,

Pacchetto E-Commerce IVA — The One Stop Shop (OSS)

Alex Smith
22 Dicembre, 2020

Il pacchetto IVA e-commerce dell’Unione europea è stato ritardato fino al 1o luglio 2021. Di conseguenza, nel nuovo anno le imprese dovranno fare i conti con le modifiche IVA relative alla Brexit e all’impatto del One Stop Shop, pari a due nuove regole per la dichiarazione IVA nel 2021.

Trattamento dei beni e dei servizi B2C dopo il 1o luglio 2021

Dal 1o luglio 2021, l’UE introduce nuove norme che estendono il Mini One Stop Shop (MOSS) alle forniture B2C. Le norme si applicano quando l’IVA è dovuta in uno Stato membro diverso da quello in cui è stabilito il fornitore e le cessioni di beni B2C intra-UE. Queste regole sono attualmente disponibili per la contabilità IVA sulle vendite B2C di Telecomunicazioni, Broadcasting and Electronic Services (TBES). Il nuovo sistema, noto come One Stop Shop (OSS), aveva una data di lancio originale del 1° gennaio 2021.

Come funzionerà OSS?

L’OSS abolirà le attuali soglie di vendita a distanza. Inoltre, tutte le forniture intra-UE di servizi B2C TBES e le vendite a distanza intra-UE di beni funzioneranno al di sotto dello stesso limite di €10.000. Quando questo limite viene superato, l’IVA sarà dovuta nello Stato membro di consegna. Ciò è indipendentemente dal livello di vendita in quel paese. È importante notare che questa soglia si applica alle società stabilite nell’UE e non si applicherà alle imprese britanniche.

Un’unica dichiarazione IVA contabilizzata per Qualsiasi IVA dovuta può essere contabilizzata tramite un’unica dichiarazione IVA, presentata nello Stato membro di identificazione, il paese in cui l’attività è registrata per OSS. Qualsiasi società stabilita nell’UE utilizzerà il paese in cui opera come Stato membro di identificazione. Se non vi sono stabilimenti commerciali nell’UE, è possibile scegliere uno Stato membro. Le disposizioni si applicano anche alle imprese extracomunitarie che forniscono servizi sotto forma di sistema OSS non unionale. L’OSS non è obbligatorio: le imprese possono scegliere di avere una registrazione in tutti gli Stati membri in cui è dovuta l’IVA.

Regime unionale – Merci spedite dall’interno dell’UE

La spedizione di merci da luoghi fisici, come i magazzini nell’UE, continuerà ad essere considerata come vendita a distanza. In caso di superamento di una soglia, l’IVA sarà dovuta nello Stato membro di consegna.

Di conseguenza, OSS sarà disponibile per tutte le vendite di beni, indipendentemente dal loro valore. L’OSS contabilisce l’IVA nello Stato membro di identificazione all’aliquota in vigore nel paese in cui è dovuta l’IVA. Questo è lo Stato membro del consumo. L’IVA dovuta sarà pagata allo Stato membro di identificazione e le dichiarazioni OSS devono essere presentate.

Import OSS (IOSS) – merci spedite da paesi terzi

Se il Regno Unito non è trattato come uno Stato membro al momento in cui le merci sono spedite dal suo territorio, la vendita non rientrerà nel regime di vendita a distanza. La merce sarà trattata in linea con il loro valore intrinseco, con differenze superiori e inferiori a €150.

Le merci importate da paesi terzi o territori verso clienti nell’UE fino a un valore intrinseco di €150 saranno coperte da un regime di importazione. Come il sistema implementato nel Regno Unito dal 1o gennaio 2021. Questo regime di importazione accompagna l’abolizione dell’attuale esenzione IVA per le merci in piccole partite di valore fino a €22. Tuttavia, se le merci hanno un valore superiore a €150, l’IVA non può essere contabilizzata in base a IOSS e sarà necessaria una dichiarazione doganale completa.

Marketplace

Anche le merci importate da territori terzi o da paesi terzi in partite con un valore intrinseco inferiore a €150 utilizzando un’interfaccia elettronica come un marketplace, una piattaforma, un portale o mezzi simili, saranno trattati in modo diverso. Questo vale per le vendite tramite piattaforme come Amazon. In base alle modifiche, si considera che la piattaforma abbia ricevuto e fornito la merce a sé stante. È interessante notare che è irrilevante se la merce è fornita da fornitori UE o non UE. Le regole del marketplace si applicano anche ai venditori extracomunitari che forniscono beni tramite un marketplace in cui le merci si trovano già nell’UE al momento della vendita.

Quale sarà il prossimo?

Fino all’applicazione delle nuove norme, gli Stati membri devono recepire le nuove norme della direttiva IVA. La direttiva è già in vigore nella legislazione nazionale. Alcuni Stati membri lo stanno già facendo. Anche se ancora non confermato, molti ritengono che l’OSS potrebbe essere ulteriormente ritardato. Sia i Paesi Bassi che la Germania temono preoccupazioni per la preparazione alla data di inizio del luglio 2021.

Per le aziende britanniche, la Brexit rende le cose particolarmente complesse. Dopo l’implementazione di OSS, le aziende britanniche possono fare uso delle modifiche al pacchetto e-commerce. Tuttavia, durante il ritardo di 6 mesi nel 2021, le registrazioni e i rappresentanti fiscali potrebbero essere necessari per un breve periodo. È essenziale che le aziende pianificano la loro supply chain tenendo a mente tutti i cambiamenti imminenti.

Agisci

Contattaci per scoprire come possiamo aiutare la tua azienda con le nuove regole.

Vuoi saperne di più sul pacchetto IVA E-Commerce UE e One Stop Shop e l’impatto sulla tua attività? Scarica il nostro recente webinar A Practical Deep Diving to the New EU E-Commerce VAT Regole.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Alex Smith

As a Director and member of the Consulting Services team within Managed Services, Alex has worked at Sovos since 2012. At Sovos Alex specialises in providing cross-border advice to a wide range of businesses delivering detailed analyses, reports and contract reviews regarding VAT/GST systems within the EU and beyond. Alex supports many businesses both from a consulting perspective and also by overseeing their VAT compliance obligations. Alex has worked in Indirect Tax since 2005 and his previous experience comes from working in the Big 4. Prior to joining Sovos, Alex worked as a GST consultant in New Zealand, which gave him the opportunity to develop an understanding of international GST and customs duties. Alex also spent several years in London, working in a middle markets VAT team gaining wide exposure to European VAT law. Alex is a full member of the Chartered Institute of Taxation and additionally holds a Master’s degree in Taxation.
Share This Post