Attualmente, la Polonia non ha una Insurance Premium Tax (IPT). Invece, esiste una tassa parafiscale chiamata Insurance Ombudsman Contribution (CIO). Attualmente è applicato a un’aliquota dello 0,02% ed è entrato in vigore dal 1° gennaio 2020 per tutte le compagnie assicurative che operano nell’ambito della libertà di servizi (FOS) in Polonia.

Il CIO si applica a tutte le 18 classi di assicurazione non vita. È applicabile a tutte le compagnie di assicurazione che vendono assicurazioni in Polonia o riscuotono premi da persone polacche. Prima della sua data di creazione, il 1o febbraio 2014, si applicava solo agli assicuratori nazionali o agli assicuratori stranieri con filiali polacche.

La base per il CIO è il premio che deve essere pagato all’assicuratore per ottenere la copertura assicurativa.

Rapporti sui contributi del Mediatore assicurativo

La segnalazione per il CIO può essere complicata a causa del diverso nome e sistema di numerazione per le dichiarazioni trimestrali. Ad esempio: il primo trimestre (trimestre 1) dell’anno in corso copre ottobre, novembre e dicembre dell’anno precedente. La presentazione trimestrale è dovuta 90 giorni dal periodo di riferimento. In questo esempio, la dichiarazione del primo trimestre deve essere presentata entro il 31 marzo dell’anno in corso.

Tutti i pagamenti effettuati durante l’anno sono considerati pagamenti anticipati o anticipi. Ad esempio, le passività sorte nel primo trimestre del 2021 sono dichiarate nel periodo fiscale del secondo trimestre 2021 come pagamento anticipato per il secondo trimestre del 2021.

La relazione annuale è prevista per il 30 giugno dell’anno successivo. Questa relazione è presentata al Mediatore delle assicurazioni che sintetizza i premi effettivi ricevuti nell’anno precedente (vale a dire, per il 2020, una relazione è presentata entro il 30 giugno 2021 che riassume l’importo totale dei premi ricevuti dall’assicuratore nel 2020).

Il Mediatore delle assicurazioni determina quindi i suoi requisiti di finanziamento e viene effettuato un adeguamento sulla base della differenza tra la quota dell’assicuratore della percentuale di mercato moltiplicata per i requisiti di finanziamento e i pagamenti effettuati in precedenza per l’anno di riferimento.

L’adeguamento del Mediatore può comportare che le autorità fiscali richiedano fondi aggiuntivi o forniscano un rimborso. Entrambi i risultati vengono comunicati dalle autorità tramite lettere di regolamento annuale che di solito arrivano entro la fine di ottobre.

Gli assicuratori sono obbligati a tenere registri dei contratti assicurativi e dei documenti richiesti per la dichiarazione dei redditi per cinque anni dalla data di scadenza del contratto.

Se il contribuente non dichiara e non versa l’imposta in conformità con le normative, l’autorità competente può richiedere interessi ritardati e richiedere una valutazione dell’imposta. In tali casi, il tribunale può concedere una penalità e/o la reclusione della direzione della società per un massimo di tre anni, secondo il codice delle sanzioni fiscali dal 10 settembre 1999.

Per qualsiasi compagnia assicurativa operante nell’ambito del FOS in Polonia, comprendere i dettagli del contributo del Mediatore assicurativo e gli obblighi di segnalazione sono fondamentali per garantire la conformità.

Agisci

Hai bisogno di aiuto per garantire che la tua azienda rimanga conforme alle modifiche attuali e future del CIO? Contatta il team Sovos oggi.

Un audit dell’autorità fiscale può presentarsi in varie forme, sia che si tratti direttamente dell’assicuratore stesso o indirettamente tramite un assicurato o un broker.

Può essere mirato, ad esempio, quando un assicuratore è stato specificamente identificato per essere indagato a causa di una discrepanza su una dichiarazione dei redditi, o può essere indiscriminato nella sua natura nell’ambito di un esercizio più ampio svolto da un’autorità.

Qualunque sia la forma dell’audit, la chiave per rispondere è in anticipo nella preparazione.

Quali informazioni devono essere conservate per un audit delle autorità fiscali?

Innanzitutto, gli assicuratori dovrebbero assicurarsi di conservare copie delle prove che possono essere utilizzate per giustificare gli importi fiscali dichiarati e regolati. Ciò può includere i contratti assicurativi stessi, le fatture emesse agli assicurati e una registrazione dei loro dati che comprende le dichiarazioni che sono state fatte.

Vale la pena notare che in Italia esiste un requisito formale di mantenere i libri IPT che descrivono in dettaglio ciascuno dei premi ricevuti durante ogni periodo annuale. Sebbene questo non sia necessariamente un requisito specifico in altri paesi, l’applicazione di questo approccio a tutti i premi ricevuti metterà un assicuratore in una posizione forte se viene effettuato un audit.

È utile anche un’ulteriore documentazione che dimostra la conformità. Se è stata richiesta una consulenza esterna, ad esempio, per determinare la classe di attività appropriata per una politica e la conseguente domanda fiscale, si consiglia di conservare un registro di tale consulenza nel caso in cui ciò sia richiesto in seguito.

Ci possono essere casi in cui è stata richiesta specificamente la consulenza di un’autorità fiscale e tale corrispondenza avrà inevitabilmente un peso considerevole se si interrogherà un trattamento fiscale durante un successivo audit. Anche la documentazione di qualsiasi processo in atto per garantire la conformità è preziosa.

Poiché i periodi di prescrizione statutari variano a seconda delle giurisdizioni, le prove devono essere conservate per il tempo possibile (in base alle leggi pertinenti sulla protezione dei dati, ove applicabile) in modo che possano essere prodotte in caso di verifica.

Le conseguenze della non conformità

Nell’era digitale, questa pratica non dovrebbe sembrare eccessivamente onerosa. Vale la pena fare riferimento ai regimi di sanzione in vigore in alcuni paesi per mettere in contesto le potenziali ripercussioni di un audit insoddisfacente.

Il Regno Unito è un esempio di dove viene utilizzato un approccio basato sul comportamento per determinare le sanzioni, con il più alto livello di sanzioni riservato ai casi di imposta non dichiarata deliberata e nascosta laddove l’autorità stessa abbia richiesto la dichiarazione.

Verranno riscosse sanzioni più basse (o addirittura nessuna sanzione) quando viene prestata una ragionevole attenzione e sarà molto più probabile che si consideri che siano state prese attenzioni ragionevoli laddove le registrazioni siano conservate secondo le modalità descritte.

Gli audit possono avvenire in qualsiasi momento, quindi è importante che gli assicuratori abbiano adottato le misure necessarie per garantire che le informazioni e i dati per dimostrare la conformità siano disponibili all’autorità fiscale quando richiesto.

Garantire la presentazione accurata e tempestiva delle dichiarazioni dei redditi rischia di ridurre la possibilità di un audit mirato. Il team di servizi gestiti IPT di Sovos ha una grande esperienza con le dichiarazioni fiscali nel Regno Unito e in tutta Europa e ha assistito molti assicuratori con audit imprevisti.

Agisci

Mettiti in contatto con Sovos oggi sui vantaggi che un provider di servizi gestiti può offrire per alleviare l’onere della conformità IPT.

Le riforme dell’Insurance Tax Act in Germania, a decorrere dal 10 dicembre 2020, continuano a causare incertezza nel mercato assicurativo.

L’area principale di preoccupazione riguarda l’ubicazione del rischio per le finalità dell’Insurance Premium Tax (IPT). La riforma può avere un impatto su una politica adottata con un assicuratore SEE o non SEE in cui l’assicurato è stabilito in Germania, ossia un’impresa tedesca, una stabile organizzazione o un’istituzione corrispondente, o un individuo residente abitualmente in Germania, dove la politica copre i rischi non SEE.

Queste modifiche influiscono su tutte le classi di attività e sono indipendentemente dalla posizione fisica di qualsiasi rischio assicurato.

Doppia imposizione con polizze scritte dagli assicuratori SEE

Se una politica per l’assicurato tedesco include paesi non SEE, l’IPT tedesco è dovuto non solo al premio assegnato alla Germania, ma anche ai premi assegnati ai paesi non SEE. Ciò potrebbe essere in aggiunta a tutte le imposte sui premi applicabili dovute nei paesi non SEE.

Pertanto, la doppia imposizione è una possibilità. Tuttavia, se la politica include altri paesi del SEE, l’IPT tedesco non può essere addebitato sui premi assegnati in questi paesi del SEE.

Doppia imposizione con polizze scritte da assicuratori non SEE

Se una politica per l’assicurato tedesco include sia altri paesi SEE che non SEE, l’IPT tedesco è dovuto non solo al premio assegnato alla Germania, ma anche al 100% dei premi assegnati a tutti gli altri paesi. Ciò potrebbe essere in aggiunta a tutte le imposte sui premi applicabili dovute in tutti questi paesi. Pertanto, ancora una volta, la doppia imposizione è una possibilità.

Che cos’è un «stabilimento permanente» o «istituzione corrispondente» ai fini dell’IPT tedeschi?

Le riforme della legge non hanno chiarito quale sia considerata una «istituzione permanente» o «istituzione corrispondente» che avrebbe comportato un rischio non SEE nell’ambito di applicazione dell’IPT tedesco.

Gli orientamenti del Ministero federale delle finanze (BMF) pubblicati il 4 marzo 2021 hanno confermato che una succursale non SEE di un assicurato tedesco sarebbe considerata costituita da una struttura permanente. Ma non si è verificato se lo stesso si applicasse per una controllata non SEE.

Diversi scenari sono stati inclusi anche in questa guida per aiutare gli assicuratori e i broker con le politiche fiscali correttamente, ma purtroppo non ce n’era uno per questo scenario sussidiario. Il 20 luglio 2021 il BMF ha pubblicato una nuova versione del suo opuscolo generale sulla tassa assicurativa e sulla protezione antincendio per gli assicuratori UE/SEE. Ciò comprendeva un diagramma di flusso che mostrava i cambiamenti nell’imponibilità delle politiche a seguito delle riforme del diritto IPT, ma la questione sussidiaria non SEE non ha una risposta specifica in questo caso.

La German Insurance Association (GDV) ha pubblicato un documento Frequently Asked Questions (FAQ) del 28 aprile 2021 per aiutare gli assicuratori a comprendere le riforme in diverse aree, tra cui la risposta ad alcune domande sul trattamento delle controllate non SEE.

Mentre le risposte sembrano sperare che queste controllate non costituiscano una struttura permanente, vi è un avvertimento all’inizio del documento delle FAQ: dice che non è vincolante e che ogni assicuratore può interpretare e applicare le disposizioni di legge (e la relativa lettera BMF del 4 marzo). 2021) a propria discrezione.

Ciò significa che se gli assicuratori non tassano le controllate non SEE in base esclusivamente a questa guida, potrebbero essere lasciate aperte alle valutazioni fiscali in un secondo momento, dove l’IPT tedesco non è stato addebitato. Il documento delle FAQ continuerà ad essere aggiornato, quindi sarà interessante vedere se c’è ulteriore chiarezza su questo punto in futuro.

Incertezza in corso sulla doppia imposizione

Con questa continua incertezza, comprendiamo che gli assicuratori si sono rivolti alle autorità fiscali per ottenere chiarezza. Le risposte indicano che le controllate non SEE non rientrano nell’ambito di applicazione delle riforme, pertanto non dovrebbe verificarsi una doppia imposizione.

Qualsiasi conferma diretta da parte delle autorità fiscali in materia proteggerà questi assicuratori dalle valutazioni future. Offre inoltre la possibilità di reclamare i rimborsi IPT quando è stato addebitato su politiche che non avrebbero dovuto essere tassate in primo luogo.

Tuttavia, fino a quando la questione non sarà chiarita pubblicamente, che include ulteriori comunicazioni da parte del BMF, la posizione probabile è che gli assicuratori e i broker continueranno a utilizzare l’approccio attuale e prudente e addebitare l’IPT tedesco in questo scenario. Ciò significa che si verificherà ancora una doppia imposizione delle politiche.

Agisci

Hai bisogno di garantire la conformità alle più recenti normative IPT? Un provider di servizi gestito può essere d’aiuto. Mettiti in contatto con i nostri esperti fiscali oggi stesso.

Per chiunque sia relativamente nuovo o non abbia familiarità con l’Insurance Premium Tax (IPT), la comprensione di ciascuno dei componenti principali è fondamentale per garantire la conformità. Si trovano anche in una sequenza logica di cinque aree distinte.

1.Ubicazione delle regole di rischio

Ciò sta essenzialmente avendo una chiara comprensione di dove si trova il rischio di determinare in quale giurisdizione debba essere dichiarata l’imposta sui premi. Le regole possono essere complesse e variano in diversi territori, ma avere un processo chiaro aiuterà.

Dovrai determinare:

Quindi, controlla quali regole si applicano. Le quattro regole dell’UE determinano la giurisdizione corretta in base alla natura del rischio:

Scarica il nostro recente webinar sulle regole di rischio per conoscere le regole in modo più dettagliato.

2.Class di business

Una classe di business è fondamentalmente la categoria in cui rientra il rischio. All’interno dell’UE vi sono 18 classi di attività non vita, che vanno da incidenti e motori a perdite finanziarie varie e responsabilità generale.

L’UE fornisce brevi descrizioni di ciascuna di queste classi e alcuni esempi specifici. Le informazioni vengono utilizzate dalle autorità fiscali locali come guida per l’attuazione della propria legislazione fiscale.

Le regole locali variano, quindi è importante comprendere le polizze assicurative per garantire che venga applicata la classe di attività corretta e pertinente. Alcune politiche possono includere più di una classe di business che influirà sulle proporzioni del premio relative a ciascuna business class.

Il nostro blog, Tre passaggi chiave per applicare l’IPT su nuove linee di business è una risorsa utile.

3.Calcolo delle tasse

Dopo aver determinato l’ubicazione del rischio e la classe di attività corretta, il passo successivo consiste nel determinare le imposte che si applicano e che necessitano di liquidazione.

Le aliquote fiscali in tutta l’UE sono frammentate e ci sono ancora più variazioni quando si osservano le diverse aliquote fiscali all’interno di una giurisdizione. Ad esempio, in Spagna hai un tasso IPT applicato al 6%, ma potresti avere anche alcuni supplementi di rischio straordinari calcolati allo 0,0003%.

Considerate anche chi deve sostenere il costo di queste tasse. È l’assicurato o l’assicuratore? Nella maggior parte dei casi è responsabilità dell’assicuratore, tuttavia può ricadere all’assicurato.

La chiave per essere in grado di determinare quali imposte e quale aliquota applicare è avere accesso a software affidabile.

Registrati al nostro prossimo webinar «Back to basic», per saperne di più su come calcolare le tasse.

4.Dichiarazione e pagamento

Anche in questo caso le regole variano paese per paese in base alla frequenza di dichiarazione e liquidazione delle passività. Possono essere mensili, trimestrali, semestrali e annuali. La mancata dichiarazione entro la scadenza comporterà sanzioni e/o interessi, quindi conoscere le scadenze per ogni reso e quando il pagamento deve essere effettuato è fondamentale.

Alcune autorità fiscali hanno regole rigorose e sono veloci a farle rispettare. Altri sono più indulgenti a trattare le sanzioni caso per caso, e alcuni (come il Regno Unito) adottano un approccio basato sul comportamento in cui la piena divulgazione e cooperazione potrebbero portare a una sanzione molto ridotta.

5.Segnalazione aggiuntiva: l’IPT seguirà dove conduce l’IVA?

Le autorità fiscali di tutto il mondo stanno adottando un approccio più granulare alla rendicontazione fiscale per prevenire le frodi e ridurre il divario fiscale. Con i mandati IVA in vigore in tutta l’America Latina e più recentemente diffuso in Europa e in Asia, il divario IVA si sta riducendo. Quindi, man mano che i governi passano alla conformità fiscale digitale che desiderano più dati e più velocemente, puoi aspettarti che l’IPT seguirà in tempo. Le autorità spagnole, ad esempio, hanno già iniziato questo percorso con l’introduzione dello scorso anno di nuovi requisiti di reporting digitale per i supplementi di rischio straordinari.

Per rimanere al passo con la curva, più sei preparato oggi, più facile sarà affrontare le sfide che ci attendono con l’aumentare del ritmo di cambiamento nella digitalizzazione della conformità fiscale.

Agisci

Tieniti aggiornato sulle regole in continua evoluzione iscrivendoti ai nostri blog e seguendoci su LinkedIn e Twitter. Ospitiamo anche webinar regolari con i nostri specialisti interni che sono a disposizione per aiutarti.

Meet the Expert è la nostra serie di blog in cui condividiamo di più sul team dietro il nostro software innovativo e i nostri servizi gestiti.

In qualità di organizzazione globale con esperti fiscali indiretti in tutte le regioni, il nostro team dedicato è spesso il primo a conoscere i nuovi cambiamenti normativi, garantendo la conformità.

Abbiamo parlato con Wendy Gilby, responsabile del prodotto tecnico di Sovos, per saperne di più sul suo ruolo nello sviluppo del software Insurance Premium Tax (IPT) di Sovos per aiutare i clienti a soddisfare le esigenze di un ambiente normativo in continua evoluzione.

Come sei venuto a lavorare a Sovos?

Prima di entrare a far parte di Sovos ho lavorato presso una banca d’investimento a Londra, lavorando da programmatore tirocinante a programmatore, analista, analista, analista di business, analista di sistemi, project manager, responsabile del supporto alla produzione globale e infine vicepresidente.

A causa di circostanze personali, ho iniziato a lavorare part time ed ero anche brevemente un allenatore di canottaggio prima di tornare all’università per completare una laurea informatica e IT.

Stavo cercando un altro ruolo nell’IT e originariamente lavoravo per FiscalReps (ora parte di Sovos) su un contratto a breve termine nel 2016 o nel 2017. Questo è il prodotto che ora conosciamo come Sovos IPT che necessitava di test per garantire che fosse adatto allo scopo.

Dopo aver completato il progetto, sono tornato con un contratto di sei mesi, che è diventato una posizione permanente a tempo pieno e sono ancora qui oggi!

Qual è il tuo ruolo e cosa comporta?

Il mio ruolo è capire come implementare qualsiasi modifica al sistema IPT di Sovos. Siamo d’accordo con il più ampio team IPT di Sovos quali nuove funzionalità o modifiche desiderano e lavoriamo a stretto contatto con il team di sviluppo per convertire le idee in soluzioni utilizzate dai nostri clienti.

Recentemente ho esaminato la soluzione IVA di Sovos per cercare di vedere le sinergie tra IVA e IPT in termini di configurazione dell’utente, ruoli utente, caricamento dei dati e convalida iniziale sui file che otteniamo dai clienti per migliorare l’esperienza utente complessiva delle nostre soluzioni IPT.

Di cosa è responsabile il tuo team e in che modo aiutano i clienti?

Cerchiamo sempre di rendere l’intero processo di deposito delle tasse più efficiente e molto più fluido per i clienti, indipendentemente dal paese in cui presentano le tasse.

Abbiamo impiegato molto tempo a perfezionare il portale IPT per rendere il processo di archiviazione e reporting IPT più semplice ma anche più conforme. Stiamo cercando di eliminare il maggior numero possibile di passaggi manuali coinvolti nel deposito delle tasse per ridurre gli errori.

Sovos è un mix di tecnologia e competenze umane, quindi lavoriamo a stretto contatto con il team di conformità che garantisce che la segnalazione sia accurata e conforme a tutte le autorità fiscali in cui i nostri clienti archiviano IPT.

Il nostro obiettivo è quello di automatizzare e integrare il più possibile il processo di archiviazione, dall’invio dei dati alla ricezione di fondi e alla presentazione alle autorità fiscali per garantire che non perdiamo alcuna data di dichiarazione dei redditi ed evitare commissioni tardive.

Come utilizzi la tecnologia più recente per migliorare l’esperienza dei clienti Sovos?

Probabilmente questo si lega al lavoro che stiamo svolgendo sul portale IPT. Stiamo cercando di rendere tutto più trasparente in modo che i clienti possano vedere tutto in un unico posto, incluso lo stato delle dichiarazioni dei redditi.

Abbiamo anche introdotto le API, in modo che i clienti possano inviarci un file direttamente dal loro sistema, è molto meno fastidioso per loro. Siamo sempre concentrati sul rendere più facile per i clienti inviarci i loro dati e fornire quante più opzioni possibili per farlo.

Come hai visto cambiare la tecnologia da quando sei entrato a far parte di Sovos? Qual è il più grande impatto?

Penso che l’impatto maggiore sia stato il portale IPT. Quando ho iniziato, gran parte dei processi di reporting erano ancora basati su carta, il che significava molto setacciare i documenti di dichiarazione dei redditi cartacei per il team di conformità prima del deposito.

Quindi avere il portale IPT con tutti i documenti che prima vendevano stampati in un unico posto, dove i clienti possono visualizzare tutto online, è stato il cambiamento più grande e quello che i nostri clienti e il nostro team di conformità apprezzano, soprattutto nell’ultimo anno, quando le aziende hanno dovuto adattarsi al lavoro in remoto e non avere la stessa facilità di accesso alle risorse in ufficio.

Cosa ti entusiasma in particolare per la futura tecnologia fiscale?

Penso che sia il passaggio verso processi di reporting più connessi, unendo tutti questi diversi elementi delle dichiarazioni dei redditi per rendere il processo di reporting e archiviazione IPT ancora più semplice e molto meno soggetto a errori. Poiché alcuni elementi richiedono ancora qualche input manuale, ci sono ancora opportunità di errori, quindi eliminare completamente questa preoccupazione e renderla un semplice processo dal caricamento iniziale alla presentazione alle autorità fiscali è davvero entusiasmante.

I rendimenti automatici stanno diventando sempre più diffusi e stiamo lavorando su questi risultati per Germania, Francia e Ungheria, quindi quando dico che il futuro sta già accadendo, il che è molto eccitante.

Agisci

Contattate i vantaggi che un provider di servizi gestiti può offrire per facilitare il vostro onere di conformità IPT.

L’introduzione del nuovo sistema Portuguese Stamp Duty è stata probabilmente una delle modifiche più estese all’interno della segnalazione IPT nel 2021, anche se l’ultimo sistema di segnalazione non era accompagnato da modifiche alla struttura delle aliquote fiscali.

I nuovi requisiti di segnalazione erano inizialmente previsti per iniziare con i resi di gennaio 2020. Tuttavia, questo è stato posticipato all’aprile 2020 e ancora una volta fino al gennaio 2021 a causa della pandemia di COVID-19.

In che modo ciò influisce sulla segnalazione?

Oltre alle informazioni attualmente richieste, le informazioni obbligatorie richieste per l’invio con successo dei resi ora includono:

Lezioni apprese e come Sovos ti aiuta ad adattarti

I nostri sistemi di reporting si sono evoluti per aiutare i clienti a soddisfare questi nuovi requisiti.

Ad esempio, il nostro ufficio tecnico ha creato una formula che conferma un ID valido per facilitare la convalida e la segnalazione dei dati. Di conseguenza, all’interno dei nostri sistemi è stato creato un controllo sensoriale per determinare se un ID è valido.

Con il recente cambiamento nel trattamento delle linee negative di Stamp Duty, abbiamo anche modificato i nostri calcoli per tenere conto di due metodi contrastanti di trattamento dei negativi all’interno dei nostri sistemi.

In precedenza, sia l’imposta di bollo portoghese che le autorità parafiscali avevano requisiti identici per la presentazione di linee negative. Tuttavia, l’introduzione del più complesso sistema di segnalazione Stamp Duty richiedeva modifiche alla dichiarazione iniziale della politica.

Comprensibilmente, questo nuovo requisito è un approccio più giudizioso nei confronti della rendicontazione fiscale e probabilmente verrà introdotto in più sistemi fiscali in futuro.

Guardando avanti

Come per qualsiasi nuovo sistema di reporting, sono necessarie modifiche all’interno delle procedure mensili. I nostri processi e software di conformità IPT vengono aggiornati quando e quando si verificano modifiche normative, garantendo tranquillità ai nostri clienti.

E con ogni nuovo sistema di reporting, impariamo sempre di più su come le autorità fiscali di tutto il mondo stanno cercando di entrare nell’era digitale con pratiche, conoscenze e intuizioni più semplificate per aumentare l’efficienza e colmare il divario fiscale.

Agisci

Contatta i nostri esperti per ricevere assistenza con i tuoi requisiti di segnalazione Portugal Stamp Duty.