Linee guida europee per il pagamento anticipato dell’IPT

Edit Buliczka
17 Agosto, 2022

Ci sono alcuni Paesi in Europa in cui dichiarare e saldare l’imposta sui premi assicurativi (IPT) e gli oneri parafiscali in tempo non è sufficiente per evitare le sanzioni per ritardato pagamento. Ci si può chiedere perché. Oppure può dire che è ingiusto. La risposta è semplice.

Alcuni Paesi europei riscuotono l’imposta sui premi assicurativi e gli oneri parafiscali, o parte di essi, in anticipo rispetto alla scadenza del pagamento. Chiamiamo questi pagamenti anticipati, pagamenti anticipati o pagamenti provvisori. E il mancato rispetto della scadenza per il pagamento anticipato può essere penalizzato dagli uffici fiscali.

Questo blog le fornirà una panoramica sul funzionamento dei regimi di pagamento anticipato. Alla fine di questo blog, elencheremo i Paesi in cui sono in vigore regole di pagamento anticipato senza requisiti dettagliati. Nei prossimi post del blog, discuteremo in modo approfondito le regole dettagliate sul pagamento anticipato in questi Paesi.

Come funzionano i pagamenti anticipati dell’IPT?

Il pagamento anticipato o pagamento anticipato nel mondo della tassazione è un pagamento che viene effettuato prima della scadenza dell’imposta. Pertanto, quando viene pagato un pagamento anticipato, non si sa a quanto ammonterà l’imposta effettiva.

Esistono diversi metodi di calcolo delle imposte anticipate. Nell’IPT, il calcolo più comune è quando l’importo del pagamento anticipato si basa sull’importo dell’imposta pagata per il periodo di riferimento precedente. È necessario pagare in anticipo lo stesso importo dell’imposta o forse una certa percentuale di questa imposta. Tuttavia, ci sono altri metodi utilizzati.

Ad esempio, in Polonia esiste un obbligo di pagamento anticipato trimestrale. L’importo del pagamento anticipato si basa sugli importi dei premi incassati nel trimestre in corso. Un altro esempio è quello dell’Austria, dove esiste un approccio unico al pagamento anticipato. Secondo il regolamento, può scegliere di non pagare il pagamento anticipato se paga i debiti IPT per il periodo di novembre un mese prima della scadenza standard, quindi non entro il 15 gennaio ma entro il 15 dicembre.

Esistono analogie nella legislazione sul modo in cui l’importo del pagamento anticipato viene considerato nell’imposta finale dovuta. Nella maggior parte dei casi, gli assicuratori possono compensare l’importo dell’imposta anticipata con l’obbligo fiscale del periodo futuro. Ma ci sono differenze nel ‘come’.

Ad esempio, in Belgio, il pagamento anticipato effettuato a dicembre può essere compensato con la passività di dicembre. Inoltre, a gennaio e febbraio (gli Uffici delle imposte belgi hanno recentemente aggiunto questi due mesi), devono essere recuperati i periodi passivi e il rimanente. In Italia, il pagamento anticipato effettuato a novembre può essere interamente compensato con i debiti IPT dell’anno successivo e con i debiti degli anni fiscali successivi, fino al completo utilizzo. In alternativa, gli assicuratori possono anche richiederlo all’autorità fiscale italiana.

Se diamo un’occhiata più da vicino al calcolo del pagamento anticipato, possiamo concludere che di solito si basa sull’importo dell’imposta dello stesso tipo di imposta. Tuttavia, in Italia, la base del pagamento anticipato dell’IPT non è solo l’IPT pagata, ma anche ciò che è stato pagato per la tassa parafiscale Consap dell’1%.

Quando devono essere effettuati i pagamenti anticipati dell’IPT?

Le date di scadenza dei pagamenti anticipati variano in Europa. Alcune scadenze cadono alla fine dell’anno, come l’IPT austriaco e l’IPT italiano. Tuttavia, per i fondi italiani HAVF (Hunting Accident Victims’ Fund) e RAVF (Road Accident Victims’ Fund) e per la tassa sui vigili del fuoco spagnola (FBT), il pagamento anticipato deve essere effettuato a gennaio. Il pagamento anticipato per l’IPT supplementare ungherese è dovuto a novembre e a maggio. D’altra parte, il pagamento anticipato è dovuto ogni trimestre per quanto riguarda la tassa dell’Ombudsman polacco.

Dove esistono i regimi di pagamento anticipato IPT nella tassazione delle assicurazioni?

Senza pretendere la completezza, ecco un elenco dei regimi di pagamento anticipato in tutta l’UE:

Agisci

Contatti il nostro team di esperti oggi stesso per ricevere assistenza sulla conformità all’IPT o scarichi il nostro e-book Regole sulle imposte indirette per le assicurazioni in tutto il mondo.

Sign up for Email Updates

Stay up to date with the latest tax and compliance updates that may impact your business.

Author

Edit Buliczka

Edit is a senior regulatory counsel. She joined Sovos in January 2016 and has extensive IPT knowledge and experience. Her role ensures the IPT teams and systems at Sovos are always updated with legislative changes. She is a Hungarian registered tax expert and chartered accountant and has worked for companies in Hungary including Deloitte and KPMG and as an indirect tax manager she worked for AIG in Budapest. She graduated with an economist degree from Budapest Business School, faculty of finance and accountancy and also she has a postgraduate diploma from ELTE Legal University in Budapest.
Share this post

E-Invoicing Compliance EMEA
April 5, 2023
Bizkaia: Qual è il sistema fiscale di Batuz?

La Bizkaia è una provincia della Spagna e un territorio storico dei Paesi Baschi, con un proprio sistema fiscale. Prima dell’approvazione della strategia Batuz, l’autorità fiscale della Bizkaia ha sviluppato diversi approcci per implementare una strategia completa che riducesse la frode fiscale. L’obiettivo è quello di impedire che la frode influisca sulle entrate generate dalle […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
March 7, 2023
L’IVA nell’era digitale introduzione di una piu’ estesa platea di transazioni ricomprese nella registrazione unica ai fini IVA

Il piano L’IVA nell’era digitale della Commissione europea propone una serie di novità, fra cui una registrazione IVA unica per facilitare il commercio transfrontaliero. La proposta, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2025, è parte dell’iniziativa della Commissione per modernizzare l’IVA nell’UE. In sostanza, comporterebbe la registrazione IVA una sola volta in tutta […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
February 13, 2023
L’IVA nell’era digitale: risposte alle domande che tutti si pongono

6 Frequenti Domande: Per capire meglio l’impatto delle proposte della commissione Europea nell’era digitale (ViDA) sulla tua attività, ti invito a leggere alcune delle domande più frequenti che ho ricevuto fino a questo momento. D: Quando le aziende probabilmente inizieranno a notare un impatto in seguito all’implementazione delle proposte ViDA?  R: Le proposte della Commissione […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 21, 2022
L’IVA nell’era digitale: trattamento dell’IVA sul fronte delle piattaforme digitali

La proposta “L’IVA nell’era digitale” della Commissione Europea apporta modifiche significative al trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali relativamente agli operatori nei servizi di alloggio di breve durata (massimo 45 giorni) e di trasporto passeggeri. Trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali Vale la pena ricordare che il “trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali” riguarda […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 8, 2022
L’IVA nell’era digitale: Segnalazione e fatturazione elettronica obbligatoria per le transazioni intracomunitarie dell’UE

La Commissione Europea ha annunciato la sua tanto attesa proposta di modifiche legislative in relazione all’iniziativa l’IVA nell’era digitale (ViDA). Si tratta di uno degli sviluppi più importanti nella storia dell’IVA europea, che riguarda non solo le aziende europee, ma anche quelle non europee che commerciano con l’UE. La proposta richiede la modifica della Direttiva […]