,

SAF-T — Cosa c’è dopo?

Kelsey O'Gorman
20 Novembre, 2020

L’ultima volta abbiamo esaminato la situazione globale della SAF-T più di un anno fa, e in quel periodo ci sono stati molti cambiamenti e proposte, soprattutto in tutta l’Unione europea. Diamo un’occhiata a cosa è cambiato da allora, così come cosa aspettarsi nel prossimo anno o due.

Un aggiornamento

Che cos’è SAF-T?

Il concetto Standard Audit File for Tax (SAF-T) è stato introdotto nel 2005 dall’ Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) con l’obiettivo di fornire ai revisori l’accesso a dati contabili affidabili in un formato facilmente leggibile. Questo obiettivo è raggiunto, in parte, consentendo alle aziende di esportare informazioni dai loro sistemi di contabilità (fatture, pagamenti, giornali di registrazione di contabilità generale e file principali). A loro volta, gli audit dovrebbero essere più efficienti ed efficaci sulla base del formato standardizzato stabilito dall’OCSE. Anche se minore, esiste una ruga nel fatto che i paesi possono richiedere un formato diverso in cui i dati devono essere catturati, il che può quindi significare che nessuna implementazione di SAF-T in due paesi è esattamente la stessa.

Cosa c’è di nuovo nel 2020?

Polonia

Il più grande giocatore nel campo della SAF-T è ora la Polonia. Introdotta per la prima volta nel 2016 per i grandi contribuenti, SAF-T si è certamente evoluta nel corso degli anni. A partire dal 1° ottobre 2020, tutti i contribuenti devono presentare JPK_V7M/K che sostituisce la dichiarazione IVA JPK_VAT precedentemente depositata e le dichiarazioni IVA periodiche. Questo nuovo requisito include una parte di dichiarazione, che corrisponde alla dichiarazione IVA non più inviata e una parte record, che rappresenta la parte JPK_VAT non più inviata.

La più grande modifica ai contribuenti che avevano precedentemente presentato JPK_VAT è l’introduzione di codici dei gruppi di materie prime (noti anche come GTU). I contribuenti devono ora designare specifiche transazioni vulnerabili alle frodi con codici GTU pertinenti sulle fatture. Inoltre, la Polonia richiede che alcune altre transazioni siano contrassegnate con indicatori di fattura, comprese le transazioni tra parti correlate e le transazioni di pagamento frazionate.

La Polonia è il primo paese a sostituire completamente la dichiarazione IVA con un requisito di fascicolo SAF-T. Altri paesi certamente prenderanno nota se questo requisito limita le frodi IVA e riduce il divario IVA.

Romania

Dopo aver annunciato l’intenzione di implementare SAF-T, non ci sono ancora indicazioni ufficiali rilasciate dalla Romania su come o quando questo avrà effetto. Recenti rapporti indicano che l’Agenzia nazionale rumena per l’amministrazione fiscale (ANAF) ha in programma di iniziare la fase pilota del deposito SAF-T qualche volta nel 2021, anche se l’ANAF non ha confermato alcuna nuova tempistica. I contribuenti dovrebbero certamente monitorare ulteriori informazioni sull’attuazione in Romania.

Ungheria

L’Ungheria è un altro paese che ha preso di mira il 2021 come data di entrata in vigore del requisito SAF-T. Annunciato alla fine dello scorso anno, l’autorità nazionale delle imposte e delle dogane (NAV) ha lanciato un progetto pilota per introdurre SAF-T in aggiunta all’attuale obbligo di segnalazione in tempo reale dell’Ungheria. Questa data era originariamente prevista per il 1° gennaio 2021, sebbene il documento di consultazione pubblica sul sito web NAV consenta ancora commenti fino al 1° gennaio. Anche se nessun annuncio ufficiale da NAV ancora, si prevede che questa data sarà espulsa ulteriormente verso la fine del 2021 o all’inizio del 2022.

Poiché i governi a livello globale continuano a introdurre misure per aumentare l’efficienza fiscale e ridurre le lacune IVA, le imprese devono garantire che i loro processi e sistemi siano conformi. Come si evince dalle misure di cui sopra, SAF-T fornisce alle autorità fiscali l’accesso a dati contabili affidabili in un formato facilmente leggibile e SAF-T e rimane efficace e popolare nella lotta contro le frodi e l’evasione IVA.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Kelsey O'Gorman

Kelsey O’Gorman is a Regulatory Counsel at Sovos. Within Sovos’ Regulatory Analysis function, Kelsey focuses on global sales tax and VAT issues, supporting both the tax determination and reporting engines. Kelsey received her B.A. in Psychology from University at Buffalo and her J.D. from Roger Williams University School of Law. She is a member of the Massachusetts Bar.
Share This Post