Pagamenti anticipati dell’imposta sui premi assicurativi: Austria

Rahul Lawlor
13 Settembre, 2022

Nella prossima edizione della nostra serie di blog sui pagamenti anticipati dell’Imposta sui premi assicurativi (IPT), esaminiamo un regime meno familiare a molti, il pagamento anticipato dell’IPT in Austria.

Pagamenti anticipati IPT in Austria

Coloro che conoscono bene la sfera dell’IPT rimarranno perplessi di fronte a questo blog, poiché molto probabilmente non hanno mai pagato un pagamento anticipato in Austria.

Questo perché il pagamento anticipato è dovuto solo nel caso in cui il periodo fiscale di novembre venga pagato in ritardo. A causa delle scadenze allungate dell’IPT austriaca e dell’imposta sui vigili del fuoco (FBT), questo accade raramente nella pratica. Come promemoria, il pagamento dell’imposta in Austria deve essere effettuato entro il 15° giorno (data di scadenza) del secondo mese consecutivo (ad esempio, periodo di gennaio 2022 con scadenza 15 marzo 2022).

Ma cosa succede se la scadenza di novembre non viene pagata interamente entro il 15 dicembre? È necessario effettuare un pagamento anticipato speciale pari a 1/12 della somma degli importi fiscali calcolati degli ultimi 12 periodi di dichiarazione dei redditi. Questo anticipo speciale viene accreditato su un successivo autocalcolo per il periodo di dichiarazione di novembre.

E le sanzioni in Austria?

Per quanto riguarda l’IPT, l’FBT e l’Imposta sull’assicurazione dei veicoli (VIT), le regole sono le seguenti:

  • La sanzione per la presentazione tardiva è fino al 10% annuo dell’imposta dichiarata, a meno che il ritardo non sia considerato ‘giustificabile’. Se la sanzione per il deposito tardivo è inferiore a 50,00 euro, non dovrebbe essere applicata alcuna sanzione.
  • La penale per i ritardi di pagamento è pari al 2% annuo dell’importo dell’imposta non pagata.  Se la penale per i ritardi di pagamento è inferiore a 50,00 euro, la penale non dovrebbe essere applicata.
  • Se la sanzione per la presentazione/il pagamento tardivo non viene pagata entro la scadenza della sanzione, l’autorità fiscale può aumentare ulteriormente la sanzione.

Requisiti di conformità dell’Austria

Gli assicuratori devono essere consapevoli del fatto che, mentre i pagamenti delle imposte vengono effettuati mensilmente, la dichiarazione deve essere presentata su base annuale e la scadenza è il 30 aprile. La/e dichiarazione/i include l’ID fiscale, il nome dell’assicuratore, l’importo dell’imposta su base mensile e l’importo pagato in tasse per l’anno in questione fino a quel momento.

Per gli impegni FBT, l’importo viene suddiviso in parti uguali tra l’assicurato e l’assicuratore. Quindi, per un rischio con il 100% di incendio e un premio di 100,00 euro, oltre all’importo di 11,00 euro di IPT, l’assicurato pagherà anche 4,00 euro di FBT. I restanti 4,00 euro di FBT sarebbero a carico dell’assicuratore.

Dal punto di vista delle esenzioni, in Austria esiste un elenco abbastanza esaustivo. Alcuni di questi sono il credito all’esportazione, il carico transfrontaliero, la riassicurazione e il bestiame (se l’importo assicurato non supera i 3.650 euro, nonché l’assicurazione del bestiame con un’associazione di assicurazione del bestiame di piccole dimensioni).

Tenersi aggiornati sui cambiamenti dei requisiti di conformità IPT in Austria e in tutta l’UE può essere impegnativo. Il nostro team di esperti può guidarla nei dettagli e assicurarsi che stia seguendo il giusto percorso di conformità.

Sign up for Email Updates

Stay up to date with the latest tax and compliance updates that may impact your business.

Author

Rahul Lawlor

Rahul is a compliance services manager, responsible for overseeing the delivery of indirect tax compliance services for a portfolio of global insurers. He joined Sovos in 2016 after completing a Financial Maths degree from the University of Surrey.
Share this post

E-Invoicing Compliance EMEA
April 5, 2023
Bizkaia: Qual è il sistema fiscale di Batuz?

La Bizkaia è una provincia della Spagna e un territorio storico dei Paesi Baschi, con un proprio sistema fiscale. Prima dell’approvazione della strategia Batuz, l’autorità fiscale della Bizkaia ha sviluppato diversi approcci per implementare una strategia completa che riducesse la frode fiscale. L’obiettivo è quello di impedire che la frode influisca sulle entrate generate dalle […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
March 7, 2023
L’IVA nell’era digitale introduzione di una piu’ estesa platea di transazioni ricomprese nella registrazione unica ai fini IVA

Il piano L’IVA nell’era digitale della Commissione europea propone una serie di novità, fra cui una registrazione IVA unica per facilitare il commercio transfrontaliero. La proposta, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2025, è parte dell’iniziativa della Commissione per modernizzare l’IVA nell’UE. In sostanza, comporterebbe la registrazione IVA una sola volta in tutta […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
February 13, 2023
L’IVA nell’era digitale: risposte alle domande che tutti si pongono

6 Frequenti Domande: Per capire meglio l’impatto delle proposte della commissione Europea nell’era digitale (ViDA) sulla tua attività, ti invito a leggere alcune delle domande più frequenti che ho ricevuto fino a questo momento. D: Quando le aziende probabilmente inizieranno a notare un impatto in seguito all’implementazione delle proposte ViDA?  R: Le proposte della Commissione […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 21, 2022
L’IVA nell’era digitale: trattamento dell’IVA sul fronte delle piattaforme digitali

La proposta “L’IVA nell’era digitale” della Commissione Europea apporta modifiche significative al trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali relativamente agli operatori nei servizi di alloggio di breve durata (massimo 45 giorni) e di trasporto passeggeri. Trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali Vale la pena ricordare che il “trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali” riguarda […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 8, 2022
L’IVA nell’era digitale: Segnalazione e fatturazione elettronica obbligatoria per le transazioni intracomunitarie dell’UE

La Commissione Europea ha annunciato la sua tanto attesa proposta di modifiche legislative in relazione all’iniziativa l’IVA nell’era digitale (ViDA). Si tratta di uno degli sviluppi più importanti nella storia dell’IVA europea, che riguarda non solo le aziende europee, ma anche quelle non europee che commerciano con l’UE. La proposta richiede la modifica della Direttiva […]