seguenti requisiti:

  1. Software di fatturazione conforme (TicketBAI)
  2. Ledger Reporting Operazioni Economiche (LROE)
  3. Fornitura di bozze di dichiarazione dei redditi preparate dall’autorità fiscale

Caratteristiche di Batuz

L’autorità fiscale ha basato Batuz sui tre pilastri sopra elencati. Ognuno di essi comporta la seguente serie di obblighi che, insieme, comprendono la conformità:

  1. Software di fatturazione TicketBAI: I contribuenti devono adeguare il loro software di fatturazione per conformarsi a standard specifici per garantire l’integrità, la conservazione, la tracciabilità e l’inviolabilità dei registri che documentano la fornitura di beni e servizi.
    Le fatture generate dal software TicketBAI devono avere un codice di identificazione unico e un codice QR. Inoltre, per ogni fattura emessa, il software deve creare un record nello schema del formato XML TicketBAI con una firma digitale da incorporare nel LROE.
    Il software conforme deve essere presente nel registro del software garante TicketBAI. Le amministrazioni fiscali di Álava, Bizkaia e Gipuzkoa, in collaborazione con il Governo basco, gestiscono l’iniziativa TicketBAI. Tuttavia, ogni territorio ha le proprie regole e le proprie tempistiche per l’implementazione di TicketBAI.
  2. Libro Registro delle Operazioni Economiche (Libro Registro de Operaciones Económicas): Si tratta del registro elettronico composto da sei capitoli in cui verranno dichiarate le entrate, le uscite e le fatture delle aziende che svolgono attività economiche tramite il modello 240. Per le aziende con mandato SII, i libri contabili devono essere trasmessi all’autorità fiscale della Bizkaia trimestralmente o entro quattro giorni dal completamento dell’operazione. Ciononostante, l’autorità considererà l’obbligo del SII come adempiuto con l’invio del LROE entro la scadenza applicabile.
  3. Preparazione delle bozze delle dichiarazioni dell’IVA e dell’imposta sul reddito: Infine, con le informazioni provenienti dal LROE, l’autorità fiscale della Bizkaia preparerà le bozze delle dichiarazioni dell’IVA, delle società e del reddito e le metterà a disposizione dei contribuenti interessati.

Termini di Batuz

L’adozione volontaria è possibile dal 1° gennaio 2022, con incentivi fiscali per coloro che si impegnano a rispettare la normativa in anticipo.

A partire dal 1° gennaio 2024, Batuz diventerà obbligatorio in Bizkaia per tutti i contribuenti che rientrano nel campo di applicazione – il che significa che non ci sarà un’introduzione graduale, come avviene di solito.

Per ulteriori indicazioni sulle sfumature delle imposte in Bizkaia, parli con i nostri esperti.

Il piano L’IVA nell’era digitale della Commissione europea propone una serie di novità, fra cui una registrazione IVA unica per facilitare il commercio transfrontaliero.

La proposta, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2025, è parte dell’iniziativa della Commissione per modernizzare l’IVA nell’UE. In sostanza, comporterebbe la registrazione IVA una sola volta in tutta l’UE per più categorie di transazioni, riducendo così i tempi e i costi di amministrazione.

Registrazione unica a fini IVA: gli effetti sul commercio B2C

Il regime OSS (One Stop Shop) è un sistema di assolvimento dell’IVA unico per tutto il territorio dell’Unione Europea. Benché facoltativo, può essere utilizzato per dichiarare e pagare l’IVA dovuta sulle vendite a distanza di beni da imprese a consumatori (B2C) e sulle prestazioni intracomunitarie di servizi B2C in tutti gli Stati membri dell’UE.

Il regime è stato accolto con favore e implementato da molte aziende, al punto che si sta valutando la possibilità di ampliarlo per rendere ancora più semplice l’assolvimento dell’IVA nell’intera area.

Per modernizzare ulteriormente il sistema IVA dell’UE, la Commissione ha proposto di allargare il regime OSS per il commercio elettronico al fine di includere:

Conseguenze per le piattaforme online che vendono nell’UE

Nonostante si sia parlato di una modifica della soglia per il regime Import One Stop Shop (IOSS), l’attuale soglia di 150 euro per le vendite B2C importate resterà in vigore almeno per il futuro prossimo. Inoltre, il regime continuerà a essere facoltativo per le imprese.

Tuttavia, il regime IOSS diventerà obbligatorio per le piattaforme che facilitano le vendite a distanza extra-UE di beni di valore inferiore a 150 euro. L’UE rafforzerà la sicurezza del regime IOSS, concedendo alle sue autorità doganali l’accesso alle informazioni sulle imprese registrate nel regime.

Registrazione unica a fini IVA: gli effetti sul commercio B2C

Per quanto riguarda le cessioni B2B, la Commissione europea intende armonizzare l’applicazione dell’inversione contabile prevista nell’articolo 194 della Direttiva UE in materia di IVA. L’inversione contabile, se implementata in uno Stato membro dell’UE, si applica ai venditori non residenti e riduce l’obbligo di registrarsi in un Paese straniero ai fini dell’IVA.

Attualmente, solo 15 Stati membri dell’UE applicano l’articolo sopra citato, e non tutti allo stesso modo.

L’introduzione della nuova inversione contabile B2B obbligatoria riguarderà alcune vendite di beni e servizi, se le transazioni soddisfano le seguenti condizioni:

Infine, l’UE abolirà le disposizioni della Direttiva IVA relative ai meccanismi di call-off stock a partire dal 31 dicembre 2024. Oltre tale data, non si potranno effettuare nuovi trasferimenti di beni nell’ambito di tale meccanismo, in quanto tale semplificazione non sarà più in vigore. Tuttavia, i beni forniti in base alle condzioni preesistenti potranno continuare a beneficiare del regime fino al 31 dicembre 2025.

E tu, hai quello che serve per affrontare la continua evoluzione delle normative?

Contattaci e ricevi l’assistenza di un esperto per alleggerire gli oneri di conformità IVA della tua azienda, rivedere la mappatura delle normative fiscali e verificare come migliorare il flusso di cassa. Se vuoi saperne di più su L’IVA nell’era digitale, dai un’occhiata a L’IVA nell’era digitale per la reportistica digitale e la fatturazione elettronica o a questo post del blog sull’economia delle piattaforme e L’IVA nell’era digitale.

L'IVA nell'era digitale: la vostra guida

L’IVA nell’era digitale (ViDA) cambierà per sempre il modo in cui si svolgono e vengono dichiarate le transazioni commerciali nella UE.

Questa proposta di Direttiva, in ultima analisi, andrà a digitalizzare l’intero sistema dell’IVA nell’Unione Europea. I particolari di ciò che andrà a modificare sono ramificati e complessi. Questa guida vi aiuterà a:  

Tenere traccia degli ultimi aggiornamenti

Comprendere le potenziali implicazioni

Trarne beneficio e valutare correttamente questi cambiamenti

Che cos'è l'IVA nell'era digitale?

In parole povere, L’IVA nell’era digitale è una proposta che consentirà ai Paesi dell’UE di utilizzare la tecnologia per migliorare l’attuale sistema IVA e prevenire meglio le frodi. Una volta in essere, il sistema comporterà cambiamenti significativi nelle modalità d’agire delle imprese nei Paesi dell’Unione.

Come previsto, cambiamenti di queste dimensioni e portata stanno generando molte domande tra le imprese che svolgono transazioni ai fini IVA nell’UE. Man mano che cominciano a emergere ulteriori dettagli sull’iniziativa, a finire sotto lente d’ingrandimento sono tutti gli aspetti, dai costi di processo alle esigenze tecnologiche.

Per aiutare la vostra azienda a navigare nell’incertezza che circonda l’IVA nell’era digitale, Sovos ha creato questo HUB, che servirà come risorsa completa per tutto ciò che riguarda il piano ViDA. Aggiungete questa pagina ai segnalibri e rimanete aggiornati. 

Manterremo e aggiorneremo frequentemente questo HUB non appena saranno disponibili nuove informazioni e nuove risorse.

Tabella dei contenuti

Tempistica dell'IVA nell'era digitale

La Commissione europea ha presentato la proposta del piano “IVA nell’era digitale” per la semplificazione della tassazione nel gennaio 2022. Successivamente ha invitato gli operatori a formulare le proprie opinioni, un processo che si è concluso nel maggio del 2022. La Commissione ha adottato la proposta l’8 dicembre 2022 e ha predisposto un periodo di follow-up dei feedback che durerà fino ad aprile 2023.

eBook: Cosa vuol dire L’IVA nell’era digitale (ViDA)?

Questo eBook offre una panoramica di alto livello su tutto ciò che riguarda L’IVA nell’era digitale.

Scarica l’eBook completo

IVA nell'era digitale per le dichiarazioni digitali e la fatturazione elettronica

Verranno introdotti i Digital Reporting Requirements (DRR) per tutte le transazioni B2B all’interno dell’UE. Ciò significa che tutti i fornitori e i clienti dovranno inviare i dati all’amministrazione fiscale locale entro due giorni lavorativi dall’emissione di una fattura. Ogni autorità fiscale convoglierà i dati in un database centrale.

Leggi di più 

L'IVA nell'era digitale per la registrazione IVA unica

L’UE ha proposto modifiche che ridurranno gli oneri di compliance IVA per le aziende che operano a livello internazionale. Questa misura consentirà loro di registrarsi ai fini IVA una sola volta in tutti i paesi dell’UE, riducendo gli oneri e le questioni amministrative derivanti dalla necessità di presentare domanda in ciascun paese in modo indipendente.

Leggi di più

La platform economy e l'IVA nell'era digitale

La crescente popolarità del modello di business della platform economy ha creato una nuova serie di sfide per il sistema IVA. Il “trattamento IVA dell’economia delle piattaforme” riguarda solo la fornitura di determinati servizi tramite piattaforma.

Leggi di più

In che modo l'IVA nell'era digitale incide sulla vostra attività?

Saranno interessati tutti i tipi di fatturazione e i processi correlati. Ciò include qualsiasi processo di contabilità fornitori e clienti e i sistemi informativi associati che li supportano. Qui sono disponibili domande e risposte complete con Christiaan van der Valk sull’impatto che avrà sulle aziende. 

Come Sovos può aiutare con L'IVA nell'era digitale

L’iniziativa ViDA, in fin dei conti, ruota attorno ai dati. L’Unione europea afferma che le dichiarazioni fiscali che forniscono solo una visione sui dati aggregati per un mese o poco più non saranno più accettabili. Sfruttando la tecnologia, le amministrazioni fiscali possono ora ricevere dati relativi alle transazioni autenticati, che dettagliano ogni vendita e acquisto direttamente dai sistemi di origine delle aziende. Il futuro della fiscalità è già qui. Per ulteriori informazioni, i nostri esperti sono a disposizione

Domande frequenti

ViDA è il piano d’azione della Commissione UE per una fiscalità equa e semplice. L’iniziativa mette in evidenza come le autorità fiscali possono utilizzare la tecnologia per combattere le frodi fiscali e avvantaggiare le imprese, valutando al contempo se le attuali norme IVA siano appropriate per le imprese nell’era digitale.

Per controllare i costi, tutelare le entrate e ridurre il gap IVA, che è stato uno dei principali problemi economici per tutti i paesi dell’UE. La relazione 2022 sul gap IVA pubblicata dalla Commissione europea stima che nel 2020 gli Stati membri dell’UE abbiano perso 93 miliardi di euro di gettito dell’imposta sul valore aggiunto (IVA).

ViDA è suddivisa in tre aree di copertura principali: 

  • Obblighi di dichiarazione IVA e fatturazione elettronica 
  • Trattamento IVA nell’economia delle piattaforme digitali 
  • Registrazione IVA unica nell’UE

KPMG ha stimato che il risparmio complessivo dei costi amministrativi attualmente a carico dei contribuenti ammonterà a 51 miliardi di EUR in un periodo di 10 anni, tra il 2023 e il 2032. Nello stesso periodo, il costo totale di attuazione per le imprese e le amministrazioni nazionali è stimato in 13,5 miliardi di EUR.

La Commissione europea stima che il passaggio alla fatturazione elettronica contribuirà a ridurre le frodi IVA fino a 11 miliardi di euro all’anno e a ridurre i costi amministrativi e di conformità per gli operatori dell’UE di oltre 4,1 miliardi di euro all’anno per i prossimi dieci anni. 

La Commissione UE ha annunciato che si baserà sul modello già esistente "VAT One Stop Shop" per le società di shopping online. ViDA consentirà alle aziende che vendono ai consumatori in altri stati membri di registrarsi una sola volta per l’intera UE e di adempiere ai loro obblighi IVA tramite un unico portale online e in un’unica lingua. Le stime mostrano che questa mossa potrebbe far risparmiare alle imprese, in particolare alle PMI, circa 8,7 miliardi di euro in costi amministrativi e di registrazione in dieci anni.

ebook

Che cos'è il piano L'IVA nell'era digitale (ViDA)

e come incide sulla mia attività?

Che cos'è il piano L'IVA nell'era digitale (ViDA)?

In questo ebook

  • Che cos’è ViDA? 
  • I dati e l’impatto tecnologico 
  • Come e quando è probabile che ViDA incida sulla mia attività? 
  • Come dovranno comportarsi le aziende?

La Commissione UE ha proposto il piano L’IVA nell’era digitale per una tassazione equa e semplice. Sottolinea come le autorità fiscali possono utilizzare la tecnologia per combattere la frodi fiscali e favorire le imprese, valutando al contempo se le attuali norme IVA siano appropriate per le imprese nell’era digitale.

Per aiutarti a tenere il passo con tutti i cambiamenti normativi che vengono proposti e valutati, Sovos ha realizzato questo eBook, in collaborazione con i nostri esperti di aspetti normativi. All’interno troverai gli elementi chiave di ViDA, i motivi per cui è stato proposto e il suo potenziale impatto sulla tua azienda.

Questo eBook dal titolo L’IVA nell’era digitale contiene un approfondimento sulle implicazioni tecnologiche di ViDA e sui motivi per cui la tecnologia è al centro di questa discussione. Include anche una sezione di Domande e risposte con l’esperto di aspetti normativi di fama mondiale Christiaan van der Valk, che analizza alcune delle domande più frequenti poste finora. 

Questo eBook ha lo scopo di offrire una panoramica di alto livello di tutto ciò che riguarda ViDA. Non appena saranno disponibili nuovi sviluppi, Sovos offrirà nuovi contenuti e analisi, quindi aggiungi ai segnalibri la nostra libreria di contenuti e ricontrolla spesso per gli aggiornamenti. 

Nel frattempo, in caso di domande su ViDA e sulla capacità della tua azienda di adattare e gestire qualsiasi parte di questo programma, non esitare a contattarci e parlare con uno dei nostri esperti di aspetti normativi o visita la nostra guida regolarmente aggiornata per il piano L’IVA nell’era digitale.

Visualizza l'ebook completo

6 Frequenti Domande:

Per capire meglio l’impatto delle proposte della commissione Europea nell’era digitale (ViDA) sulla tua attività, ti invito a leggere alcune delle domande più frequenti che ho ricevuto fino a questo momento.

D: Quando le aziende probabilmente inizieranno a notare un impatto in seguito all’implementazione delle proposte ViDA? 

R: Le proposte della Commissione europea nel pacchetto chiamato complessivamente VAT in the Digital Age  riguardano diverse aree della legislazione in merito all’imposta sul valore aggiunto (IVA). A rigor di termini, l’impatto concreto di ViDA avrà effetto su diverse aziende in momenti diversi tra il 2024 e il 2028. Quest’ultima data si applica alle proposte di ViDA per la fatturazione elettronica obbligatoria e la rendicontazione digitale per le cosiddette transazioni intracomunitarie, che rappresentano meno del 20% di tutte le transazioni dell’UE. Tuttavia, cosa ancora più importante, ViDA propone di eliminare le attuali restrizioni per i Paesi dell’UE a introdurre schemi nazionali di CTC già a partire dal 31 dicembre 2023. Ciò significa che, molto probabilmente, i paesi dell’UE che non hanno ancora adottato tali regimi accelereranno l’introduzione della fatturazione elettronica obbligatoria e della reportistica in tempo reale già nei prossimi due anni. Se pensiamo che molti Paesi dell’UE avevano già annunciato iniziative in tal senso, o addirittura ne avevano avviato l’introduzione, è facile capire come l’effetto di questa disposizione sarà un’intensificazione dell’attuale ondata di nuovi mandati CTC a cui prepararsi nel brevissimo termine.

D: È probabile che ci sia un periodo di grazia per consentire alle aziende di adeguarsi e conformarsi?

R: Sì, l’UE adotterà certamente un approccio ragionevole per consentire alle aziende di preparare i propri sistemi e processi per l’impatto di ViDA. Detto questo, le aziende come Sovos, che hanno vissuto per quasi due decenni in tutto il mondo i mandati CTC in molti Paesi, sanno che nessun periodo di grazia è mai abbastanza lungo da permettere a un’azienda di adottare un atteggiamento rilassato. Molte aziende sottovalutano notevolmente il lavoro da svolgere per garantire la qualità dei dati e i lunghi cicli di adattamento delle diverse applicazioni aziendali per incorporarli, oltre ai cambiamenti dei processi necessari per la reportistica e la fatturazione elettronica in tempo reale. L’introduzione di cambiamenti di questa portata nei processi aziendali e amministrativi non è mai esente da problemi da entrambi i lati dell’equazione: le aziende commettono errori la cui correzione potrebbe richiedere tempo e questo diventa ancora più difficile quando i governi fanno la stessa cosa in parallelo sotto la pressione delle scadenze politiche.

D: Quali nuove esigenze tecnologiche possiamo aspettarci che le aziende debbano affrontare?

R: Mentre spesso i processi di reportistica da mettere in atto per soddisfare specifici protocolli di trasmissione, autenticazione e organizzazione dello scambio di documenti ricevono sempre molta attenzione, le aziende dovrebbero essere altrettanto caute sull’impatto dei mandati CTC generati o modificati da ViDA sui processi e i dati a monte. Molte aziende hanno più sistemi ERP, più sistemi di fatturazione, sistemi di contabilità fornitori, ecc. per diverse linee o categorie di partner aziendali o commerciali. La maggior parte di questi sistemi elabora i dati delle fatture su un modello cartaceo o PDF ai sensi della legge vigente in modalità manuali o semi-automatizzate un po’ grezze che non possono essere facilmente “aggiornate” per gestire i requisiti di completezza e qualità dei dati di un rigoroso regime di fatturazione e reportistica elettronici. Al di là dei titoli sulla fatturazione elettronica obbligatoria e sulla segnalazione in tempo reale, le clausole della proposta ViDA porteranno a una serie di modifiche potenzialmente impegnative ai processi aziendali. Tali modifiche possono variare dall’eliminazione della capacità dei contribuenti di utilizzare fatture riepilogative all’introduzione di diversi nuovi campi obbligatori su una fattura, alla definizione stessa degli elementi costitutivi di una fattura. Di conseguenza, miliardi di fatture PDF nell’Unione Europea dovranno essere convertite in formati leggibili meccanicamente. Per complicare le cose, le iniziative CTC e ViDA raccontano solo una parte della storia: le imprese dell’UE devono inoltre soddisfare un numero crescente di requisiti di fatturazione elettronica di rendicontazione aziendale nei confronti del governo e molti governi stanno pianificando di estendere i requisiti per la fatturazione dei clienti del settore pubblico alla sfera business-to-business. Ciò significa che le aziende devono utilizzare sempre più fornitori di software e servizi in grado di garantire la conformità con framework e leggi che si sommano alla necessità di un ripensamento completo dei processi e dei sistemi di fatturazione nella maggior parte delle aziende.

D: Quali processi aziendali saranno probabilmente interessati dalle nuove normative?

R: Tutti i processi di fatturazione e i relativi processi saranno interessati. Questo include tutti i processi di contabilità e credito e i relativi sistemi informativi che li supportano: tutti devono essere rivisti in questo contesto e preparati per il cambio di paradigma della digitalizzazione che avverrà in seguito all’entrata in vigore del ViDA.

D: Le aziende possono aspettarsi che le attuali partnership tecnologiche funzionino per i nuovi standard?

R: Le aziende che attualmente utilizzano sistemi EDI, software di automazione procure-to-pay o contabilità fornitori dei servizi SaaS, gestione delle comunicazioni con i clienti, order-to-cash, presentazione della fatturazione elettronica e soluzioni di pagamento ecc. devono chiedersi come queste piattaforme gestiranno i nuovi requisiti per la fatturazione e la rendicontazione elettroniche nell’ambito di ViDA e iniziative normative associate. Questi fornitori, specializzati nell’ottimizzazione dei processi aziendali, in genere hanno poca esperienza in questa particolare area di conformità. La maggior parte di essi non è predisposta per anticipare e affrontare in modo tempestivo le decine o centinaia di modifiche che di solito seguono l’avvio di un regime di CTC in qualsiasi giurisdizione. Consigliamo alle aziende di contattare già da ora i fornitori di software aziendale e di servizi per porre queste domande: sono al corrente di questi cambiamenti e qual è il loro piano per consertirvi di essere conformi?

D: Come saranno influenzate le transazioni transfrontaliere?

R: Le transazioni transfrontaliere tra i Paesi dell’UE saranno soggette a un nuovo regime di segnalazione in tempo reale che sostituisce l’attuale requisito di un elenco riepilogativo. La segnalazione effettiva sarà effettuata su base transazionale a ciascuno Stato membro e gli Stati membri riferiranno queste informazioni a un database centrale della Commissione europea. Oltre a queste sezioni di rendicontazione digitale del ViDA, le transazioni transfrontaliere all’interno dell’UE sono influenzate anche da altre parti della proposta in altri modi. Ad esempio, sono previsti cambiamenti di ampia portata per eliminare gli oneri amministrativi per le imprese che trasferiscono le proprie scorte tra i Paesi dell’UE. Inoltre, il cosiddetto Import One Stop Shop (I-OSS) per le vendite a distanza transfrontaliere di beni di basso valore ai consumatori dell’UE diventerà obbligatorio, con un impatto sui venditori e sulle piattaforme di e-commerce, ad esempio negli Stati Uniti e in Cina.

Agisci

Vuoi saperne di più sul ViDA? Mettiti in contatto con un esperto qui o scopri di più sull’IVA nell’era digitale con questa guida.

Per le aziende con sede nell’UE, l’IVA è applicabile alla maggior parte degli acquisti e delle vendite di beni all’interno dell’Unione Europea. Nell’ambito di unaazienda manifatturiera, questo può comportare l’applicazione di molte aliquote IVA diverse.

Scegliere il Paese giusto per entrare nell’UE può essere una decisione difficile, soprattutto se si considera che i Paesi hanno le loro regole. Bisogna tenere in conto per esempio che l’ubicazione dei beni potrebbe non conoscersi, e la situazione può diventare complessa molto velocemente.

Se questo non viene affrontato in modo efficace i produttori possono subire delle interruzioni nelle loro catene di fornitura – che spesso sono già normalmente piuttosto sofisticate -. Ma da dove cominciare?

I nostri esperti di IVA sono qui per aiutarvi. Vi invitiamo ad unirvia loro nel nostro prossimo webinar per saperne di più:

Non perda il webinar prenotando il suo posto qui.

La proposta “L’IVA nell’era digitale” della Commissione Europea apporta modifiche significative al trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali relativamente agli operatori nei servizi di alloggio di breve durata (massimo 45 giorni) e di trasporto passeggeri.

Trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali

Vale la pena ricordare che il “trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali” riguarda ad oggi solo la fornitura di determinati servizi tramite una piattaforma digitale. Inoltre, esiste una serie di regole in materia di e-commerce relativemente alla fornitura di beni tramite piattaforme digitali.

L’emergere del modello di business dell’economia delle piattaforme digitali ha generato nuove sfide per il sistema dell’IVA. Secondo il parere della Commissione Europea, uno di questi problemi è la disuguaglianza dell’IVA riscontrabile se osserviamo:

Possiamo comprendere meglio il punto di vista dell’UE sulla distorsione della concorrenza se osserviamo la relazione sulla valutazione dell’impatto della Commissione Europea. La relazione illustra la crescente importanza dell’economia delle piattaforme digitali  nella riscossione dell’IVA e spiega gli studi condotti per verificare dove la Commissione Europea deve intervenire

In termini numerici, il valore del gettito IVA proveniente dall’ecosistema delle piattaforme digitali è stimato a circa 25,7 miliardi di euro all’anno per gli Stati membri, ovvero il 2,6 per cento del gettito IVA totale.

Dettaglio del gettitio delle piattaforme digitali, per settore (UE27, miliardi di EUR, 2019)

 

Settore Entrate delle piattaforme digitali (EU27) Entrate dei fornitori digitali (UE27) Valore dell’ecosistema (UE 27)
Alloggio 6,3 36,9 43,2
Trasporto 7,2 31 38,2
E-commerce 16,6 93,8 110,4

Fonte: estratto dal documento di lavoro dei servizi della Commissione Europea – Sintesi della valutazione d’impatto, pag. 26

Il valore totale del gettito IVA include 3,7 miliardi di euro iccolo ai servizi di alloggio e 3,1 miliardi di euro iccolo ai servizi di trasporto.

In questi due settori, iccolo e iccolo imprese possono fornire i loro servizi esenti da IVA (cioè non tengono conto dell’IVA) tramite una piattaforma digitale. Con le economie di scala e l’effetto rete, queste imprese possono entrare in concorrenza diretta con i tradizionali fornitori muniti di partita IVA.

Prendendo in considerazione lo studio della Commissione Europea, il numero di fornitori che non sono registrati ai fini l’IVA, può arrivare fino al 70%, a seconda del tipo di piattaforma digitale. Ad esempio, nel settore degli alloggi, oltre il 50% degli utenti di una particolare piattaforma digitale relativa ad un alloggio accede specificamente a all’offerta della piattaforma, in luogo dell’offerta di un hotel tradizionale.  In Europa, il costo dell’alloggio offerto tramite la piattaforma digitale relativa ad un alloggio può essere, in media, dall’8% al 17% più economico rispetto alla tariffa giornaliera media di un hotel della stessa regione.

Secondo la Commissione Europea, ciò implica una distorsione della concorrenza tra gli stessi servizi offerti attraverso canali diversi.

Il trattamento IVA del servizio di agevolazione

Chiarire la natura dei servizi forniti dalla piattaforma è stato l’intervento più supportato tra le diverse parti interessate.

In alcuni Stati membri il trattamento del servizio di agevolazione addebitato dalla piattaforma è considerato un servizio fornito per via elettronica, mentre in altri è considerato un servizio di intermediazione.

Ciò è rilevante perché può portare a diversi luoghi di prestazione, che possono portare a una doppia o mancata imposizione. È pertanto necessario chiarire tali norme.

Secondo la proposta, il servizio di agevolazione (laddove il termine “agevolazione” si estenda fino a includere i servizi di alloggio a breve termine e di trasporto passeggeri) fornito da una piattaforma digitale dovrebbe essere considerato un servizio di intermediazione (articolo 46 bis che modifica la direttiva 2006/112/CE). Ciò consente un’applicazione uniforme delle norme sul luogo di prestazione per il servizio di agevolazione.

Sebbene ciò non abbia alcun impatto sulle norme esistenti quando la fornitura viene effettuata su base B2B, lo stesso non si può dire delle forniture B2C. In questo scenario, il luogo di fornitura sarà quello in cui si svolgono le operazioni sottostanti.

In che modo la proposta L’IVA nell’era digitale cambierà lo status quo?

Secondo la Commissione Europea, il problema principale dell’economia delle piattaforma digitali è l’inadeguatezza dell’attuale quadro normativo sull’IVA a garantire condizioni di parità con le imprese tradizionali, in particolare nei settori dei trasporti e della ricettività. Le forniture effettuate da piccoli fornitori tramite una piattaforma digitale non sono tassate e i servizi di agevolazione forniti dalle piattaforme digitali sono tassati in modo diverso nei vari Stati membri. Ciò comporta difficoltà per le piattaforme digitali, i fornitori e gli Stati membri.

L’introduzione di un modello di presunto fornitore presunto risolverà questi problemi: in base a questo modello, le piattaforme digitali contabilizzeranno l’IVA sulla fornitura sottostante in cui l’IVA non viene addebitata dal fornitore. Questo modello garantisce la parità di trattamento tra i settori digitale e offline della locazione di alloggi a breve termine e del trasporto passeggeri.

Inoltre, saranno forniti chiarimenti sul trattamento del servizio di agevolazione per consentire un’applicazione uniforme delle norme sul luogo di fornitura e saranno adottate misure per armonizzare la trasmissione di informazioni dalla piattaforma digitale agli Stati membri.

In termini di tempistica, le regole proposte sull’economia delle piattaforme digitali entreranno in vigore nel 2025. Si tratta di un breve periodo necessario per mettere in atto tutte le modifiche per essere conformu e richiede che le piattaforme digitali inizino a esaminarle il prima possibile.

Hai bisogno di supporto?

Contattaci per conoscere i vantaggi offerti da un partner esperto di soluzioni IVA per alleviare l’onere della conformità IVA della tua azienda. Maggiori informazioni sulla rendicontazione elettronica obbligatoria e sulla fatturazione elettronica per le transazioni intracomunitarie nell’UE sono disponibili qui.

La Commissione Europea ha annunciato la sua tanto attesa proposta di modifiche legislative in relazione all’iniziativa l’IVA nell’era digitale (ViDA). Si tratta di uno degli sviluppi più importanti nella storia dell’IVA europea, che riguarda non solo le aziende europee, ma anche quelle non europee che commerciano con l’UE.

La proposta richiede la modifica della Direttiva IVA 2006/112, del relativo Regolamento di esecuzione 282/2011 e del Regolamento 904/2010 sulla cooperazione amministrativa per la lotta alle frodi nel settore dell’IVA. Coprono tre aree distinte:

  1. Obblighi di rendicontazione digitale dell’IVA e fatturazione elettronica
  2. Trattamento IVA dell’economia di piattaforma
  3. Registrazione IVA unica nell’UE

Questa proposta di modifica normativa dovrà ancora essere adottata formalmente dal Consiglio dell’Unione Europea e dal Parlamento Europeo secondo le procedure legislative ordinarie, prima di poter entrare in vigore. In questioni fiscali come queste, il processo richiede l’unanimità tra tutti gli Stati membri.

Questo blog si concentra sugli obblighi di dichiarazione digitale dell’IVA e sulla fatturazione elettronica, mentre i futuri aggiornamenti di Sovos riguarderanno le altre due aree.

Obblighi di rendicontazione digitale dell’IVA e fatturazione elettronica – una panoramica

I dati delle transazioni B2B intra-UE dovranno essere comunicati a un database centrale:

I requisiti di rendicontazione digitale per le transazioni nazionali rimarranno facoltativi:

Saranno apportate modifiche per facilitare e allineare la fatturazione elettronica:

La “trasmissione” non sarà regolamentata:

La Commissione Europea, in questa fase, ha scelto di non proporre un regolamento relativo al canale di trasmissione dei dati riportati alle autorità fiscali. Attualmente la decisione spetta agli Stati membri.

La ragione di questa decisione è probabilmente dovuta al fatto che si tratta di una questione tecnica e che la discussione avrebbe rallentato il processo di pubblicazione di questa proposta. La Commissione Europea sembra anche ambigua sul fatto di voler regolamentare questo aspetto in futuro.

Qual è il futuro dell’IVA nell’era digitale?

Molti Paesi pronti a introdurre i controlli sulle transazioni continue (CTC) hanno atteso che le autorità di regolamentazione dell’UE fornissero una risposta sulle regole che i singoli Stati membri dovranno rispettare. Resta da vedere se questa proposta incoraggerà questi Stati membri ad andare avanti con i piani, nonostante lo status non definitivo della proposta. È degno di nota il fatto che la Germania abbia richiesto una deroga all’attuale Direttiva IVA per poter imporre la fatturazione elettronica solo pochi giorni prima della data originaria in cui la Commissione aveva previsto di pubblicare questa proposta – il 16 novembre 2022.

Parli con i nostri esperti fiscali per capire come queste modifiche proposte influiranno sulla sua azienda.

Conformità IVA per l'e-commerce

Accesso completo al mercato europeo

Con mezzo miliardo di consumatori, il mercato dell’Unione Europea offre alle aziende di e-commerce enormi margini di sviluppo. Ottimizzate questo potenziale tramite un servizio B2C impeccabile e semplice da usare, senza addebiti IVA imprevisti.

Il portale Sovos Compliance per l’e-commerce consente di accedere agevolmente a tutti i sistemi dichiarazione semplificata dell’IVA in vigore nell’UE:

IOSS (Import One-Stop-Shop)

  • Sdoganamento delle merci senza intoppi
  • Riscossione dell’IVA al punto di acquisto
  • Richiesta di rimborso dell’IVA sui resi

Union OSS

  • Conformità a basso costo per il commercio intra-UE
  • Essenziale per tutte le imprese con un volume di vendita maggiore di 10.000 Euro intra-EU e per tutte le aziende con merci in magazzino nell’Unione Europea
  • Dichiarazione dei servizi e delle merci B2C nell’UE tramite una dichiarazione IVA unificata

NON-Union OSS

  • La conformità resa semplice per tutti i servizi digitali forniti da paesi extra UE
  • Evoluzione dello schema MOSS
  • Nessun intermediario necessario

Resta al passo con gli obblighi di compliance, attuali e futuri.

Monitora oltre 60 Paesi per tracciare la vasta gamma di quadri giuridici emergenti e specifiche in continua evoluzione.

Semplifica la gestione delle relazioni tra i fornitori di compliance con un unico punto di contatto globale.

Assicurati il flusso continuo delle fatture, in modo che la tua azienda e le sue catene di approvvigionamento funzionino senza intoppi.

Riduci al minimo la necessità di coinvolgere l'IT ad hoc e investi in aggiornamenti della compliance.

Risparmia tempo, elimina gli aggiornamenti manuali troppo impegnativi e migliora la precisione.

Smetti di preoccuparti di diversi formati e processi nazionali in continua evoluzione.

Riduci i costi totali della compliance.

Portale di servizi Sovos Compliance per l'e-commerce

Servizi intermediari per l'IOSS

Controlli di convalida

Livelli di servizio adatti al vostro budget

Servizi di registrazione

Presentazione delle dichiarazioni

Visualizzazione del pannello di controllo di tutte le registrazioni e le dichiarazioni IVA

Caricamento e mappatura sicuri dei dati

Assistenza da parte dei nostri esperti di conformità IVA in caso di ispezioni

Servizio di intermediazione a supporto delle imprese globali

Le società non stabilite nell’UE (a meno che non siano stabilite e spediscano dalla Norvegia) sono obbligate a nominare un intermediario per agevolare la dichiarazione e il pagamento dell’IVA nell’ambito del regime IOSS.

Sovos detiene tutti i requisiti per poter fungere da intermediario per conto della vostra azienda. Faremo in modo che possiate cogliere i vantaggi della semplificazione, salvaguardandovi dal rischio di sanzioni e di espulsione per ragioni di mancata conformità.

Gli intermediari si assumono la responsabilità solidale per:

  • Dichiarazione e pagamento dell’IVA ai sensi dell’IOSS
  • Tenuta registri

Migliorate la qualità dei vostri dati

Il portale di servizi Sovos Compliance consente di acquisire il pieno controllo sui dati delle vostre vendite. Una volta eseguita la mappatura nel portale, il tool consente l’esecuzione dei controlli di validazione e la correzione di eventuali errori prima che il nostro team di esperti proceda all’inoltro. La nostra soluzione di conformità IVA per l’e-commerce offre la piena certezza sulla correttezza dei dati, garantendo la precisione e l’affidabilità della dichiarazione IVA (I)OSS.

Piena conformità e riduzione dei rischi aziendali

Blindate il vostro profilo di conformità IVA, assicuratevi che le vostre merci siano consegnate ai clienti tempestivamente e non rimangano bloccate in dogana. Il portale di servizi Sovos Compliance poggia sulle competenze e l’expertise maturate dai nostri team di servizi di compliance e di consulenza.

La nostra soluzione vi consente di:

  • Approfittare dei vantaggi degli schemi (I)OSS
  • Usufruire dell’assistenza indispensabile per
  • Sfruttare un provider unico per le dichiarazioni periodiche e continuative
  • Semplificare i vostri processi
  • Ridurre il rischio di dover gestire la conformità IVA manualmente
SERVIZI GESTITI

Gestione servizi IVA con l'ausilio della tecnologia

Un mix tra competenze umane e software all’avanguardia per alleggerire il vostro carico di lavoro in materia di conformità IVA. Riducete i rischi in tutti i paesi in cui operate oggi, garantendovi la flessibilità di poter gestire agevolmente i requisiti IVA nei mercati che dominerete domani.

Il Brasile è noto per il suo sistema di fatturazione elettronica altamente complesso di controllo continuo delle transazioni (CTC). Oltre a tenere il passo con le modifiche legislative quotidiane nei suoi 26 Stati e nel Distretto Federale, il Paese ha oltre 5.000 Comuni con standard diversi per la fatturazione elettronica.

L’imposta sul consumo di servizi (ISSQN – Imposto Sobre Serviços de Qualquer Natureza) è di competenza dei Comuni. Ogni Comune ha l’autorità sul formato e sullo standard tecnico della fattura elettronica dei servizi (NFS-e – nota fiscal de serviço eletrônica). Ciò rappresenta una sfida significativa per la conformità, in quanto la fatturazione elettronica è obbligatoria per quasi tutti i contribuenti del Paese.

Tuttavia, sono stati compiuti passi importanti per cambiare questo scenario. Un accordo (Convênio NFS-e) recentemente firmato dall’Agenzia Federale delle Entrate brasiliana (RFB), dalla Confederazione Nazionale dei Comuni (CNM) e da altre entità rilevanti, ha istituito il Sistema Nazionale del NFS-e con uno standard unificato a livello nazionale per i servizi di fatturazione elettronica.

Il Sistema Nazionale del FSN-e (SNNFS-e)

Il SNNFS-e introduce un layout standard unificato per l’emissione del NFS-e, nonché un archivio nazionale di tutti i documenti elettronici generati all’interno del sistema. L’adesione al sistema è volontaria per i Comuni. Poiché il disegno di legge proposto per regolamentare questa materia (PLP 521/2018) è fermo al Congresso dal 2019, l’accordo è stato concepito per consentire ai Comuni di adottare volontariamente lo standard nazionale, che poi diventerà obbligatorio per i contribuenti.

Il sistema consentirà l’emissione del NFS-e in uno standard nazionale, attraverso il portale web, l’applicazione mobile o l’API (application programming interface). Inoltre, crea il National Data Environment (ADN), il repository unificato NFS-e.

Il SNNFS-e offre diversi moduli di servizio e i Comuni possono scegliere quali adottare. L’ADN è l’unico modulo obbligatorio, in quanto garantisce l’integrità e la disponibilità delle informazioni contenute nei documenti emessi è nello standard unificato. Inoltre, l’ADN consente ai Comuni aderenti di distribuire gli NFS-e emessi tra loro e ai contribuenti.

Una volta firmato l’accordo, il Comune deve attivare il sistema entro una certa scadenza, che non è stata stabilita. L’attivazione comporta la configurazione dei parametri del sistema e la modifica della legislazione comunale per riflettere i requisiti del sistema nazionale. Solo dopo l’attivazione completa, i contribuenti potranno emettere fatture basate sullo standard unificato.

È stata rilasciata anche la documentazione tecnica di NFS-e, ma non si tratta delle specifiche definitive, che devono ancora essere approvate dal Comitato Nazionale Standard di Gestione della Fattura Elettronica (CGNFS).

Cosa significa per le aziende

Lo standard nazionale NFS-e prevede una sostanziale semplificazione degli obblighi di fatturazione elettronica dei contribuenti. Con un layout standard, la conformità a più formati può essere drasticamente ridotta. Il formato del documento per l’emissione dello standard NFS-e è XML e deve essere firmato digitalmente.

Un altro vantaggio è che uno dei moduli disponibili consente ai contribuenti di pagare l’ISSQN dovuto in diversi Comuni contemporaneamente, utilizzando un unico documento (Guia Única de Recolhimento) emesso dal sistema.

Anche se i Comuni possono scegliere di mantenere il loro attuale sistema di emissione NFS-e, devono comunque aderire alle scadenze di comunicazione, al layout e agli standard di sicurezza del NFS-e nazionale. Devono inoltre garantire la trasmissione di tutti i documenti emessi all’ambiente di dati nazionale. Questo assicura che i contribuenti dovranno emettere il NFS-e solo in un layout standard.

Quali sono i prossimi sviluppi della fatturazione elettronica in Brasile?

La prima fase di produzione è iniziata il 23 luglio 2022 con cinque comuni pilota. La trasmissione sarà disponibile attraverso diversi metodi, con un’implementazione graduale. Secondo il programma di attuazione iniziale di della Confederazione Nazionale dei Comuni, la trasmissione API dovrebbe avvenire a partire da metà ottobre 2022 o più tardi, a seconda della stabilità degli altri metodi di trasmissione. Un ulteriore sviluppo di questo programma è previsto nei prossimi mesi.

San Paolo, Salvador e Florianópolis sono tra i molti comuni che hanno già firmato l’accordo. Il successo di questo standard nazionale NFS-e si basa su un’adozione significativa da parte dei Comuni, quindi i contribuenti devono prepararsi a conformarsi quando ciò avverrà in tutto il Paese.

Agisci

Ha bisogno di garantire la conformità ai più recenti requisiti di fatturazione elettronica? Si metta in contatto con i nostri esperti fiscali.

È tempo di tornare ai pagamenti anticipati dell’Imposta sui premi assicurativi (IPT) – una continuazione della nostra serie di blog su questo importante argomento IPT. Può trovare la prima voce della nostra serie di blogqui.

L’IPT viene dichiarata e regolata in modo diverso in tutta Europa. Dichiarazioni mensili, trimestrali o semestrali – la frequenza varia a seconda degli Stati membri – e alcune giurisdizioni richiedono pagamenti anticipati per garantire che le passività dovute dalle compagnie assicurative siano riscosse in buona misura.

L’Ungheria è un Paese in cui la legislazione prevede l’obbligo di pagamento anticipato. Tuttavia, l’obbligo di pagamento anticipato è un nuovo requisito, introdotto insieme alla cosiddetta ‘imposta sul profitto extra’ o IPT supplementare, che deve essere pagata su base annuale. Non è richiesto alcun pagamento anticipato rispetto alla ‘normale’ imposta sui premi assicurativi pagata mensilmente.

Che cos’è un pagamento anticipato?

I pagamenti anticipati sono definiti come un credito d’imposta versato a un’autorità fiscale prima che il pagamento sia effettivamente sostenuto.

Questa imposta anticipata sarà dedotta per coprire i debiti fiscali fino all’utilizzo del credito totale, poi i debiti correnti dovranno essere pagati con la base applicata in ogni “ giurisdizione” .

Può saperne di più sui pagamenti anticipati IPTnel nostro blog.

Pagamenti anticipati IPT in Ungheria

Prima dell’introduzione dell’imposta sugli utili extra, o IPT supplementare, il pagamento anticipato dell’IPT in Ungheria non era un requisito. L’IPT ‘normale’ viene pagata mensilmente senza obbligo di pagamento anticipato e non è necessario presentare una dichiarazione annuale.

In Ungheria il concetto di pagamento anticipato viene utilizzato per le imposte che prevedono un obbligo di dichiarazione annuale, come nel caso dell’imposta sulle società.

Per quanto riguarda l’IPT, l’obbligo di pagamento anticipato è stato introdotto con il regime d’imposta sugli utili extra . L’imposta sugli utili extra o IPT supplementare è un’imposta annuale. Questo potrebbe essere il motivo dell’introduzione dell’obbligo di pagamento anticipato per questo tipo di imposta.

Il pagamento anticipato dell’IPT supplementare è dovuto il 30 novembre 2022 per quanto riguarda l’IPT supplementare (bi)annuale del 2022, mentre per il 2023 il pagamento anticipato è dovuto entro il 31 maggio 2023.

In base al concetto originale, la base del pagamento anticipato per il 2022 era il premio raccolto nel periodo compreso tra luglio 2021 e giugno 2022, applicando i tassi applicabili per il 2022. Tuttavia, questo è stato modificato poco dopo l’emissione del Decreto governativo 197/2022 sulle imposte sugli utili extra.

Questo aggiustamento si è probabilmente verificato in quanto il concetto originale avrebbe generato un sostanziale eccesso di pagamento, poiché il periodo di base per calcolare il pagamento anticipato del 2022 è di un anno e l’imposta supplementare è dovuta solo per la seconda metà del 2022. Secondo le regole aggiornate, la base del pagamento anticipato del 2022 è rimasta la stessa, ma i tassi applicabili sono stati modificati dai tassi del 2022 ai tassi normalmente applicabili per il 2023. I tassi del 2023 sono la metà dei tassi del 2022, diminuendo l’importo del pagamento anticipato attraverso la riduzione del tasso invece di cambiare il periodo di base da un anno a metà anno.

Per quanto riguarda il 2023, il calcolo del pagamento anticipato è pari all’imposta supplementare pagata per il 2022 nel gennaio 2023.

L’ufficio delle imposte ha confermato che qualsiasi pagamento in eccesso relativo all’imposta sugli utili extra/IPT supplementare può essere compensato con l’IPT ‘normale’ e viceversa. Questo perché l’imposta sugli utili extra ha lo stesso codice fiscale (numero 200) ed è pagabile sullo stesso conto bancario dell’IPT.

Ad esempio, se il pagamento anticipato per il 2022 è superiore all’imposta sugli utili extra del 2022, alla fine di gennaio ci sarà un pagamento in eccesso sul conto fiscale 200. Questo pagamento in eccesso può essere compensato con le passività IPT di gennaio 2023, che devono essere pagate entro il 20 febbraio 2023. Oppure, se la compagnia assicurativa ha un eccesso di pagamento IPT alla fine di novembre 2022, questo eccesso può essere utilizzato per coprire l’obbligo di pagamento anticipato dell’imposta sugli utili extra/supplementare IPT.

Agisci

Si metta in contatto con i nostri esperti fiscali oggi stesso per avere una consulenza su come orientarsi in questa procedura IPT, spesso confusa.

Update: 8 March 2023 by Kelly Muniz

Spain launches public consultation for B2B mandatory e-invoicing

The Ministry of Economic Affairs and Digital Transformation (Ministerio de Asuntos Económicos y Transformación Digital) has launched a public consultation on the upcoming B2B e-invoicing mandate.

The mandate will enable citizens to participate in elaborating norms before its development. This public consultation is carried out through the web portal of the competent department and all interested parties have until 22 March 2023 to send feedback.

Based on the feedback received, the government will develop and approve the regulatory framework that is needed according to the law adopting mandatory B2B e-invoicing which was published on 29 September 2022.

The public consultation consists of 32 specific questions on seven different areas that the regulatory framework will address. These areas are:

You can find the official text of the public consultation here.

Looking for more information on e-invoicing in Spain? Speak to a member of our expert team.

 

Update: 16 September 2022 by Victor Duarte

Spanish Congress Approves Mandatory B2B e-Invoicing

Il Congresso di Spagna ha approvato la Legge per la Creazione e la Crescita delle Imprese, e si prevede che venga pubblicata nella Gazzetta Ufficiale (BOE) nei prossimi giorni.

Questa Legge modifica anche Legge 56/2007 sulle misure per promuovere l’informazione per adottare l’obbligo di emissione della fattura elettronica per tutti gli imprenditori e i professionisti nelle loro relazioni commerciali.

Introduzione della fatturazione elettronica obbligatoria in Spagna per il settore privato

Secondo questa Legge, tutti gli imprenditori e i professionisti devono emettere, inviare e ricevere fatture elettroniche nei loro rapporti commerciali con altri imprenditori e professionisti. Inoltre, il destinatario e il mittente delle fatture elettroniche devono fornire informazioni sullo stato delle fatture.

Le regole principali della Legge relative alla fatturazione elettronica stabiliscono che:

Il processo di accreditamento dell’interconnessione e dell’interoperabilità delle piattaforme sarà determinato dai regolamenti in una fase successiva.

Obblighi aggiuntivi di fatturazione elettronica per alcuni settori

La legge stabilisce che le aziende che forniscono determinati servizi ai consumatori finali devono emettere e inviare fatture elettroniche nei rapporti con le persone che accettano di riceverle o che le hanno esplicitamente richieste. Questo obbligo riguarda le aziende che forniscono servizi di telecomunicazione, servizi finanziari, acqua, gas ed elettricità, tra gli altri settori e attività previsti dall’Articolo 2.2 della Legge 56/2007.

Queste aziende devono fornire l’accesso ai programmi necessari, in modo che gli utenti possano leggere, copiare, scaricare e stampare la fattura elettronica gratuitamente, senza dover rivolgersi ad altre fonti per ottenere le applicazioni necessarie. Devono anche consentire procedure semplici e gratuite, in modo che gli utenti possano revocare il consenso dato alla ricezione delle fatture elettroniche in qualsiasi momento.

Le aziende che rientrano nell’ambito di applicazione che non offrono agli utenti la possibilità di ricevere fatture elettroniche saranno sanzionate con un avvertimento o una multa fino a 10.000 euro.

Il prossimo passo: il quadro normativo

Il Governo svilupperà le disposizioni di questa Legge in conformità con i regolamenti e nell’ambito dei suoi poteri. Pertanto, i Ministeri dell’Economia e della Trasformazione Digitale e delle Finanze e della Pubblica Amministrazione stabiliranno le informazioni e i requisiti tecnici da includere nella fattura elettronica per verificare le date di pagamento e ottenere i termini di pagamento.

È inoltre necessario stabilire i requisiti minimi di interoperabilità tra i fornitori di soluzioni tecnologiche per la fattura elettronica e i requisiti di sicurezza, controllo e standardizzazione dei dispositivi e dei sistemi informatici che generano i documenti.

Il Governo avrà 6 mesi dalla pubblicazione di questa Legge nella Gazzetta Ufficiale per approvare il quadro normativo.

Entrata in vigore della fatturazione elettronica B2B obbligatoria in Spagna

Le disposizioni relative all’obbligo di fatturazione elettronica B2B saranno efficaci in base al fatturato annuo:

Ciò significa che l’obbligo di fatturazione elettronica B2B potrebbe entrare in vigore per i grandi soggetti passivi entro il primo trimestre del 2024.

È importante sottolineare che l’entrata in vigore dell’obbligo di fatturazione elettronica B2B è subordinata all’ottenimento dell’eccezione comunitaria agli articoli 218 e 232 della Direttiva IVA. Questa eccezione è meno difficile da ottenere, in quanto è stata concessa ad altri Stati membri come l’Italia, la Francia e la Polonia per consentire loro di adottare il regime obbligatorio di fatturazione elettronica nelle loro giurisdizioni.

Agisci

Ha bisogno di garantire la conformità ai più recenti requisiti di fatturazione elettronica in Spagna? Si metta in contatto con i nostri esperti fiscali

Nella prossima edizione della nostra serie di blog sui pagamenti anticipati dell’Imposta sui premi assicurativi (IPT), esaminiamo un regime meno familiare a molti, il pagamento anticipato dell’IPT in Austria.

Pagamenti anticipati IPT in Austria

Coloro che conoscono bene la sfera dell’IPT rimarranno perplessi di fronte a questo blog, poiché molto probabilmente non hanno mai pagato un pagamento anticipato in Austria.

Questo perché il pagamento anticipato è dovuto solo nel caso in cui il periodo fiscale di novembre venga pagato in ritardo. A causa delle scadenze allungate dell’IPT austriaca e dell’imposta sui vigili del fuoco (FBT), questo accade raramente nella pratica. Come promemoria, il pagamento dell’imposta in Austria deve essere effettuato entro il 15° giorno (data di scadenza) del secondo mese consecutivo (ad esempio, periodo di gennaio 2022 con scadenza 15 marzo 2022).

Ma cosa succede se la scadenza di novembre non viene pagata interamente entro il 15 dicembre? È necessario effettuare un pagamento anticipato speciale pari a 1/12 della somma degli importi fiscali calcolati degli ultimi 12 periodi di dichiarazione dei redditi. Questo anticipo speciale viene accreditato su un successivo autocalcolo per il periodo di dichiarazione di novembre.

E le sanzioni in Austria?

Per quanto riguarda l’IPT, l’FBT e l’Imposta sull’assicurazione dei veicoli (VIT), le regole sono le seguenti:

Requisiti di conformità dell’Austria

Gli assicuratori devono essere consapevoli del fatto che, mentre i pagamenti delle imposte vengono effettuati mensilmente, la dichiarazione deve essere presentata su base annuale e la scadenza è il 30 aprile. La/e dichiarazione/i include l’ID fiscale, il nome dell’assicuratore, l’importo dell’imposta su base mensile e l’importo pagato in tasse per l’anno in questione fino a quel momento.

Per gli impegni FBT, l’importo viene suddiviso in parti uguali tra l’assicurato e l’assicuratore. Quindi, per un rischio con il 100% di incendio e un premio di 100,00 euro, oltre all’importo di 11,00 euro di IPT, l’assicurato pagherà anche 4,00 euro di FBT. I restanti 4,00 euro di FBT sarebbero a carico dell’assicuratore.

Dal punto di vista delle esenzioni, in Austria esiste un elenco abbastanza esaustivo. Alcuni di questi sono il credito all’esportazione, il carico transfrontaliero, la riassicurazione e il bestiame (se l’importo assicurato non supera i 3.650 euro, nonché l’assicurazione del bestiame con un’associazione di assicurazione del bestiame di piccole dimensioni).

Tenersi aggiornati sui cambiamenti dei requisiti di conformità IPT in Austria e in tutta l’UE può essere impegnativo. Il nostro team di esperti può guidarla nei dettagli e assicurarsi che stia seguendo il giusto percorso di conformità.

Molti Paesi hanno recentemente iniziato il loro percorso di controllo continuo delle transazioni (CTC)introducendo sistemi obbligatori di fatturazione elettronica o di e-reporting. Vediamo più spesso questa tendenza nell’Unione Europea, dato che i recenti rapporti sull’iniziativa VAT in the Digital Age discutono che la scelta politica migliore sarebbe quella di introdurre un sistema di fatturazione elettronica CTC a livello europeo che copra sia le transazioni intra-UE che quelle nazionali.

Tuttavia, gli sforzi per combattere la frode fiscale non si limitano ai sistemi obbligatori di fatturazione elettronica o di rendicontazione elettronica. Molti governi preferiscono guardare oltre e introdurre un altro strumento che offre loro una maggiore visione della loro economia: i documenti di trasporto elettronici. Nell’introduzione dei sistemi di trasporto elettronico, vediamo che un Paese si distingue dagli altri Stati membri dell’UE per l’adozione precoce di un sistema di trasporto elettronico: l’Ungheria.

Sistema di trasporto elettronico ungherese: EKAER

Il sistema elettronico di controllo del trasporto pubblico su strada oElektronikus Közúti Áruforgalom Ellenőrző Rendszer (EKAER) è in vigore in Ungheria dal 2015. Gestito dall’autorità fiscale ungherese, l’EKAER ha lo scopo di monitorare il rispetto degli obblighi fiscali derivanti dal trasporto di merci su strade pubbliche nel territorio nazionale.

Il sistema è stato inizialmente introdotto per monitorare il movimento di tutte le merci nel territorio nazionale. Tuttavia, dopo diverse lettere della Commissione UE che chiedevano all’Ungheria di adeguare il proprio sistema alle normative europee, il campo di applicazione del sistema è stato ristretto ai cosiddetti prodotti a rischio nel gennaio 2021. I prodotti a rischio sono definiti nella 51/2014. (XII. 31.) Decreto NGM, che consiste in prodotti alimentari o altri prodotti rischiosi (come fiori, tutti i tipi di sabbie naturali, diversi tipi di minerali, ecc).

Secondo 13/2020. (XII. 23.) decreto sul funzionamento del Sistema Elettronico di Controllo del Traffico Stradale, i contribuenti ungheresi sono tenuti a segnalare i dati specifici relativi al trasporto di prodotti a rischio utilizzando il sistema EKAER prima dell’inizio del trasporto delle merci. È inoltre importante ricordare che è necessario essere registrati nel sistema EKAER e fornire una garanzia di rischio per alcuni tipi di trasporto, a meno che la legge non preveda un’esenzione.

Generazione del numero EKAER

I contribuenti sono tenuti a segnalare il trasporto di merci a rischio in formato XML al sistema EKAER. Queste informazioni includono dati relativi al mittente, al destinatario e alla merce. Inoltre, le imprese devono comunicare all’autorità fiscale ulteriori dati specifici in base al tipo di trasporto (domestico, acquisti intracomunitari e forniture intracomunitarie).

Dopo la segnalazione da parte del contribuente, il sistema EKAER genera un numero EKAER, un numero di identificazione assegnato a un’unità di prodotto. Questo numero sarà valido per 15 giorni; pertanto, la consegna della merce deve essere effettuata entro questo periodo. Le aziende devono comunicare il numero EKAER al trasportatore, e questo deve accompagnare la merce trasportata.

Qual è il passo successivo?

Sebbene non siano previste modifiche future per il sistema EKAER, diversi Paesi in tutto il mondo continuano a introdurre requisiti di trasporto elettronico simili al sistema EKAER. I contribuenti devono assicurarsi che i loro processi di trasporto siano flessibili e compatibili con i cambiamenti introdotti dalle autorità fiscali per rimanere conformi.

Meet the Expertè la nostra serie di blog in cui condividiamo maggiori informazioni sul team che sta dietro al nostro software innovativo e ai servizi di conformità all’imposta sui premi assicurativi (IPT).

In quanto organizzazione globale con esperti di imposte indirette in tutte le regioni, il nostro team dedicato è spesso il primo a conoscere le modifiche normative e gli sviluppi dei regimi fiscali globali, per supportarla nella sua conformità fiscale.

Abbiamo parlato con Mai Nguyen, rappresentante senior dei servizi di compliance, che ci ha spiegato perché è così importante per gli assicuratori fare bene l’archiviazione IPT e ha condiviso i suoi tre principali consigli per presentare le passività IPT.

Può parlarmi del suo ruolo e di cosa comporta?

Sono un rappresentante senior dei servizi di compliance – specializzato in IPT presso Sovos. Sono entrata a far parte dell’azienda più di quattro anni fa e mi occupo di un portafoglio diversificato di oltre 30 clienti, aiutandoli nell’intero ciclo di presentazione dell’IPT.

Il mio team esamina i dati forniti dai nostri clienti, crea un riepilogo delle imposte dovute e conferma i debiti IPT e parafiscali dovuti per un determinato periodo. I miei compiti quotidiani comprendono l’approvazione delle passività IPT da dichiarare in modo corretto e conforme e l’autorizzazione dei pagamenti da effettuare per conto dei nostri clienti.

Il mio ruolo è quello di supervisionare la gestione operativa quotidiana, assicurando al contempo che tutti i requisiti di conformità siano soddisfatti in modo coerente. Collaboro inoltre a stretto contatto con i clienti per rispondere alle loro domande e per garantire che la presentazione dell’IPT sia conforme alle severe norme stabilite dagli uffici fiscali globali.

Potrebbe spiegare il processo di deposito dell’IPT e perché è importante che gli assicuratori lo facciano correttamente?

Il processo di deposito dell’IPT varia da un territorio all’altro ed è fondamentale che gli assicuratori lo seguano in modo accurato e conforme. Ci sono molti elementi da considerare in questo processo:

I depositi IPT possono essere effettuati online in Portogallo, Spagna, Irlanda, Finlandia e Germania. Questo metodo di deposito sta diventando una tendenza comune e probabilmente verrà introdotto in altre giurisdizioni.

In Portogallo è necessario caricare un file di dati su un portale web che richiede informazioni dettagliate per ogni polizza, come il numero NIF (codice fiscale dell’assicurato), il codice postale, il codice del Paese e la territorialità.

In Spagna, il portale IPT determina il periodo di dichiarazione per ogni transazione, pagamento di imposte o interessi dovuti. Il portale collega i pagamenti dovuti direttamente al conto bancario, il che significa che il pagamento viene effettuato tramite addebito diretto.

I depositi IPT possono essere effettuati per posta o di persona. Con qualsiasi metodo, è importante assicurarsi che le scadenze siano rispettate per evitare inutili sanzioni.

Le conseguenze della non conformità non sono solo le sanzioni o gli interessi imposti dagli uffici fiscali, ma anche i costi indiretti per gli assicuratori, che sono più significativi. Questi possono includere il costo per la correzione dell’errore, nonché i costi aggiuntivi del collaboratore o del rappresentante. La non conformità potrebbe anche avere un impatto negativo sulla reputazione dell’assicuratore.

Quali sono i suoi consigli principali per i controlli di audit quando presenta le passività IPT?

Per evitare l’inutile conseguenza della non conformità nella presentazione dei debiti IPT, ecco i miei tre consigli principali:

In che modo Sovos può aiutare gli assicuratori a rispettare l’IPT?

Per gli assicuratori può essere molto impegnativo garantire che l’IPT sia dichiarata in modo accurato e conforme, rispettando le norme e i regolamenti più recenti. Qui a Sovos, il nostro team dedicato ai Servizi di Conformità IPT è dotato di competenze approfondite e delle modifiche più aggiornate per aiutare gli assicuratori a soddisfare tutti i requisiti IPT, per rendere le sottomissioni efficienti e conformi.

Tutte le informazioni sulla conformità IPT possono essere reperite attraverso i blog, i webinar, gli avvisi fiscali, LinkedIn, Twitter e le newsletter di Sovos.

Agisci

Ha domande sulla conformità all’IPT? Parli con i nostri esperti fiscalio scarichi il nostro e-book,Regole fiscali indirette per le assicurazioni in tutto il mondo.

Il 30 agosto 2022, il Ministero delle Finanze ha pubblicato un progetto di legge che modifica il Regolamento sull’utilizzo del Sistema nazionale di fatturazione elettronica (KSeF). Lo scopo della bozza di modifica è quello di adattare i termini di utilizzo di KSeF alle condizioni specifiche che si applicano alle unità governative locali e ai gruppi IVA che opereranno come un nuovo tipo di contribuente IVA a partire dal 1° gennaio 2023.

Lo stato normativo attuale in Polonia

Il concetto di gruppi IVA è stato introdotto in Polonia nell’ottobre 2021. I gruppi IVA sono una forma giuridica di cooperazione, un tipo di entità imponibile che esiste esclusivamente ai fini dell’IVA. Quando entra a far parte di un gruppo IVA, un membro del gruppo diventa parte di un nuovo contribuente IVA separato che possiede un numero di identificazione fiscale polacco (NIP).

Il regolamento sull’utilizzo di KSeF non ha preso in considerazione l’unicità della natura giuridica del gruppo IVA, così come le liquidazioni IVA nelle unità governative locali. In base alla normativa vigente, le unità governative vengono trattate come un unico contribuente IVA, utilizzando un unico numero NIP.

Allo stesso modo, nel caso dei gruppi IVA, i contribuenti IVA separati che creano un nuovo contribuente (un gruppo IVA) utilizzano un numero NIP. Le modifiche proposte sono il risultato delle consultazioni pubbliche in corso che hanno avuto luogo nel dicembre 2021. Inoltre, la modifica è stata richiesta nel maggio 2022 anche dall’Unione delle Metropoli Polacche.

Modifiche proposte all’attuale regolamento sulla fattura elettronica

Il progetto di legge prevede la possibilità di concedere ulteriori diritti limitati alle unità governative locali e ai membri dei gruppi IVA. Inoltre, le unità governative locali e i gruppi IVA potranno concedere diritti amministrativi, per gestire i permessi in KSeF, a una persona fisica che sia il loro rappresentante.

Grazie a tali diritti delegati, sarà possibile gestire le autorizzazioni per l’unità governativa locale e per l’entità che fa parte di un gruppo IVA. Inoltre, è significativo che una persona con tale autorizzazione non avrà accesso simultaneo alle fatture di altre unità del governo locale o di altri membri di un gruppo IVA.

Per le unità governative locali e i gruppi IVA, la concessione o la revoca dell’autorizzazione alla persona fisica deve essere eseguita elettronicamente. Non è possibile presentare un modulo cartaceo per notificare l’autorità fiscale competente.

Problemi rimanenti per KSEF e data di esecuzione

Come già detto, le modifiche proposte rispondono alle preoccupazioni sollevate dalle entità interessate. Tuttavia, non soddisfano tutte le esigenze delle unità governative locali e dei gruppi IVA. Per esempio, rimane aperta la questione di come assegnare una fattura elettronica in entrata a una particolare unità interna o a un membro di un gruppo IVA. Questo perché le fatture contengono solo i dati del contribuente, che in questo caso è l’unità governativa locale o un gruppo IVA, e non i dati dell’unità interna o del membro di un gruppo IVA.

Il regolamento entrerà in vigore 14 giorni dopo la data di pubblicazione. Tuttavia, le disposizioni che si applicano ai membri del gruppo IVA saranno efficaci dal 1° gennaio 2023.

Agisci

Vuole garantire la conformità ai più recenti requisiti di fatturazione elettronica in Polonia? Si metta in contatto con i nostri esperti fiscali.

Per le aziende del Regno Unito e di altri Paesi non appartenenti all’UE, è fondamentale determinare l’importatore della merce nell’UE, in quanto ciò avrà un impatto sul trattamento IVA.

Per le merci inferiori a 150 euro esistono opzioni semplificate come Import One Stop Shop (IOSS) o accordi speciali attraverso l’operatore postale. Tuttavia, quando forniscono beni di valore superiore a 150 euro, le aziende devono considerare come vogliono importare i beni.

Un’opzione è che le aziende consegnino su Delivered Duty Paid (DDP) base e siano l’importatore della merce nell’UE. Questo migliora l’esperienza del cliente per le transazioni B2C, ma crea la responsabilità di essere registrati nella contea di importazione e di addebitare l’IVA locale, oltre a ulteriori requisiti di conformità . Se le merci vengono trasferite da questo Paese ad altri Paesi dell’UE, a seconda della catena di fornitura, si potrebbe utilizzare il sito One Stop Shop (OSS) per evitare ulteriori requisiti di registrazione IVA.

Il cliente come importatore – opzioni disponibili

A causa dell’aumento dei costi di conformità, molte aziende hanno scelto di non essere l’importatore e di trasferire questo obbligo al cliente finale. Se un’azienda sceglie questa strada, le opzioni sono ancora disponibili.

L’azienda potrebbe semplicemente mettere l’intero obbligo a carico del cliente.., Al cliente verrebbe inviata una richiesta di pagamento per l’IVA e gli eventuali dazi dal corriere prima della consegna, Potrebbe anche essere applicata una tassa di gestione al cliente. Una volta pagata, la merce viene consegnata Questo approccio non offre la migliore esperienza al cliente.

Ecco perché molte aziende hanno optato per il ‘metodo del costo a terra’ offerto da molti corrieri. Il cliente è ancora l’importatore sulla documentazione d’importazione, ma l’azienda raccoglie l’IVA e i dazi dal cliente al momento della vendita e salda la fattura del vettore per suo conto. In teoria, questo evita che l’azienda debba registrarsi nell’UE e offre comunque al cliente un’esperienza senza soluzione di continuità. Tuttavia, questo solleva la questione: il cliente è effettivamente l’importatore?

L’impatto commerciale dei termini errati

Alcune autorità fiscali stanno iniziando a considerare in modo diverso gli accordi per i beni con un valore superiore a 150 euro, quando i beni vengono importati direttamente nello Stato membro di consegna. Una modifica legislativa del 1° luglio 2021 ha incluso il concetto “quando il fornitore interviene indirettamente nel trasporto o nella spedizione della merce”. Questo per contrastare gli accordi che consentivano al venditore di sostenere che non si trattava di una vendita a distanza, ma di una vendita locale, e che quindi doveva pagare l’IVA solo nello Stato membro di spedizione della merce.

In seguito alla modifica della legge, alcune autorità fiscali sostengono che questo concetto significa che se un venditore vende a un privato nel proprio Paese e il venditore organizza la consegna della merce da un Paese non UE e lo sdoganamento nel proprio Stato membro dell’UE, il luogo di fornitura è lo Stato membro, in quanto il fornitore è intervenuto indirettamente nel trasporto.

Di conseguenza, il fornitore deve registrarsi e contabilizzare l’IVA nello Stato membro anche se il cliente è l’importatore della merce. Questa argomentazione potrebbe comportare una doppia imposizione e può creare ulteriori obblighi di conformità, oltre a controlli da parte delle autorità fiscali – tutti elementi che aggiungono ulteriori costi e tempo per le aziende.

Come devono affrontare le aziende questo cambiamento?

È importante che le aziende che adottano un metodo in cui il cliente è l’importatore mettano in atto accordi corretti. Ciò include la garanzia che i termini e le condizioni del sito web riflettano il fatto che il cliente è l’importatore e che l’azienda abbia il potere di nominare un dichiarante doganale per suo conto. È anche importante che la documentazione doganale sia compilata correttamente. Anche evitare termini come DDP sul sito web è fondamentale, in quanto implica che l’azienda è l’importatore.

Ha ancora domande?

Per un aiuto con le richieste di importazione dall’UE o se la sua azienda ha bisogno di assistenza per la conformità all’IVA si metta in contatto con per parlare con uno dei nostri esperti fiscali.