Brexit Myth Busting: separare il fatto dalla finzione per tutte le cose

David Stokes
31 Gennaio, 2021

C’è una pletora di disinformazione e idee sbagliate che riguardano la Brexit e le tasse. Lo scopo di questo blog è quello di dissipare tali miti e chiarire ogni confusione. Approfondiremo le notizie per spiegare i fatti e tenerti informato.

Brexit Myth 1 – Il regime fiscale unico della Brexit per le importazioni dell’UE

La storia:

Subito dopo la fine del periodo di transizione e l’inizio della Brexit, il Regno Unito ha lanciato un «regime fiscale unico». Ciò riguarda l’importazione di beni in vendita a privati.

Una società olandese di biciclette ha pubblicato un articolo sul suo sito web invitando i lettori a contattare il loro rappresentante eletto nel Regno Unito. Hanno chiesto loro di lamentarsi delle nuove modifiche fiscali che hanno impedito loro di vendere ai clienti del Regno Unito.

Questo è stato raccolto da diversi media, tra cui la BBC «le aziende dell’UE rifiutano le consegne nel Regno Unito per le modifiche fiscali sulla Brexit».

I fatti:

I venditori stabiliti al di fuori del Regno Unito addebitano l’IVA nel Regno Unito a privati in cui il valore della spedizione è inferiore a £135. Come indicato in una modifica alla legge IVA del Regno Unito introdotta il 1° gennaio 2021.

L’intenzione è quella di proteggere le imprese britanniche da importazioni estere a basso costo e aumentare l’imposizione fiscale. L’abolizione del «low value consignment reef» (LVCR) ha ottenuto questo risultato. Garantire il pagamento dell’IVA sul valore reale della merce.

Ad esempio, l’anno scorso avrei potuto andare su Amazon per acquistare parti per il ciclo. Potrei scoprire che una società di ciclo dell’UE mi addebiterebbe 18 sterline per un pezzo di ricambio. Tuttavia, le stesse parti di un fornitore del Sud-Est asiatico potrebbero costarmi £15.

Ciò è dovuto al fatto che le società di ricambi per ciclo dell’UE devono addebitare l’IVA UE (NL o UK). Mentre il fornitore al di fuori dell’UE potrebbe utilizzare Low Value Consignment Relief (LVCR) per aggirare legalmente il pagamento dell’IVA. Alcuni fornitori hanno sfruttato ulteriormente questo aiuto dichiarando che le merci del valore di £30 valevano solo £15. Un esempio di applicazione fraudolenta del LVCR.

Ma la decisione di abolire LVCR non è un «regime fiscale unico» lanciato dal Regno Unito. Esiste già in molti altri paesi, tra cui Australia, Norvegia e Svizzera e sarà presto introdotto dall’UE.

I fornitori dell’UE si sono lamentati per anni della concorrenza sleale e anche l’UE era preoccupata per la perdita delle entrate IVA.

Tenendo conto di ciò, l’UE ha avviato un periodo di consultazione. Il risultato è stato il pacchetto IVA e-commerce. Richiede il pagamento dell’IVA da parte del venditore per l’importazione di beni nell’UE e venduti a privati; dove il valore della merce è inferiore a €150. Anche l’abolizione di LVCR fa parte di questo pacchetto.

L’UE ha ritardato il pacchetto, originariamente previsto per l’attuazione il 1o gennaio 2021, fino al 1o luglio 2021. Come si può vedere da quanto sopra, ciò creerà problemi simili a quelli attualmente menzionati da alcuni fornitori dell’UE. Saranno ironicamente i beneficiari di questo «regime fiscale unico». Questi fornitori non dovranno più affrontare una concorrenza sleale dei prezzi da parte di fornitori al di fuori dell’UE.

Il Regno Unito ha identificato le stesse questioni relative alla concorrenza sleale e alla perdita fiscale. Il 1o gennaio 2021 ha introdotto una legislazione che impone ai fornitori di tenere conto dell’IVA quando importano beni con un valore inferiore a £135 e venduti a privati.

È un dato di fatto che saranno sostenuti costi aggiuntivi per quanto riguarda le formalità doganali durante l’importazione di merci sia nel Regno Unito che nell’UE.

Brexit Myth 2 – Le merci britanniche spedite nell’UE sono ora responsabili di ulteriori oneri IVA

La storia:

Le nuove regole indicano che le merci spedite nei paesi dell’UE sono ora responsabili dell’IVA quando entrano nel mercato unico. Una storia è apparsa su Yahoo Finance con il titolo «Il disegno di legge sulla Brexit da 34 miliardi di sterline spinge le aziende sull’orlo», dove una società di recupero fiscale aveva stimato che i prelievi potevano aggiungere 34 miliardi di sterline (47 milioni di dollari) al costo del commercio britannico con l’UE.

La previsione è che le nuove regole IVA post-Brexit stanno aggiungendo miliardi di sterline ai costi operativi con l’IVA all’importazione. Forse fino al 27%, imposto come costo.

Il deputato di Darren Jones, presidente del Commons Business, Energy and Industrial Strategy Select Committee, ha descritto l’aumento dei costi come un «calcio nei denti» per le imprese e ha chiesto che il governo intervenga.

Ma il «costo» da 34 miliardi di sterline è solo un mito.

I fatti:

Tutte le imprese che importano beni nell’UE devono pagare l’IVA all’importazione sul valore rilevante. Dopo aver importato i beni nell’UE, di norma saranno venduti e soggetti all’IVA locale, come nel caso dell’importazione di beni nel Regno Unito e venduti localmente.

L’IVA è una tassa neutrale per le imprese. Quindi non esiste una reale possibilità che le società britanniche perdano 34 miliardi di sterline (o qualsiasi IVA) se agiscono in modo appropriato.

Ad esempio, un’azienda britannica importa beni in Germania dalla Gran Bretagna e li vende. Normalmente esiste l’obbligo per la società britannica di ottenere un numero di partita IVA tedesco e di addebitare l’IVA tedesca al suo cliente. Quindi compensa l’IVA all’importazione che ha pagato a fronte dell’IVA a valle che applica e trasferisce il saldo all’autorità fiscale tedesca.

Quando le merci vengono importate pronte per la vendita, il valore di importazione è lo stesso del valore di vendita. Quindi, se una società britannica importa beni del valore di €10.000 in Germania dove non è applicabile alcun dazio, pagherà un’IVA all’importazione di €1.900. Venderà quindi questi beni per €10.000 e addebiterà €1.900 di IVA a valle. L’IVA all’importazione è compensata rispetto all’IVA a valle, il che significa che tutta l’IVA all’importazione è completamente recuperata. Naturalmente, ci saranno costi professionali sostenuti per trattare con l’autorità fiscale tedesca.

Ora ci sono 27 Stati membri dell’UE e le norme IVA non sono unificate. È quindi possibile che un’azienda britannica possa sostenere l’IVA sulle importazioni e non abbia l’obbligo di addebitare l’IVA a valle in modo che non sia possibile compensare.

In questo caso esiste un meccanismo di rimborso per consentire alla società britannica di recuperare l’IVA all’importazione. Ancora una volta, c’è un costo associato a questo. Tuttavia, gli Stati membri possono rifiutarsi di accettare un reclamo in modo che l’IVA all’importazione sia un costo reale.

In breve, l’IVA all’importazione non è un costo di 34 miliardi di sterline se le aziende gestiscono i propri affari in modo efficiente e conforme. Cambiare incoterms in modo che il cliente sia l’importatore risolva tutti questi problemi. Un’analisi completa e approfondita della posizione consentirebbe alle imprese britanniche di recuperare l’IVA sulle importazioni e di rimanere conformi, riducendo così la possibilità di sanzioni.

Principi simili si applicano alle vendite a privati. Anche le società britanniche che effettuano tali vendite dovrebbero poter beneficiare del principio di neutralità fiscale se agiscono in modo appropriato.

Agisci

Vuoi sapere in che modo la Brexit influirà sulla tua conformità IVA? Scarica il nostro recente webinar Brexit e IVA: proteggi le tue preziose catene di fornitura e riduci al minimo le costose interruzioni per saperne di più.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

David Stokes

As an FCCA of many years, David brings a commercially focused accounting perspective to the treatment of European VAT issues. He specialises in the understanding of cross-border VAT transactions and has helped many clients map their flows to optimise their VAT position. He has successfully completed the VAT Forum’s ‘Expert in European VAT’ course and is a partner of the forum. As well as advising clients David also sits on several technology product development teams at Sovos.
Share This Post