Il partner per i dati che non ha chiesto è ora in carica

Steve Sprague
4 Novembre, 2022

Immaginate questo scenario.

Il vostro partner commerciale vi cambia le regole a metà strada e la vostra capacità di fare affari con loro dipende ora dal cambiamento dell’intera struttura di reporting per soddisfare le loro nuove richieste.

Oh sì, devo anche dire che i tempi per soddisfare queste richieste sono estremamente stretti e se non lo fa, può dimenticarsi di fare affari nella loro regione finché non lo fa bene. E se, in qualsiasi momento, non riuscirà a rispettare questi standard, potrà essere multato o chiuso.

Sembra inverosimile? Non lo è. È esattamente ciò che si sta verificando nei principali mercati economici, dal Brasile all’Italia e a parti dell’Asia e dell’Africa. Vede, i governi di hanno raggiunto le aziende quando si tratta di tecnologia e, per molti versi, le hanno superate quando si tratta di digitalizzazione.

Cosa significa questo per lei?

Significa che i governi hanno assunto un approccio più proattivo alla revisione delle transazioni finanziarie e richiedono una rendicontazione in tempo reale. Come parte di questo, hanno implementato l’applicazione in tempo reale per garantire che sia conforme alle specifiche obbligatorie. A tal fine, hanno preso la residenza permanente all’interno del suo stack di dati. E non si illuda: quando si tratta di fatturazione elettronica, sono loro a decidere.

Un po’ di storia.

I governi di tutto il mondo stanno implementando la fatturazione elettronica obbligatoria per la sua capacità di facilitare la conformità e di tracciare le frodi in modo rapido ed efficiente. La rendicontazione a posteriori, che finora era la norma, era più difficile da applicare e richiedeva audit lunghi e costosi per recuperare ciò che era legittimamente dovuto. Molte organizzazioni non prendevano sul serio le sanzioni e si limitavano a mettere da parte un po’ di denaro per far fronte a questi inconvenienti man mano che si presentavano.

Questo approccio ha portato a un divario fiscale che continua a crescere. In 2019, il gap IVA dei 28 Stati membri dell’Unione Europea è stato di oltre 134,4 miliardi di euro per tutti gli Stati membri insieme. Questa situazione era diventata insostenibile e inaccettabile per molti governi, per cui è stata realizzata una nuova tecnologia incentrata sulla digitalizzazione, per garantire che tutte le entrate legalmente dovute venissero riscosse in modo tempestivo e completo. La mancata conformità porterebbe a misure di applicazione più rapide e di maggiore impatto.

Questa tendenza è in rapida crescita, con i Paesi di tutto il mondo che adottano nuovi mandati e metodologie per tracciare e applicare le regole. Nei prossimi cinque anni si prevede che quasi tutti i Paesi che utilizzano il sistema di tassazione IVA aggiorneranno in qualche modo i loro sistemi.

Non si faccia illusioni. A causa delle richieste di informazioni in tempo reale, si tratta di un problema informatico, non fiscale. Per le aziende multinazionali che operano in decine di Paesi, potrebbero esserci momenti dolorosi lungo il percorso se non pianificano per tempo e sviluppano una strategia solida per ciascuna delle sedi in cui operano.

Ecco i miei consigli per soddisfare i mandati governativi e garantire che le operazioni continuino senza interruzioni. 

L’IT deve concentrarsi sull’obiettivo finale: implementare un approccio centralizzato per la gestione di queste leggi sulla fatturazione elettronica, imposte dal governo, per garantire un approccio coerente a livello globale a tutti i documenti digitali. Non posso sopravvalutare l’importanza delle sinergie di implementazione quando i requisiti aumentano e si espandono. La situazione diventerà sempre più complessa con il passare del tempo.

E, cosa forse più importante, non abbia paura di chiedere aiuto. Si tratta di cose complicate che cambiano di giorno in giorno. Non è il momento o il problema per provare a fare da soli.

Agire 

Si rivolga a nostri esperti per maggiori informazioni e aiuto.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Steve Sprague

As chief strategy officer, Steve Sprague drives corporate strategy, go to market initiatives, and field enablement for the company’s global value added tax (GVAT) business. Steve’s leadership style follows his core belief that for organizations to be successful, they must commit to and invest in the three strategic anchors of business – people, practices and products.
Share This Post