,

I ministri del G20 concordano di andare avanti con l’accordo globale di riforma fiscale

Sam Wichman
9 Agosto, 2021

Nella «Dichiarazione su una soluzione a due pilastri per affrontare le sfide fiscali derivanti dalla digitalizzazione dell’economia» pubblicata il 1° luglio 2021, i membri del G20 Inclusive Framework on Base Erosion and Profit Shifting («BEPS») hanno concordato un quadro per andare avanti con un accordo globale di riforma fiscale.

Ciò affronterà le sfide fiscali di un’economia mondiale sempre più digitale. A partire dal 9 luglio 2021, 132 delle 139 giurisdizioni membri dell’OCE/G20 hanno accettato il quadro inclusivo sul BEPS.

Dettagli pilastro

Pilastro 1

Il primo pilastro conferisce ai paesi di mercato un nuovo diritto di tassazione, l’importo A, per garantire che le società paghino le tasse su una parte degli utili residui ottenuti dalle attività di tali giurisdizioni, indipendentemente dalla presenza fisica. Il primo pilastro si applicherà alle multinazionali («MNE») con fatturato globale superiore a 20 miliardi di euro e redditività superiore al 10%.

Ci sarà una nuova regola del nexus che consente l’assegnazione dell’importo A a una giurisdizione di mercato quando l’impresa multinazionale in ambito ricava almeno 1 milione di euro di ricavi da tale giurisdizione. Per le giurisdizioni con un PIL inferiore a 40 miliardi di euro, il nesso sarà invece fissato a 250.000 euro.

La «regola del nexus per scopi speciali» determina se una giurisdizione è idonea per l’allocazione dell’importo A. Inoltre, i paesi hanno concordato una ripartizione del 20-30% degli utili residui MNE in ambito alle giurisdizioni di mercato, con il nexus che utilizza una chiave di allocazione basata sui ricavi.

Le entrate saranno ricavate alle giurisdizioni del mercato finale in cui vengono consumati beni o servizi, con regole dettagliate sulle fonti ancora in arrivo.

Maggiori dettagli sulla segmentazione sono ancora in corso, così come la progettazione finale di un porto sicuro dei profitti di marketing e distribuzione che limiterà i profitti residui consentiti alla giurisdizione di mercato attraverso l’importo A.

Infine, i paesi hanno accettato di snellire e semplificare l’importo B con particolare attenzione alle esigenze dei paesi a bassa capacità. I dettagli finalizzati dovrebbero essere completati entro la fine del 2022.

Pilastro 2

Il pilastro 2 è costituito da regole globali contro l’erosione anti-base («GloBe») che garantiranno che le MNE che soddisfano la soglia di 750 milioni di euro paghino un’aliquota fiscale minima di almeno il 15%. Le regole di GloBE sono costituite da una regola di inclusione del reddito e da una regola di pagamento sottotassata, quest’ultima delle quali deve ancora essere finalizzata.

Il secondo pilastro include anche una regola soggetta all’imposta, che è una regola basata sul trattato, che consente alle giurisdizioni di origine di imporre una tassazione limitata alla fonte su determinati pagamenti soggetti a imposte inferiori a un’aliquota minima. Il tasso varia dal 7,5 al 9%.

Quando verrà implementato il piano?

Attualmente vi è un impegno a proseguire la discussione, al fine di finalizzare gli elementi progettuali del piano nell’ambito del quadro concordato entro ottobre 2021. I membri del quadro inclusivo concorderanno e rilasceranno un piano di attuazione.

La cronologia attuale è che lo strumento multilaterale attraverso il quale viene implementato l’importo A sarà sviluppato e aperto per la firma nel 2022, con l’importo A entrerà in vigore nel 2021. Analogamente, il secondo pilastro dovrebbe essere introdotto in legge nel 2022, con effetto nel 2023.

Maggiori dettagli a Come

Sebbene siano stati concordati i componenti chiave della Soluzione a due pilastri, è ancora in arrivo un piano di implementazione dettagliato che include la risoluzione dei problemi rimanenti.

Poiché molti paesi potrebbero implementare questi cambiamenti nel prossimo futuro, è importante che le aziende attive nell’economia digitale seguano attentamente e comprendano gli sviluppi che circondano il progetto OCES/G20 Base Erosion and Profit Shifting.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Sam Wichman

Sam Wichman is a Junior Regulatory Counsel at Sovos. Within Sovos’ Regulatory Analysis function, Sam focuses on international VAT, global sales tax, and domestic sales tax issues. Sam received his B.A. in Political Science and Economics from the University of Wisconsin-Madison and his J.D. from Boston College Law School. Sam is pending admission to the Massachusetts Bar.
Share This Post