Origine delle merci – Richiesta di sgravi sugli scambi tra l’UE e il Regno Unito

Andy Spencer
10 Febbraio, 2022

Le soglie del nesso economico sono diventate una procedura standard per la maggior parte degli Stati Uniti, ma la tassabilità del software e dei prodotti digitali continua a variare tra le giurisdizioni fiscali.

I fornitori di software e beni digitali hanno comprensibilmente domande sull’imposta sulle vendite. In che modo i miei prodotti o software digitali hanno un trattamento fiscale speciale? Come gestisco l’imposta sulle vendite per i prodotti in bundle? Devo considerare il metodo di spedizione quando applichiamo le aliquote dell’imposta sulle vendite?

Le aziende che vendono software o prodotti digitali non possono permettersi di mantenere l’imposta sulle vendite come ripensamento. Comprendere le domande giuste da porre sull’imposta sulle vendite e su come si applica al software e ai beni digitali garantirà alle organizzazioni di valutare meglio qualsiasi potenziale responsabilità fiscale.

Cosa viene venduto?

Capire cosa viene venduto è una domanda molto importante, che spesso rivela come verrà tassata una transazione. Tutti gli stati tassano le vendite di beni personali tangibili (TPP) a meno che non siano specificamente esenti, ma servizi, software e altre transazioni (incluso il software-as-a-service) possono spesso avere una tassabilità variabile tra le giurisdizioni fiscali negli Stati Uniti. In alcune giurisdizioni, il software-as-a-service (SaaS) può essere classificato come un servizio, mentre in altre giurisdizioni può essere tassato come software o TPP. Sapere cosa viene venduto aiuta le aziende a correggere le determinazioni fiscali.

Come viene consegnata?

Anche il metodo di consegna è una considerazione importante. Gli Stati possono avere diversi requisiti per la tassazione, a seconda del metodo di consegna. In alcuni stati, il metodo di consegna può influire drasticamente sulla tassabilità, mentre i metodi di consegna potrebbero non avere alcun impatto in altri stati. Le organizzazioni devono sapere come i loro software o beni digitali vengono consegnati ai loro clienti e le regole che si applicano negli stati in cui effettuano transazioni commerciali.

L’imposta sulle vendite continua ad evolversi

Nel complesso, le aziende che vendono software (in particolare offerte SaaS) o beni digitali devono tenersi aggiornate sui requisiti fiscali delle vendite. Un’organizzazione può comprendere la tassabilità dei beni digitali in alcuni stati, ma tali definizioni esatte, sebbene informative, potrebbero non essere applicabili in altre giurisdizioni. Supporre che i requisiti fiscali sulle vendite di software o beni digitali siano sempre gli stessi può essere una trappola.

Un’azienda di software potrebbe capire come le tasse si applicano ai beni digitali che hanno venduto in alcuni stati, ma forse ora quell’attività ha un nesso economico in più stati a causa di South Dakota contro Wayfair, Inc. Questi stati aggiuntivi possono avere regole molto diverse che si applicano al software o ai prodotti digitali da quelli in cui hai venduto originariamente.

Il software e i beni digitali hanno fatto molta strada e gli Stati stanno recuperando terreno per applicare tasse ai prodotti tecnologici. Ecco perché è essenziale che le aziende del settore del software rimangano vigili e sappiano come gli stati in cui vendono potrebbero aver iniziato ad applicare equamente l’imposta sulle vendite a questi tipi di prodotti.

Agisci

Dai un’occhiata al nostro recente webinar con Bennett Thrasher per saperne di più sulle sfumature dell’imposta sulle vendite per l’industria del software.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Andy Spencer

Andy is a highly experienced indirect tax professional who has worked in VAT for over twenty five years. Andy joined Sovos in 2009 and has responsibility for the consulting and compliance teams. Within the consulting team, he is involved in delivering major international VAT projects for blue-chip clients, bringing expertise in both structural compliance and commercial efficiency. Andy specialises in providing clients with bespoke VAT reviews that help them develop into new territories with the appropriate controls in place to manage VAT effectively. Andy has developed expertise in international VAT throughout his career and has advised on a broad range of issues in many countries. Within the compliance team, Andy is responsible for the integrity and professionalism of Sovos’ compliance offering working with the team to ensure clients meet their compliance obligations around the EU and beyond. Andy began his career with HM Customs & Excise and before joining Sovos was VAT Director at Baker Tilly’s Southern UK operation, a Senior VAT Manager at KPMG for six years, and a Senior VAT Manager at Ernst & Young for seven.
Share This Post