Non sorprende che l’inflazione sia al centro dell’attenzione di tutti, con i prezzi che continuano a salire alle stelle di mese in mese. I dati del Regno Unito mostrano che l’inflazione dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) è balzata a un massimo di 40 anni del 9% negli ultimi 12 mesi. I governi di tutto il mondo sono alla ricerca di modi per ridurre l’onere per i consumatori e mantenere a galla le economie globali. Uno di questi metodi – l’applicazione di tagli alle aliquote IVA su alcuni beni e servizi – sembra essere il migliore, dal momento che molti Paesi in tutto il mondo hanno annunciato sessioni di bilancio d’emergenza o hanno presentato proposte per ridurre temporaneamente le aliquote IVA.

Le riduzioni temporanee delle aliquote IVA sono in genere facili e veloci da attuare, e per questo sono favorite dai governi di tutto il mondo. Questi tagli consentono essenzialmente di dare una spinta all’economia fornendo ai consumatori un importo complessivo più alto da spendere, incentivandoli a spendere ora mentre le aliquote sono più basse.

Proposte nazionali di riduzione delle aliquote IVA

Come previsto, molti Paesi hanno già annunciato tagli alle aliquote IVA o misure di stimolo per le loro economie:

Anche altri Paesi, come Estonia, Paesi Bassi, Lettonia, Grecia e Turchia, stanno adottando misure per ridurre l’aliquota IVA al fine di contrastare il continuo aumento dei costi per i consumatori.

Questi tagli alle aliquote IVA coincidono con le nuove misure approvate di recente dalla Commissione europea che consentono agli Stati membri di applicare aliquote ridotte a un maggior numero di articoli, compresi i prodotti alimentari. Anche se sembra che molti Stati membri si stiano muovendo per approfittare di questa nuova flessibilità sulle riduzioni delle aliquote IVA, si prevede che, con il continuo aumento dei costi, un numero maggiore di Stati membri e di Paesi in tutto il mondo introdurrà riduzioni delle aliquote IVA per garantire che la spesa dei consumatori non continui a diminuire.

Agisci

Per saperne di più su ciò che crediamo ci riservi il futuro, scaricate il sito 13th Annual Trends. Seguiteci suLinkedIn e Twitter per rimanere aggiornati sulle novità e gli aggiornamenti normativi.