L’aumento dei controlli continui delle transazioni in Europa orientale

Joanna Hysi
Aprile 21, 2021

Di recente abbiamo visto diversi paesi dell’Europa orientale iniziare il loro percorso verso l’attuazione di controlli continui delle transazioni (CTC) come strumento efficace per combattere le frodi fiscali e ridurre il divario IVA.

I quadri CTC possono variare per natura, portata e attuazione, ma hanno tutti una cosa in comune: l’ambizione di raggiungere l’efficienza operativa per le imprese e aumentare il controllo governativo sui dati aziendali per combattere la frode e l’evasione fiscale.

Diamo un’occhiata più da vicino ad alcuni dei prossimi sviluppi del CTC nella regione.

Slovacchia

Il ministero delle Finanze slovacco ha annunciato che sta preparando una legislazione per l’introduzione di un sistema CTC nel paese. Questo segue le orme di paesi come l’Italia, l’Ungheria e la Spagna. L’obiettivo è quello di ridurre il divario IVA della Slovacchia (20%) alla media UE (11%) e ottenere informazioni in tempo reale sulle transazioni commerciali sottostanti.

Il sistema CTC slovacco proposto richiederà alle imprese di comunicare i dati delle fatture all’autorità fiscale prima di emettere la fattura alle loro parti commerciali, che avranno anche l’obbligo di comunicare le fatture ricevute. I dati saranno inviati attraverso un software di contabilità certificato o il portale governativo (attualmente in fase di sviluppo).

Nel marzo 2021 si è conclusa una consultazione pubblica sul progetto di legge, segno che il governo slovacco sta compiendo progressi costanti nel processo legislativo. Tuttavia, nessuna timeline di lancio è stata ancora annunciata.

Bulgaria

Anche la Bulgaria sta cercando di introdurre i CTC. L’ Agenzia Nazionale delle Entrate (NRA), autorità fiscale bulgara, ha annunciato di voler rendere obbligatoria la fatturazione elettronica e la trasmissione delle fatture all’autorità fiscale. Ciò potrebbe essere fatto tramite il software di fatturazione elettronica di un fornitore o un software sviluppato e ospitato dall’autorità fiscale stessa.

L’ANR sta esaminando la proposta di fatturazione elettronica con le parti interessate del settore per decidere se adottare o meno un modello obbligatorio di fatturazione elettronica. Una decisione sull’adozione di un sistema CTC è prevista entro la fine del 2021.

Serbia

Proprio come la Bulgaria, anche la Serbia ha annunciato le sue intenzioni di introdurre la fatturazione elettronica obbligatoria nella speranza che la riforma apporti benefici alle imprese e alle informazioni del governo sulle operazioni commerciali.

Il governo serbo ha adottato la legislazione sulla fatturazione elettronica che delinea l’emissione di fatture elettroniche per le transazioni B2B e B2G, il sistema di fatture elettroniche, gli elementi che una fattura elettronica dovrebbe contenere e l’archiviazione elettronica.

Nell’ambito del nuovo schema, adottato come legge nel marzo 2021, le fatture e gli altri documenti contabili devono essere emessi e scambiati in formato elettronico (secondo lo standard serbo di fatturazione elettronica UBL 2.1.) e firmati con firma digitale.

Sebbene vi siano ulteriori dettagli da pubblicare, la legge stabilisce un’entrata in vigore per tappe:

  • Dal 1° gennaio 2022: le fatture elettroniche B2G diventeranno obbligatorie
  • Dal 1° luglio 2022: tutti i contribuenti saranno obbligati a ricevere e memorizzare le fatture elettroniche
  • Dal 1° gennaio 2023: tutti i contribuenti saranno obbligati a emettere fatture elettroniche B2B

In questa fase, i dettagli sulle modalità di accesso e utilizzo del sistema di fatturazione elettronica sono ancora indeterminati. Tuttavia, è chiaro che, poiché si prevede che le fatture B2G e B2B siano segnalate al registro centrale dell’autorità fiscale in tempo reale, il processo conterrà un elemento CTC.

Romania

Con il più grande divario in materia di IVA nell’UE (35,5% nel 2017), la Romania sta cercando di introdurre controlli fiscali sotto forma di requisiti Standard Audit File for Tax (SAF-T). Ciò fornirà all’Agenzia nazionale rumena per l’amministrazione fiscale (ANAF) una maggiore visibilità su una vasta gamma di contabilità aziendale.

Sviluppati nel 2005 dall’OCSE, sono stati introdotti obblighi SAF-T in diversi paesi dell’UE, tra cui Portogallo, Lussemburgo, Francia, Austria, Polonia, Lituania e Norvegia. Seguendo le orme di questi paesi, l’ANAF ha annunciato un progetto per includere l’attuazione di SAF-T. Dopo diversi ritardi, si prevede che si concluderà nel luglio 2021.

Croazia

La Croazia è uno dei primi paesi al mondo ad aver introdotto un sistema di segnalazione in tempo reale delle transazioni al dettaglio all’autorità fiscale, una cosiddetta fiscalizzazione online.

Questo sistema mira a combattere le frodi dei rivenditori fornendo all’autorità fiscale la visibilità delle transazioni in contanti in tempo reale e incoraggiando i cittadini a partecipare al controllo della conformità fiscale convalidando la ricevuta fiscale attraverso l’applicazione web dell’autorità fiscale.

Per semplificare i controlli fiscali, il governo ha introdotto un requisito QR code per gli incassi fiscali per le transazioni in contanti nel gennaio 2021. I consumatori devono convalidare le loro ricevute inserendo il JIR nell’applicazione web o digitando il codice QR.

Con le iniziative CTC che diventano sempre più popolari tra i governi e le autorità fiscali in Europa, non ci vorrà molto tempo prima che l’adozione di tali regimi diventerà la nuova norma per la politica fiscale nella regione.

Agisci

Per saperne di più su ciò che riteniamo che il futuro detenga, scarica Tendenze IVA: Verso controlli continui delle transazioni. Seguici su LinkedIn e Twitter per essere sempre aggiornato su notizie e aggiornamenti normativi.

Sign up for Email Updates

Stay up to date with the latest tax and compliance updates that may impact your business.

Author

Joanna Hysi

Joanna is a Senior Regulatory Counsel at Sovos. Based in Stockholm and originally from Greece, Joanna’s background is in commercial and corporate law with research focus on EU law and financial innovation. Joanna earned her degree in Law in Greece and her masters in Commercial and Corporate from London School of Economics and Political Science (LSE) in London.
Share this post

EMEA IPT
February 13, 2024
Liechtenstein IPT: una panoramica

Il Liechtenstein è uno dei tanti paesi con i requisiti dell’imposta sui premi assicurativi (IPT), in particolare l’imposta di bollo svizzera e la tassa assicurativa del Liechtenstein. Questo blog fornisce una panoramica dell’IPT in Liechtenstein per aiutare le compagnie assicurative a rimanere conformi. Che tipo di tasse sono applicabili in Liechtenstein sugli importi dei premi […]

E-Invoicing Compliance EMEA
April 5, 2023
Bizkaia: Qual è il sistema fiscale di Batuz?

La Bizkaia è una provincia della Spagna e un territorio storico dei Paesi Baschi, con un proprio sistema fiscale. Prima dell’approvazione della strategia Batuz, l’autorità fiscale della Bizkaia ha sviluppato diversi approcci per implementare una strategia completa che riducesse la frode fiscale. L’obiettivo è quello di impedire che la frode influisca sulle entrate generate dalle […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
March 7, 2023
Quali articoli sono esenti dall’IVA?

È essenziale rimanere aggiornato sui requisiti IVA della sua azienda. Ciò richiede una conoscenza approfondita delle regole e di ciò che le autorità si aspettano dalle aziende. Ciò include la gestione di forniture di beni e servizi al di fuori degli obblighi IVA standard. Non tutti i prodotti o servizi sono soggetti all’IVA. Questa è […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
March 7, 2023
L’IVA nell’era digitale introduzione di una piu’ estesa platea di transazioni ricomprese nella registrazione unica ai fini IVA

Il piano L’IVA nell’era digitale della Commissione europea propone una serie di novità, fra cui una registrazione IVA unica per facilitare il commercio transfrontaliero. La proposta, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2025, è parte dell’iniziativa della Commissione per modernizzare l’IVA nell’UE. In sostanza, comporterebbe la registrazione IVA una sola volta in tutta […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
February 13, 2023
L’IVA nell’era digitale: risposte alle domande che tutti si pongono

6 Frequenti Domande: Per capire meglio l’impatto delle proposte della commissione Europea nell’era digitale (ViDA) sulla tua attività, ti invito a leggere alcune delle domande più frequenti che ho ricevuto fino a questo momento. D: Quando le aziende probabilmente inizieranno a notare un impatto in seguito all’implementazione delle proposte ViDA?  R: Le proposte della Commissione […]