La Francia, una delle maggiori economie dell'Unione Europea, adotta i controlli continuativi sulle transazioni

Fatturazione elettronica in Francia dal 2023

La Francia sta introducendo controlli continui delle transazioni (CTC). A partire dal 2023, la Francia attuerà un obbligo obbligatorio di autorizzazione per la fatturazione elettronica B2B e l’obbligo di segnalazione elettronica. Con questi requisiti completi, oltre all’obbligo di fatturazione elettronica B2G già obbligatorio, il governo mira ad aumentare l’efficienza, tagliare i costi e combattere le frodi.

Dal 2023 tutte le fatture B2B saranno trasmesse tramite una piattaforma centrale o tramite fornitori di servizi certificati collegati a tale piattaforma centrale. Questa liquidazione delle fatture elettroniche getterà le basi e fornirà all’autorità fiscale francese i dati relativi a qualsiasi transazione B2B nazionale.

Per combattere efficacemente le frodi, l’autorità fiscale avrà bisogno di accedere a più dati sulle transazioni. Pertanto, i dati che l’autorità fiscale non riceverà nell’ambito del processo di liquidazione delle fatture elettroniche saranno soggetti all’obbligo di segnalazione elettronica complementare. Ad esempio, fatture B2C e fatture transfrontaliere, nonché alcuni dati di pagamento.

Pertanto, l’autorità fiscale riceverà i dati sulle transazioni B2C e B2B (inclusi alcuni dati di pagamento) mediante due misure: il mandato di liquidazione della fattura elettronica combinato con l’obbligo di segnalazione elettronica.

Ottieni le informazioni di cui hai bisogno

Fatti rapidi di fatturazione elettronica B2B Francia

  • I requisiti proposti entrano in vigore negli anni 2023-2025.
  • La procedura di convalida delle fatture elettroniche si baserà su una serie di fornitori di servizi certificati che collegano i contribuenti a una piattaforma centralizzata.
  • Il formato standard per la fatturazione elettronica è Factur-X, una struttura ibrida che consente l’invio dei documenti sia in formato XML che PDF.
  • Per le fatture elettroniche dovranno essere compilati tutti i campi obbligatori, oltre che quelli previsti dalle normative commerciali, ivi inclusi i dettagli riguardanti le singole voci. Nella fattura saranno riportati inoltre il tipo di operazione (beni, servizi, misto) e l’opzione di pagamento IVA. Saranno accettati sia il formato strutturato che quello ibrido (immagine + dati strutturati), ma i formati consentiti non sono stati ancora definiti.
  • Per l’e-reporting, il livello di dettaglio dipenderà dal software finanziario utilizzato dal fornitore. Le piccole aziende senza software di contabilità segnaleranno meno dettagli rispetto a una società dotata di un ERP o di un software di fatturazione.
  • Dati sullo stato del pagamento per ciascuna fattura fornita sia dall’acquirente (pagamento inviato) che dal fornitore (pagamento ricevuto).

Date di implementazione della& segnalazione elettronica della fattura elettronica francese

  • 1° gennaio 2023: le grandi aziende saranno soggette al mandato di autorizzazione e di segnalazione elettronica B2B per la liquidazione delle fatture elettroniche. Non è necessario cancellare le fatture B2C e transfrontaliere, ma c’è l’obbligo di segnalare in modo che l’amministrazione fiscale abbia piena visibilità. Tutte le società devono accettare fatture elettroniche in base al nuovo mandato.
  • 1° gennaio 2021: l’obbligo viene esteso alle medie imprese.
  • 1° gennaio 2025: Tutte le società saranno nell’ambito del mandato entro il 1o gennaio 2025.

Come Sovos può essere utile

Sovos funge da punto di riferimento per la gestione degli adempimenti in materia di fatturazione elettronica, in Francia e in tutto il mondo. Sovos combina eccellenza a livello locale con un’esperienza cliente fluida e di portata globale.