Controlli fiscali italiani: cinque fatti chiave da sapere prima del nuovo anno

Gabriel Pezzato
2 Dicembre, 2020

Mentre l’Italia ha attuato la sua riforma continua dei controlli delle transazioni (CTC) nel 2019, il 2020 è stato un anno di espansione. Le autorità italiane intendono sfruttare tutti i potenziali vantaggi derivanti dalla riuscita implementazione della piattaforma centrale di fatturazione elettronica del paese. Molti degli aggiornamenti verranno lanciati o applicati nel prossimo anno o più tardi nel 2022.

Ecco il nostro elenco definitivo dei cambiamenti chiave che le aziende devono essere consapevoli e prepararsi per il prossimo anno:

  • FatturaPA e SDI: nuovo schema e convalide

Nel febbraio di quest’anno, ​​l’autorità fiscale italiana ha pubblicato nuove specifiche tecniche per la FatturaPa e le convalide effettuate dalla SDI.Sebbene le nuove specifiche tecniche fossero originariamente previste per essere applicate nell’ottobre 2020, l’Italia ha rinviato l’uso obbligatorio del nuovo schema e delle nuove convalide effettuate al 1° gennaio 2021.

La settimana scorsa, l’autorità fiscale ha pubblicato le nuove specifiche tecniche​ che completano quelle che saranno applicate il 1° gennaio. Le nuove regole modificano i criteri per le convalide di alcuni campi e reintroducono un codice temporaneo «Z» da utilizzare nel campo CausalePagamento fino al 31 dicembre 2020.

  • Nuove regole per l’archiviazione elettronica

L’Agenzia per l’Italia Digitale (AGID) ha introdotto una nuova serie di regole di archiviazione che verrà applicata il 7 giugno 2021. Ciò significa che le aziende che memorizzano fatture elettroniche ai sensi della legge italiana devono rispettare nuovi requisiti che includono nuovi standard e l’indicazione di metadati più granulari.

  • Nuove regole per la conversione delle fatture cartacee in fatture elettroniche

Insieme alle norme di archiviazione di cui sopra, ed entrata in vigore il 7 giugno 2021, l’AGID ha inoltre pubblicato nuove regole per la conversione della carta in fatture elettroniche. Sebbene la maggior parte delle fatture italiane siano emesse e scambiate elettronicamente, alcuni documenti possono ancora essere emessi con altri mezzi, come le fatture transfrontaliere.

Le regole includono nuovi standard e chiarimenti sul processo di certificazione eseguito nella massiccia dematerializzazione dei documenti cartacei. La certificazione mira a garantire la corrispondenza del contenuto e della forma del file di output elettronico con la sua copia cartacea.

  •  Dichiurazioni IVA precompilate

A fine 2019, l’Italia ha annunciato l’intenzione di mettere a disposizione dei propri contribuenti una dichiarazione IVA pre-compilata, utilizzando i dati trasmessi alla piattaforma SDI tramite fatture elettroniche, l’Esterometro (il report per le transazioni transfrontaliere) e i corrispettivi elettronici (il B2C registro delle vendite, compreso il rapporto aggregato giornaliero). Il piano iniziale era quello di pubblicare le dichiarazioni IVA precompilate nel luglio di quest’anno, ma l’Italia ha rinviato il progetto una volta che fosse stato chiaro che avrebbe richiesto modifiche nello schema FatturaPa.

Il progetto prevede la creazione e la disponibilità di una bozza della dichiarazione IVA e del registro delle fatture in entrata e in uscita dalle transazioni effettuate dopo il 1° gennaio 2021. Sono previsti ulteriori chiarimenti sul modo in cui i contribuenti accederanno o modificheranno i dati nel documento precompilato.

  • Il tramonto dell’Esterometro

L’Italia interromerà l’Esterometro nel 2022. Ai sensi della legge di bilancio 2021, invece di presentare l’Esterometro, i contribuenti italiani che effettuano operazioni transfrontaliere (ad esempio, effettuare o ricevere forniture transfrontaliere) devono trasmettere i dati transazionali transfrontalieri attraverso la piattaforma SDI utilizzando lo schema FatturaPA. Le modifiche introdotte nel nuovo schema FatturaPA in vigore il 1° gennaio 2021 permetteranno all’autorità fiscale di accedere a dati transazionali transfrontalieri più precisi rispetto al passato.

Con la fine del 2020 in rapida avvicinamento, le aziende che operano in Italia devono prepararsi a questi prossimi cambiamenti prima che entrino in vigore nel 2021 e oltre.

Agisci

Sovos has more than a decade of experience in keeping customers updated on e-invoicing mandates around the world.

Sign up for Email Updates

Stay up to date with the latest tax and compliance updates that may impact your business.

Author

Gabriel Pezzato

Gabriel Pezzato is a Senior Regulatory Counsel at Sovos. Based in Stockholm and originally from Brazil, Gabriel’s background is in tax, corporate and administrative law. Gabriel earned a Law degree and a specialization degree in Tax Law in his home country and has a master’s degree in International and European Tax Law from Uppsala University (Sweden).
Share this post

E-Invoicing Compliance EMEA
April 5, 2023
Bizkaia: Qual è il sistema fiscale di Batuz?

La Bizkaia è una provincia della Spagna e un territorio storico dei Paesi Baschi, con un proprio sistema fiscale. Prima dell’approvazione della strategia Batuz, l’autorità fiscale della Bizkaia ha sviluppato diversi approcci per implementare una strategia completa che riducesse la frode fiscale. L’obiettivo è quello di impedire che la frode influisca sulle entrate generate dalle […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
March 7, 2023
L’IVA nell’era digitale introduzione di una piu’ estesa platea di transazioni ricomprese nella registrazione unica ai fini IVA

Il piano L’IVA nell’era digitale della Commissione europea propone una serie di novità, fra cui una registrazione IVA unica per facilitare il commercio transfrontaliero. La proposta, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2025, è parte dell’iniziativa della Commissione per modernizzare l’IVA nell’UE. In sostanza, comporterebbe la registrazione IVA una sola volta in tutta […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
February 13, 2023
L’IVA nell’era digitale: risposte alle domande che tutti si pongono

6 Frequenti Domande: Per capire meglio l’impatto delle proposte della commissione Europea nell’era digitale (ViDA) sulla tua attività, ti invito a leggere alcune delle domande più frequenti che ho ricevuto fino a questo momento. D: Quando le aziende probabilmente inizieranno a notare un impatto in seguito all’implementazione delle proposte ViDA?  R: Le proposte della Commissione […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 21, 2022
L’IVA nell’era digitale: trattamento dell’IVA sul fronte delle piattaforme digitali

La proposta “L’IVA nell’era digitale” della Commissione Europea apporta modifiche significative al trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali relativamente agli operatori nei servizi di alloggio di breve durata (massimo 45 giorni) e di trasporto passeggeri. Trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali Vale la pena ricordare che il “trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali” riguarda […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 8, 2022
L’IVA nell’era digitale: Segnalazione e fatturazione elettronica obbligatoria per le transazioni intracomunitarie dell’UE

La Commissione Europea ha annunciato la sua tanto attesa proposta di modifiche legislative in relazione all’iniziativa l’IVA nell’era digitale (ViDA). Si tratta di uno degli sviluppi più importanti nella storia dell’IVA europea, che riguarda non solo le aziende europee, ma anche quelle non europee che commerciano con l’UE. La proposta richiede la modifica della Direttiva […]