Sovos ha recentemente ospitato un webinar online sul recupero dell’IVA in cui sono stati illustrati gli accordi di reciprocità tra il Regno Unito e gli Stati membri dell’UE per la richiesta di rimborso dell’IVA ai sensi della 13a direttiva. Una delle domande che continuano a emergere è : cosa sono gli accordi di reciprocità e perché sono importanti?

Reciprocità

Per quanto riguarda le richieste di rimborso della tredicesima direttiva, ogni Stato membro dell’UE ha regole o condizioni diverse da soddisfare prima di accettare il rimborso dell’IVA. Una delle condizioni che gli Stati membri dell’UE possono richiedere è un accordo di reciprocità. Un accordo di reciprocità è un accordo che prevede la reciprocità dei rimborsi IVA tra due Paesi.

Pertanto, l’IVA è rimborsabile solo se un’imposta simile è rimborsabile per le imprese locali nel Paese del richiedente. Ad esempio, supponiamo che un’impresa spagnola possa ottenere il rimborso dell’IVA in Norvegia attraverso un regime simile a quello della Direttiva 13. In questo caso, la Spagna avrà probabilmente la reciprocità con la Norvegia e consentirà alle imprese norvegesi di presentare una richiesta di rimborso per la tredicesima direttiva in Spagna.

Attualmente sono circa 19 gli Stati membri dell’UE che richiedono accordi di reciprocità per le imprese extracomunitarie che vogliono richiedere il rimborso dell’IVA. Di questi, Grecia e Slovenia hanno attualmente accordi di reciprocità solo con due Paesi (Norvegia e Svizzera), mentre l’Italia ne ha tre (Norvegia, Svizzera e Israele). Quando si presentano richieste di rimborso dell’IVA dell’UE, le imprese devono verificare la reciprocità e non dare per scontato che saranno automaticamente approvate.

Aziende del Regno Unito

Prima di Brexit, le imprese del Regno Unito potevano presentare richieste di rimborso dell’IVA attraverso la direttiva UE sui rimborsi IVA (nota anche come ottava direttiva), costruita per consentire la libertà di reciprocità a tutti gli Stati membri dell’UE. Tuttavia, dopo la Brexit, questo meccanismo per le richieste di rimborso dell’IVA non era più applicabile e il Regno Unito rientrava nel regime di rimborso della tredicesima direttiva in quanto impresa non UE.

Sebbene il Regno Unito e l’UE abbiano un accordo di libero scambio e cooperazione , non è stata fatta alcuna menzione specifica della reciprocità nelle richieste di rimborso dell’IVA, che dovrebbero essere concordate tra i singoli Stati membri dell’UE e il Regno Unito. Pertanto, potrebbe essere più difficile per le imprese britanniche, che presentano richieste di rimborso in tutta l’UE, recuperare l’IVA sostenuta in alcuni Paesi.

Per quanto riguarda gli attuali accordi di reciprocità con il Regno Unito, gli unici annunci ufficiali che abbiamo visto finora sono stati fatti da Germania, Spagna e Ungheria. Tuttavia, siamo a conoscenza delle discussioni in corso tra il Regno Unito e gli altri Stati membri dell’UE.

L’HMRC dichiara che rifiuterà una richiesta di rimborso solo se il paese reciproco dispone di un sistema di rimborso delle imposte, ma rifiuta di concedere il rimborso ai commercianti britannici. Pertanto, l’HMRC è disposto a consentire il recupero dell’IVA nel Regno Unito per le imprese dell’UE, a condizione che le imprese britanniche ricevano lo stesso trattamento dell’UE. Sarebbe quindi nell’interesse degli Stati membri dell’UE consentire il recupero dell’IVA per le imprese del Regno Unito affinché le imprese del proprio Paese possano beneficiare dello stesso trattamento.

Perché è importante?

La maggior parte degli Stati membri dell’UE richiede la reciprocità nelle richieste di rimborso dell’IVA. Pertanto, la legge sulla reciprocità è un fattore integrante quando si vuole presentare una richiesta di rimborso dell’IVA in qualsiasi giurisdizione. È importante comprendere queste leggi di reciprocità per evitare di perdere tempo e denaro nel presentare una richiesta di rimborso IVA da un Paese che non lo consente.

Agisci

Per saperne di più su ciò che crediamo ci riservi il futuro, scaricate il whitepaper13th Annual VAT Trends. Seguiteci su LinkedIn e Twitter per rimanere aggiornati sulle novità e gli aggiornamenti normativi.