Romania: Restano domande mentre la scadenza incombe

Enis Gencer
28 Giugno, 2022

Romania si sta muovendo per introdurre un mandato di controllo continuo delle transazioni (CTC) dal 2021. Sebbene l’autorità fiscale rumena abbia stabilito il quadro giuridico per l’implementazione del sistema di fatturazione elettronica solo meno di un anno fa, il sistema sarà presto operativo. Allo stesso tempo, verrà lanciato anche il sistema di trasporto elettronico, introdotto ancora più tardi. Entrambi i sistemi diventeranno obbligatori a partire dal 1° luglio; tuttavia, ci sono ancora questioni aperte che i contribuenti sperano vengano affrontate dalle autorità rumene. Nel confronto internazionale, i contribuenti rumeni hanno un periodo di tempo relativamente breve per conformarsi ai nuovi obblighi.

Sistema RO E-Factura

I fornitori di beni ad alto rischio fiscale sono obbligati a utilizzare il sistema RO E-Factura a partire dal 1° luglio 2022. I fornitori devono trasmettere al sistema fatture strutturate emesse in formato XML. Il Ministero delle Finanze apporrà il proprio sigillo elettronico come prova di autorizzazione. Questo XML con il sigillo del Ministero delle Finanze è considerato la fattura legale secondo la normativa rumena.

La Romania ha chiesto una deroga alla Direttiva IVA 2006/112/CE per introdurre l’obbligo di fatturazione elettronica. L’ANAF (Agenzia Nazionale per l’Amministrazione Fiscale) è autorizzata con la Legge n. 139 di emettere un’ordinanza entro 30 giorni dall’attesa decisione di deroga dalla Direttiva IVA dell’UE per stabilire l’ambito di applicazione e la tempistica del mandato di fatturazione elettronica B2B ai sensi della Legge n. 139. Tuttavia, le autorità rumene tacciono sul fatto che il mandato del 1° luglio di utilizzare il sistema e-Factura per le forniture B2B ad alto rischio fiscale richieda anche una decisione di deroga dalla direttiva IVA dell’UE.

Per quanto riguarda la documentazione tecnica, l’ANAF ha recentemente pubblicato la procedura OAUTH (Open Authorization) 2.0 all’interno dello SPV (Virtual Private Space), consentendo ai contribuenti di produrre un token di autenticazione e di passarlo ad applicazioni di terze parti, che consentiranno alle applicazioni di terze parti di autenticarsi verso lo SPV. Tuttavia, anche se le complicazioni del processo di autenticazione sembrano risolte dopo la recente documentazione, la data di maggio della pubblicazione di questi documenti ha sollevato dubbi sul fatto che le autorità rumene abbiano dato alle imprese un tempo ragionevole per conformarsi entro il 1° luglio.

RO e-trasporti

Il sistema di trasporto elettronico RO è un altro progetto di digitalizzazione della Romania. Il provvedimento impone ai contribuenti di utilizzare un sistema informatico e di emettere un documento di trasporto elettronico prima di iniziare il trasporto di determinate merci. Come per la fatturazione elettronica, i contribuenti devono emettere un file XML e inviarlo all’autorità fiscale tramite l’SPV.

L’obbligo di emettere documenti di trasporto elettronici riguarda categorie di prodotti ad alto rischio fiscale; come già detto, anche questo entra in vigore il 1° luglio 2022. Mentre la data di avvio obbligatorio del sistema di trasporto elettronico è imminente, l’ANAF non ha ancora completato il processo legislativo. Inoltre, la documentazione tecnica, comprese le API, lo schema e le regole di convalida, è stata completata solo due settimane fa.

Qual è il prossimo?

Le ordinanze di emergenza che hanno introdotto l’obbligo della fatturazione elettronica e del sistema di trasporto elettronico per i prodotti ad alto rischio fiscale a partire dal 1° luglio non sono ancora state approvate per legge.

Tuttavia, poiché l’obbligatorietà di entrambi i sistemi è prevista per il 1° luglio 2022, le aziende si sono preparate a soddisfare i requisiti cercando di affrontare molte incertezze.

Vedremo nei prossimi giorni come le autorità rumene gestiranno l’implementazione di entrambi i sistemi, mantenendo la scadenza del 1° luglio o rinviando i mandati in attesa di ulteriori chiarimenti e indicazioni sulle questioni aperte.

Agisci

Avete bisogno di garantire la conformità con le ultime normative in Romania? Contattate i nostri esperti fiscali. Seguiteci su LinkedIn e Twitterper rimanere aggiornati sulle novità e gli aggiornamenti normativi.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Enis Gencer

Enis Gencer is Regulatory Counsel at Sovos and is based in Istanbul, Turkey. With experience in compliance and legal consultancy he currently undertakes the legal monitoring and analysis of the regulations regarding electronic documents. Enis graduated from Istanbul University Faculty of Law.
Share This Post