La Corea del Sud dispone di un sistema di fatturazione elettronica funzionante che combina la fatturazione elettronica obbligatoria con un obbligo di segnalazione dei controlli continui delle transazioni (CTC). Questo sistema maturo e consolidato, lanciato oltre un decennio fa, sta vedendo i suoi primi cambiamenti significativi negli anni.

Il decreto presidenziale n. 31445 (decreto) ha recentemente modificato alcune disposizioni del decreto di esecuzione della legge sull’imposta sul valore aggiunto. Tra le altre modifiche, l’ambito della fatturazione elettronica è stato ampliato e sono stati introdotti nuovi termini e limiti di soglia. Ciò significa che un numero maggiore di contribuenti in Corea del Sud deve rispettare le norme sulla fatturazione elettronica in conformità con le tempistiche.

Quali sono le nuove scadenze e i nuovi limiti di soglia per la fatturazione elettronica?

In Corea del Sud, la fatturazione elettronica è obbligatoria per tutte le aziende dal 2011. A partire dal 2012, anche le singole imprese (imprenditori) sono tenute a rispettare gli obblighi di fatturazione elettronica se rispettano i limiti di soglia che sono stati aggiornati un paio di volte nel corso degli anni. Attualmente, una singola azienda il cui valore aggregato dell’offerta (comprese le transazioni esenti da imposta) per l’anno fiscale immediatamente precedente è pari o superiore a 300.000.000 KRW, è tenuta a rispettare le norme sulla fatturazione elettronica del paese.

Dopo le recenti modifiche, l’attuale soglia è ora abbassata a 200.000.000 di KRW e il nuovo limite sarà applicabile a partire dal 1° luglio 2022. L’autorità fiscale ha già comunicato ulteriori adeguamenti, annunciando che dal 1° luglio 2023 la soglia sarà ulteriormente ridotta al limite di 100.000.000 di KRW. L’autorità fiscale coreana mira a migliorare la trasparenza delle fonti fiscali richiedendo a più imprese di rispettare le norme sulla fatturazione elettronica.

Quali sono le prospettive per i requisiti di fatturazione elettronica in Corea del Sud?

L’ampliamento del campo di applicazione degli obblighi di fatturazione elettronica non è una sorpresa. Come in molte altre giurisdizioni CTC, i dati transazionali raccolti da un numero maggiore di contribuenti forniscono maggiori informazioni all’autorità fiscale sull’IVA, sulle tendenze del mercato e altro ancora.

Grazie al suo successo e alla sua maturità, la fatturazione elettronica in Corea del Sud continua a ispirare altri paesi della regione Asia-Pacifico. L’autorità fiscale filippina sta avviando un progetto pilota per la fatturazione elettronica per i 100 maggiori contribuenti del paese a partire dal 1° luglio 2022. Durante la progettazione del proprio sistema di fatturazione elettronica, l’autorità fiscale filippina ha avuto diversi incontri con le sue controparti sudcoreane per beneficiare della competenza e dell’esperienza coreane. Pertanto, le Filippine stanno introducendo un sistema CTC relativamente simile a quello coreano.

Agisci

È necessario garantire la conformità ai più recenti requisiti di fatturazione elettronica in Corea del Sud? Mettiti in contatto con i nostri esperti fiscali. Seguici su LinkedIn e Twitter per essere sempre aggiornato con notizie e aggiornamenti normativi.

Mentre il Regno Unito ha lasciato l’Unione europea (UE) il 31 dicembre 2020 sembra molto tempo fa, le aziende del Regno Unito devono ancora affrontare le modifiche ai processi in atto quando importano merci da fornitori nell’UE.

Dichiarazioni doganali

Per tutto il 2021, le merci importate in Gran Bretagna dall’UE sono state soggette a diverse servitù dal punto di vista doganale. Ciò aveva lo scopo di ridurre l’onere di completare le dichiarazioni doganali complete e affrontare tutte le conseguenze dell’importazione di merci che in precedenza non erano soggette a documentazione e controlli di importazione.

Le imprese del Regno Unito erano impreparate, in parte a causa degli impatti della pandemia di COVID-19, quindi queste semplificazioni sono state estese alcune volte nel corso del 2021. A partire dal 1° gennaio 2022, le merci che si spostano tra l’UE e la Gran Bretagna saranno soggette a dichiarazioni e controlli doganali completi. Successivamente, non vi è più la possibilità di differire le dichiarazioni in dogana come accadeva in precedenza.

Inoltre, eventuali dazi doganali dovuti sulle merci saranno dovuti al momento dell’entrata piuttosto che al momento della presentazione della dichiarazione doganale, come nel caso del 2021. Le aziende possono ottenere un pagamento ritardato del dazio doganale richiedendo un conto di differimento dei dazi presso HMRC. In alcuni casi, può essere raggiunto senza la necessità di presentare una garanzia finanziaria, quindi vale la pena considerarlo.

A causa dei negoziati tra il governo del Regno Unito e l’UE sul protocollo dell’Irlanda del Nord, le importazioni di merci non controllate dall’Irlanda e dall’Irlanda del Nord non saranno soggette a questi cambiamenti. Le servitù precedenti continueranno ad applicarsi. Ciò significa che le dichiarazioni doganali possono subire ritardi fino a 175 giorni. Il governo del Regno Unito farà ulteriori annunci una volta completate le discussioni sul protocollo. Ci aggiorneremo ulteriormente quando ciò accadrà.

IVA all’importazione

Per quanto riguarda l’IVA sulle importazioni, la Contabilità IVA sulle importazioni posticipata (PIVA) rimane disponibile e, sebbene non obbligatoria, è consigliata, in quanto fornisce un prezioso vantaggio in termini di flusso di cassa. Si applica alle importazioni da tutti i paesi e non solo dall’UE. A differenza di alcuni paesi dell’UE, non viene applicato automaticamente e deve essere richiesto al momento della presentazione della dichiarazione di importazione. Pertanto, l’importatore deve consigliare a chi presenta la dichiarazione di completarla di conseguenza. Se non viene rivendicata, l’IVA all’importazione è pagabile al momento dell’entrata e dovrà essere recuperata nella dichiarazione IVA – HMRC continua a rilasciare il certificato C79 quando l’IVA viene pagata alla frontiera, ed è richiesta la prova per recuperare l’IVA.

Le aziende dovranno inoltre ricordarsi di scaricare l’estratto conto PIVA mensile dal sito web di HMRC, necessario per determinare l’importo dell’IVA all’importazione dovuta sulla dichiarazione IVA. Questa operazione deve essere effettuata entro sei mesi poiché non è disponibile dopo tale periodo.

Dichiarazioni Intrastat

Un altro cambiamento riguarda la segnalazione Intrastat per le importazioni in Gran Bretagna dall’UE. Le dichiarazioni di arrivo sono state richieste nel corso del 2021 per fornire al governo del Regno Unito le statistiche commerciali, dato che gli importatori potevano ritardare la presentazione delle dichiarazioni doganali complete. Gli arrivi Intrastat sono ora richiesti solo per le merci che si spostano dall’UE all’Irlanda del Nord, perché l’Irlanda del Nord è ancora considerata parte dell’UE per le merci.

Le disposizioni dell’accordo commerciale e di cooperazione UE-Regno Unito devono essere prese in considerazione quando si importano merci dall’UE, in particolare per quanto riguarda l’origine delle merci e se l’importazione è esente da dazi. Questo è in vigore dal 1° gennaio 2021, ma ci sono cambiamenti pratici che sono esaminati ulteriormente nel nostro articolo che discute l’origine delle merci e la rivendicazione di sgravi sul commercio tra l’UE e il Regno Unito. Questi cambiamenti significano che le importazioni dall’UE sono trattate allo stesso modo delle importazioni da qualsiasi altro paese, ad eccezione delle merci provenienti dall’Irlanda e dall’Irlanda del Nord, che sono ancora soggette a regimi speciali.

Agisci

Desideri sapere in che modo i cambiamenti tra l’UE e il Regno Unito influiranno sui tuoi obblighi di conformità IVA? Contattaci per saperne di più.

Le soglie del nesso economico sono diventate una procedura standard per la maggior parte degli Stati Uniti, ma la tassabilità del software e dei prodotti digitali continua a variare tra le giurisdizioni fiscali.

I fornitori di software e beni digitali hanno comprensibilmente domande sull’imposta sulle vendite. In che modo i miei prodotti o software digitali hanno un trattamento fiscale speciale? Come gestisco l’imposta sulle vendite per i prodotti in bundle? Devo considerare il metodo di spedizione quando applichiamo le aliquote dell’imposta sulle vendite?

Le aziende che vendono software o prodotti digitali non possono permettersi di mantenere l’imposta sulle vendite come ripensamento. Comprendere le domande giuste da porre sull’imposta sulle vendite e su come si applica al software e ai beni digitali garantirà alle organizzazioni di valutare meglio qualsiasi potenziale responsabilità fiscale.

Cosa viene venduto?

Capire cosa viene venduto è una domanda molto importante, che spesso rivela come verrà tassata una transazione. Tutti gli stati tassano le vendite di beni personali tangibili (TPP) a meno che non siano specificamente esenti, ma servizi, software e altre transazioni (incluso il software-as-a-service) possono spesso avere una tassabilità variabile tra le giurisdizioni fiscali negli Stati Uniti. In alcune giurisdizioni, il software-as-a-service (SaaS) può essere classificato come un servizio, mentre in altre giurisdizioni può essere tassato come software o TPP. Sapere cosa viene venduto aiuta le aziende a correggere le determinazioni fiscali.

Come viene consegnata?

Anche il metodo di consegna è una considerazione importante. Gli Stati possono avere diversi requisiti per la tassazione, a seconda del metodo di consegna. In alcuni stati, il metodo di consegna può influire drasticamente sulla tassabilità, mentre i metodi di consegna potrebbero non avere alcun impatto in altri stati. Le organizzazioni devono sapere come i loro software o beni digitali vengono consegnati ai loro clienti e le regole che si applicano negli stati in cui effettuano transazioni commerciali.

L’imposta sulle vendite continua ad evolversi

Nel complesso, le aziende che vendono software (in particolare offerte SaaS) o beni digitali devono tenersi aggiornate sui requisiti fiscali delle vendite. Un’organizzazione può comprendere la tassabilità dei beni digitali in alcuni stati, ma tali definizioni esatte, sebbene informative, potrebbero non essere applicabili in altre giurisdizioni. Supporre che i requisiti fiscali sulle vendite di software o beni digitali siano sempre gli stessi può essere una trappola.

Un’azienda di software potrebbe capire come le tasse si applicano ai beni digitali che hanno venduto in alcuni stati, ma forse ora quell’attività ha un nesso economico in più stati a causa di South Dakota contro Wayfair, Inc. Questi stati aggiuntivi possono avere regole molto diverse che si applicano al software o ai prodotti digitali da quelli in cui hai venduto originariamente.

Il software e i beni digitali hanno fatto molta strada e gli Stati stanno recuperando terreno per applicare tasse ai prodotti tecnologici. Ecco perché è essenziale che le aziende del settore del software rimangano vigili e sappiano come gli stati in cui vendono potrebbero aver iniziato ad applicare equamente l’imposta sulle vendite a questi tipi di prodotti.

Agisci

Dai un’occhiata al nostro recente webinar con Bennett Thrasher per saperne di più sulle sfumature dell’imposta sulle vendite per l’industria del software.

L’introduzione del nuovo sistema Portuguese Stamp Duty è stata probabilmente una delle modifiche più estese all’interno della segnalazione IPT nel 2021, anche se l’ultimo sistema di segnalazione non era accompagnato da modifiche alla struttura delle aliquote fiscali.

I nuovi requisiti di segnalazione erano inizialmente previsti per iniziare con i resi di gennaio 2020. Tuttavia, questo è stato posticipato all’aprile 2020 e ancora una volta fino al gennaio 2021 a causa della pandemia di COVID-19.

In che modo ciò influisce sulla segnalazione?

Oltre alle informazioni attualmente richieste, le informazioni obbligatorie richieste per l’invio con successo dei resi ora includono:

Lezioni apprese e come Sovos ti aiuta ad adattarti

I nostri sistemi di reporting si sono evoluti per aiutare i clienti a soddisfare questi nuovi requisiti.

Ad esempio, il nostro ufficio tecnico ha creato una formula che conferma un ID valido per facilitare la convalida e la segnalazione dei dati. Di conseguenza, all’interno dei nostri sistemi è stato creato un controllo sensoriale per determinare se un ID è valido.

Con il recente cambiamento nel trattamento delle linee negative di Stamp Duty, abbiamo anche modificato i nostri calcoli per tenere conto di due metodi contrastanti di trattamento dei negativi all’interno dei nostri sistemi.

In precedenza, sia l’imposta di bollo portoghese che le autorità parafiscali avevano requisiti identici per la presentazione di linee negative. Tuttavia, l’introduzione del più complesso sistema di segnalazione Stamp Duty richiedeva modifiche alla dichiarazione iniziale della politica.

Comprensibilmente, questo nuovo requisito è un approccio più giudizioso nei confronti della rendicontazione fiscale e probabilmente verrà introdotto in più sistemi fiscali in futuro.

Guardando avanti

Come per qualsiasi nuovo sistema di reporting, sono necessarie modifiche all’interno delle procedure mensili. I nostri processi e software di conformità IPT vengono aggiornati quando e quando si verificano modifiche normative, garantendo tranquillità ai nostri clienti.

E con ogni nuovo sistema di reporting, impariamo sempre di più su come le autorità fiscali di tutto il mondo stanno cercando di entrare nell’era digitale con pratiche, conoscenze e intuizioni più semplificate per aumentare l’efficienza e colmare il divario fiscale.

Agisci

Contatta i nostri esperti per ricevere assistenza con i tuoi requisiti di segnalazione Portugal Stamp Duty.