Controlli alle frontiere del Regno Unito dopo la Brexit: cosa devi sapere sull’importazione di merci

Andrew Hocking
14 Ottobre, 2020

Nella nostra serie Brexit e IVA, approfondiamo alcune delle questioni più importanti della giornata per offrirti chiarezza e consigli.

La scorsa settimana abbiamo esaminato beni, servizi e IVA. Questa settimana affrontiamo i controlli alle frontiere del Regno Unito dopo la Brexit e l’importazione di merci.

Movimento di merci post-Brexit

Attualmente, il concetto di spedizioni e acquisizioni si applica alle merci che si spostano tra la Gran Bretagna e l’UE. Dopo il 31 dicembre, la circolazione delle merci sarà soggetta a trattamenti di esportazione e importazione. Quando si tratta di esportazioni, il rating zero può essere applicato se sono soddisfatte le condizioni pertinenti. Tuttavia, le importazioni sono soggette all’importazione di IVA e dazi doganali potenzialmente.

Il percorso verso la chiarezza post-Brexit sulle importazioni è stato lungo e tortuoso. Nel febbraio 2020, il governo britannico ha introdotto una serie di misure per alleviare il potenziale impatto di una Brexit difficile. L’introduzione di Transitional Simplified Procedures (TSP) per l’ingresso doganale nel Regno Unito intendeva ridurre gli oneri sulle imprese. Il governo britannico ha inoltre annunciato di rinviare la contabilità dell’IVA all’importazione. Ciò consente di contabilizzare l’imposta al momento del deposito di restituzione anziché all’importazione.

Dopo aver firmato l’accordo di transizione, il governo ha abbandonato queste misure. Le polemiche sulla rimozione della contabilità posticipata per l’IVA all’importazione e il catastrofico progresso della pandemia di COVID-19 hanno probabilmente influenzato il pensiero del governo britannico. Il bilancio di primavera a marzo ha reintrodotto la contabilità posticipata. Poi, a giugno, Downing Street ha introdotto linee guida aggiornate e un’implementazione graduale in tre fasi per i controlli alle frontiere. Questo approccio serve a mitigare, in una certa misura, i cambiamenti provocati dalla pandemia e parla della capacità del governo britannico stesso nei prossimi mesi.

Approccio in tre fasi ai controlli alle frontiere post-Brexit

  • Fase 1: gennaio 2021. In questa fase verranno introdotti requisiti doganali di base come registrazioni sufficienti per l’importazione di merci standard. In linea con TSP, ci saranno fino a sei mesi per completare le dichiarazioni doganali. Qualsiasi dazio pagabile avverrà su presentazione della dichiarazione in dogana, non al momento dell’entrata.
  • Fase 2: aprile 2021. Nella seconda fase, tutti i prodotti di origine animale (POAO) e tutti i vegetali e i prodotti vegetali regolamentati richiederanno una notifica preliminare e una documentazione sanitaria.
  • Fase 3: luglio 2021. La fase finale dell’attuazione richiederà alle imprese che spostano tutte le merci di fare dichiarazioni nel punto di importazione. In questo momento sarà dovuto qualsiasi dazio doganale.

A partire dalla prima fase, le merci controllate come alcol e tabacco saranno soggette a controlli. Nel caso in cui non vi sia un accordo preferenziale con il paese esportatore, ad esempio un accordo di libero scambio con l’UE, si applicheranno i nuovi elenchi delle tariffe globali del Regno Unito (UKGT). L’UKGT è un documento di scenario peggiore, che mostra le tariffe che si applicheranno alle merci importate in assenza di un accordo di libero scambio. Gli occhi acuti tra noi noteranno i cambiamenti tra l’attuale UKGT e la lista temporanea del 2019. In quest’ultimo, l’88% delle merci era esente da tariffe, mentre la nuova UKGT riduce il livello al 60%.

Meccanismi per il cambiamento

Oltre ai controlli, ai controlli e ai costi delle importazioni, vi sono una serie di modifiche ai meccanismi di importazione di beni che le imprese devono prendere in considerazione dopo la Brexit. Le procedure semplificate del trasporto doganale (PESC), il sistema di dichiarazioni doganali elettroniche esistenti e i registri di entrata in dichiaranti (EIDR) saranno disponibili senza applicazione fino al 30 giugno 2021. Ciò è purché le aziende soddisfino le condizioni pertinenti. Dopodiché, richiederanno l’approvazione.

La contabilità IVA posticipata, introdotta da HRMC il 1° gennaio 2021, fornirà una certa tregua alle imprese. Si applicherà sia alle importazioni dall’UE che a quelle esterne e, soprattutto, non richiederà una domanda. Tuttavia, non libera le aziende dal pagamento dei dazi, che saranno applicabili in linea con l’elenco UKGT.

Le speranze erano elevate per un cambiamento positivo su Intrastat, il meccanismo per le statistiche commerciali UE-Regno Unito. Rinomato per la sua cefalea che causa qualità e la dipendenza dalla manipolazione manuale dei dati, la fine di Intrastat era prevista da molti un bonus per la Brexit. Durante la pubblicazione del modello operativo di frontiera nel luglio 2020, HMRC ha confermato che le dichiarazioni di arrivo di Intrastat continueranno a essere richieste alle aziende che hanno la responsabilità di presentare nel 2020. Non ci sarà alcun requisito per l’invio delle spedizioni. Va notato che la posizione delle imprese in Irlanda del Nord sarà diversa. Ciò è dovuto al protocollo dell’Irlanda del Nord.

Quali sono i prossimi passi?

Comprendere gli obblighi di importazione e preparare con largo anticipo ogni fase dell’attuazione graduale dei controlli alle frontiere post-Brexit è essenziale.

Agisci

Vuoi sapere in che modo la Brexit influirà sui tuoi obblighi di conformità IVA? Guarda il nostro webinar on demand Brexit e IVA: proteggi le tue preziose catene di fornitura e riduci al minimo le costose interruzioni per saperne di più.

Sign up for Email Updates

Stay up to date with the latest tax and compliance updates that may impact your business.

Author

Andrew Hocking

Director of Managed Services. Andrew is the Director of Sovos’ Managed Services group in Europe. Based in London, he leads teams specialising in IPT and VAT compliance and fiscal representation in over 30 countries. Andrew holds qualifications in Finance and Business Law, and is a qualified Chartered Accountant with over 10 years experience in indirect tax and technology.
Share this post

E-Invoicing Compliance EMEA
April 5, 2023
Bizkaia: Qual è il sistema fiscale di Batuz?

La Bizkaia è una provincia della Spagna e un territorio storico dei Paesi Baschi, con un proprio sistema fiscale. Prima dell’approvazione della strategia Batuz, l’autorità fiscale della Bizkaia ha sviluppato diversi approcci per implementare una strategia completa che riducesse la frode fiscale. L’obiettivo è quello di impedire che la frode influisca sulle entrate generate dalle […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
March 7, 2023
L’IVA nell’era digitale introduzione di una piu’ estesa platea di transazioni ricomprese nella registrazione unica ai fini IVA

Il piano L’IVA nell’era digitale della Commissione europea propone una serie di novità, fra cui una registrazione IVA unica per facilitare il commercio transfrontaliero. La proposta, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2025, è parte dell’iniziativa della Commissione per modernizzare l’IVA nell’UE. In sostanza, comporterebbe la registrazione IVA una sola volta in tutta […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
February 13, 2023
L’IVA nell’era digitale: risposte alle domande che tutti si pongono

6 Frequenti Domande: Per capire meglio l’impatto delle proposte della commissione Europea nell’era digitale (ViDA) sulla tua attività, ti invito a leggere alcune delle domande più frequenti che ho ricevuto fino a questo momento. D: Quando le aziende probabilmente inizieranno a notare un impatto in seguito all’implementazione delle proposte ViDA?  R: Le proposte della Commissione […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 21, 2022
L’IVA nell’era digitale: trattamento dell’IVA sul fronte delle piattaforme digitali

La proposta “L’IVA nell’era digitale” della Commissione Europea apporta modifiche significative al trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali relativamente agli operatori nei servizi di alloggio di breve durata (massimo 45 giorni) e di trasporto passeggeri. Trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali Vale la pena ricordare che il “trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali” riguarda […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 8, 2022
L’IVA nell’era digitale: Segnalazione e fatturazione elettronica obbligatoria per le transazioni intracomunitarie dell’UE

La Commissione Europea ha annunciato la sua tanto attesa proposta di modifiche legislative in relazione all’iniziativa l’IVA nell’era digitale (ViDA). Si tratta di uno degli sviluppi più importanti nella storia dell’IVA europea, che riguarda non solo le aziende europee, ma anche quelle non europee che commerciano con l’UE. La proposta richiede la modifica della Direttiva […]