Come prepararsi per un audit IVA

Andy Spencer
2 Dicembre, 2021

Nel nostro blog precedente, abbiamo esaminato le sfide che le aziende devono affrontare nel presentare l’IVA e altre dichiarazioni su base continuativa. Tuttavia, il ciclo di conformità non finisce qui poiché le autorità fiscali effettueranno audit per una serie di motivi per convalidare le dichiarazioni.

Perché le autorità fiscali effettuano audit?

Quando le dichiarazioni IVA consistevano solo di numeri, sono stati effettuati audit per ottenere maggiori informazioni sulle attività commerciali che si svolgono dietro tali numeri. L’aumento della quantità di dati sulle transazioni forniti alle autorità fiscali tramite SAF-T, elenchi locali e controlli continui delle transazioni (CTC) significa che questo sta cambiando. Gli audit vengono ancora effettuati anche con le informazioni IVA aggiuntive, principalmente per determinare che le dichiarazioni IVA riflettano accuratamente le attività dell’azienda.

Sebbene la frequenza degli audit vari considerevolmente da uno Stato membro all’altro, è comune in tutta l’UE che venga effettuato un audit se l’azienda richiede il rimborso dell’IVA. In alcuni paesi, ciò avverrà ogni volta che viene richiesto un rimborso, mentre altri adotteranno un approccio più basato sul rischio e verificheranno solo se il rimborso è più elevato del previsto da un’azienda che riceve regolarmente rimborsi.

La velocità è essenziale per gli audit poiché il flusso di cassa è influenzato fino al rimborso. Questo deve essere in prima linea per chiunque gestisca l’audit, ma un’attenta considerazione delle domande poste dall’autorità fiscale e delle risposte fornite dall’azienda rimane essenziale.

Preparazione per un audit

Gli audit possono essere effettuati di persona o tramite corrispondenza, sebbene gli audit di persona siano attualmente meno comuni a causa del Covid-19. L’audit viene normalmente effettuato per corrispondenza se il contribuente non è stabilito nel paese di registrazione, che in alcuni paesi richiede un consulente locale.

Questo porta a una domanda chiave: se gestire l’audit internamente o portare competenze esterne. Sebbene la gestione interna di un audit comporti un risparmio sulle commissioni, è essenziale considerare le conseguenze dell’audit. Un consulente esterno potrebbe essere chiamato in una fase successiva, ma potrebbe essere ostacolato dalle risposte fornite all’autorità fiscale all’inizio dell’audit. Si dovrebbe prendere in debita considerazione l’opportunità di ricorrere a consulenti esterni specializzati, soprattutto se vi è un importo significativo di IVA o se sono coinvolte questioni complesse.

La priorità per qualsiasi audit è risolverlo con successo il più rapidamente possibile senza alcun impatto negativo sull’azienda. Ciò ridurrà al minimo il tempo di gestione, le commissioni e l’esposizione a sanzioni o interessi.

Gestire il processo di audit

Molti audit inizieranno con l’autorità fiscale che pone alcune domande specifiche, che potrebbero riguardare l’attività in generale o transazioni specifiche. Le domande vengono poste per un motivo, quindi le aziende devono considerare il motivo per cui vengono richieste per determinare come rispondere e ridurre al minimo il rischio di problemi più avanti nell’audit.

La gestione delle scadenze è importante in quanto in caso contrario può avere effetti negativi. Alcune autorità fiscali impongono scadenze molto brevi, quindi è necessaria una pronta attenzione. Potrebbe essere possibile concordare una proroga, ma non è sempre così. Fornire risposte chiare e inequivocabili e documentazione di supporto è essenziale per ottenere il risultato desiderato.

Una volta concluso l’audit, è necessario intraprendere qualsiasi azione correttiva. Nella situazione ideale, non si deve fare nulla e l’azienda può continuare a commerciare con successo. Se l’autorità fiscale ha emesso una decisione sfavorevole o una richiesta di pagamento, è necessario valutare se presentare ricorso contro la decisione; anche in questo caso, devono essere rispettati termini rigorosi.

Anche senza tale decisione, l’audit potrebbe aver evidenziato aree in cui è necessario lavorare per evitare problemi in futuro. Dovrebbe essere creato un piano d’azione con responsabilità e scadenze chiare.

Una volta completato tutto il lavoro, l’azienda può tornare al normale ciclo di conformità della presentazione delle dichiarazioni IVA e di altre dichiarazioni. Una sfida continua è assicurarsi che l’azienda gestisca con successo i cambiamenti nella propria posizione IVA, e lo esamineremo nel nostro blog finale di questa serie.

Agisci

Scopri i vantaggi che un fornitore di servizi gestiti può offrire per alleggerire gli oneri di conformità IVA.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Andy Spencer

Andy is a highly experienced indirect tax professional who has worked in VAT for over twenty five years. Andy joined Sovos in 2009 and has responsibility for the consulting and compliance teams. Within the consulting team, he is involved in delivering major international VAT projects for blue-chip clients, bringing expertise in both structural compliance and commercial efficiency. Andy specialises in providing clients with bespoke VAT reviews that help them develop into new territories with the appropriate controls in place to manage VAT effectively. Andy has developed expertise in international VAT throughout his career and has advised on a broad range of issues in many countries. Within the compliance team, Andy is responsible for the integrity and professionalism of Sovos’ compliance offering working with the team to ensure clients meet their compliance obligations around the EU and beyond. Andy began his career with HM Customs & Excise and before joining Sovos was VAT Director at Baker Tilly’s Southern UK operation, a Senior VAT Manager at KPMG for six years, and a Senior VAT Manager at Ernst & Young for seven.
Share This Post