Segnalazione IVA in Polonia: pubblicato progetti di emendamento a JPK_V7M/V7K

Charles Riordan
17 Giugno, 2021

In Polonia, il Ministero delle Finanze ha proposto diverse modifiche ai rapporti obbligatori JPK_V7M/V7K del paese. Tali risultati entreranno in vigore il 1o luglio 2021. Gli emendamenti offrono un aiuto amministrativo ai contribuenti in alcuni settori, ma creano potenziali nuovi ostacoli altrove.

Report Polonia JPK_V7M e V7K

I rapporti JPK_V7M/V7K – il tentativo della Polonia di unire la segnalazione sintetica di una dichiarazione IVA con le informazioni dettagliate di una SAF-T – sono in vigore dall’ottobre 2020. I contribuenti devono presentare queste segnalazioni (V7M per i depositi mensili, V7K per i filer trimestrali) al posto della dichiarazione IVA utilizzata in precedenza e nei file JPK_VAT.

I rapporti JPK_V7M/V7K richiedono ai contribuenti di designare all’interno di ciascun file le fatture soggette a trattamento IVA speciale. Ad esempio, fatture che rappresentano trasferimenti tra parti correlate o fatture per transazioni soggette al regime di pagamento diviso della Polonia.

Le designazioni di pagamento divise sono particolarmente complesse da gestire per i contribuenti. Il regime di pagamento diviso della Polonia è ampiamente applicabile. In alcuni casi può essere esercitato a scelta dell’acquirente. Ciò rende difficile per i venditori prevedere quale fattura deve essere contrassegnata.

A causa di queste complessità e in risposta al feedback dei contribuenti, il progetto di emendamento per il 1o luglio abolirebbe la designazione del pagamento diviso. Ciò ridurrebbe significativamente l’onere amministrativo per i contribuenti.

Il progetto di emendamento, tuttavia, dà luogo a un’ulteriore complessità nella segnalazione di debiti inesigibili. Secondo le regole modificate, i contribuenti devono indicare la data di scadenza originale del pagamento per una fattura non pagata. Per il quale il contribuente chiede uno sgravio IVA. Ciò ha lo scopo di aiutare l’autorità fiscale a verificare le richieste di riduzione del debito inesigibile. Ciò potrebbe potenzialmente presentare difficoltà per i contribuenti che non conservano tali informazioni o non possono facilmente accedervi nei loro sistemi contabili.

One Stop Shop Polonia e UE

Infine, il progetto di emendamento modificherebbe la segnalazione delle forniture transfrontaliere di beni commerciali ai consumatori (B2C). Questo è così come forniture analoghe di servizi elettronici. Queste forniture sono al centro del regime One-Stop Shop dell’Unione europea che entra in vigore il 1o luglio 2021 e, in quanto tali, le attuali denominazioni di fattura per queste forniture in JPK_V7M/V7K sarebbero consolidate in un’unica designazione di fattura nuova ai sensi delle regole modificate.

Le dichiarazioni in Polonia JPK_V7M/V7K sono estremamente ambiziose. Da queste ultime proposte risulta chiaro che l’autorità fiscale è disposta a apportare modifiche sostanziali alla struttura di tali dichiarazioni, con brevissimo preavviso. In un contesto così dinamico, è fondamentale che le aziende rimangano al passo con gli sviluppi normativi per rimanere conformi.

Agisci

Hai bisogno di garantire il rispetto delle più recenti normative sull’IVA polacca? Mettiti in contatto con i nostri esperti fiscali.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Charles Riordan

Charles Riordan is a member of the Regulatory Analysis team at Sovos specializing in international taxation, with a focus on Value Added Tax systems in the European Union. Charles received his J.D. from Boston College Law School in 2013 and is an active member of the Massachusetts Bar.
Share This Post