,

Il pacchetto IVA per l’e-commerce dell’UE: cosa abbiamo imparato nove mesi dopo?

Russell Hughes
15 Aprile, 2022

Sono passati poco più di nove mesi dall’introduzione di uno dei più grandi cambiamenti nelle norme IVA dell’UE per i rivenditori di e-commerce, il pacchetto IVA e-commerce che estende lo sportello unico (OSS) e introduce l’Import One Stop Shop (IOSS).

L’obiettivo del pacchetto IVA per il commercio elettronico dell’UE è semplificare il commercio transfrontaliero B2C nell’UE, alleggerendo l’onere per le imprese, riducendo i costi amministrativi legati all’adempimento dell’IVA e garantendo che l’IVA sia correttamente addebitata su tali vendite.

In base alle nuove norme, le soglie di vendita a distanza specifiche per paese per le merci sono state rimosse e sostituite con una soglia a livello UE di 10.000 euro per le imprese stabilite nell’UE e le imprese non stabilite nell’UE ora non hanno alcuna soglia. Per molte aziende questo significa che l’IVA è dovuta in tutti i paesi in cui vendono, richiedendo che siano registrati ai fini IVA in molti più paesi rispetto a prima di luglio 2021. Tuttavia, l’introduzione del sistema operativo dell’Unione ha permesso loro di semplificare i loro obblighi in materia di IVA, consentendo loro di dichiarare l’IVA su tutte le vendite UE nell’ambito di un’unica dichiarazione OSS.

In che modo il pacchetto IVA per il commercio elettronico dell’UE ha

Mentre per molte aziende il pensiero di dover applicare l’IVA in tutti i paesi in cui vendono potrebbe essere stato schiacciante all’inizio, ora stanno vedendo i numerosi vantaggi che l’introduzione dell’OSS doveva ottenere. Il più grande vantaggio per le imprese è la semplificazione dei requisiti di conformità IVA con una dichiarazione IVA trimestrale invece di rispettare molti termini di presentazione e pagamento in diversi Stati membri dell’UE.

Le imprese che esternalizzano la loro conformità in materia di IVA sono state in grado di ridurre in modo significativo i loro costi cancellando il regime IVA in molti Stati membri in cui erano precedentemente registrate ai fini IVA. Sebbene possano essere necessarie alcune registrazioni aggiuntive a seconda delle catene di approvvigionamento specifiche e dell’ubicazione delle scorte in tutta l’UE. Le imprese ricevono inoltre un vantaggio in termini di flusso di cassa nell’ambito del regime OSS, in quanto l’IVA è dovuta su base trimestrale invece che su base mensile o bimestrale, come avveniva in precedenza in molti Stati membri. Come parte dell’attuazione del pacchetto IVA per il commercio elettronico dell’UE, abbiamo anche visto la rimozione dello sgravio per le spedizioni di basso valore, il che significava che l’IVA sulle importazioni era dovuta su tutte le merci che entravano nell’UE. Ciò ha portato molti fornitori extra UE nel regime IVA dell’UE con la Commissione europea (CE) che ha annunciato che attualmente ci sono oltre 8.000 operatori registrati.

Abbiamo visto alcuni singhiozzi iniziali con gli Stati membri dell’UE che non riconoscono i numeri IOSS all’importazione, portando a una doppia imposizione per alcuni venditori. Ma per la maggior parte delle aziende IOSS ha consentito loro di semplificare la vendita di beni ai clienti dell’UE per ordini inferiori a 150€. La CE ha anche recentemente salutato il successo iniziale di questo regime pubblicando dati preliminari che dimostrano che finora sono stati raccolti 1,9 miliardi di euro di entrate IVA.

Il futuro di OSS e IOSS

La CE è attualmente sottoposta a una consultazione per raccogliere il feedback delle parti interessate sul rendimento dei nuovi regimi al fine di apportare potenziali cambiamenti. Alcune delle modifiche in discussione includono la necessità di rendere obbligatorio lo schema IOSS per tutte le imprese, il che amplierebbe notevolmente il suo utilizzo in quanto porta un numero significativamente maggiore di operatori nel campo di applicazione. Si è anche parlato di un aumento dell’attuale soglia di 150 euro che consentirebbe a più spedizioni di essere ammesse a beneficiare dello IOSS, anche se con l’attuale soglia dei dazi doganali pari a 150 euro sarebbe interessante vedere come allineano queste regole. Nel corso dell’anno la CE pubblicherà anche proposte sulla possibile estensione dell’OSS per includere le transazioni di merci B2B, al fine di attuarle entro il 2024.

Agisci

Mettiti in contatto con il nostro team per scoprire come possiamo aiutare la tua azienda a comprendere i nuovi requisiti OSS.

Vuoi saperne di più sul pacchetto IVA per l’e-commerce dell’UE e sullo sportello unico e su come può influire sulla tua attività? Scarica il nostro e-book.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Russell Hughes

At Sovos, Russell works within the Consulting team providing UK and cross-border supply advice, detailed reviews on existing and new business activities and practical solutions to clients’ businesses. Prior to joining Sovos, Russell was the VAT manager of an award-winning tax team based in a firm of Chartered Accountants in the South East of England. Having initially begun his career in audit and accounts, he specialized in VAT in 2011, where he gained significant experience in cross-border issues, imports and exports, land and property, group registrations, partial exemption, HMRC enquiries and other complex VAT transactions. From June 2015, Russell was the sole VAT specialist in his previous company, where he led the firm’s VAT compliance and consultancy projects including all day-to-day VAT queries. Russell is also a member of the VAT Practitioners Group (VPG).
Share This Post