,

Logistica delle spedizioni e conformità alla fatturazione elettronica in LaTam

Ramón Frias
30 Luglio, 2021

Lo spostamento di merci da un luogo all’altro è una parte essenziale del business. I produttori, i grossisti, i trasportatori, i rivenditori e i consumatori devono tutti coordinare attentamente la spedizione e la movimentazione di materie prime, parti, attrezzature, prodotti finiti e altri prodotti per mantenere il flusso delle attività commerciali. Questa armonia della catena di fornitura è ciò che rende possibili la produzione e il commercio nella società.

In Canada, negli Stati Uniti e nella maggior parte dei paesi europei, le amministrazioni fiscali non intervengono molto in questi processi commerciali. Fino a poco tempo fa, si potrebbe dire lo stesso della maggior parte dei paesi dell’America Latina. Ma, con l’aumento e l’espansione dei mandati di fatturazione elettronica nella regione, questo sta cambiando rapidamente.

La maggior parte dei governi con mandati di fatturazione elettronica matura ora riconosce che questi meccanismi e piattaforme governative possono essere utilizzati come veicoli per capire dove, cosa, come e quando le merci vengono spostate. La tradizionale fattura elettronica non è più sufficiente e le autorità fiscali richiedono alle aziende di segnalare i movimenti di merci in tempo reale.

Anche le implicazioni sono gravi. È molto probabile che le merci spostate su strade pubbliche senza tali documenti vengano sequestrate dalle autorità e i proprietari e i trasportatori saranno soggetti a multe e altre sanzioni.

Brasile e Messico guidano la strada

Il paese con il sistema più sofisticato in atto è probabilmente il Brasile. L’MDF-e (o Manifesto Eletrônico de Documentos Fiscais) è un documento obbligatorio richiesto dall’amministrazione fiscale per verificare la circolazione delle merci in Brasile.

Questo documento puramente digitale combina le informazioni di una fattura elettronica (NF-e) e i documenti elettronici che le società di trasporto rilasciano ai loro clienti (CT-e). Questo sistema è diventato obbligatorio nel 2014 e da allora è stato ampliato e modernizzato con una vasta rete di sensori elettronici e transponder collocati sulle autostrade pubbliche del Brasile, intesi a garantire che ogni trasporto merci di camion abbia già i corrispondenti MDF-e, NF-e e CT-e. Nella maggior parte dei casi, le autorità non hanno bisogno di fermare i camion per verificare l’esistenza del documento.

Il Messico ha recentemente emesso una nuova risoluzione che impone ai contribuenti di consegnare merci, o semplicemente di ridistribuirle, di ottenere la corrispondente autorizzazione da parte dell’amministrazione fiscale (SAT). I prodotti consegnati su strada, ferrovia, aerea o via navigabile devono avere quello che è noto come CFDI con il Supplemento di Carta Porte.

CFDI è l’acronimo di una fattura elettronica in Messico. Tale supplemento di Carta Porte è un nuovo allegato alla fattura elettronica di trasferimento (Traslado) emessa dai proprietari che consegnano prodotti o al CFDI di reddito (Ingresos) emesso dalle società di trasporto. Carta Porte fornirà tutti i dettagli sulle merci trasportate, sul camion o su altri mezzi utilizzati, sull’orario di consegna, sul percorso, sulla destinazione, sull’acquirente, sul trasportatore e altre informazioni. Questo nuovo mandato entrerà in vigore il 30 settembre 2021. Come avviene in Brasile, l’inosservanza di questo mandato comporterà pesanti sanzioni.

Trasporto elettronico altrove in LaTam

Il Cile ha anche un mandato che richiede che la consegna delle merci sia pre-autorizzata dall’amministrazione fiscale. Questi documenti fiscali autorizzati sono conosciuti localmente come Guias de Despacho (o guide di spedizione) e dal gennaio 2020 possono essere rilasciati solo in formato elettronico.

Ci sono alcune eccezioni in cui la guida alla spedizione può essere emessa temporaneamente in formato cartaceo da alcuni contribuenti. Inoltre, in caso di emergenza, i contribuenti possono essere autorizzati a emettere versioni cartacee della guida; tuttavia, ciò non esenterà l’emittente dalla regolarizzazione del processo una volta completata la contingenza.

Il contenuto della guida alla spedizione varia a seconda di chi lo emette e dello scopo della consegna (vendite, spedizione, resi, esportazioni, trasferimenti interni ecc.), ma in generale, la consegna di merci in Cile senza la guida autorizzata per la spedizione sarà soggetta a sanzioni da parte dell’amministrazione fiscale (SII).

L’Argentina ha un’IVA a livello federale e un’imposta sul reddito lordo di livello provinciale. Per controllare l’evasione fiscale, entrambi i livelli dei governi esercitano determinati livelli di controllo nel processo di spedizione delle merci all’interno delle rispettive giurisdizioni.

Il sistema dell’autorità fiscale per il controllo del flusso di beni in modo pubblico non è così complesso come in Brasile, Cile e Messico, ma si sta avvicinando. Solo le province di Buenos Aires, Santa Fe e Mendoza, più la città di Buenos Aires, richiedono l’autorizzazione dell’autorità fiscale a spostare merci originarie o destinate alle loro giurisdizioni. Per questo, richiedono il COT (o il Codice delle operazioni di trasporto) in cui tutti i dati relativi ai prodotti, ai mezzi di trasporto e ad altre informazioni sono inclusi una volta fornita l’autorizzazione. Le province di Salta, Rio Negro e Entre Rios stanno lavorando su regolamenti simili.

A livello federale, l’AFIP (amministrazione fiscale federale) richiede solo la pre-autorizzazione per la consegna di determinati prodotti come carne e cereali. Ma anche a questo livello, il contesto normativo sta cambiando.

L’AFIP, insieme al Ministero dell’Agricoltura e al Ministero dei Trasporti, hanno emesso una risoluzione congiunta 5017/2021 che impone l’uso di una polizza di carico digitale (Carta Porte Electronica) ogni volta che vi sia un trasferimento di prodotti agricoli su strade pubbliche in Argentina. Questa modifica entrerà in vigore il 1° novembre 2021. Nel 2022, questo requisito federale potrebbe espandersi ad altri prodotti.

LaTam è la scena per le tendenze della fatturazione elettronica

Il requisito dell’autorizzazione per lo spostamento di merci in LaTam non si limita alle maggiori economie della regione. I paesi più piccoli con sistemi di fatturazione elettronica si sono ampliati o stanno ampliando i loro mandati per richiedere ai contribuenti di informare l’autorità fiscale, prima che le merci vengano spostate a seguito di una vendita o di qualsiasi altra distribuzione interna.

Ad esempio, il Perù richiede la Guias de Remsion ai contribuenti prima di iniziare la consegna dei loro prodotti. Questo documento elettronico dovrebbe essere informato e autorizzato dall’amministrazione fiscale (SUNAT) utilizzando il formato digitale stabilito a tal fine e includerà tutte le informazioni relative al prodotto consegnato, all’emittente, al destinatario, ai mezzi di trasporto, alle date e altro ancora.

L’Uruguay ha il «e-Remitos» che è un documento elettronico autorizzato dall’amministrazione fiscale (DGI). È necessario per qualsiasi movimento fisico di merci in Uruguay. Come in altri paesi, questo documento fornirà tutte le informazioni sulle merci trasportate, sui mezzi utilizzati, sull’emittente, sul destinatario e sui dati aggiuntivi. Viene consegnato elettronicamente e autorizzato dall’amministrazione fiscale utilizzando gli schemi XML stabiliti a tal fine.

Infine, in Ecuador l’amministrazione fiscale (SRI) richiede la «Guias de Remision» (Guida alla consegna) per qualsiasi merce da trasportare legalmente all’interno del paese. Poiché l’infrastruttura a sostegno della fattura elettronica non è completamente sviluppata in Ecuador, in alcuni casi l’amministrazione fiscale consente al contribuente di rispettare questa parte del mandato facendo emettere la fattura elettronica dal rivenditore che consegna la merce ai suoi clienti. Anche se la Colombia e il Costa Rica non richiedono un documento elettronico separato per autorizzare il trasporto di merci, si prevede che in futuro tale requisito entrerà in vigore, rispecchiando quanto è accaduto in molti altri paesi della regione.

L’elemento comune di tutti questi mandati in America Latina è che tutti sono strettamente legati al sistema di fatturazione elettronica imposto in ciascun paese. Esse sono considerate fondamentalmente come un altro modulo del sistema di fatture elettroniche in cui le informazioni relative alle merci trasportate da strade pubbliche, vie navigabili, ferroviarie o aeree dovrebbero essere presentate all’amministrazione fiscale, tramite gli schemi XML stabiliti a tal fine.

Le amministrazioni fiscali della regione stanno migliorando attivamente i loro sistemi per garantire che i movimenti di merci siano adeguatamente controllati in tempo reale. In alcuni casi, le amministrazioni fiscali hanno fornito soluzioni online mirate ai contribuenti con un numero limitato di consegne. Ma per tutti gli altri contribuenti è necessaria una soluzione autonoma.

L’esecuzione del mandato è effettuata non solo dall’amministrazione fiscale, ma anche dalla polizia e dalle autorità stradali pubbliche, entrambe sequestrate abitualmente merci per non conformità. Poiché questi mandati hanno dimostrato di avere successo nel controllare l’elusione fiscale e il contrabbando, è sicuro affermare che Remitos, Dispatch Guides, Carta Porte o COT sono qui per rimanere per sempre e i contribuenti che fanno affari in America Latina non hanno altra scelta che rispettare questo nuovo requisito normativo.

Agisci

Per saperne di più su ciò che riteniamo che il futuro detenga, scarica Tendenze IVA: Verso controlli continui delle transazioni. Seguici su LinkedIn e Twitter per essere sempre aggiornato su notizie e aggiornamenti normativi.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Ramón Frias

Ramon is a Tax Counsel on the Regulatory Analysis team at Sovos. He is licensed to practice law in the Dominican Republic and is a member of the Dominican Bar Association. He has a Certificate Degree from Harvard University as well as a J.D. from the Universidad Autonoma de Santo Domingo. Ramon has written a number of essays about tax administration and has won the first prize in the international essays contest sponsored by the Inter American Center of Tax Administrations (CIAT). Prior to joining Sovos, Ramon worked for more than 10 years in the Department of Revenue of the Dominican Republic where he served as Deputy Director. He is proficient in French and Spanish.
Share This Post