Ungheria espande i controlli IVA in tempo reale

Victor Duarte
26 Novembre, 2020

Il campo di applicazione delle relazioni in tempo reale dell’Ungheria è stato ampliato. A decorrere dal 1o gennaio 2021, gli obblighi di segnalazione includeranno anche le fatture emesse per le operazioni B2C nazionali, oltre alle fatture relative alle forniture e alle esportazioni intracomunitarie. Tuttavia, il ministero delle Finanze ha concesso un periodo di tolleranza di tre mesi senza sanzioni dal 1o gennaio al 31 marzo 2021, consentendo alle imprese più tempo per adempiere a questi nuovi obblighi di segnalazione. Questo aiuterà anche con la transizione dall’attuale report XSD v2.0 in tempo reale all’ultimo v3.0 XSD, che sarà obbligatorio dal 1 aprile 2021. Per ora, non è certo se ci sarà l’obbligo di segnalare retroattivamente le transazioni non dichiarate durante il periodo di tolleranza.

Protezione dei dati personali

La nuova versione del formato è stata notevolmente migliorata per consentire alle imprese di rispettare gli obblighi di segnalazione estesi. Questo sistema è essenziale anche dal punto di vista della protezione dei dati in quanto questa specifica garantisce l’anonimato dei dati pubblici. I dati personali del singolo acquirente non sono richiesti, né sono visti dall’autorità fiscale.

Nuova funzionalità di fatturazione elettronica

La versione 3.0 avrà anche un impatto significativo sulla fatturazione elettronica. Il nuovo sistema consentirà ai contribuenti, facoltativamente, di implementare il report dei dati inviando una fattura elettronica contenente il contenuto completo dei dati della fattura. Pertanto, i fornitori possono scegliere di inviare la fattura elettronica stessa come rapporto dati. Questa opzione sarà disponibile solo per le transazioni B2B; le transazioni B2C non rientrano nell’ambito di questo servizio.

È essenziale sottolineare che, ai sensi della legge ungherese sull’IVA, i clienti devono acconsentire alla fatturazione elettronica, che deve essere preventivamente concordato tra entrambe le parti. Il consenso dell’acquirente può essere fatto per iscritto, oralmente o per condotta implicita. In base a questo regime, il fornitore è sempre responsabile dell’adempimento dell’obbligo di emissione delle fatture e deve rispettare le norme di conformità per l’archiviazione delle fatture elettroniche.

Impatto sulle imprese

Le imprese operanti in Ungheria devono essere pronte a fornire i dati relativi a tutte le fatture emesse per le forniture dall’Ungheria a qualsiasi altro Stato membro dell’UE. Devono inoltre adattare i propri processi aziendali per segnalare tutte le transazioni B2C, comprese le vendite a distanza e le forniture interne nell’ambito del mandato ungherese. Le fatture emesse in relazione alle transazioni B2C effettuate da un altro Stato membro dell’UE in cui il fornitore contabilizza l’IVA nell’ambito del regime MOSS non saranno soggette all’obbligo di segnalazione dei dati delle fatture in tempo reale, poiché questo sistema consente alle società non registrate in Ungheria di rispettare gli obblighi IVA.

Qual è il prossimo?

Dal 1° aprile 2021, l’autorità fiscale ungherese avrà visibilità su tutte le fatture emesse per transazioni B2B e B2C, con un impatto significativo sull’utilizzo delle fatture elettroniche e incrementando la digitalizzazione dei processi di vendita nel paese e nel resto della regione. Il prossimo passo logico per il governo ungherese consiste nell’adottare un mandato di fatturazione elettronica simile al modello di liquidazione dell’Italia. Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo, come l’Italia , il governo ungherese dovrebbe innanzitutto ottenere l’autorizzazione del Consiglio dell’UE ad introdurre una misura speciale che deroga alle norme della direttiva IVA dell’UE. Resta da vedere se il governo ungherese si accontenta di non introdurre un modello di autorizzazione e di mantenere l’attuale modello di rendicontazione in tempo reale per il prossimo futuro.

Agisci

Sovos ha maturato oltre un decennio di esperienza nel tenere aggiornati i propri clienti circa le prescrizioni in tema di fatturazione elettronica in vigore in tutto il mondo.

Sign up for Email Updates

Stay up to date with the latest tax and compliance updates that may impact your business.

Author

Victor Duarte

Victor is a Senior Regulatory Counsel at Sovos. Based in Stockholm and originally from Venezuela, he obtained a Law degree and a specialisation degree in Tax Law in his home country. Victor also earned a Master´s degree in European and Internal Tax Law from Lund University in Sweden.
Share this post

E-Invoicing Compliance EMEA
April 5, 2023
Bizkaia: Qual è il sistema fiscale di Batuz?

La Bizkaia è una provincia della Spagna e un territorio storico dei Paesi Baschi, con un proprio sistema fiscale. Prima dell’approvazione della strategia Batuz, l’autorità fiscale della Bizkaia ha sviluppato diversi approcci per implementare una strategia completa che riducesse la frode fiscale. L’obiettivo è quello di impedire che la frode influisca sulle entrate generate dalle […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
March 7, 2023
L’IVA nell’era digitale introduzione di una piu’ estesa platea di transazioni ricomprese nella registrazione unica ai fini IVA

Il piano L’IVA nell’era digitale della Commissione europea propone una serie di novità, fra cui una registrazione IVA unica per facilitare il commercio transfrontaliero. La proposta, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2025, è parte dell’iniziativa della Commissione per modernizzare l’IVA nell’UE. In sostanza, comporterebbe la registrazione IVA una sola volta in tutta […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
February 13, 2023
L’IVA nell’era digitale: risposte alle domande che tutti si pongono

6 Frequenti Domande: Per capire meglio l’impatto delle proposte della commissione Europea nell’era digitale (ViDA) sulla tua attività, ti invito a leggere alcune delle domande più frequenti che ho ricevuto fino a questo momento. D: Quando le aziende probabilmente inizieranno a notare un impatto in seguito all’implementazione delle proposte ViDA?  R: Le proposte della Commissione […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 21, 2022
L’IVA nell’era digitale: trattamento dell’IVA sul fronte delle piattaforme digitali

La proposta “L’IVA nell’era digitale” della Commissione Europea apporta modifiche significative al trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali relativamente agli operatori nei servizi di alloggio di breve durata (massimo 45 giorni) e di trasporto passeggeri. Trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali Vale la pena ricordare che il “trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali” riguarda […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 8, 2022
L’IVA nell’era digitale: Segnalazione e fatturazione elettronica obbligatoria per le transazioni intracomunitarie dell’UE

La Commissione Europea ha annunciato la sua tanto attesa proposta di modifiche legislative in relazione all’iniziativa l’IVA nell’era digitale (ViDA). Si tratta di uno degli sviluppi più importanti nella storia dell’IVA europea, che riguarda non solo le aziende europee, ma anche quelle non europee che commerciano con l’UE. La proposta richiede la modifica della Direttiva […]