L’effetto dell’inflazione sulle aliquote IVA

Kelsey O'Gorman
24 Maggio, 2022

Non sorprende che l’inflazione sia al centro dell’attenzione di tutti, con i prezzi che continuano a salire alle stelle di mese in mese. I dati del Regno Unito mostrano che l’inflazione dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) è balzata a un massimo di 40 anni del 9% negli ultimi 12 mesi. I governi di tutto il mondo sono alla ricerca di modi per ridurre l’onere per i consumatori e mantenere a galla le economie globali. Uno di questi metodi – l’applicazione di tagli alle aliquote IVA su alcuni beni e servizi – sembra essere il migliore, dal momento che molti Paesi in tutto il mondo hanno annunciato sessioni di bilancio d’emergenza o hanno presentato proposte per ridurre temporaneamente le aliquote IVA.

Le riduzioni temporanee delle aliquote IVA sono in genere facili e veloci da attuare, e per questo sono favorite dai governi di tutto il mondo. Questi tagli consentono essenzialmente di dare una spinta all’economia fornendo ai consumatori un importo complessivo più alto da spendere, incentivandoli a spendere ora mentre le aliquote sono più basse.

Proposte nazionali di riduzione delle aliquote IVA

Come previsto, molti Paesi hanno già annunciato tagli alle aliquote IVA o misure di stimolo per le loro economie:

  • Regno Unito: I rapporti indicano che il partito laburista sta spingendo per una sessione di bilancio d’emergenza per chiedere tagli all’aliquota IVA per l’industria dell’ospitalità. In precedenza, a causa della Covid-19, il Regno Unito ha applicato un’aliquota ridotta temporanea del 13,5% sui servizi di ospitalità, che è terminata il mese scorso. I leader suggeriscono che l’inversione temporanea dell’aliquota è costata all’industria e che dovrebbe essere nuovamente applicata.
  • Slovenia: Il Parlamento sloveno sta attualmente esaminando una proposta per ridurre l’aliquota IVA standard al 5% per i giornali e le riviste energetiche e digitali. Questo avviene mentre l’inflazione in Slovenia raggiunge il 6,9%.
  • Germania: Le associazioni dei consumatori tedesche chiedono una riduzione dell’aliquota IVA sui prodotti alimentari, che in precedenza era stata esclusa a causa delle restrizioni previste dalla direttiva IVA dell’UE.
  • Bulgaria: Il governo bulgaro ha proposto di ridurre temporaneamente le aliquote IVA sul riscaldamento domestico e sul pane per un anno, a partire dal 1° luglio 2022.
  • Polonia: All’inizio di quest’anno, la Polonia ha introdotto riduzioni delle aliquote IVA per l’energia e alcuni prodotti alimentari di base. Tuttavia, tali riduzioni sono in vigore solo fino al 31 luglio 2022. Il governo polacco ha indicato che queste misure potrebbero essere prorogate per continuare a combattere l’inflazione.
  • Bahrain: Un gruppo di dieci parlamentari chiede la sospensione dell’aliquota IVA del 10% in Bahrein per contribuire ad attenuare l’aumento dell’inflazione, presentata al governo Bahrani all’inizio della settimana.
  • Irlanda: Il governo irlandese ha deciso di prorogare l’aliquota IVA ridotta del 9% per il settore alberghiero e della ristorazione, che terminerà il 1° marzo 2023.

Anche altri Paesi, come Estonia, Paesi Bassi, Lettonia, Grecia e Turchia, stanno adottando misure per ridurre l’aliquota IVA al fine di contrastare il continuo aumento dei costi per i consumatori.

Questi tagli alle aliquote IVA coincidono con le nuove misure approvate di recente dalla Commissione europea che consentono agli Stati membri di applicare aliquote ridotte a un maggior numero di articoli, compresi i prodotti alimentari. Anche se sembra che molti Stati membri si stiano muovendo per approfittare di questa nuova flessibilità sulle riduzioni delle aliquote IVA, si prevede che, con il continuo aumento dei costi, un numero maggiore di Stati membri e di Paesi in tutto il mondo introdurrà riduzioni delle aliquote IVA per garantire che la spesa dei consumatori non continui a diminuire.

Agisci

Per saperne di più su ciò che crediamo ci riservi il futuro, scaricate il sito 13th Annual Trends. Seguiteci suLinkedIn e Twitter per rimanere aggiornati sulle novità e gli aggiornamenti normativi.

Sign up for Email Updates

Stay up to date with the latest tax and compliance updates that may impact your business.

Author

Kelsey O'Gorman

Kelsey O’Gorman is a Regulatory Counsel at Sovos. Within Sovos’ Regulatory Analysis function, Kelsey focuses on global sales tax and VAT issues, supporting both the tax determination and reporting engines. Kelsey received her B.A. in Psychology from University at Buffalo and her J.D. from Roger Williams University School of Law. She is a member of the Massachusetts Bar.
Share this post

E-Invoicing Compliance EMEA
April 5, 2023
Bizkaia: Qual è il sistema fiscale di Batuz?

La Bizkaia è una provincia della Spagna e un territorio storico dei Paesi Baschi, con un proprio sistema fiscale. Prima dell’approvazione della strategia Batuz, l’autorità fiscale della Bizkaia ha sviluppato diversi approcci per implementare una strategia completa che riducesse la frode fiscale. L’obiettivo è quello di impedire che la frode influisca sulle entrate generate dalle […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
March 7, 2023
L’IVA nell’era digitale introduzione di una piu’ estesa platea di transazioni ricomprese nella registrazione unica ai fini IVA

Il piano L’IVA nell’era digitale della Commissione europea propone una serie di novità, fra cui una registrazione IVA unica per facilitare il commercio transfrontaliero. La proposta, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2025, è parte dell’iniziativa della Commissione per modernizzare l’IVA nell’UE. In sostanza, comporterebbe la registrazione IVA una sola volta in tutta […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
February 13, 2023
L’IVA nell’era digitale: risposte alle domande che tutti si pongono

6 Frequenti Domande: Per capire meglio l’impatto delle proposte della commissione Europea nell’era digitale (ViDA) sulla tua attività, ti invito a leggere alcune delle domande più frequenti che ho ricevuto fino a questo momento. D: Quando le aziende probabilmente inizieranno a notare un impatto in seguito all’implementazione delle proposte ViDA?  R: Le proposte della Commissione […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 21, 2022
L’IVA nell’era digitale: trattamento dell’IVA sul fronte delle piattaforme digitali

La proposta “L’IVA nell’era digitale” della Commissione Europea apporta modifiche significative al trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali relativamente agli operatori nei servizi di alloggio di breve durata (massimo 45 giorni) e di trasporto passeggeri. Trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali Vale la pena ricordare che il “trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali” riguarda […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 8, 2022
L’IVA nell’era digitale: Segnalazione e fatturazione elettronica obbligatoria per le transazioni intracomunitarie dell’UE

La Commissione Europea ha annunciato la sua tanto attesa proposta di modifiche legislative in relazione all’iniziativa l’IVA nell’era digitale (ViDA). Si tratta di uno degli sviluppi più importanti nella storia dell’IVA europea, che riguarda non solo le aziende europee, ma anche quelle non europee che commerciano con l’UE. La proposta richiede la modifica della Direttiva […]