, , ,

L’era dell’automazione: come la tecnologia può supportare i team finanziari

Oscar Caicedo
19 Novembre, 2020

Scopri perché ha senso investire in tecnologia e automazione per semplificare i processi fiscali e alleviare gli oneri che i team finanziari devono affrontare.

Il passaggio alla digitalizzazione richiede un radicale adattamento e un cambiamento nella tecnologia esistente per le industrie di tutto il mondo. In questo caso, le tensioni e le ansie aumentano intorno all’automazione e alla perdita di posti di lavoro. Con Oxford Economics che prevede che 12,5 milioni di posti di lavoro nel settore manifatturiero saranno automatizzati in Cina entro il 2030, una forza lavoro parzialmente automatizzata è davvero all’orizzonte.

Competenza e tecnologia umana

Ma l’esperienza umana e la tecnologia possono andare di pari passo, con team di supporto tecnologico e aumentare la produttività di dieci volte. Di conseguenza, per le aziende, l’unico modo per prosperare in un mondo sempre più digitale è investire nella tecnologia giusta.

Per le organizzazioni che operano a livello globale, questo è di particolare importanza in quanto è necessaria una vasta conoscenza della legislazione finanziaria governativa in molti paesi. I quadri finanziari sono complessi da navigare e sono in continua evoluzione. La segnalazione IVA in tempo reale è sempre più diffusa in tutto il mondo, con i controlli continui delle transazioni (CTC) che limitano fortemente molte giurisdizioni diverse. Senza automazione, le ore necessarie per tenere il passo con le nuove regole supererebbero di gran lunga la capacità umana realistica.

Per le aziende globali, la presentazione manuale dei documenti per audit e rapporti non è né sostenibile né ragionevole. Ma un ulteriore problema per coloro che operano in più giurisdizioni è come tenere il passo con le regole e le normative governative in continua evoluzione richieste per le transazioni commerciali.

Governi digitali

I governi globali stanno esaminando come misurano e raccolgono le dichiarazioni dei redditi. L’obiettivo è quello di migliorare gli standard economici nei loro paesi. La digitalizzazione dei processi di ritorno lascia spazio a una visione molto più forense e accurata della salute economica di una nazione. Quindi non sorprende che la fatturazione e la rendicontazione automatizzata abbiano spinto la sua strada in cima all’ordine del giorno negli ultimi anni.

Il modo in cui viene adottato l’approccio all’aggiornamento di molte transazioni e interazioni è soggetto a punti di vista specifici del paese: alcune giurisdizioni applicano diversi livelli di CTC, fatturazione in tempo reale, archiviazione e reporting della documentazione commerciale. Pertanto, coloro che operano a livello internazionale sentiranno la pressione aggiuntiva per monitorare e rispettare con precisione leggi multiple e complesse, minacciando pesanti multe di non conformità. Il trading e il funzionamento nell’ambito della legge ora richiedono tecnologia e infrastruttura intelligenti.

Gli approcci in tutto il mondo sono diversi; l’America Latina è stata pioniera della liquidazione obbligatoria B2B delle fatture elettroniche e il Brasile richiede la piena autorizzazione attraverso una piattaforma governativa. In Europa, la direttiva UE-IVA vieta ai paesi di introdurre la fatturazione elettronica completa, anche se l’Italia ha calmato questa tendenza nel 2019, a seguito di un lungo processo di deroga. Mentre le economie passano a un modello di business basato sui dati, il passaggio verso un regime fiscale digitale è inevitabile.

Apprendimento automatico

Il divario IVA continua a confondere i governi di tutto il mondo. Pertanto, per combatterlo, molte nazioni hanno creato i propri sistemi. A sua volta, questo rende un patchwork di meccanismi incapaci di comunicare tra loro. A questo proposito, la lenta adozione delle fatture elettroniche in molti paesi ha causato un quadro completamente fratturato: le informazioni sull’IVA sono ancora state segnalate periodicamente in molti paesi, con ciascuna giurisdizione che definisce il proprio standard. Siamo molto lontani dalla coerenza nella digitalizzazione globale.

Man mano che un numero maggiore di paesi sviluppano la propria specifica riassunto nella digitalizzazione della fatturazione, le cose sembrano sempre più complesse. La nuova legislazione normativa continua a emergere e tenere traccia può causare mal di testa e non conformità accidentale. Le imprese globali devono mantenere un occhio attento sugli sviluppi in tutti i paesi in cui operano e che sono essenziali applicano sistemi in grado di monitorare e aggiornare la nuova legislazione nel momento in cui avviene.

API flessibili

Ma la tecnologia ha anche bisogno di dare una riflessione accurata delle finanze di un’intera azienda. Deve collegare tutti i diversi sistemi per segnalare con precisione le imposte. Ecco perché le API flessibili sono il primo ordine di priorità. I programmi con API sofisticate consentono ai sistemi fiscali di «collegarsi» a un’azienda e raccogliere informazioni vitali. A sua volta, consente alle aziende di mostrare i dati necessari, visualizzare risultati accurati ed evitare sanzioni governative. È essenziale che la tecnologia possa integrarsi con una serie di sistemi di fatturazione, ERP e piattaforme procure-to-pay quando si avvicina a interazioni governative sensibili. I volumi di dati creati e gestiti sono enormi e sempre più fuori dal campo della possibilità umana.

Allo stesso modo, la tecnologia può aiutare nella formattazione delle informazioni secondo le richieste di ciascun paese, il che è essenziale per la segnalazione digitale. Esiste una tecnologia per monitorare e regolare i formati delle fatture. Ad esempio, per soddisfare il paese in cui un’azienda sta operando ed evitare sanzioni di non conformità. Con il tempo di solito dell’essenza e della scarsa offerta, gli strumenti che automatizzano l’amministrazione e liberano tempo per gli elementi strategici della finanza aziendale si ripagano in dividendi. In effetti, poiché le macchine sono sempre più radicate nelle operazioni, l’analisi manuale diventa più impegnativa. Sia i governi che le aziende si appoggiano all’automazione e alla tecnologia avanzata per alleviare i conseguenti oneri amministrativi.

Automatizza la conformità

Un futuro veramente digitale è alla portata di molte economie, ma ha un prezzo. Per sfruttare la rapida ondata di trasformazione digitale, le aziende devono armarsi con la tecnologia. È tempo di gestire il crescente regno di normative complesse e basate sui dati. Ha senso investire in tecnologia e automazione per gestire analisi e ricerca ad alta intensità di manodopera, semplificare i processi e alleviare gli oneri affrontati dai team finanziari. Ciò è senza la necessità di costosi dipendenti esperti o di supporto esternalizzato. Sull’orlo di un modo di lavorare completamente digitale, inviare manualmente i documenti per audit e relazioni non è più pratico.

È importante selezionare attentamente la tecnologia per sincronizzare e comunicare informazioni vitali nell’infrastruttura IT di un’azienda. Nell’attuale contesto orientato alla recessione, la pressione sui team finanziari è intensa. La pressione per svolgere al meglio, salvaguardare da eventuali perdite finanziarie e monitorare rigorosamente le spese e le uscite. Di fronte alle avversità, la tecnologia può guidarci e supportarci, e potrebbe diventare un business critical.

Investire in automazione e tecnologia non deve costare posti di lavoro finanziari. Può invece andare di pari passo con le competenze umane. È in grado di gestire attività complesse e complesse. Pur liberando tempo ed energia in modo che le aziende possano concentrarsi su ciò che fanno meglio.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Oscar Caicedo

As vice president of strategy and operations for VAT Americas, Oscar Caicedo sets market and product direction across continuous transaction controls, reporting and tax determination. In this role, he leads groups of dedicated subject matter experts across the Americas region. Oscar brings more than a decade of experience leading consulting and implementation teams focusing on data integration and regulatory requirements. He is an industry recognized expert in digital transformation and electronic tax solutions. Prior to Sovos, Oscar spent more than four years at Invoiceware, which was acquired by Sovos in 2016. Oscar has managed complex implementation projects for many of the world’s most recognizable brands. He holds a Bachelor of Business Administration degree in business economics from Georgia State University.
Share This Post