Poiché molti audit sembrano avvenire in modo casuale, non è sempre possibile identificare il motivo per cui un ufficio fiscale decide di avviarne uno.

Abbiamo già parlato di un crescente interesse per gli audit da parte dell’UE e di audit per il commercio elettronico. Questo articolo illustra le ragioni più comuni che stanno alla base di un audit IVA per aiutare le aziende ad anticiparlo e a prepararsi quando possibile.

Eventi scatenanti per gli audit IVA

Tra i motivi più comuni, esistono specifici eventi “scatenanti” che potrebbero causare ulteriori richieste da parte dell’ufficio delle imposte. In generale, si tratta di cambiamenti nello status dell’azienda, come una nuova registrazione, una cancellazione o cambiamenti strutturali all’interno dell’azienda.

Anche le richieste di rimborso dell’IVA rientrano in questa categoria. In alcuni Paesi (Italia e Spagna, ad esempio) una richiesta di rimborso è quasi certamente motivo di avvio di una verifica, poiché l’ufficio fiscale locale non può erogare i fondi prima che siano stati completati i controlli. In questo caso, la probabilità di un audit aumenta quando il rimborso è particolarmente consistente e l’azienda che lo richiede ha una nuova partita IVA. Tuttavia, ciò non significa che l’autorità fiscale non avvierà un controllo se l’importo richiesto per il rimborso è relativamente piccolo.

Modello di business

Alcuni tipi di aziende sono naturalmente più soggetti a controlli a causa della loro struttura e del loro modello di business. Tra i gruppi comunemente selezionati per il controllo vi sono, ad esempio, le grandi aziende, gli esportatori, i dettaglianti e i commercianti di beni ad alto volume. Pertanto, elementi quali l’elevato numero di transazioni, gli importi elevati e la complessità della struttura aziendale potrebbero essere un altro motivo comune per l’avvio di un’indagine da parte delle autorità fiscali locali.

Metriche del contribuente

Le autorità fiscali spesso identificano i singoli contribuenti in base alla compliance passata e al confronto delle loro informazioni con specifici parametri di rischio. Ciò include il confronto dei dati precedenti e dei modelli commerciali con altre imprese dello stesso settore. Pertanto, modelli insoliti di commercio, discrepanze tra l’IVA a credito e a debito dichiarata e molte richieste di rimborso possono apparire insoliti dal punto di vista dell’ufficio fiscale e dare adito a domande.

Controlli incrociati

Un altro motivo comune per cui le autorità fiscali richiedono ulteriori informazioni ai contribuenti è il cosiddetto “controllo incrociato delle attività”. In questo caso, è probabile che un fornitore o un cliente dell’azienda sia sottoposto a una verifica. L’ufficio fiscale contatterà le proprie controparti per verificare che le informazioni fornite siano coerenti da entrambe le parti. Ad esempio, se un’azienda viene sottoposta a un controllo a seguito di una richiesta di rimborso, l’ufficio fiscale probabilmente contatterà i fornitori per verificare che l’azienda sottoposta a controllo non abbia annullato le fatture di acquisto e che queste siano state pagate.

Questa categoria comprende anche le attività di controllo incrociato sulle transazioni intracomunitarie dichiarate da un’azienda. In questo scenario, il controllo incrociato si basa sullo scambio di informazioni tra le autorità fiscali locali attraverso il sistema di scambio di informazioni sull’IVA (VIES). Le autorità fiscali possono controllare le transazioni intracomunitarie dichiarate da e verso specifici numeri di partita IVA in ogni Stato membro dell’UE e quindi effettuare un controllo incrociato di queste informazioni con quanto dichiarato da un’impresa nella rispettiva dichiarazione IVA. In caso di discrepanza, l’ufficio delle imposte probabilmente contatterà l’azienda per chiedere il motivo per cui ha (o non ha) riportato le transazioni dichiarate dalle controparti.

Come abbiamo già visto in un precedente articolo, le cause di verifica sono anche influenzate da cambiamenti legislativi o da spostamenti dell’attenzione delle autorità fiscali verso specifici settori di attività.

Indipendentemente dal fatto che sia possibile identificare il motivo effettivo per cui l’autorità fiscale ha avviato una verifica, un’azienda può intraprendere diverse azioni in preparazione di un controllo delle attività, che saranno trattate nel prossimo articolo di questa serie.

Agisci

Contattate per conoscere i vantaggi che un provider di servizi gestiti può offrire per alleggerire il vostro carico di adempimenti IVA.