L’Arabia Saudita pubblica le regole finali sulla fatturazione elettronica

Selin Adler Ring
13 Giugno, 2021

L’Autorità generale di Zakat and Tax (GAZT) ha precedentemente pubblicato un progetto di regolamento su «Controlli, requisiti, specifiche tecniche e regole procedurali per l’attuazione delle disposizioni del regolamento sulla fatturazione elettronica» intesi a definire i requisiti e i controlli tecnici e procedurali per il imminente mandato di fatturazione elettronica. GAZT ha recentemente finalizzato e pubblicato il progetto di regole di fatturazione elettronica in Arabia Saudita.

Nel frattempo, il nome dell’autorità fiscale è cambiato a causa della fusione dell’Autorità generale di Zakat and Tax (GAZT) e dell’Autorità generale delle dogane per formare Zakat, Tax and Customs Authority (ZATCA).

Le regole finalizzate includono una modifica della data di inizio della seconda fase dal 1o giugno 2022 al 1o gennaio 2023. Hanno rivelato il limite di tempo per segnalare le fatture B2C (semplificate) alla piattaforma dell’autorità fiscale per la seconda fase.

Secondo le regole finali, il sistema di fatturazione elettronica dell’Arabia Saudita avrà due fasi principali.

Sistema di fatturazione elettronica dell’Arabia Saudita: la prima fase

La prima fase inizia il 4 dicembre 2021 e richiede a tutti i contribuenti residenti di generare, modificare e archiviare fatture elettroniche e note elettroniche (note di credito e di debito).

Le regole finali dichiarano che le aziende devono generare fatture elettroniche e le relative note associate in un formato elettronico strutturato. I dati in formato PDF o Word non sono quindi fatture elettroniche. La prima fase non richiede un formato elettronico specifico. Tuttavia, tali fatture e note devono contenere tutte le informazioni necessarie. La prima fase richiede che le fatture B2C includano un codice QR.

Esistono numerose funzionalità vietate per le soluzioni di fatturazione elettronica per la prima fase:

  • Accesso incontrollato
  • Manomissione di fatture e registri
  • Sequenze di fatture multiple

Sistema di fatturazione elettronica dell’Arabia Saudita: la seconda fase

La seconda fase porterà il requisito aggiuntivo per i contribuenti di trasmettere fatture elettroniche oltre alle note elettroniche allo ZATCA.

Le regole finali indicano che la seconda fase inizierà il 1° gennaio 2023 e verrà implementata in diverse fasi. Per le fatture B2B è prescritto un regime di liquidazione, mentre le fatture B2C devono essere segnalate alla piattaforma dell’autorità fiscale entro 24 ore dall’emissione.

A seguito dei requisiti della seconda fase, il sistema di fatturazione elettronica saudita sarà classificato come sistema di fatturazione elettronica CTC a partire dal 1o gennaio 2023. Tutte le fatture elettroniche devono essere emesse in formato XML basato su UBL. Le fatture fiscali possono essere distribuite in formato XML o PDF/A-3 (con XML incorporato). I contribuenti devono distribuire fatture semplificate (cioè B2C) in formato cartaceo.

Nella seconda fase, una soluzione di fatturazione elettronica conforme deve avere le seguenti caratteristiche:

  • Generazione di un UUID (Universally Unique Identifier) oltre al numero sequenziale della fattura
  • Contatore fatture antimanomissione che incrementa per ogni fattura e nota elettronica emessa
  • Generazione di un codice QR
  • Contiene alcune funzionalità che consentono ai contribuenti di salvare fatture elettroniche e note elettroniche e archiviarle in archivio interno ed esterno
  • Generazione di un timbro crittografico per ogni fattura elettronica o nota elettronica
  • Generazione di un hash per ogni fattura elettronica o fattura elettronica generata

La seconda fase porterà inoltre funzionalità aggiuntive vietate per le soluzioni di fatturazione elettronica oltre ai requisiti menzionati nella prima fase:

  • Cambio orario
  • Esportazione di chiave stampaggio

Quali sono le prossime cose per il sistema di fatturazione elettronica dell’Arabia Saudita?

Dopo aver pubblicato le regole finali, ZATCA sta organizzando workshop per informare le parti interessate del settore.

Alcuni dettagli rimangono poco chiari a questo punto, tuttavia le autorità saudite hanno avuto molto successo nel comunicare gli obiettivi a lungo termine dell’attuazione del suo sistema di fatturazione elettronica, oltre a rendere disponibile una documentazione chiara e fornire opportunità di feedback sulla documentazione pubblicata. per ogni fase. Ci aspettiamo di fornire le indicazioni necessarie nel prossimo futuro.

Agisci

Contattaci per discutere i tuoi requisiti IVA in Arabia Saudita. Inoltre, per saperne di più su ciò che riteniamo riserva il futuro, scarica Tendenze IVA: Toward Continuous Transaction Controls.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Selin Adler Ring

Selin is Regulatory Counsel at Sovos. Based in Stockholm and originally from Turkey, Selin’s background is in corporate and commercial law, and currently specializes in global e-invoicing compliance. Selin earned a Law degree in her home country and has a master’s degree in Law and Economics. She speaks Russian, Arabic, English and Turkish.
Share This Post