Gli obblighi di rendicontazione annuale variano da paese a paese, rendendo complessa per gli assicuratori transfrontalieri la raccolta dei dati richiesti per garantire la conformità.

L’Italia ha molti standard di rendicontazione unici ed è nota per la sua burocrazia in tutta la comunità imprenditoriale internazionale. La rendicontazione annuale dell’Italia è diversa a causa del livello di dettaglio richiesto. La segnalazione aggiuntiva in Italia richiede un elenco approfondito di politiche e dettagli tra cui date di inizio e scadenza, date di ricezione in contanti, nomi degli assicurati, indirizzi, codici fiscali e valori dei premi. Ciò rende la rendicontazione annuale un impegno significativo.

Relazione sui contratti e sui premi — in scadenza entro il 16 marzo di ogni anno per l’anno civile precedente

La legislazione e i regolamenti italiani impongono alle compagnie di assicurazione che scrivono attività in Italia di presentare relazioni annuali allo scopo di raccogliere informazioni che facilitino il controllo delle attività sui contribuenti da parte delle autorità fiscali.

Tali relazioni dovrebbero elencare tutti i contratti assicurativi in essere nell’anno in questione con un assicurato (persona fisica o giuridica) soggetti alle imposte italiane. Le polizze che coprono la responsabilità, l’assistenza e qualsiasi rischio scritto come accessorio di una politica di responsabilità o assistenza sottostante non devono essere incluse nel rapporto.

Se non ci sono stati contratti in essere nell’anno civile precedente, non è necessario presentare un rapporto Nil.

Relazione sui sinistri — da presentare entro il 30 aprile di ogni anno per l’anno civile precedente

I pagamenti dei sinistri effettuati nel corso dell’anno precedente a favore di beneficiari (persone fisiche o giuridiche) in possesso di un codice fiscale italiano devono essere segnalati alle autorità fiscali italiane entro la fine di aprile.

I dettagli richiesti nel rapporto includono:

Se non ci sono reclami da segnalare per l’anno precedente, non sono richiesti rapporti Nil.

Motor Report — parte del rapporto annuale IPT in scadenza entro il 31 maggio di ogni anno rispetto all’anno civile precedente

Come parte integrante della dichiarazione annuale dell’Insurance Premium Tax (IPT) dovuta entro la fine di maggio, le compagnie di assicurazione che sottoscrivono la responsabilità civile obbligatoria degli autoveicoli devono segnalare a ciascuna delle province italiane l’importo dell’IPT pagato nell’anno precedente. I dettagli richiesti includono il numero della polizza provinciale, il codice fiscale, il numero di targa del veicolo, il premio, la tariffa IPT e l’IP

Perché pianificare prima della stagione di reporting è fondamentale

La segnalazione aggiuntiva in Italia richiede che alcuni elementi siano presenti prima della presentazione. Per presentare il rapporto Contratti e premi, una compagnia di assicurazioni deve:

Molte compagnie di assicurazione collaborano con terze parti e le informazioni sulla polizza che raccolgono potrebbero non includere sempre tutti i dettagli richiesti. Dati incompleti e errati impediscono la corretta presentazione delle relazioni annuali e possono portare a costose multe e danni alla reputazione.

La navigazione tra i rapporti annuali insieme ai rapporti mensili e trimestrali regolari può sembrare travolgente. Quanto più si può preparare in anticipo, tanto più agevole sarà il processo di reporting. Comprendere gli specifici requisiti di rendicontazione annuale dell’Italia garantirà che gli assicuratori rimangano conformi ed eviterà ritardi o correzioni inutili.

Agisci

Devi garantire la conformità alle ultime normative in Italia? Mettiti in contatto con i nostri esperti fiscali per ulteriori informazioni.

Un audit dell’autorità fiscale può presentarsi in varie forme, sia che si tratti direttamente dell’assicuratore stesso o indirettamente tramite un assicurato o un broker.

Può essere mirato, ad esempio, quando un assicuratore è stato specificamente identificato per essere indagato a causa di una discrepanza su una dichiarazione dei redditi, o può essere indiscriminato nella sua natura nell’ambito di un esercizio più ampio svolto da un’autorità.

Qualunque sia la forma dell’audit, la chiave per rispondere è in anticipo nella preparazione.

Quali informazioni devono essere conservate per un audit delle autorità fiscali?

Innanzitutto, gli assicuratori dovrebbero assicurarsi di conservare copie delle prove che possono essere utilizzate per giustificare gli importi fiscali dichiarati e regolati. Ciò può includere i contratti assicurativi stessi, le fatture emesse agli assicurati e una registrazione dei loro dati che comprende le dichiarazioni che sono state fatte.

Vale la pena notare che in Italia esiste un requisito formale di mantenere i libri IPT che descrivono in dettaglio ciascuno dei premi ricevuti durante ogni periodo annuale. Sebbene questo non sia necessariamente un requisito specifico in altri paesi, l’applicazione di questo approccio a tutti i premi ricevuti metterà un assicuratore in una posizione forte se viene effettuato un audit.

È utile anche un’ulteriore documentazione che dimostra la conformità. Se è stata richiesta una consulenza esterna, ad esempio, per determinare la classe di attività appropriata per una politica e la conseguente domanda fiscale, si consiglia di conservare un registro di tale consulenza nel caso in cui ciò sia richiesto in seguito.

Ci possono essere casi in cui è stata richiesta specificamente la consulenza di un’autorità fiscale e tale corrispondenza avrà inevitabilmente un peso considerevole se si interrogherà un trattamento fiscale durante un successivo audit. Anche la documentazione di qualsiasi processo in atto per garantire la conformità è preziosa.

Poiché i periodi di prescrizione statutari variano a seconda delle giurisdizioni, le prove devono essere conservate per il tempo possibile (in base alle leggi pertinenti sulla protezione dei dati, ove applicabile) in modo che possano essere prodotte in caso di verifica.

Le conseguenze della non conformità

Nell’era digitale, questa pratica non dovrebbe sembrare eccessivamente onerosa. Vale la pena fare riferimento ai regimi di sanzione in vigore in alcuni paesi per mettere in contesto le potenziali ripercussioni di un audit insoddisfacente.

Il Regno Unito è un esempio di dove viene utilizzato un approccio basato sul comportamento per determinare le sanzioni, con il più alto livello di sanzioni riservato ai casi di imposta non dichiarata deliberata e nascosta laddove l’autorità stessa abbia richiesto la dichiarazione.

Verranno riscosse sanzioni più basse (o addirittura nessuna sanzione) quando viene prestata una ragionevole attenzione e sarà molto più probabile che si consideri che siano state prese attenzioni ragionevoli laddove le registrazioni siano conservate secondo le modalità descritte.

Gli audit possono avvenire in qualsiasi momento, quindi è importante che gli assicuratori abbiano adottato le misure necessarie per garantire che le informazioni e i dati per dimostrare la conformità siano disponibili all’autorità fiscale quando richiesto.

Garantire la presentazione accurata e tempestiva delle dichiarazioni dei redditi rischia di ridurre la possibilità di un audit mirato. Il team di servizi gestiti IPT di Sovos ha una grande esperienza con le dichiarazioni fiscali nel Regno Unito e in tutta Europa e ha assistito molti assicuratori con audit imprevisti.

Agisci

Mettiti in contatto con Sovos oggi sui vantaggi che un provider di servizi gestiti può offrire per alleviare l’onere della conformità IPT.

Nella «Dichiarazione su una soluzione a due pilastri per affrontare le sfide fiscali derivanti dalla digitalizzazione dell’economia» pubblicata il 1° luglio 2021, i membri del G20 Inclusive Framework on Base Erosion and Profit Shifting («BEPS») hanno concordato un quadro per andare avanti con un accordo globale di riforma fiscale.

Ciò affronterà le sfide fiscali di un’economia mondiale sempre più digitale. A partire dal 9 luglio 2021, 132 delle 139 giurisdizioni membri dell’OCE/G20 hanno accettato il quadro inclusivo sul BEPS.

Dettagli pilastro

Pilastro 1

Il primo pilastro conferisce ai paesi di mercato un nuovo diritto di tassazione, l’importo A, per garantire che le società paghino le tasse su una parte degli utili residui ottenuti dalle attività di tali giurisdizioni, indipendentemente dalla presenza fisica. Il primo pilastro si applicherà alle multinazionali («MNE») con fatturato globale superiore a 20 miliardi di euro e redditività superiore al 10%.

Ci sarà una nuova regola del nexus che consente l’assegnazione dell’importo A a una giurisdizione di mercato quando l’impresa multinazionale in ambito ricava almeno 1 milione di euro di ricavi da tale giurisdizione. Per le giurisdizioni con un PIL inferiore a 40 miliardi di euro, il nesso sarà invece fissato a 250.000 euro.

La «regola del nexus per scopi speciali» determina se una giurisdizione è idonea per l’allocazione dell’importo A. Inoltre, i paesi hanno concordato una ripartizione del 20-30% degli utili residui MNE in ambito alle giurisdizioni di mercato, con il nexus che utilizza una chiave di allocazione basata sui ricavi.

Le entrate saranno ricavate alle giurisdizioni del mercato finale in cui vengono consumati beni o servizi, con regole dettagliate sulle fonti ancora in arrivo.

Maggiori dettagli sulla segmentazione sono ancora in corso, così come la progettazione finale di un porto sicuro dei profitti di marketing e distribuzione che limiterà i profitti residui consentiti alla giurisdizione di mercato attraverso l’importo A.

Infine, i paesi hanno accettato di snellire e semplificare l’importo B con particolare attenzione alle esigenze dei paesi a bassa capacità. I dettagli finalizzati dovrebbero essere completati entro la fine del 2022.

Pilastro 2

Il pilastro 2 è costituito da regole globali contro l’erosione anti-base («GloBe») che garantiranno che le MNE che soddisfano la soglia di 750 milioni di euro paghino un’aliquota fiscale minima di almeno il 15%. Le regole di GloBE sono costituite da una regola di inclusione del reddito e da una regola di pagamento sottotassata, quest’ultima delle quali deve ancora essere finalizzata.

Il secondo pilastro include anche una regola soggetta all’imposta, che è una regola basata sul trattato, che consente alle giurisdizioni di origine di imporre una tassazione limitata alla fonte su determinati pagamenti soggetti a imposte inferiori a un’aliquota minima. Il tasso varia dal 7,5 al 9%.

Quando verrà implementato il piano?

Attualmente vi è un impegno a proseguire la discussione, al fine di finalizzare gli elementi progettuali del piano nell’ambito del quadro concordato entro ottobre 2021. I membri del quadro inclusivo concorderanno e rilasceranno un piano di attuazione.

La cronologia attuale è che lo strumento multilaterale attraverso il quale viene implementato l’importo A sarà sviluppato e aperto per la firma nel 2022, con l’importo A entrerà in vigore nel 2021. Analogamente, il secondo pilastro dovrebbe essere introdotto in legge nel 2022, con effetto nel 2023.

Maggiori dettagli a Come

Sebbene siano stati concordati i componenti chiave della Soluzione a due pilastri, è ancora in arrivo un piano di implementazione dettagliato che include la risoluzione dei problemi rimanenti.

Poiché molti paesi potrebbero implementare questi cambiamenti nel prossimo futuro, è importante che le aziende attive nell’economia digitale seguano attentamente e comprendano gli sviluppi che circondano il progetto OCES/G20 Base Erosion and Profit Shifting.

Agisci

Hai bisogno di garantire la conformità con le più recenti normative sui documenti elettronici? Mettiti in contatto con i nostri esperti fiscali.

Scarica le tendenze IVA: verso i controlli continui delle transazioni per scoprire di più su come i sistemi fiscali in tutto il mondo stanno evolvendo.

Dal 1993, le forniture effettuate tra Italia e San Marino sono state accompagnate da una serie di obblighi doganali. Questi includono la presentazione di documenti alle autorità fiscali di entrambi i paesi.

Dopo l’introduzione del mandato di fatturazione elettronica italiano nel 2019, Italia e San Marino hanno avviato negoziati per espandere l’uso delle fatture elettroniche nelle transazioni transfrontaliere tra i due paesi. Questi negoziati hanno finalmente dato i suoi frutti e i dettagli sono ora disponibili.

Creazione della connettività SDI a San Marino

L’Italia e il paese enclavato di San Marino abbandoneranno i flussi doganali cartacei.

Le autorità fiscali italiane e sammarinesi hanno deciso di implementare un modello «a quattro angoli», in base al quale la piattaforma di liquidazione italiana SDI diventerà il punto di accesso per i contribuenti italiani, mentre un HUB-SM di nuova creazione sarà la controparte SDI per i contribuenti sammarinesi.

Le fatture elettroniche transfrontaliere tra i paesi saranno scambiate tra SDI e HUB-SM. Il sistema di scambio internazionale sarà applicato il 1o luglio 2022 e sarà in vigore un periodo di transizione tra il 1o ottobre 2021 e il 30 giugno 2022.

FatturaPA: Il formato di scelta

Le specifiche tecniche di HUB-SM sono ora disponibili per le importazioni dall’Italia a San Marino e per le esportazioni da San Marino verso l’Italia. I paesi hanno anche deciso di scegliere FatturaPA come formato di fattura elettronica, sebbene i requisiti di contenuto per le fatture di esportazione da San Marino differiscano leggermente dalle fatture elettroniche nazionali italiane FatturaPA.

I sistemi SDI e HUB-SM elaboreranno le fatture elettroniche da e verso i contribuenti ad essi collegati o sotto le giurisdizioni di ciascun paese.

In altre parole, i contribuenti italiani invieranno e riceveranno fatture transfrontaliere da o verso San Marino tramite la piattaforma SDI, mentre i contribuenti sammarinesi svolgeranno le stesse attività tramite HUB-SM.

Entrambe le piattaforme consegneranno le fatture ai contribuenti corrispondenti tramite i codici di destinazione assegnati dalle rispettive autorità fiscali. Ciò significa che HUB-SM assegnerà anche i codici di destinazione per le società sammarinesi.

Documenti di integrazione per aziende sammarinesi

Ispirato alla metodologia italiana per i controlli fiscali nelle transazioni transfrontaliere, San Marino richiederà agli acquirenti sammarinesi di compilare un ulteriore documento di integrazione (simile a una fattura di «autofatturazione» creata per motivi di prova fiscale) al ricevimento della FatturAPa. Questo documento sarà compilato in un nuovo formato XML-RSM creato dall’enclave e inviato a HUB-SM.

Dopo il più ampio lancio dello SDI per le transazioni B2B nel 2019, la piattaforma si è dimostrata in grado di adattarsi a nuovi flussi di lavoro e funzionalità.

Dall’anno scorso, gli ordini di acquisto elettronico provenienti dal Sistema Sanitario Nazionale Italiano sono stati scambiati tramite l’NSO, un componente aggiuntivo della piattaforma SDI. Nel gennaio 2022, la FatturaPA sostituisce l’Esterometro come meccanismo di segnalazione transfrontaliera.

SDI ha già debuttato nell’arena internazionale attraverso l’accettazione delle fatture elettroniche che seguono la Norma Europea, che vengono mappate in una FatturaPA prima di essere consegnata agli acquirenti italiani. Questa integrazione tra SDI e HUB-SM potrebbe anche rivelare le prime fasi dell’interoperabilità tra le piattaforme di entrambe le autorità fiscali per il commercio transfrontaliero.

Agisci

Mettiti in contatto con i nostri esperti che possono aiutarti a capire come SDI e HUB-SM lavoreranno insieme.

Scarica le tendenze IVA: verso i controlli continui delle transazioni per scoprire di più sul futuro dei sistemi fiscali in tutto il mondo.

EESPA, l’Associazione europea dei fornitori di servizi di fatturazione elettronica, ha recentemente pubblicato le definizioni standard EESPA per la fatturazione elettronica conforme alla legge e il loro utilizzo.

Il presente documento mira a fornire una base per i fornitori di servizi di fatturazione elettronica e i loro clienti per concordare l’assegnazione della responsabilità della conformità legale dei processi supportati dai servizi. Queste definizioni standard contribuiranno a concludere accordi più chiari, incoraggeranno le migliori pratiche e garantiranno professionalità nel settore delle fatture elettroniche.

Nella maggior parte dei paesi europei, i fornitori di servizi di fatturazione elettronica possono offrire diverse opzioni per i processi di conformità all’IVA; tale offerta è una scelta competitiva individuale del fornitore di servizi. Indipendentemente dal processo di conformità IVA utilizzato, è importante definire chiaramente quale parte sia legalmente responsabile dei processi supportati. Le definizioni standard dell’EESPA mirano a fornire una base per un accordo sulle assegnazioni di responsabilità, che identificherà i compiti di cui ciascuna parte sarà responsabile.

Nello sviluppo del documento sulle definizioni standard, il gruppo di lavoro PPCWG (Public Policy and Compliance Working Group) dell’EESPA ha iniziato concentrandosi su definizioni chiave o concetti rilevanti per argomenti correlati alla conformità che tipicamente si presentano nel contesto della fatturazione elettronica.

Sulla base di queste definizioni, il documento fornisce una «Matricia di responsabilità» predefinita che può essere utilizzata per la gestione della responsabilità tra un fornitore di servizi e il suo cliente. Tra i componenti suggeriti che dovrebbero essere considerati tra i fornitori di servizi e i loro clienti in un processo di fatturazione elettronica conforme sono:

La suddetta «Matrix di responsabilità» fornisce indicazioni per l’utente che consente alle parti di concordare e documentare quale parte ha la responsabilità di ciascun componente di conformità: monitorare i requisiti pertinenti, implementare e mantenere misure per garantire la conformità continua e garantire la conformità per confermare rispetto delle misure adottate.

L’utilizzo di queste definizioni standard e della «Matricia di responsabilità» porterà a accordi più chiari e, in ultima analisi, migliori relazioni tra clienti e fornitori di servizi. Il documento può anche fungere da checklist che le aziende possono utilizzare per RFIs o RFP progettate per confrontare le offerte dei fornitori di servizi.

Agisci

Per saperne di più su ciò che riteniamo che il futuro detenga, scarica Tendenze IVA: Verso controlli continui delle transazioni. Seguici su LinkedIn e Twitter per essere sempre aggiornato su notizie e aggiornamenti normativi.

L’autorità fiscale italiana ha emesso nuove specifiche tecniche e nuovi schemi per le fatture elettroniche italiane B2B e B2G. Ma cosa significano veramente questi cambiamenti? E – cosa ancora più importante – quale impatto avranno sui vostri processi aziendali?

L’Italia è solo uno dei tanti paesi al mondo che sta compiendo passi avanti per colmare il suo deficit fiscale, introducendo controlli fiscali sempre più stringenti. Nell’attuale scenario fiscale in evoluzione è più importante che mai essere pronti a ciò che ci aspetta al fine di restare conformi.

Guarda ora

Con il successo dell’implementazione della piattaforma centrale di fatturazione elettronica del Paese nel 2019, le autorità italiane sono oggi all’avanguardia in Europa, nell’adozione delle misure di controllo continuativo sulle transazioni. (CTC).

Con le nuove regole già in vigore da gennaio di quest’anno e con gli ulteriori aggiornamenti che verranno lanciati nei mesi a venire, le imprese italiane dovranno adeguarsi per evitare il rischio di non conformità.

Guarda il webinar qui.

Mentre l’Italia ha attuato la sua riforma continua dei controlli delle transazioni (CTC) nel 2019, il 2020 è stato un anno di espansione. Le autorità italiane intendono sfruttare tutti i potenziali vantaggi derivanti dalla riuscita implementazione della piattaforma centrale di fatturazione elettronica del paese. Molti degli aggiornamenti verranno lanciati o applicati nel prossimo anno o più tardi nel 2022.

Ecco il nostro elenco definitivo dei cambiamenti chiave che le aziende devono essere consapevoli e prepararsi per il prossimo anno:

Nel febbraio di quest’anno, ​​l’autorità fiscale italiana ha pubblicato nuove specifiche tecniche per la FatturaPa e le convalide effettuate dalla SDI.Sebbene le nuove specifiche tecniche fossero originariamente previste per essere applicate nell’ottobre 2020, l’Italia ha rinviato l’uso obbligatorio del nuovo schema e delle nuove convalide effettuate al 1° gennaio 2021.

La settimana scorsa, l’autorità fiscale ha pubblicato le nuove specifiche tecniche​ che completano quelle che saranno applicate il 1° gennaio. Le nuove regole modificano i criteri per le convalide di alcuni campi e reintroducono un codice temporaneo «Z» da utilizzare nel campo CausalePagamento fino al 31 dicembre 2020.

L’Agenzia per l’Italia Digitale (AGID) ha introdotto una nuova serie di regole di archiviazione che verrà applicata il 7 giugno 2021. Ciò significa che le aziende che memorizzano fatture elettroniche ai sensi della legge italiana devono rispettare nuovi requisiti che includono nuovi standard e l’indicazione di metadati più granulari.

Insieme alle norme di archiviazione di cui sopra, ed entrata in vigore il 7 giugno 2021, l’AGID ha inoltre pubblicato nuove regole per la conversione della carta in fatture elettroniche. Sebbene la maggior parte delle fatture italiane siano emesse e scambiate elettronicamente, alcuni documenti possono ancora essere emessi con altri mezzi, come le fatture transfrontaliere.

Le regole includono nuovi standard e chiarimenti sul processo di certificazione eseguito nella massiccia dematerializzazione dei documenti cartacei. La certificazione mira a garantire la corrispondenza del contenuto e della forma del file di output elettronico con la sua copia cartacea.

A fine 2019, l’Italia ha annunciato l’intenzione di mettere a disposizione dei propri contribuenti una dichiarazione IVA pre-compilata, utilizzando i dati trasmessi alla piattaforma SDI tramite fatture elettroniche, l’Esterometro (il report per le transazioni transfrontaliere) e i corrispettivi elettronici (il B2C registro delle vendite, compreso il rapporto aggregato giornaliero). Il piano iniziale era quello di pubblicare le dichiarazioni IVA precompilate nel luglio di quest’anno, ma l’Italia ha rinviato il progetto una volta che fosse stato chiaro che avrebbe richiesto modifiche nello schema FatturaPa.

Il progetto prevede la creazione e la disponibilità di una bozza della dichiarazione IVA e del registro delle fatture in entrata e in uscita dalle transazioni effettuate dopo il 1° gennaio 2021. Sono previsti ulteriori chiarimenti sul modo in cui i contribuenti accederanno o modificheranno i dati nel documento precompilato.

L’Italia interromerà l’Esterometro nel 2022. Ai sensi della legge di bilancio 2021, invece di presentare l’Esterometro, i contribuenti italiani che effettuano operazioni transfrontaliere (ad esempio, effettuare o ricevere forniture transfrontaliere) devono trasmettere i dati transazionali transfrontalieri attraverso la piattaforma SDI utilizzando lo schema FatturaPA. Le modifiche introdotte nel nuovo schema FatturaPA in vigore il 1° gennaio 2021 permetteranno all’autorità fiscale di accedere a dati transazionali transfrontalieri più precisi rispetto al passato.

Con la fine del 2020 in rapida avvicinamento, le aziende che operano in Italia devono prepararsi a questi prossimi cambiamenti prima che entrino in vigore nel 2021 e oltre.

Agisci

Sovos has more than a decade of experience in keeping customers updated on e-invoicing mandates around the world.

Chi aveva scommesso che il sistema di fatturazione elettronica della Pubblica Amministrazione, FatturaPA sarebbe stato oggetto di ulteriori riforme, oggi avrebbe vinto. L’Agenzia delle Entrate (AdE) ha emesso nuove specifiche tecniche e schemi applicativi per le fatture elettroniche emesse verso la Pubblica Amministrazione (B2G) e i titolari di partita IVA (B2B). Ma cosa significano davvero questi cambiamenti e come incideranno sui processi aziendali?

Aggiornamenti tecnici e di contenuto

Durante le ultime settimane sono stati introdotti tre aggiornamenti:

  1. La nuova versione 1.6 del formato XML della FatturaPA B2B
  2. La nuova versione 1.3 del formato XML della FatturaPAB2G e
  3. La nuova versione 1.8 delle specifiche tecniche per la piattaforma SDI.

L’inclusione delle ritenute alla fonte (in particolare i contributi previdenziali) è uno dei nuovi requisiti per i tracciati XML delle fatture B2B e B2G. Ci sono anche 12 nuovi tipi di documenti (tra cui documenti integrativi e autofatture) e ulteriori 17 nuove opzioni circa la natura della transazione (ad es., motivazioni per esenzioni e inversione contabile).

Questi aggiornamenti dei contenuti richiederanno ora che le aziende acquisiscano competenze ancora maggiori sul sistema fiscale nazionale. I cambiamenti incidono sul momento in cui i contribuenti classificano le proprie forniture di merci o servizi: nel sistema attuale, le imprese non se ne devono preoccupare fino al momento della presentazione delle dichiarazioni IVA, ma secondo il nuovo schema la classificazione sarà effettuata in tempo reale. È probabile che questi aggiornamenti incidano sui processi aziendali.  Si tratta di passi necessari per spianare la strada all’imminente introduzione della dichiarazione IVA precompilata, un’iniziativa che si ritiene andrà ad alleggerire gli oneri amministrativi in capo alle imprese italiane e ne renderà la vita più semplice.

Parallelamente, le ulteriori modifiche derivanti dalle nuove versioni dei formati della FatturaPA hanno un impatto di natura tecnica sulle aziende e richiedono una pronta implementazione a livello IT. Tra gli aggiornamenti di carattere tecnico figurano l’inclusione di ulteriori campi, la lunghezza del contenuto, i caratteri consentiti, il passaggio tra completamento da obbligatorio a facoltativo dei campi e viceversa e quante volte un campo può essere ripetuto.

Le nuove specifiche tecniche hanno anche introdotto nuovi passaggi di convalida che saranno eseguiti dal Sistema di Interscambio, o SDI, la piattaforma a cui è demandato il controllo e lo smistamento delle fatture elettroniche. La maggior parte delle nuove convalide mettono a confronto il contenuto della fattura elettronica con la tipologia di documento e la natura delle transazioni e richiedono che il contribuente sia in grado di comprendere, elaborare e reagire correttamente a nuovi errori.

Scadenze attuative

La piattaforma SDI inizierà l’elaborazione delle fatture B2B nel nuovo formato FatturaPA a partire dal 4 maggio 2020, ma l’Agenzia delle Entrate renderà obbligatorio l’utilizzo del nuovo schema a partire dal 1° ottobre 2020, attivando le nuove convalide (e i relativi errori) successivamente a tale data, in linea col Provvedimento emesso in data 28 febbraio 2020.  Scadenze diverse si applicano alle fatture B2G, a meno che, naturalmente, l’Agenzia delle Entrate non pubblichi nuove regole di transizione per tali fatture prima di tale data. L’entrata in vigore del nuovo schema per le fatture B2G è previsto per il 1° maggio 2020.

Nella pratica l’effetto di queste scadenze è che mentre gli schemi per le fatture B2B e B2G sono in effetti identici sotto il profilo tecnico, i contribuenti dovranno prepararsi a scadenze diverse e a lavorare con due diversi schemi di fattura dal 1° al 4 maggio.

Aggiornamento importante

Il 12 maggio (dopo la pubblicazione di questo blog). l’Agenzia delle Entrate ha ripubblicato la versione 1.3 delle specifiche tecniche della FatturaPA B2G. Sebbene il numero rimanga lo stesso, la versione ripubblicata indica una nuova data di entrata in vigore per il nuovo schema B2G: il 4 maggio. Stante l’obbligatorietà dello schema B2G il 4 maggio, la piattaforma SDI sarà in grado di elaborare gli schemi B2G e B2B simultaneamente e non in date diverse, come specificato in precedenza.

Agisci

Per saperne di più su quello che riteniamo essere il futuro del settore, scarica Tendenze in materia di conformità IVA continuativa.

L’Italia è in prima linea nella fatturazione elettronica B2G in Europa fin dal lancio del Sistema di Interscambio (SDI), piattaforma per la fatturazione elettronica creata e resa obbligatoria per tutti i fornitori del settore pubblico nel 2014.

Mentre alcuni dei suoi vicini europei si adoperano per recuperare lentamente terreno, l’Italia continua a migliorare l’integrazione delle nuove tecnologie nelle procedure della pubblica amministrazione. L’ultima novità è l’introduzione degli ordini elettronici negli appalti pubblici. Sfruttando il successo ottenuto dal Nodo di Smistamento degli Ordini della pubblica amministrazione in Emilia-Romagna, l’Italia sta ora estendendo questa funzionalità in tutto il paese.

Ordini elettronici per acquisti non limitati ai soli prodotti sanitari

Dal 1º ottobre 2019, tutti gli ordini di prodotti acquistati dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) devono essere consegnati e ricevuti dai fornitori tramite la piattaforma NSO. I fornitori interessati dal provvedimento saranno tenuti a ricevere ordini elettronici dagli enti pubblici: la pubblica amministrazione non procederà alla liquidazione e al pagamento di fatture emesse da società non conformi. È interessante notare che il provvedimento copre tutti gli ordini di acquisto effettuati da enti associati al SSN, compresi non solo i prodotti di carattere sanitario ma anche le forniture per ufficio e di elettronica.  

Oltre alla ricezione obbligatoria degli ordini elettronici, i fornitori potranno anche inviare messaggi alla pubblica amministrazione. In casi precedentemente concordati tra fornitori e pubblica amministrazione, la società fornitrice può inviare ordini elettronici precompilati all’acquirente della pubblica amministrazione, che potrà confermare o rifiutare la fornitura proposta.

Ordini elettronici e fornitori esteri

Anche i fornitori esteri dovranno adeguarsi al provvedimento. Il mandato NSO avrà un certo impatto sulla fatturazione elettronica per le pubbliche amministrazioni italiane, visto che alcuni dati degli ordini elettronici devono essere inclusi nelle fatture elettroniche che vengono trasmesse attraverso l’SDI.

Il sistema NSO è basato sull’infrastruttura SDI esistente e, di conseguenza, la comunicazione con l’NSO richiede che il canale venga accreditato in maniera simile all’SDI. I fornitori e gli intermediari che già provvedono alla trasmissione di messaggi tramite la piattaforma SDI devono conformarsi ai requisiti di certificazione complementari, che devono ancora essere pubblicati. Inoltre, le specifiche tecniche mostrano che gli intermediari PEPPOL possono interagire con la piattaforma NSO grazie a un servizio di Access Point accreditato con l’NSO.

Agisci

Scopri come Sovos aiuta le aziende a gestire fatturazione elettronica e altri mandati in Italia e in tutto il mondo. Per saperne di più su quello che riteniamo essere il futuro de settore, scarica l’eBook Sovos su tendenze in materia di conformità alla fatturazione elettronica