È un buon anno per essere un leader IT. Dopo troppi anni in cui la frase "fare di più con meno" è stata il mantra della maggior parte delle organizzazioni per quanto riguarda la spesa tecnologica, le cose stanno finalmente migliorando.

Secondo la società di ricerca Gartner , la spesa IT raggiungerà una cifra stimata di 4,5 trilioni di dollari nel 2022. Questo rappresenta un aumento del 5,1% rispetto al 2021 e rappresenta una spinta molto necessaria per le aziende che hanno bisogno di aggiornamenti tecnologici che potrebbero essere stati messi in secondo piano a causa della pandemia COVID-19.

I dipartimenti IT sono anche desiderosi di spostare l’attenzione dal semplice mantenimento a galla a progetti più a lungo termine che supporteranno strategicamente e con successo il futuro del lavoro. Questa affermazione è sostenuta dai numeri forniti dalla società di soluzioni di gestione IT Flexera nel suo State of Tech Spend Report.

Alla domanda su quali fossero i budget da destinare quest’anno, il 54% degli intervistati si aspetta un aumento degli investimenti e delle risorse da destinare alla tecnologia che rende più facile e agevole per i dipendenti lavorare da casa. Un altro 42% degli intervistati ha dichiarato una nuova disponibilità a passare al cloud per supportare le realtà di un mondo post-pandemia. I partecipanti a questo sondaggio, tutti dirigenti e manager di alto livello nel settore IT con una conoscenza significativa dei budget IT complessivi delle loro organizzazioni, hanno valutato cosa aspettarsi nell’anno a venire.

Questi risultati mostrano il livello di importanza che le aziende attribuiscono agli ambienti di lavoro ibridi e flessibili. La probabilità che il lavoro da casa, almeno in una certa misura, sia destinato a rimanere, ha spinto i reparti IT a ripensare le loro strategie per essere pronti ad affrontare qualsiasi sfida possa presentarsi.

Il Governo potrebbe ostacolarla?

Le strategie delineate dai dipartimenti IT sono solide e in linea con il mondo in cui viviamo. Tuttavia, c’è un’altra forza post-pandemica all’opera con il potenziale di far deragliare i piani migliori e di divorare una grande quantità di budget e risorse. La fatturazione elettronica è stata imposta dal governo.

Se lavora come leader IT in un’azienda multinazionale, probabilmente rientra in una delle due categorie seguenti. In primo luogo, siete stati portati a confrontarvi con le nuove realtà della supervisione e dell’applicazione in tempo reale da parte delle autorità di regolamentazione. Oppure due, lei sta per essere coinvolto nella mischia con il suo mandato interno, risolvendo definitivamente questo problema.

Perché sono così definitivo in questa dichiarazione? Perché lavoro con alcuni dei più grandi marchi del pianeta e sono testimone in prima persona dell’impatto che questi mandati hanno sulla loro organizzazione IT.

Quando si tratta di progetti IT, la maggior parte non è reattiva, ma è il risultato di una pianificazione attenta e metodica per un lungo periodo di tempo. Tuttavia, il governo sta cambiando le regole. I progetti e gli aggiornamenti non sono più sulla sua linea temporale. Quando implementano nuove leggi e mandati, o vi muovete rapidamente per affrontare il problema e sistemarlo o pagherete le conseguenze, che possono andare da multe salate fino alla perdita della licenza di operare.

Cosa significa per me?

Le leggi sulla fatturazione elettronica imposte dai governi si stanno rapidamente diffondendo in tutto il mondo e rappresentano una minaccia credibile per i vostri budget IT. I dipartimenti IT devono essere preparati per le nuove realtà che accompagnano la fatturazione elettronica su mandato del governo. Con le autorità che ora si trovano nello stack di dati delle sue aziende e che esaminano le transazioni in tempo reale mentre attraversano la sua rete, avrà bisogno di una soluzione che le consenta di fornire le informazioni nel formato richiesto in tempo reale.

In conclusione, la conformità non è più un problema fiscale. I leader dell’IT e gli altri dirigenti devono collaborare per allineare le funzioni aziendali in modo trasversale. L’IT deve garantire le risorse e gli strumenti necessari per soddisfare gli obblighi imposti dal governo, indipendentemente dal settore o dall’ubicazione dell’azienda.

L’incapacità di affrontare il problema in anticipo porterà solo a problemi più complessi e costosi, che assorbiranno budget e risorse critiche destinate ad altri progetti prioritari.

Agisci

Se non sa da dove iniziare per costruire la sua strategia, si rivolga ai nostri esperti.

Forse non si tratta di QUEL telefono rosso che sta squillando, ma stia certo che la direzione sta affrontando un problema serio e si rivolge all’IT per risolverlo.

Ci sono due cose che rendono i consigli di amministrazione e le C-Suite più nervosi di qualsiasi altra cosa. Rischi che possono avere un impatto sulla linea di fondo e sulla reputazione dell’azienda/marchio. Questo problema attuale può fare entrambe le cose e in fretta, se non viene affrontato tempestivamente.

Sto parlando di mandati fiscali del governo.

Ora si potrebbe chiedere: i mandati governativi non esistono da decenni? Perché l’urgenza ora? Sì, esistono da molto tempo, ma non sono mai esistiti nella loro forma attuale e non hanno mai avuto la capacità di avere un impatto così rapido sulle sue operazioni.

Mi permetta di spiegare. In passato, le organizzazioni di tutto il mondo erano tenute a riferire sulle transazioni dopo il fatto e a pagare gli importi che erano legalmente obbligati a pagare. Se non lo facessero, il governo potrebbe sottoporli a un audit qualche mese o anno dopo e applicare una sanzione nel caso in cui le cose non fossero in regola. Nel grande schema delle cose, si trattava di un piccolo inconveniente per le aziende e non di un vero deterrente per i processi difettosi o la negligenza.

Tutto questo ha iniziato a cambiare qualche anno fa, quando i governi hanno iniziato a guardare a un divario fiscale che stava crescendo, senza soluzioni facili per regnare. Pensa che stia esagerando? Secondo il rapporto 2021 sul Gap IVA della Commissione Europea, solo nel 2019 i Paesi dell’UE hanno perso 134 miliardi di euro di entrate derivanti dall’Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) legalmente dovute dalle imprese.

Questo è stato un campanello d’allarme per tutti i Paesi che utilizzano il sistema di tassazione IVA in tutto il mondo. Non solo stavano perdendo le entrate necessarie, ma il problema si stava aggravando. Bisognava fare qualcosa e in fretta, altrimenti non sarebbero stati in grado di finanziare programmi vitali nei loro Paesi.

Arriviamo a oggi. I Paesi hanno preso in seria considerazione il problema e hanno deciso che la tecnologia è la risposta. Hanno investito molto nella digitalizzazione e hanno portato le loro capacità non solo al livello delle imprese, ma in molti casi, probabilmente per la prima volta nella storia, hanno superato le capacità dell’industria privata di monitorare e riferire sulle transazioni finanziarie.

Oggi non c’è più un rapporto dopo il fatto. I governi si sono insediati proprio nel vostro stack di dati e stanno esaminando le transazioni in tempo reale. E con il monitoraggio in tempo reale è arrivata anche l’applicazione in tempo reale. Se non riporta le informazioni nel modo richiesto dal governo, può aspettarsi un’azione rapida che va da multe costose fino alla revoca della licenza commerciale in quel Paese. Entrambi sarebbero colpi devastanti per le prospettive finanziarie e la reputazione della sua azienda.

Ecco perché è così urgente coinvolgere l’IT e avere una strategia per affrontare il problema su base globale. Le cose si complicheranno sempre di più e la capacità di scalare i sistemi per soddisfare i mutevoli mandati fiscali in tutti i luoghi in cui si opera è diventata una priorità assoluta per le aziende.

Per quanto riguarda l’IVA, si tratta di un mondo nuovo, con il quale bisogna fare i conti. Se queste informazioni sono nuove per lei o sta affrontando l’impatto sulla sua organizzazione, la invito a ricordare e a condividere con i suoi colleghi le seguenti cinque cose:

1. Il governo è nei suoi dati

La rendicontazione fiscale in tempo reale sta diventando la nuova norma per le aziende di tutto il mondo. I governi non si accontentano più di ricevere i dati a posteriori e ora richiedono una presenza permanente nel vostro stack di dati.

2. I mandati governativi in materia di dati stanno togliendo il controllo alle aziende

Con la fatturazione elettronica, che è stata imposta dai governi, le aziende hanno poco tempo per prepararsi a questo cambiamento. Per rimanere operativo e rispettare questi mandati, l’IT deve creare una strategia per garantire il rispetto degli obblighi del mandato, rispettando i parametri dei piani e dei budget a lungo termine.

3. I mandati dei dati si muovono e si evolvono rapidamente

Poiché i governi si stanno muovendo rapidamente verso l’implementazione della fatturazione elettronica, le organizzazioni si trovano ora di fronte a una finestra estremamente breve per aggiornare i codici fiscali e i mandati. Per i dipartimenti IT, la supervisione e l’esecuzione di questi cambiamenti diventerà una delle loro principali priorità.

4. I mandati per i dati non sono coerenti da Paese a Paese

Per le organizzazioni internazionali, rimanere aggiornati sui nuovi processi, tecnologie e normative sono tutti componenti essenziali per gestire un’attività di successo. Tuttavia, i diversi approcci adottati da ogni singola autorità di regolamentazione stanno causando molta incertezza alle aziende. La sfida per l’IT è quella di creare un’infrastruttura che consenta all’azienda di soddisfare i singoli mandati delle autorità normative di ciascun Paese, integrandosi al contempo per fornire un cruscotto globale in tempo reale sullo stato di conformità dell’organizzazione.

5. I governi hanno aumentato la severità e la velocità dell’applicazione

Le autorità fiscali stanno diventando più aggressive che mai per colmare le lacune fiscali. Con l’uso di strumenti e processi digitali, i governi possono accelerare rapidamente la conformità e tracciare efficacemente le frodi fiscali. Nel mondo digitale di oggi, le sanzioni possono essere più rapide e più severe che in passato. L’IT deve garantire che i dati delle transazioni siano presentati alle autorità di regolamentazione nel formato e nei tempi richiesti.

Spero che queste informazioni le diano qualche spunto di riflessione per affrontare le mutevoli realtà dei mandati fiscali globali.

Agisci

Dopo aver letto questo, se ha delle domande, si senta libero di contattare i nostri esperti.

Parte III di V – Eric Lefebvre, Chief Technology Officer, Sovos 

Clicchi su qui per leggere la parte II della serie.

Le leggi sulla fatturazione elettronica imposte dai governi si stanno facendo strada in quasi tutte le regioni del mondo, portando mandati e aspettative sempre più stringenti per le aziende. Inseriti in ogni aspetto della sua attività, i governi sono ora un’influenza onnipresente nel suo stack di dati, che esamina ogni transazione in tempo reale mentre attraversa la sua rete. Il monitoraggio in tempo reale ha portato anche all’applicazione di norme in tempo reale che possono variare in gravità, da multe significative alla chiusura completa dell’azienda. Tutto questo ha creato una nuova realtà per i leader IT, che hanno bisogno di una strategia per affrontare questi cambiamenti globali. Abbiamo chiesto al nostro Chief Technology Officer, Eric Lefebvre, di offrirci la sua guida su come questo influirà sui reparti IT e su come possono prepararsi al meglio.

D: Con le autorità governative che ora si occupano dei dati delle aziende e richiedono un reporting in tempo reale o quasi, che impatto avrà questo sui dipartimenti IT?

EL: La centralizzazione è la chiave, ma c’è un processo da seguire per una corretta esecuzione. All’inizio, la centralizzazione deve iniziare con i processi aziendali, le prassi, gli strumenti e la standardizzazione delle tecnologie push/pull dei dati in tutta l’organizzazione. Poi, l’IT deve considerare i dati in base alle esigenze basate sugli SLA. A partire da:

Dati di consegna:

Una volta consolidati questi aspetti, l’IT può concentrarsi sui dati operativi, che contengono:

I reparti IT devono concentrarsi sulla disponibilità dei dati, aggiungendo fonti multiple replicate di quei dati. La localizzazione dei dati è un’altra esigenza critica, determinata dai mandati che si spostano per lo più verso il mantenimento dei dati locali, come stiamo vedendo in Paesi come l’Arabia Saudita e molte altre nazioni dell’Asia orientale. I reparti IT devono garantire la possibilità di fornire archivi di dati satellitari, che sono fondamentali per i Paesi con queste specifiche. La centralizzazione dei processi e degli strumenti per la consegna dei dati è il primo passo. Per la fase due, i dati devono essere suddivisi, evitando di conservare i dati per anni in un unico archivio di dati, rendendo impossibile spostarli/replicarli e renderli disponibili.

D: Per soddisfare i mandati governativi e garantire che le operazioni continuino senza interruzioni, a cosa dovrebbe dare priorità l’IT? Quale approccio consiglierebbe?

EL: Quando le organizzazioni passano a un approccio centralizzato, devono essere consapevoli che il raggio d’azione del "fallimento" non riguarda solo un singolo Paese. Per combattere questo problema, le organizzazioni IT devono disporre di procedure e piani solidi che aiutino a evitare queste situazioni e a limitare rapidamente i danni se si verifica un problema. La considero come tre aree di interesse distinte:

Procedure di controllo delle modifiche. Rafforzare i controlli d’impatto non solo per le modifiche al codice o gli aggiornamenti operativi, ma anche per le modifiche normative e di configurazione.
Procedure di test. Si allontani dai test di portata regionale e incorpori test sintetici globali end-to-end, a partire dal servizio edge fino a tutti i server backend e viceversa.
Gestione degli incidenti. Passare dal monitoraggio del backend a una visione centrale del monitoraggio e degli outage in un unico pannello, supportata da un centro operativo globale in un modello in stile Follow the Sun.

Sono cambiate molte cose nel mondo della fatturazione elettronica, che è stata imposta dai governi. I continui investimenti nella tecnologia da parte delle autorità governative hanno messo i regolatori nella posizione di richiedere una maggiore trasparenza e un reporting più dettagliato e in tempo reale. Per soddisfare queste esigenze, le aziende si rivolgono alle loro organizzazioni IT. La buona notizia è che non ha bisogno di andare avanti da solo. Sovos ha l’esperienza necessaria per guidarla in questa evoluzione globale, grazie alla nostra esperienza di collaborazione con molti dei marchi più importanti del mondo.

Agisci

Ha bisogno di aiuto per stare al passo con i mandati globali? Si metta in contatto con il team di esperti fiscali di Sovos.

Parte II di V – Oscar Caicedo, Vicepresidente della gestione dei prodotti IVA America, Sovos

Clicchi su qui per leggere la parte I della serie. 

Le leggi sulla fatturazione elettronica imposte dai governi si stanno facendo strada in quasi tutte le regioni del mondo, imponendo alle aziende mandati e aspettative sempre più stringenti. Inseriti in ogni aspetto della sua attività, i governi sono ora un’influenza onnipresente nel suo stack di dati, che esamina ogni transazione in tempo reale mentre attraversa la sua rete. Il monitoraggio in tempo reale ha portato anche ad un’applicazione in tempo reale che può variare in gravità, da multe significative alla chiusura totale dell’azienda. Tutto questo ha creato una nuova realtà per i leader IT, che hanno bisogno di una strategia per affrontare questi cambiamenti globali. Abbiamo chiesto al nostro vicepresidente della gestione dei prodotti per l’IVA, Oscar Caicedo, di offrirci la sua guida su come questo influirà sui dipartimenti IT e su come possono prepararsi al meglio.

D: Con le autorità governative che ora si occupano dei dati delle aziende e che richiedono un reporting reale o quasi in tempo reale, quale sarà l’impatto sui reparti IT?

OC: Per me, questo si divide in quattro categorie distinte:

1. Architettura dei processi aziendali – Man mano che gli enti normativi diventano più avanzati, è importante esaminare il processo aziendale funzionale complessivo, non solo il meccanismo tecnico di segnalazione. Molti processi aziendali sono stati consolidati molto prima che le capacità attuali fossero prontamente disponibili. È importante rivedere il processo aziendale per poter determinare il miglior percorso tecnico da seguire.

2. Fonte di verità – Con l’ambiente complesso in cui i reparti IT devono navigare, è necessario ridefinire le aspettative sulla fonte di verità dei dati/processi. Gli ecosistemi dei sistemi back-end non sono stati costruiti tenendo conto delle attuali esigenze di conformità/regolamentazione. Nei mercati maturi, dove i governi continuano a far progredire le capacità tecniche, è fondamentale avere una strategia chiara per proteggersi dai rischi di verità alla fonte. Altrimenti, gli enti normativi locali tendono a diventare la fonte ultima della verità.

3. Aggregazione/riconciliazione dei dati – La mancanza di chiarezza sulla fonte di verità per ogni processo aziendale funzionale può portare a rischi importanti. La registrazione dei dati in tempo reale con le autorità di regolamentazione locali è stata la sfida iniziale. La sfida attuale consiste nel garantire che tutti i sistemi coinvolti siano mantenuti in sincronia e siano sempre completamente armonizzati. I reparti IT devono riconoscere che è ormai un must per navigare nell’ambiente attuale.

4. Master Data – I dati nei sistemi back-end erano già abbastanza complicati da supportare in modo centralizzato. Una volta introdotte le esigenze normative in tempo reale, il problema dei dati è diventato esponenzialmente più grande. Le strutture di dati, le librerie di dati e i programmi di estrazione sono tutti tentativi di risolvere il problema, ma normalmente questi tentativi falliscono a causa di lacune nella comprensione di ciò che è obbligatorio o facoltativo. Una guida chiara sulle esigenze locali è fondamentale prima di decidere una strategia tecnica.

D: Per soddisfare i mandati governativi e garantire che le operazioni continuino senza interruzioni, a cosa dovrebbe dare priorità l’IT? Quale approccio consiglierebbe?

OC: Darei la priorità ad una chiara comprensione normativa dei mercati/geografie in cui opera. Questo sembra ovvio, ma non è sempre così. Il 99% delle volte, quando parlo con una grande organizzazione multinazionale, non ha ben chiare le esigenze del mercato locale. Gli sforzi per centralizzare o adottare un approccio coesivo falliscono perché i decisori IT chiave non hanno compreso la normativa.

Inoltre, è necessario concentrarsi sui processi aziendali e sui requisiti dei dati per il loro successo e risolvere il problema end-to-end. La sfida non finisce con la registrazione dei dati. Il problema termina quando si dispone della visibilità, della manutenzione, del supporto, della riconciliazione e dell’intelligence adeguate per essere completamente preparati.

Non corra rischi. L’ambiente normativo è molto dinamico, per cui è importante garantire un’adeguata verifica di tutti gli scenari aziendali necessari per operare. La mancanza di script di test chiari può portare a sorprese negli ambienti di produzione, che possono avere grandi implicazioni per l’operazione.

Infine, consolidare il più possibile. Ciò significa semplificare i punti finali, i protocolli di comunicazione, le strutture dati, ecc. Ciò consentirà un modo più efficiente di gestire i processi obbligatori nelle diverse giurisdizioni.

Sono cambiate molte cose nel mondo della fatturazione elettronica, che è stata imposta dai governi. I continui investimenti nella tecnologia da parte delle autorità governative hanno messo i regolatori nella posizione di richiedere una maggiore trasparenza e un reporting più dettagliato e in tempo reale. Per soddisfare queste esigenze, le aziende si rivolgono alle loro organizzazioni IT. La buona notizia è che non ha bisogno di andare avanti da solo. Sovos ha l’esperienza necessaria per guidarla in questa evoluzione globale, grazie alla nostra esperienza di collaborazione con molti dei marchi leader a livello mondiale.

 

Agisci

Ha bisogno di aiuto per stare al passo con i mandati globali? Si metta in contattocon il team di esperti fiscali di Sovos.

In qualità di direttore finanziario, Kevin dirige tutte le discipline finanziarie e contabili di Sovos. In questo ruolo, supervisiona le practice lead globali per le funzioni aziendali critiche, tra cui tasse, tesoreria, sviluppo aziendale, operazioni contabili e pianificazione e analisi finanziaria.

La filosofia aziendale di Kevin consiste nell’assumere le persone migliori, dare loro una serie chiara di priorità strategiche e poi dare loro lo spazio e il supporto necessari per realizzare i loro obiettivi. È un veterano del settore tecnologico, avendo ricoperto posizioni finanziarie senior presso Sparta Systems, Honeywell e General Electric.

La carriera di Kevin fino ad oggi gli ha offerto molteplici opportunità di vivere e lavorare all’estero, tra cui tappe in Francia e Giappone. Ritiene che queste esperienze lo abbiano reso un leader più completo, in grado di comprendere il ruolo della cultura nel gestire con successo un’azienda globale.

Quando non è in ufficio, è molto probabile trovare Kevin che esplora l’area di Atlanta con sua moglie e i suoi due figli.

Per maggiori informazioni, consulti il profilo LinkedIn di Kevin.

In qualità di Chief Marketing Officer, Leah ha il compito di definire la strategia di marketing globale per l’organizzazione, di favorire la collaborazione e di stabilire le migliori pratiche a livello mondiale. Il suo ruolo è quello di influenzare e migliorare tutti gli aspetti del customer journey per far crescere la domanda di soluzioni e servizi Sovos.

Lo stile di leadership e la filosofia aziendale di Leah sono radicati nel potere di lavorare in modo cooperativo verso un obiettivo comune. È convinta che quando i team sono informati e responsabilizzati, produrranno il loro lavoro migliore. Sfidare gli individui a raggiungere l’eccellenza, sostenendoli al contempo con gli strumenti necessari per prosperare in qualsiasi ambiente, è un principio fondamentale del suo approccio manageriale.

Una carriera trascorsa alla guida di team di marketing globali in diverse discipline del fintech l’ha preparata al meglio per guidare un settore in cui il cambiamento continuo è l’unica costante. Ha la passione di aiutare le piccole imprese ad avere successo attraverso l’uso della tecnologia, un’abilità che ha acquisito in giovane età lavorando nell’attività di vendita al dettaglio dei suoi genitori.

Quando non è in ufficio, è probabile che troviate Leah a trascorrere del tempo con la sua famiglia e i suoi amici al lago, in viaggio per la sua prossima avventura o a vedere l’ultimo spettacolo a teatro.

Per maggiori informazioni, consultare il profilo LinkedIn di Leah.

In qualità di vicepresidente della Pianificazione finanziaria & Analysis, Maylin dirige la nostra funzione finanziaria aziendale per supportare la leadership di Sovos e i team regionali e funzionali nel guidare la crescita.

Maylin è appassionata di miglioramento dei processi e di guida di team finanziari ad alte prestazioni, portando in Sovos una vasta esperienza in materia di reporting finanziario, integrazione di fusioni e acquisizioni, implementazione di sistemi finanziari e supporto alle relazioni con gli investitori. Ha lavorato in tre aziende Fortune 500 e, più recentemente, in due società a forte crescita sostenute da private equity.

Residente ad Atlanta, Maylin ama trascorrere il tempo a casa e viaggiare con il marito e le due figlie adolescenti.

Per maggiori informazioni, consultare il profilo LinkedIn di Maylin.

In qualità di vicepresidente del marketing di prodotto per le piccole e medie imprese (PMI), Mark si pone l’obiettivo di comprendere e assistere al meglio questo specifico segmento di clientela. Il team che dirige ha il compito di progettare soluzioni, stabilire i prezzi e sviluppare strategie go-to-market in grado di aiutare le imprese emergenti a raggiungere la piena conformità fiscale sin dai primi passi.

Animato dalla passione di comprendere le esigenze del cliente tramite l’analisi sia dei dati quantitativi che qualitativi, Mark è un convinto adepto del concetto "NIHITO" (in ufficio non accade nulla di interessante). I dati, infatti, pur essendo fondamentali valgono fino a un certo punto. L’ingrediente segreto alla base di relazioni efficaci sono le discussioni franche e dirette con i clienti già acquisiti e quelli potenziali.

La natura di Mark è quella di un "problem solver" cooperativo, capace di allineare il team e le strategie alle esigenze del cliente. Questo approccio consente al suo team di lanciare sul mercato le soluzioni software più efficienti possibili. La sua passione per la semplificazione di ciò che è complesso gli è sempre stata preziosa per creare e mantenere un rapporto con il buyer PMI moderno.

Al di fuori del lavoro, il ruolo di Mark è quello di padre di tre splendide figlie, un’attività che lo mantiene, al contempo, occupatissimo e umile. Nel tempo libero adora le attività all’aria aperta, come l’escursionismo e lo sci, senza tralasciare la sua anima di musicista. Mark ha conseguito una laurea in Business Management presso la Hamline University. Interviene spesso nelle conferenze del settore e detiene numerose certificazioni ottenute presso Customer Centric Sales, Pragmatic Marketing e Forrester Decisions.

Per ulteriori informazioni, consultare il suo profilo LinkedIn.

In qualità di vicepresidente e leader globale per l’assistenza clienti, Angelique Stewart ha il compito di creare e mantenere un’esperienza di supporto di livello mondiale per i clienti di Sovos. Con una filosofia personale e professionale radicata nella convinzione che non ci si debba mai accontentare di meno; Angelique sfida costantemente se stessa e il suo team a trovare modi per migliorare.

Angelique è una campionessa per il suo team e lavora per garantire che crescano professionalmente e realizzino il loro pieno potenziale. Crede che un team di successo possa essere sostenuto solo quando si aiutano le persone a raggiungere i loro obiettivi personali mentre si lavora anche per raggiungere obiettivi organizzativi.

Laureata al college di prima generazione, i suoi nonni emigrarono negli Stati Uniti dalle Barbados, apprezzò la spinta e la forte etica del lavoro instillatale in lei dalla sua famiglia. Questo è qualcosa che porta in ufficio ogni giorno e qualcosa che lei e suo marito Marlon, originario della Giamaica, lavorano per impressionare la loro figlia Amaya.

Quando non è in ufficio, Angelique in genere frequenta le partite di calcio con la sua famiglia e Yorkie Jaxon, cucinando o godendo la sua musica preferita. Il viaggio è una sua passione ed è sempre alla ricerca della sua prossima avventura.

Per ulteriori informazioni, vedere il profilo LinkedIn di Angelique.

Per l’assistenza clienti, consulta la nostra pagina di assistenza.

In qualità di Chief Channel Officer, Jonathan guida la strategia, i programmi e le vendite dei partner. Nel suo ruolo lavora in tutte le regioni, i team di prodotto e le aree funzionali per garantire uno stretto allineamento sulle migliori pratiche e l’esecuzione del go-to-market.

La filosofia di Jonathan è incentrata sulla scalabilità e sul successo reciproco. Approfondimenti che ha acquisito durante i suoi oltre 20 anni di sviluppo di organizzazioni commerciali e partner globali presso aziende tecnologiche leader e in rapida crescita, tra cui VMware, Red Hat e Deltek.

Jonathan ha una vasta esperienza nella gestione di team ad alte prestazioni Accredita il suo successo nel fornire alle persone la libertà di eseguire all’interno di una cultura imprenditoriale legata a una missione chiara.

Al di fuori del lavoro, Jonathan ama passare il tempo con la famiglia, viaggiare ed è un appassionato di baseball e calcio. Ha conseguito una laurea in marketing presso l’Università del Colorado e un MBA presso la Johns Hopkins University.

Per ulteriori informazioni, vedere il profilo LinkedIn di Jonathan.

In qualità di vicepresidente dei servizi professionali, Dan ha il compito di creare una solida organizzazione incentrata sul cliente, costruita su un team ben bilanciato e una visione condivisa del successo.

La filosofia aziendale di Dan è quella di riunire persone attente alla carriera che siano orgogliose di ciò che fanno. Crede che il leggendario allenatore di basket Pat Summitt lo riassuma meglio: «Responsabilità è responsabilità uguale proprietà. E il senso di appartenenza è l’arma più potente che un team o un’organizzazione possano avere».

Ha trascorso più di 15 anni a costruire processi di implementazione ripetibili e a ottenere risultati prevedibili nello spazio fintech. Un professionista orientato ai risultati, Dan è orgoglioso di assumere la proprietà di un determinato incarico e di trovare modi per eseguire da solo.

Fuori dall’ufficio, è probabile che Dan trascorra del tempo con la sua famiglia alla pista di pattinaggio dove allena i suoi tre ragazzi. Quando riesce a fuggire dalla pista, lui e sua moglie si divertono a provare nuovi ristoranti e birrifici artigianali del New England.

Dan ha conseguito un Bachelor of Science presso la Syracuse University e un Master in Business Administration presso la Bentley University.

Per ulteriori informazioni, vedere il profilo LinkedIn di Dan.

Per l’assistenza clienti, consulta la nostra pagina di assistenza.

As chief technology officer (CTO), Eric sets and oversees technology strategy for Sovos. With more than 25 years’ experience leading technology teams, he is a strong proponent for establishing a corporate vision and then providing his teams with the room to work, ensuring they have the freedom to tap into their full potential.

Eric has a wealth of experience leading teams throughout his career that focused on critical, high-volume transactions. Most recently, Eric was the CTO for Fiserv’s core payment acceptance business unit where he led a global organization supporting the world’s largest payment card processing volumes.

Eric’s leadership style was honed during the six years he spent in the Army National Guard as a combat engineer and squad leader. Here he learned the importance of professionalism, accountability and that the mission always comes first.

A self-described passionate and outgoing person, Eric enjoys hiking Kennesaw Mountain National Park and the many trails around Metro Atlanta with his family and dog. When not in his home office, you are likely to find him on his ERG rowing machine, or potentially brewing bourbon barrel porter beers or pitching yeast for wine or mead making.

For more information, see Eric’s LinkedIn profile.

In qualità di amministratore delegato per la regione delle Americhe, Alvaro guida diverse iniziative Sovos, inclusa l’integrazione di aziende e tecnologie acquisite nelle nostre soluzioni strategiche e offerte di prodotti. Alvaro ritiene che l’adozione di un approccio basato sul cliente aiuti a comprendere meglio le esigenze dei clienti e a concentrarsi sulla risoluzione di problemi specifici in tutte le regioni.

Alvaro è entrato a far parte di Sovos dalla sua acquisizione di Acepta, dove ha ricoperto il ruolo di amministratore delegato. Durante il suo mandato, ha guidato l’azienda a una posizione di leadership nell’emissione di fatture elettroniche, documenti elettronici e identità digitale in Cile. Ora con Sovos, definisce la strategia per portare questi servizi in tutta la regione SSA.

Creare una cultura con una particolare attenzione alla risoluzione dei problemi dei clienti è qualcosa di cui Alvaro è appassionato. Egli vede il suo ruolo come riunire un gruppo di persone di talento, sfruttando appieno il loro potenziale e fornendo loro lo strumento necessario per avere successo. L’opportunità di costruire un nuovo team all’interno di Sovos lo ha ispirato a iniziare un nuovo percorso di problem solving.

Quando non sei in ufficio, troverai Alvaro che gioca a golf, a tennis o a correre. Si tiene anche impegnato insegnando tennis ai suoi tre figli.

Per ulteriori informazioni, vedere il profilo LinkedIn di Alvaro.

In qualità di vicepresidente del Product Management for VAT Americas, Oscar Caicedo definisce la direzione del mercato e del prodotto attraverso controlli continui delle transazioni, reporting e determinazione delle imposte. In questo ruolo, dirige gruppi di esperti in materia dedicati in tutta la regione delle Americhe.

Oscar vanta oltre un decennio di esperienza alla guida di team di consulenza e implementazione incentrati sull’integrazione dei dati e sui requisiti normativi. È un esperto riconosciuto nel settore della trasformazione digitale e delle soluzioni fiscali elettroniche. Prima di Sovos, Oscar ha trascorso più di quattro anni in Invoiceware, che è stata acquisita da Sovos nel 2016.

Oscar ha gestito complessi progetti di implementazione per molti dei marchi più riconoscibili al mondo. Ha conseguito un Bachelor of Business Administration in economia aziendale presso la Georgia State University.

Nella «Dichiarazione su una soluzione a due pilastri per affrontare le sfide fiscali derivanti dalla digitalizzazione dell’economia» pubblicata il 1° luglio 2021, i membri del G20 Inclusive Framework on Base Erosion and Profit Shifting («BEPS») hanno concordato un quadro per andare avanti con un accordo globale di riforma fiscale.

Ciò affronterà le sfide fiscali di un’economia mondiale sempre più digitale. A partire dal 9 luglio 2021, 132 delle 139 giurisdizioni membri dell’OCE/G20 hanno accettato il quadro inclusivo sul BEPS.

Dettagli pilastro

Pilastro 1

Il primo pilastro conferisce ai paesi di mercato un nuovo diritto di tassazione, l’importo A, per garantire che le società paghino le tasse su una parte degli utili residui ottenuti dalle attività di tali giurisdizioni, indipendentemente dalla presenza fisica. Il primo pilastro si applicherà alle multinazionali («MNE») con fatturato globale superiore a 20 miliardi di euro e redditività superiore al 10%.

Ci sarà una nuova regola del nexus che consente l’assegnazione dell’importo A a una giurisdizione di mercato quando l’impresa multinazionale in ambito ricava almeno 1 milione di euro di ricavi da tale giurisdizione. Per le giurisdizioni con un PIL inferiore a 40 miliardi di euro, il nesso sarà invece fissato a 250.000 euro.

La «regola del nexus per scopi speciali» determina se una giurisdizione è idonea per l’allocazione dell’importo A. Inoltre, i paesi hanno concordato una ripartizione del 20-30% degli utili residui MNE in ambito alle giurisdizioni di mercato, con il nexus che utilizza una chiave di allocazione basata sui ricavi.

Le entrate saranno ricavate alle giurisdizioni del mercato finale in cui vengono consumati beni o servizi, con regole dettagliate sulle fonti ancora in arrivo.

Maggiori dettagli sulla segmentazione sono ancora in corso, così come la progettazione finale di un porto sicuro dei profitti di marketing e distribuzione che limiterà i profitti residui consentiti alla giurisdizione di mercato attraverso l’importo A.

Infine, i paesi hanno accettato di snellire e semplificare l’importo B con particolare attenzione alle esigenze dei paesi a bassa capacità. I dettagli finalizzati dovrebbero essere completati entro la fine del 2022.

Pilastro 2

Il pilastro 2 è costituito da regole globali contro l’erosione anti-base («GloBe») che garantiranno che le MNE che soddisfano la soglia di 750 milioni di euro paghino un’aliquota fiscale minima di almeno il 15%. Le regole di GloBE sono costituite da una regola di inclusione del reddito e da una regola di pagamento sottotassata, quest’ultima delle quali deve ancora essere finalizzata.

Il secondo pilastro include anche una regola soggetta all’imposta, che è una regola basata sul trattato, che consente alle giurisdizioni di origine di imporre una tassazione limitata alla fonte su determinati pagamenti soggetti a imposte inferiori a un’aliquota minima. Il tasso varia dal 7,5 al 9%.

Quando verrà implementato il piano?

Attualmente vi è un impegno a proseguire la discussione, al fine di finalizzare gli elementi progettuali del piano nell’ambito del quadro concordato entro ottobre 2021. I membri del quadro inclusivo concorderanno e rilasceranno un piano di attuazione.

La cronologia attuale è che lo strumento multilaterale attraverso il quale viene implementato l’importo A sarà sviluppato e aperto per la firma nel 2022, con l’importo A entrerà in vigore nel 2021. Analogamente, il secondo pilastro dovrebbe essere introdotto in legge nel 2022, con effetto nel 2023.

Maggiori dettagli a Come

Sebbene siano stati concordati i componenti chiave della Soluzione a due pilastri, è ancora in arrivo un piano di implementazione dettagliato che include la risoluzione dei problemi rimanenti.

Poiché molti paesi potrebbero implementare questi cambiamenti nel prossimo futuro, è importante che le aziende attive nell’economia digitale seguano attentamente e comprendano gli sviluppi che circondano il progetto OCES/G20 Base Erosion and Profit Shifting.

In qualità di vicepresidente della diversità, dell’equità e dell’inclusione, Nina Fleming guida lo sviluppo e l’esecuzione della strategia di Sovos per un posto di lavoro più diversificato ed equo. La sua filosofia imprenditoriale è radicata nella convinzione che l’inclusione non sia una bella da avere, ma piuttosto un imperativo aziendale che porta direttamente a una cultura sana, a forti prestazioni e a un miglioramento dei profitti.

Nel corso della sua carriera, Nina ha aiutato le aziende a capire che le differenze tra le persone costituiscono la forza di un’organizzazione. Ritiene che quando i dipendenti sono liberi di portare tutto il loro lavoro, il business beneficia di una maggiore produttività e innovazione.

Quando non è in ufficio, Nina ama viaggiare e trascorrere del tempo con la famiglia e gli amici. Sempre pronto per una grande commedia, il suo meccanismo di recupero preferito è la risata.

Se Nina potesse offrire un consiglio a qualsiasi attività commerciale sarebbero le parole che porta con sé ogni giorno: a chi viene dato molto, è richiesto molto.

Per ulteriori informazioni, consulta il profilo LinkedIn di Nina.

In qualità di vicepresidente della strategia di prodotto e GTM EMEA& APAC, Ryan Ostilly definisce la direzione del prodotto e la strategia di accesso al mercato nel portafoglio di soluzioni in rapida espansione di Sovos, tra cui cloud, reporting periodico IVA e suite di soluzioni SAP integrate di Sovos. Rendere fede alle promesse oggi mentre si pianifica per domani è un tenant fondamentale della filosofia manageriale di Ryan.

Ryan offre più di 20 anni di esperienza in vari ruoli di leadership, fornendo tecnologie fiscali innovative e soluzioni di trasformazione alle multinazionali. Con un’attenzione esteriore sul mercato e dando sempre priorità al cliente, Ryan guida il suo team assicurando che le esigenze dei clienti end-to-end siano contabilizzate e soddisfatte in tutta la progettazione del prodotto, lo sviluppo e la definizione delle priorità della roadmap.

Quando non progetta nuove soluzioni per la conformità fiscale, Ryan si destreggia tra una famiglia impegnata di cinque bambini ed essere membro attivo del consiglio di amministrazione per un’organizzazione della comunità locale. Inizia la sua giornata alle 6 del mattino con un programma di apprendimento per affinare la sua mente, e no – non possiede una TV.

Ryan è un Dottore Commercialista qualificato (SA) e ha conseguito un BCom, DiPac presso l’Università di KZN, Durban.

Per ulteriori informazioni, consulta il profilo LinkedIn di Ryan.

In qualità di Vice President of Customer and User Experience, Lisa accetta la sfida di rendere le tasse facili e intuitive per i clienti. Nel suo ruolo, crea ed esegue la visione di come Sovos può trasformare la customer experience per ridurre il carico organizzativo associato alla gestione degli obblighi di conformità fiscale, ovunque un’azienda svolga attività.

Durante il suo mandato in Sovos, Lisa ha guidato il passaggio a livello di organizzazione verso l’innovazione orientata al cliente. Ciò include la creazione del dipartimento UX, che ha recentemente vinto il premio nazionale CODiE per la migliore soluzione di conformità, ed è indicativo delle soluzioni complete e ad alto impatto che Sovos si impegna a fornire.

In qualità di leader pratico, Lisa incoraggia i suoi team ad essere audaci e provare cose nuove. L’innovazione nel nome del miglioramento dell’esperienza del cliente è ciò che motiva Lisa ed è un mantra che incoraggia i suoi team ad adottare.

Quando non è in ufficio e quando ha bisogno di una ricarica, Lisa è molto probabilmente in una delle incredibili montagne del Colorado: trail running, sci o ciclismo.

Per ulteriori informazioni, vedere il profilo LinkedIn di Lisa.

Per l’assistenza clienti, consulta la nostra pagina di assistenza.