Tendenze transazionali: Gli ultimi sviluppi nella rendicontazione IPT

Rahul Lawlor
3 Agosto, 2022

Una tendenza crescente dell’imposta sui premi assicurativi (IPT) è quella di utilizzare le informazioni a livello transazionale in varie dichiarazioni e rapporti. La preparazione e la formazione sono fondamentali per garantire che i dettagli vengano acquisiti in modo continuativo e non all’ultimo momento. Inoltre, in alcuni casi in cui si utilizzano sistemi legacy che non sono in grado di acquisire tutti i campi richiesti, potrebbe essere necessario un aggiornamento del software. Tutte le parti interessate nella catena di fornitura dei dati dovrebbero istruirsi sull’importanza di raccogliere i dettagli, per evitare l’esercizio, spesso minuzioso e lungo, di tornare dall’assicurato per raccogliere le informazioni richieste.

Molte aziende hanno avviato questa tendenza a causa delle modifiche al sistema di rendicontazione del Consorcio de Compensación de Seguros (CCS) nel 2019. Tuttavia, questo non è sempre il caso, poiché alcuni Paesi hanno una sottomissione transazionale in vigore da tempo. Due esempi di questo tipo sono Cipro e Malta. Per la prima, sono necessari il numero di polizza, la classe di attività, la data di inizio/scadenza, il premio e l’importo dell’imposta per ogni polizza. Gli stessi campi sono richiesti per quest’ultima barra Date di inizio/scadenza. Raramente riscontriamo difficoltà nella raccolta di queste informazioni da parte degli assicuratori, poiché si tratta di campi comuni che spesso vengono raccolti alla fonte.

Tendenze transazionali italiane

Anche se questo può sorprendere alcuni, l’Italia è un altro Paese in cui è richiesto di registrare informazioni a livello transazionale. La differenza principale consiste nel fatto che questi dettagli non sono richiesti per le dichiarazioni fiscali in corso, bensì sotto forma di libri IPT, che devono essere tenuti regolarmente e contenere le informazioni transazionali per i dieci anni precedenti. Può trovare maggiori informazioni sui dettagli richiesti qui.

I registri IPT sono obbligatori per il trasferimento del pagamento anticipato a seguito di un trasferimento di portafoglio della Parte VII, per i recuperi generali del pagamento anticipato e per gli storici. I dati transazionali sono richiesti anche per il Rapporto sui sinistri e il Rapporto sui premi del contratto &.

Tendenze transazionali in Spagna

I cambiamenti nella presentazione del CCS hanno portato il trend della presentazione transazionale in primo piano nei pensieri degli assicuratori. Un campo obbligatorio per una corretta presentazione è il codice postale, che molti assicuratori non rilevavano all’epoca. Per aiutare gli assicuratori a far fronte a questo cambiamento, è stato previsto un periodo di transizione di sei mesi in cui gli assicuratori potevano presentare le polizze senza il codice postale. Tuttavia, questo campo è poi diventato obbligatorio e il requisito era che i sei mesi precedenti di rapporti avrebbero dovuto essere aggiornati.

Tendenze transazionali greche

L’introduzione del Rapporto annuale greco nel 2019 ha portato un ulteriore livello di complessità per gli assicuratori. Il problema principale era l’obbligo di inserire il numero di partita IVA/fiscale. Nei casi in cui è stato impossibile raccogliere i dati, gli assicuratori hanno talvolta optato per l’invio di rapporti incompleti. Ad oggi, non abbiamo riscontrato reazioni da parte dell’autorità fiscale per aver omesso questo dettaglio, ma non possiamo garantire che ciò continui ad accadere.

Tendenze transazionali portoghesi

La modifica più recente è stata quella di , ovvero la presentazione dell’imposta di bollo portoghese . Questa modifica ha unito gli elementi del Rapporto annuale greco e le modifiche del CCS, nel senso che sono stati richiesti l’area geografica di popolazione (Azzorre, Madeira, Terraferma) e il codice fiscale dell’assicurato. A differenza della Grecia, non c’era la possibilità di presentare rapporti incompleti; se non venivano inseriti tutti i dettagli necessari, l’assicuratore non poteva pagare l’imposta.

La tendenza al reporting delle transazioni aumenterà

L’elenco di cui sopra non è assolutamente esaustivo, ma dà una buona idea della complessità esponenziale che gli assicuratori devono affrontare per garantire una conformità continua. In poche parole, l’assicuratore deve disporre di sistemi agili per affrontare qualsiasi potenziale cambiamento. Riteniamo che nei prossimi anni un numero sempre maggiore di Paesi implementerà i report transazionali, per cui sarebbe prudente impostare ora alcuni controlli per aiutare la preparazione e alleggerire l’onere in seguito.

Poiché il mondo della compliance IPT è così frammentato tra i vari territori, tenersi al passo con le modifiche dei requisiti di rendicontazione può essere impegnativo. Il nostro team di esperti può guidarla nei dettagli e assicurarsi che stia seguendo il giusto percorso di conformità.

Agisci

Ha bisogno di aiuto per garantire la sua conformità all’IPT? Si metta in contatto con il team di esperti Sovos per scoprire i vantaggi di un Managed Service Provider.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Rahul Lawlor

Rahul is a compliance services manager, responsible for overseeing the delivery of indirect tax compliance services for a portfolio of global insurers. He joined Sovos in 2016 after completing a Financial Maths degree from the University of Surrey.
Share This Post