Determinazione della localizzazione del rischio: l’assicurazione marittima

James Brown
22 Giugno, 2022

L’identificazione del luogo di rischio ai fini dell’imposta sui premi assicurativi (IPT) è il primo passo per garantire la conformità all’IPT in un determinato territorio. Questo settore forse non è così semplice come sembra a prima vista per l’assicurazione marittima.

Come per le norme sulla localizzazione del rischio per tutti i rami assicurativi in Europa, il punto di partenza per l’assicurazione marittima è la direttiva Solvency II (2009/138/CE), in particolare l’articolo 13(13). L’articolo 13, paragrafo 13, lettera b), fa riferimento a “veicoli di qualsiasi tipo”, che in genere si intende includere nel suo campo di applicazione non solo i veicoli a motore, ma anche navi, yacht e aerei. Su questa base, il luogo del rischio per l’assicurazione marittima è identificato dallo “Stato membro di registrazione”. Poiché questa frase non è definita nella direttiva, si è creata una certa confusione sul significato di “registrazione” in questo contesto. Questo aspetto è ben illustrato da un caso discusso dalla Corte di giustizia europea (CGE) nell’aprile dello scorso anno.

North of England P&I Association v German Federal Central Tax Office (C-786/19)

Il caso riguardava contratti assicurativi stipulati con società con sede in Germania e iscritti nel registro delle società tenuto dal Tribunale distrettuale di Amburgo. I proprietari hanno iscritto le navi nel registro navale tenuto dallo stesso tribunale in Germania. Il caso è sorto perché le navi erano temporaneamente autorizzate a battere le bandiere nazionali di Malta e Liberia. L’autorità fiscale tedesca ha sostenuto che l’IPT tedesca era dovuta su questi contratti perché le navi sono rimaste nel registro navale tedesco per tutto il periodo di flagging out.

L’assicuratore ha invece contestato che l’ubicazione del rischio debba essere determinata dallo Stato membro che ha certificato l’idoneità della nave all’uso e di cui la nave batte bandiera. Malta considera l’assicurazione marittima come esente dal regime dell’imposta di bollo, quindi se l’assicuratore avesse successo con la sua argomentazione, non sarebbe dovuta alcuna imposta sui suoi premi assicurativi nell’Unione Europea.

La Corte di giustizia europea ha ritenuto che il luogo del rischio fosse in Germania, nonostante il temporaneo sbarco delle navi. Questa decisione è stata presa perché le navi sono rimaste nel registro del tribunale distrettuale di Amburgo, che aveva la funzione primaria di dimostrare la proprietà. Poiché il proprietario ha l’interesse primario di assicurare l’imbarcazione per proteggere i propri interessi finanziari, il registro che attesta la proprietà è fondamentale.

Quali sono le prossime novità per le regole di localizzazione del rischio nell’assicurazione marittima?

Vale la pena sottolineare che non è chiaro quanto peso debba essere attribuito a questo caso. Questo per un paio di motivi. In primo luogo, l’ordinanza per l’attuazione della legislazione tedesca in materia si riferisce specificamente ai “registri navali tenuti dai tribunali locali” come determinanti, il che differisce dalla posizione di altri territori. Inoltre, una questione importante non affrontata dal caso è cosa succede quando uno Stato membro non ha un registro navale.

Noi di Sovos non abbiamo riscontrato un cambiamento significativo nell’approccio adottato dagli assicuratori dopo la sentenza, il che significa che in molti casi la bandiera della nave continua a essere considerata pertinente dal mercato. Sarà interessante vedere come la Corte di giustizia europea affronterà casi simili in futuro.

Siamo lieti di aiutare tutti gli assicuratori che operano in Europa e che hanno domande sulle regole di localizzazione del rischio, sia per quanto riguarda l’assicurazione marittima che per qualsiasi altra assicurazione, per garantire che le tasse siano dichiarate correttamente.

Agisci

Contattate il team di esperti Sovos per ricevere assistenza nel rispetto delle regole di localizzazione del rischio marino o scaricate il nostro eBook sulle regole di localizzazione del rischio per gli IPT per maggiori informazioni.

Sign up for Email Updates

Stay up to date with the latest tax and compliance updates that may impact your business.

Author

James Brown

James Brown is a Consultant at Sovos. His academic background is in Law having studied the subject at undergraduate level, and he has since enjoyed various roles in the IPT Managed Services Department at Sovos.
Share this post

E-Invoicing Compliance EMEA
April 5, 2023
Bizkaia: Qual è il sistema fiscale di Batuz?

La Bizkaia è una provincia della Spagna e un territorio storico dei Paesi Baschi, con un proprio sistema fiscale. Prima dell’approvazione della strategia Batuz, l’autorità fiscale della Bizkaia ha sviluppato diversi approcci per implementare una strategia completa che riducesse la frode fiscale. L’obiettivo è quello di impedire che la frode influisca sulle entrate generate dalle […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
March 7, 2023
L’IVA nell’era digitale introduzione di una piu’ estesa platea di transazioni ricomprese nella registrazione unica ai fini IVA

Il piano L’IVA nell’era digitale della Commissione europea propone una serie di novità, fra cui una registrazione IVA unica per facilitare il commercio transfrontaliero. La proposta, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2025, è parte dell’iniziativa della Commissione per modernizzare l’IVA nell’UE. In sostanza, comporterebbe la registrazione IVA una sola volta in tutta […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
February 13, 2023
L’IVA nell’era digitale: risposte alle domande che tutti si pongono

6 Frequenti Domande: Per capire meglio l’impatto delle proposte della commissione Europea nell’era digitale (ViDA) sulla tua attività, ti invito a leggere alcune delle domande più frequenti che ho ricevuto fino a questo momento. D: Quando le aziende probabilmente inizieranno a notare un impatto in seguito all’implementazione delle proposte ViDA?  R: Le proposte della Commissione […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 21, 2022
L’IVA nell’era digitale: trattamento dell’IVA sul fronte delle piattaforme digitali

La proposta “L’IVA nell’era digitale” della Commissione Europea apporta modifiche significative al trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali relativamente agli operatori nei servizi di alloggio di breve durata (massimo 45 giorni) e di trasporto passeggeri. Trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali Vale la pena ricordare che il “trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali” riguarda […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 8, 2022
L’IVA nell’era digitale: Segnalazione e fatturazione elettronica obbligatoria per le transazioni intracomunitarie dell’UE

La Commissione Europea ha annunciato la sua tanto attesa proposta di modifiche legislative in relazione all’iniziativa l’IVA nell’era digitale (ViDA). Si tratta di uno degli sviluppi più importanti nella storia dell’IVA europea, che riguarda non solo le aziende europee, ma anche quelle non europee che commerciano con l’UE. La proposta richiede la modifica della Direttiva […]