L’IVA nell’era digitale introduzione di una piu’ estesa platea di transazioni ricomprese nella registrazione unica ai fini IVA

Luca Clivati
7 Marzo, 2023

Il piano L’IVA nell’era digitale della Commissione europea propone una serie di novità, fra cui una registrazione IVA unica per facilitare il commercio transfrontaliero.

La proposta, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2025, è parte dell’iniziativa della Commissione per modernizzare l’IVA nell’UE. In sostanza, comporterebbe la registrazione IVA una sola volta in tutta l’UE per più categorie di transazioni, riducendo così i tempi e i costi di amministrazione.

Registrazione unica a fini IVA: gli effetti sul commercio B2C

Il regime OSS (One Stop Shop) è un sistema di assolvimento dell’IVA unico per tutto il territorio dell’Unione Europea. Benché facoltativo, può essere utilizzato per dichiarare e pagare l’IVA dovuta sulle vendite a distanza di beni da imprese a consumatori (B2C) e sulle prestazioni intracomunitarie di servizi B2C in tutti gli Stati membri dell’UE.

Il regime è stato accolto con favore e implementato da molte aziende, al punto che si sta valutando la possibilità di ampliarlo per rendere ancora più semplice l’assolvimento dell’IVA nell’intera area.

Per modernizzare ulteriormente il sistema IVA dell’UE, la Commissione ha proposto di allargare il regime OSS per il commercio elettronico al fine di includere:

  • Vendite di beni B2C sul mercato interno degli Stati membri dell’UE
  • Forniture B2C di installazione o assemblaggio di beni a bordo di navi, aerei o treni
  • Fornitura B2C di gas, energia elettrica, riscaldamento e raffrescamento
  • Forniture B2C di beni usati forniti in regime del margine, opere d’arte, oggetti da collezione e antiquariato
  • Movimento intracomunitario di beni propri, ipotizzando che il cliente finale sia un privato

Conseguenze per le piattaforme online che vendono nell’UE

Nonostante si sia parlato di una modifica della soglia per il regime Import One Stop Shop (IOSS), l’attuale soglia di 150 euro per le vendite B2C importate resterà in vigore almeno per il futuro prossimo. Inoltre, il regime continuerà a essere facoltativo per le imprese.

Tuttavia, il regime IOSS diventerà obbligatorio per le piattaforme che facilitano le vendite a distanza extra-UE di beni di valore inferiore a 150 euro. L’UE rafforzerà la sicurezza del regime IOSS, concedendo alle sue autorità doganali l’accesso alle informazioni sulle imprese registrate nel regime.

Registrazione unica a fini IVA: gli effetti sul commercio B2C

Per quanto riguarda le cessioni B2B, la Commissione europea intende armonizzare l’applicazione dell’inversione contabile prevista nell’articolo 194 della Direttiva UE in materia di IVA. L’inversione contabile, se implementata in uno Stato membro dell’UE, si applica ai venditori non residenti e riduce l’obbligo di registrarsi in un Paese straniero ai fini dell’IVA.

Attualmente, solo 15 Stati membri dell’UE applicano l’articolo sopra citato, e non tutti allo stesso modo.

L’introduzione della nuova inversione contabile B2B obbligatoria riguarderà alcune vendite di beni e servizi, se le transazioni soddisfano le seguenti condizioni:

  • Il venditore non risiede nello Stato membro in cui è dovuta l’IVA
  • L’acquirente/destinatario è registrato a fini IVA nello Stato membro dell’UE in cui è dovuta l’IVA
  • I beni venduti non rientrano in un regime del margine

Infine, l’UE abolirà le disposizioni della Direttiva IVA relative ai meccanismi di call-off stock a partire dal 31 dicembre 2024. Oltre tale data, non si potranno effettuare nuovi trasferimenti di beni nell’ambito di tale meccanismo, in quanto tale semplificazione non sarà più in vigore. Tuttavia, i beni forniti in base alle condzioni preesistenti potranno continuare a beneficiare del regime fino al 31 dicembre 2025.

E tu, hai quello che serve per affrontare la continua evoluzione delle normative?

Contattaci e ricevi l’assistenza di un esperto per alleggerire gli oneri di conformità IVA della tua azienda, rivedere la mappatura delle normative fiscali e verificare come migliorare il flusso di cassa. Se vuoi saperne di più su L’IVA nell’era digitale, dai un’occhiata a L’IVA nell’era digitale per la reportistica digitale e la fatturazione elettronica o a questo post del blog sull’economia delle piattaforme e L’IVA nell’era digitale.

Sign up for Email Updates

Stay up to date with the latest tax and compliance updates that may impact your business.

Author

Luca Clivati

Luca joined Sovos in 2022 and is a senior manager of the consulting team within Compliance Services. He holds a Master’s degree in International Economics and has 13+ years of experience on cross-border transactions and international VAT and GST. Luca specializes in tax consulting advisory focusing on indirect taxes, diagnosis, solution, development and implementation of clients’ tax requirements, VAT compliance and tax due diligences within the EU and in jurisdictions outside of it (mostly Norway, Switzerland, New Zealand, Australia and Singapore).
Share this post

E-Invoicing Compliance EMEA
April 5, 2023
Bizkaia: Qual è il sistema fiscale di Batuz?

La Bizkaia è una provincia della Spagna e un territorio storico dei Paesi Baschi, con un proprio sistema fiscale. Prima dell’approvazione della strategia Batuz, l’autorità fiscale della Bizkaia ha sviluppato diversi approcci per implementare una strategia completa che riducesse la frode fiscale. L’obiettivo è quello di impedire che la frode influisca sulle entrate generate dalle […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
February 13, 2023
L’IVA nell’era digitale: risposte alle domande che tutti si pongono

6 Frequenti Domande: Per capire meglio l’impatto delle proposte della commissione Europea nell’era digitale (ViDA) sulla tua attività, ti invito a leggere alcune delle domande più frequenti che ho ricevuto fino a questo momento. D: Quando le aziende probabilmente inizieranno a notare un impatto in seguito all’implementazione delle proposte ViDA?  R: Le proposte della Commissione […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 21, 2022
L’IVA nell’era digitale: trattamento dell’IVA sul fronte delle piattaforme digitali

La proposta “L’IVA nell’era digitale” della Commissione Europea apporta modifiche significative al trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali relativamente agli operatori nei servizi di alloggio di breve durata (massimo 45 giorni) e di trasporto passeggeri. Trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali Vale la pena ricordare che il “trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali” riguarda […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 8, 2022
L’IVA nell’era digitale: Segnalazione e fatturazione elettronica obbligatoria per le transazioni intracomunitarie dell’UE

La Commissione Europea ha annunciato la sua tanto attesa proposta di modifiche legislative in relazione all’iniziativa l’IVA nell’era digitale (ViDA). Si tratta di uno degli sviluppi più importanti nella storia dell’IVA europea, che riguarda non solo le aziende europee, ma anche quelle non europee che commerciano con l’UE. La proposta richiede la modifica della Direttiva […]

E-Invoicing Compliance North America
November 14, 2022
Gestisca i suoi mandati prima che siano loro a gestire lei.

È un buon anno per essere un leader IT. Dopo troppi anni in cui la frase “fare di più con meno” è stata il mantra della maggior parte delle organizzazioni per quanto riguarda la spesa tecnologica, le cose stanno finalmente migliorando. Secondo la società di ricerca Gartner , la spesa IT raggiungerà una cifra stimata […]