Fase 2 della fatturazione elettronica saudita: Chi deve adeguarsi e come?

Selin Adler Ring
27 Giugno, 2022

Nel 2020, l’Autorità Zakat, Fiscale e Doganale (ZATCA) dell’Arabia Saudita ha annunciato l’introduzione di un mandato di fatturazione elettronica articolato in due fasi. La prima fase della fatturazione elettronica saudita prevede che tutti i soggetti passivi residenti nel Regno generino e conservino le fatture in formato elettronico ed è in vigore dal 4 dicembre 2021. La seconda fase, che lo ZATCA introdurrà a partire dal 1° gennaio 2023, prevede ulteriori requisiti e non sarà obbligatoria per tutti i contribuenti. Tuttavia, lo ZATCA prevede di introdurre gradualmente e di richiedere a tutti i contribuenti residenti di conformarsi ai requisiti della fase 2 della fatturazione elettronica.

Chi deve adeguarsi alla fase 2 della fatturazione elettronica saudita?

Lo ZATCA prevede un’introduzione graduale della fase 2, a partire da un gruppo di contribuenti più ristretto. Pochi giorni fa, il 24 giugno 2022, è stato pubblicato il primo gruppo di contribuenti che dovranno conformarsi alle norme sulla fatturazione elettronica a partire dal 1° gennaio 2023. Secondo l’annuncio dello ZATCA , rientrano nel campo di applicazione i contribuenti i cui ricavi annuali superano i 3 miliardi di riyal (circa 800 milioni di dollari) per il periodo 2021.

Finora è stata rivelata solo la soglia del primo gruppo. Lo ZATCA annuncerà in seguito altri gruppi di contribuenti e nuove scadenze. La ZATCA informerà ogni gruppo di contribuenti con almeno sei mesi di anticipo.

Come conformarsi alla fase 2 della fatturazione elettronica saudita?

Nella fase 2, i contribuenti devono generare tutte le fatture elettroniche e le note elettroniche (note di credito e di debito) in formato XML (UBL 2.0). Esistono requisiti unici per il contenuto della fattura. Tutte le fatture e le note elettroniche devono includere:

  • Un hash della fattura precedente
  • Un identificatore universale unico
  • Un codice QR.

Tuttavia, i requisiti della fatturazione elettronica relativi alle fatture fiscali (B2B) e alle fatture semplificate (B2C) sono diversi e, di conseguenza, sono state rese disponibili API diverse per i vari tipi di fatture.

Le fatture fiscali saranno soggette a un regime di Continuous Transaction Controls (CTC) . In particolare, il sistema può essere classificato come fatturazione elettronica di compensazione. Dopo aver generato la fattura XML, comprensiva di tutti i contenuti necessari, la fattura sarà trasmessa al portale dell’autorità fiscale (la piattaforma ZATCA) per la liquidazione attraverso l’API di liquidazione. La piattaforma ZATCA apporrà il sigillo di ZATCA come prova dell’avvenuta autorizzazione, dopodiché la fattura acquisirà validità legale. L’XML firmato verrà restituito al fornitore, che potrà scegliere se inviare la fattura XML firmata o una versione leggibile dall’uomo, compreso l’XML (PDF A-3 con XML incorporato). La versione leggibile dall’uomo deve essere in formato PDF A-3 (con XML incorporato).

Le fatture semplificate saranno soggette a un regime di rendicontazione CTC . Dopo aver generato la fattura XML, comprensiva di tutti i contenuti necessari, la fattura verrà firmata utilizzando il timbro crittografico del fornitore. Successivamente il venditore presenterà all’acquirente una copia cartacea della fattura. Entro 24 ore, il contribuente deve segnalare l’XML firmato alla piattaforma ZATCA attraverso l’API di segnalazione

I contribuenti devono archiviare le fatture elettroniche in formato elettronico. Esistono requisiti specifici relativi allo stoccaggio, tra cui, ad esempio, l’obbligo di stoccaggio locale come regola principale e lo stoccaggio all’estero consentito solo a determinate condizioni. Le soluzioni di fatturazione elettronica devono inoltre consentire ai contribuenti di scaricare le fatture elettroniche per l’archiviazione offline.

Agisci

Avete bisogno di garantire la conformità ai più recenti requisiti in materia di IVA e fatturazione elettronica in Arabia Saudita? Contattate con il team di esperti fiscali di Sovos.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Selin Adler Ring

Selin is Regulatory Counsel at Sovos. Based in Stockholm and originally from Turkey, Selin’s background is in corporate and commercial law, and currently specializes in global e-invoicing compliance. Selin earned a Law degree in her home country and has a master’s degree in Law and Economics. She speaks Russian, Arabic, English and Turkish.
Share This Post