Benvenuti nella nostra serie di blog Q& A in due parti sul mandato francese per la fatturazione elettronica e la segnalazione elettronica, che entra in vigore 2023-2025. Sembra molto lontano, ma le aziende devono iniziare a prepararsi ora se devono conformarsi.

Il team di conformità di Sovos è tornato a rispondere ad alcune delle domande più urgenti poste durante il nostro webinar.

Abbiamo delineato il nuovo mandato, la fatturazione elettronica in modo specifico e le domande su questo argomento nel nostro primo post sul blog.

Questo blog esaminerà l’altro lato del mandato: gli obblighi di e-reporting. Questi si applicheranno alle transazioni B2C e B2B transfrontaliere in Francia, che devono essere segnalate periodicamente.

E-reporting pagamenti

Per prima cosa diamo un’occhiata alle domande più comuni sulla segnalazione elettronica dei pagamenti.

Quali sono gli stati di fattura e pagamento da segnalare?

Ecco una diapositiva del nostro webinar che mostra gli stati delle fatture, indipendentemente dal fatto che si tratti di origini obbligatorie, consigliate o gratuite, azioni da intraprendere in caso di rifiuto, dati sullo stato e quando deve essere segnalato:

Chi è responsabile della segnalazione elettronica dei pagamenti? L’acquirente, il venditore o entrambi?

Inizialmente si diceva che si trovasse sia sul lato dell’acquirente che del venditore, ma le ultime informazioni fornite da DGFIP indicano chiaramente che sarà responsabilità del venditore segnalare lo stato della fattura e, se applicabile, il suo stato di pagamento.

Tuttavia, sono necessari ulteriori chiarimenti poiché il venditore dipende dalla risposta dell’acquirente su un certo stato (ad esempio «fattura rifiutata»).

Requisiti di certificazione della piattaforma «partner»

Il tuo progetto di fatturazione elettronica e e-reporting non può essere eseguito in modo isolato. Si tratta di un progetto significativo con molte dipendenze che coinvolgono terze parti esterne.

Ci saranno una o, molto probabilmente, diverse terze parti nel mezzo della catena di transazioni. Ciò includerà Chorus Pro, scelto dal governo francese come piattaforma ufficiale e obbligatoria per le aziende per emettere fatture elettroniche alle pubbliche amministrazioni.

Questa sezione illustra le domande più frequenti sui requisiti di certificazione della piattaforma partner.

Esiste un elenco di piattaforme partner ufficiali convalidate?

Il workshop DGFIP del 13 luglio 2021 dedicato a questo argomento ha evidenziato che ci sarebbe stato un processo di registrazione per piattaforme di terze parti, così come i contribuenti che vorrebbero gestire la propria piattaforma.

Il processo di registrazione consisterà in due fasi:

Fase 1. Una selezione preventiva da parte delle autorità fiscali in base al profilo generale del candidato (ad esempio sono aggiornate nei propri dazi di pagamento delle imposte?) e i servizi che propongono;

Fase 2. Entro 12 mesi dalla registrazione, sarebbe necessario eseguire un audit indipendente che dimostri che la piattaforma soddisfa i requisiti DGFIP, quali:

Alcuni altri punti chiave da notare sono:

Timeline di implementazione

Qual è l’attuale aspettativa quando i campi richiesti esatti vengono forniti dal governo (specifiche della fattura con tutti i campi e i valori obbligatori)?

I file Excel sono disponibili come bozza di documento a un livello molto dettagliato che Sovos può fornire su richiesta. Le specifiche finali dovrebbero essere note entro la fine di settembre 2021.

Agisci

Hai ancora domande sull’e-reporting? Accedi al nostro webinar on demand per ulteriori informazioni e consigli su come rispettare.

A partire dal 2023, le norme sull’IVA francese impongono alle imprese di emettere fatture elettronicamente per le transazioni nazionali con soggetti passivi e di ottenere «liquidazione» sulla maggior parte delle fatture prima della loro emissione. Altre transazioni, come transfrontaliere e B2C, saranno segnalate all’autorità fiscale nel modo «normale».

Questa sarà un’impresa importante per le aziende colpite e, sebbene i cambiamenti siano a più di un anno di distanza, la pianificazione dovrebbe iniziare ora. Ma cosa significa pianificazione nel contesto di un’implementazione del controllo continuo delle transazioni (CTC)? Cosa hanno imparato le imprese sull’orlo di tale trasformazione quando si trovano di fronte alla stessa sfida in paesi come Italia, India, Messico e Spagna? E in che modo le aziende possono sfruttare queste best practice per i futuri rollout CTC?

Condividiamo i punti che le aziende dovrebbero prendere in considerazione quando si pianifica l’implementazione di un CTC, che può essere utilizzato come lista di controllo per il mandato France 2023 per aiutarti a prepararti.

Comprendi i nuovi cambiamenti e sii consapevole di ciò che ci aspetta

Comprendi come influiscono la tua attività e le tue operazioni

Progettare o valutare soluzioni potenziali

Esegui la soluzione

Una volta che avrai risposto alle domande sopra, sarai in una buona posizione per pianificare la tabella di marcia per garantire processi conformi in tempo per l’entrata in vigore, sia per stimare i costi e garantire i finanziamenti necessari per il progetto.

Agisci

Registrati al nostro webinar Come rispettare il mandato di fatturazione elettronica francese o mettiti in contatto con i nostri esperti che possono aiutarti a prepararti.

La Francia sta introducendo controlli continui sulle transazioni (CTC). A partire dal 2023, la Francia attuerà un obbligo obbligatorio di autorizzazione per la fatturazione elettronica B2B e l’obbligo di segnalazione elettronica. Con questi requisiti completi, oltre all’obbligo di fatturazione elettronica B2G già obbligatorio, il governo mira ad aumentare l’efficienza, tagliare i costi e combattere le frodi. Scoprite di più.

La Francia mostra una solida comprensione di questo complesso argomento CTC, ma rimangono alcune domande.

Introduzione

La Francia annuncia variazioni IVA stimolate dalle riforme internazionali per il controllo continuo delle transazioni IVA («Controlli continui delle transazioni» o «CTC»). Il governo francese mira ad aumentare l’efficienza, ridurre i costi e combattere le frodi attraverso l’introduzione della liquidazione obbligatoria delle fatture elettroniche B2B. Questo insieme a un obbligo di e-reporting fornisce all’amministrazione fiscale tutti i dati rilevanti per le transazioni B2B e B2C. Questo inizierà con le grandi aziende.

Un sistema CTC misto

Nel rapporto «VAT in the Digital Age in France» (La TVA à l’ère du digital en France), la Direction General des Finances Publiques — o DG-FIP — descrive il suo obiettivo di implementare questa soluzione mista. Per cui la liquidazione obbligatoria delle fatture elettroniche (idealmente per tutte le fatture, senza eccezioni come gli importi di soglia ecc.) porrà le basi.

Ciò fornirà all’autorità fiscale i dati relativi a qualsiasi transazione B2B nazionale. Tuttavia, per poter combattere efficacemente le frodi, incluso il tipo di giostra, ciò non è sufficiente; hanno bisogno di accedere a tutti i dati delle transazioni. Pertanto, i dati che l’autorità fiscale non riceverà nell’ambito del processo di liquidazione delle fatture elettroniche, in particolare le fatture B2C e le fatture emesse da fornitori stranieri che non saranno soggetti a un mandato nazionale francese, nonché alcuni dati di pagamento – saranno soggetti a un obbligo complementare di segnalazione elettronica. (L’obbligo di segnalare questi ultimi dati elettronicamente non significa che le fatture sottostanti debbano essere fatture elettroniche; le parti possono comunque trasmettere in formato cartaceo tra di loro.)

L’architettura Clearance

Il rapporto descrive in che modo DG-FIP ha preso in considerazione due potenziali modelli per il processo di sdoganamento delle fatture elettroniche. Questo avviene tramite il portale centrale Chorus Pro (attualmente il punto di autorizzazione per tutte le fatture B2G). Questi sono i modelli V e Y.

Nel modello V esiste una piattaforma pubblica che funge da punto di autorizzazione; la piattaforma centrale Chorus Pro è l’unica piattaforma autorizzata tramite la quale la fattura può essere trasmessa all’acquirente o, se del caso, al fornitore di servizi dell’acquirente.

Il modello Y include oltre ai fornitori di servizi terzi certificati della piattaforma centrale, che sono autorizzati a cancellare e trasmettere le fatture tra le parti contraenti. Questa alternativa è l’opzione preferita dalla comunità dei fornitori di servizi. Per questo motivo – e poiché questo modello è più resistente perché non è esposto a un singolo punto di guasto – la relazione sembra favorire il modello Y.

Timeline

Per quanto riguarda la cronologia, a partire da gennaio 2023, tutte le società devono essere in grado di ricevere fatture elettroniche tramite il sistema centralizzato. Quando si tratta di emissione, è previsto un lancio simile a quello del mandato di fattura elettronica B2G, a partire dalle grandi aziende.

Sfide e strada avanti

Il rapporto pone una buona base per l’implementazione di questo sistema CTC misto. Tuttavia, molti problemi dovranno essere chiariti per consentire un’implementazione agevole. Alcune delle quali sono abbastanza fondamentali.

      • Il modello proposto significa che l’amministrazione fiscale francese deve riflettere sui dettagli della certificazione del fornitore di servizi.
      • Il rapporto tra lo schema CTC di alto livello proposto con regole preesistenti sull’integrità e l’autenticità della fatturazione elettronica. La versione francese di SAF-T (FEC) e le opzioni di segnalazione IVA digitale devono essere chiarite. Su quest’ultimo argomento, la legge francese di bilancio per il 2020 che ha avviato questa mossa verso CTC ha suggerito che le dichiarazioni IVA preriempite sono tra gli obiettivi chiave, anche se ciò non rientra in evidenza nella relazione DG-FIP.
      • Rimangono alcune domande sulla struttura di archiviazione centrale associata allo schema CTC.
      • La directory centrale degli indirizzi di fatturazione elettronica proposta richiede un’attenta progettazione (compresa la manutenzione) e l’implementazione.

Il rapporto propone un dispiegamento progressivo e pedagogico. Ciò garantirà che le aziende gestiscano questo passaggio, per qualche radicale, alla fatturazione elettronica e alla segnalazione. Si fa riferimento ai principi pratici dell’ICC sul CTC, rilevando in particolare l’importanza del preavviso e la consulenza dell’ICC per dare alle imprese almeno 12-18 mesi di preparazione. La prima scadenza arriva tra poco più di due anni. L’amministrazione fiscale francese lascia solo 6-12 mesi per elaborare tutti i dettagli e adottare le leggi, i decreti e le linee guida pertinenti. Questo è il caso in cui le aziende dovessero avere ciò che l’ICC ritiene sia un momento ragionevole per adattarsi.

Nel giugno di quest’anno, il ministro dell’azione e dei conti pubblici francese, Gérald Darmanin, ha dichiarato, attirando l’attenzione di molti, che il governo francese ha intenzione di rendere obbligatoria la fatturazione elettronica anche per le transazioni B2B. Ora sembrerebbe che il governo, guidato su questo tema dal ministro Darmanin e dal ministro delle finanze, Bruno Le Maire, sia passato dalle parole ai fatti. La legge finanziaria francese per il 2020, presentata formalmente in seguito al Consiglio dei ministri del 27 settembre, codifica il piano di estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica B2G già in vigore fino a coprire anche le fatture elettroniche B2B.  

Cosa c’è di nuovo?

In soli tre brevi paragrafi, il progetto di legge finanziaria delinea i principi generali di questa riforma in stato embrionale. Mentre molto verrà chiarito dai decreti successivi, l’art. 56 della legge finanziaria introduce la regola generale secondo la quale le fatture in forma elettronica saranno obbligatorie e, di conseguenza, le fatture cartacee non saranno più consentite. Inoltre, lascia intendere che le fatture elettroniche saranno sottoposte ad approvazione da parte dell’autorità fiscale o che, in alternativa, i dati in esse contenuti saranno trasmessi all’autorità fiscale per consentire i controlli IVA sulla fattura. Essenzialmente, e senza alcuno stupore, la Francia si unirà alle fila di altri paesi come Messico, Turchia, Italia e Brasile, che già hanno implementato misure per contrastare il divario IVA tramite meccanismi di controllo dell’imposta in tempo reale. 

La tabella di marcia per l’applicazione del mandato, così come è avvenuto per il mandato B2G attualmente in vigore, sarà distribuita su diverse fasi, con un’applicazione graduale sulle aziende a seconda delle loro dimensioni. La prima fase del mandato avrà inizio il 1 gennaio 2023 e, secondo il disegno di legge, l’intera economia dovrebbe essere operativa secondo il nuovo sistema di fatturazione elettronica entro il 1 gennaio 2025.  

Il governo afferma inoltre che, nel corso del prossimo anno, presenterà una relazione al Parlamento, l’Assemblée Nationale, volta a illustrare le modalità di attuazione della riforma, nonché l’analisi di fondo di quale metodo e quali regolamenti costituiscono la soluzione tecnica, giuridica e operativa più appropriata, in particolare per quanto riguarda la clearance/trasmissione dei dati delle fatture all’amministrazione fiscale.

Qual è il passo successivo?

Oltre all’analisi e alla stesura delle leggi e relazioni annunciate dal governo, è anche chiaro che un altro elemento critico deve essere affrontato prima che la riforma diventi realtà: Bruxelles.  

Da quando l’Italia ha intrapreso lo stesso percorso ed è diventato il primo paese dell’UE a introdurre la clearance tramite fatturazione elettronica B2B, sono stati individuati molti parallelismi tra i due paesi. Entrambi condividono una situazione simile in termini di divario IVA e di infrastrutture IT, il che ha indotto molti esperti (giustamente) a supporre che la Francia avrebbe seguito il percorso Intrapreso dall’Italia. Tuttavia, per agire nel pieno rispetto della legge, l’Italia ha dovuto chiedere e ottenere l’autorizzazione dal Consiglio dell’Unione europea per discostarsi dalle disposizioni della direttiva UE sull’IVA (2006/112/CE). Il governo francese ha riconosciuto che dovrà fare altrettanto.  

Agisci

Vuoi saperne di più? Per un’analisi continua e approfondita della riforma francese per la fatturazione elettronica e delle sue sfide, il 3 ottobre partecipa al webinar tenuto da Christiaan van der Valk, esperto di fatturazione elettronica e vicepresidente della strategia di Sovos.

Inscrivez-vous ici si vous désirez rejoindre le webinaire de Christiaan van der Valk le 3 Octobre.