Tendenze IVA: spostamento verso l’imponibilità di destinazione per alcune transazioni transfrontaliere

Sovos
16 Giugno, 2021

Come descritto nel nostro rapporto annuale Tendenze IVA: verso i controlli continui delle transazioni, c’è un cambiamento crescente verso l’imponibilità di destinazione che si applica a determinate operazioni transfrontaliere.

Nel vecchio mondo del commercio e del commercio cartaceo, l’applicazione delle frontiere fiscali, tra o all’interno di paesi, era principalmente una questione di controlli fisici doganali. Per facilitare il commercio e ottimizzare le risorse, molti paesi hanno storicamente applicato le regole «de minimis». Questi fissano limiti specifici (ad esempio 10-22 EUR applicati nell’Unione europea) al di sotto dei quali le merci importate avevano un’esenzione dall’IVA.

I servizi transfrontalieri, che non possono, o non facilmente, essere controllati alla frontiera spesso sfuggirebbero del tutto alla riscossione dell’IVA o sarebbero tassati nel paese del prestatore di servizi. Nel corso dell’ultimo decennio si è registrato un enorme aumento del commercio transfrontaliero di beni e servizi digitali di basso valore. Di conseguenza, le amministrazioni fiscali stanno adottando misure significative per tassare tali forniture nel paese di consumo/destinazione.

Trattamento IVA delle forniture digitali/elettroniche B2C da parte di fornitori stranieri

Dalla pubblicazione 2015 del Rapporto di Azione 1 del Progetto Erosion and Profit Shifting (BEPS) dell’OCSE e del G20 sull’affrontare le sfide fiscali dell’economia digitale, la maggior parte dei paesi dell’OCSE e del G20 ha adottato norme per il trattamento IVA delle forniture digitali/elettroniche B2C da parte di fornitori stranieri. Le Linee guida internazionali IVA/GST emesse in collaborazione con il Rapporto dell’azione 1 del progetto raccomandano i seguenti approcci per la riscossione di IVA/GST sulle vendite B2C di servizi elettronici da parte di fornitori stranieri:

  • Il paese del cliente avrà il diritto di imporre l’IVA sulla fornitura
  • Il venditore straniero deve registrarsi per l’IVA nel paese del cliente secondo un regime semplificato di registrazione e conformità, e
  • Il venditore straniero deve riscuotere e rimettere l’IVA

Molti paesi industrializzati ed emergenti da allora hanno approvato leggi su questa guida OCSE; la maggior parte si applica solo alle transazioni B2C, sebbene alcune di queste giurisdizioni abbiano imposto obblighi che si applicano o potrebbero applicarsi sia alle transazioni B2B che a B2C.

Per i beni di basso valore, l’OCSE ha formulato raccomandazioni simili che prevedono sia un fornitore che un modello di raccolta basato su intermediari. L’andamento dell’imponibilità basata sulla destinazione influisce su molte aree diverse dell’imposta sui consumi, inclusi i seguenti esempi.

  • Tassa sulle vendite e sull’uso degli Stati Uniti — la decisione del South Dakota contro Wayfair
  • Le proposte 2018 della Commissione europea per un sistema IVA «definitivo»
  • Pacchetto e-commerce UE e servizi digitali
  • America Latina

Pacchetto IVA e-commerce UE e servizi digitali

L’UE ha gradualmente introdotto nuove norme per l’IVA sui servizi. Questo per garantire che si accumula in modo più accurato nel paese di consumo. A partire dal 1o gennaio 2015, e come parte di questo cambiamento, in cui la fornitura di servizi digitali è tassata cambia. Sarà tassato nella sede dell’UE del cliente finale privato, ha il suo indirizzo permanente o di solito risiede. Tali modifiche si trovano accanto all’introduzione del sistema One Stop Shop (OSS) che mira a facilitare la segnalazione dei soggetti passivi e dei loro rappresentanti o intermediari. Nell’ambito del pacchetto IVA sul commercio elettronico dell’UE che entrerà in vigore a decorrere dal 1o luglio 2021, tutti i servizi e tutti i beni, comprese le importazioni basate sul commercio elettronico, sono soggetti ad intricate normative che includono modifiche al modo in cui operano le dogane in tutti gli Stati membri.

Con questo passaggio alla tassabilità di destinazione per alcune transazioni transfrontaliere è fondamentale che le aziende comprendano appieno l’impatto. Questo non riguarda solo i processi aziendali, ma anche il rispetto delle regole e dei regolamenti in evoluzione.

Agisci

Contattaci per discutere dei tuoi obblighi IVA per il commercio transfrontaliero. Per saperne di più sul futuro dell’IVA, scarica il nostro report Tendenze IVA: verso controlli continui delle transazioni.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Sovos

Sovos is a leading global provider of software that safeguards businesses from the burden and risk of modern transactional taxes. As VAT and sales and use tax go digital, businesses face increased risks, costs and complexity. The Sovos Intelligent Compliance Cloud is the first complete solution for modern tax, giving businesses a global solution for tax determination, e-invoicing compliance and tax reporting. Sovos supports more than 7,000 customers, including half of the Fortune 500, and integrates with a wide variety of business applications. The company has offices throughout North America, Latin America and Europe. Sovos is owned by London-based Hg. For more information visit www.sovos.com and follow us on LinkedIn and Twitter.
Share This Post