Ottimizzazione della gestione della catena di approvvigionamento: creazione di un magazzino UE

David Stokes
28 Marzo, 2022

Nel nostro precedente articolo, Optimizing Supply Chain Management: Key B2B Import Considerations, abbiamo esaminato la possibilità per i fornitori del Regno Unito di creare un magazzino UE per facilitare le consegne ai clienti. In questo articolo, esaminiamo questa soluzione in modo più approfondito, sempre dal punto di vista delle transazioni B2B.

I pro e i contro della creazione di uno stabilimento permanente nell’UE

Quando si cerca di creare un magazzino nell’UE, la prima considerazione dovrebbe essere se il magazzino creerà o meno una stabile organizzazione (PE). La stabile organizzazione è un concetto di imposta diretta, ma la creazione di una stabile organizzazione può avere conseguenze IVA se anche tale stabile organizzazione è considerata una stabile organizzazione.

L’OCSE definisce una stabile organizzazione come una sede fissa di attività attraverso la quale l’attività di un’impresa è svolta in tutto o in parte.

L’UE definisce uno stabilimento fisso come la presenza permanente delle risorse umane e tecniche necessarie per facilitare l’approvvigionamento.

Tuttavia, la tendenza verso il magazzinaggio locale, le consegne «just in time», la gig economy con appaltatori locali e altri sviluppi stanno spingendo le autorità fiscali ad adattare queste definizioni.

Ad esempio, per quanto riguarda il deposito, l’opinione tradizionale è che un contribuente avrebbe bisogno di possedere o affittare un deposito e impiegare il personale affinché possa essere considerato una stabile organizzazione ai fini dell’IVA. Tuttavia, un’autorità fiscale ha stabilito che è possibile creare anche una stabile organizzazione in cui un depositario rende disponibile un’area definita all’interno di un magazzino esclusivamente per un contribuente e fornisce anche il personale del magazzino.

La creazione di una stabile organizzazione che è anche considerata una stabile organizzazione comporterà vantaggi e svantaggi. Tra i lati positivi, il fornitore sarà tenuto ad addebitare l’IVA sulle vendite locali che coinvolgono lo stabilimento fisso e la registrazione IVA può essere utilizzata per detrarre l’IVA all’importazione pagata. Inoltre, il fornitore può non essere tenuto a nominare un agente doganale indiretto che funga da dichiarante per le importazioni. Sul lato negativo, l’azienda sarà soggetta all’IVA locale su alcune forniture che altrimenti attirerebbero un’inversione contabile nel Regno Unito e potrebbero essere soggette a imposte dirette.

Trattandosi di un blog sull’IVA, non ci soffermeremo su quanto sopra, ma chiaramente il possibile utilizzo di un magazzino è una considerazione nella configurazione della catena di approvvigionamento.

Nel decidere se e dove aprire un magazzino UE ci sono diverse considerazioni. Ai fini di questo blog, prenderemo in considerazione innanzitutto un fornitore del Regno Unito che cerca di creare un magazzino per servire i clienti in Spagna.

La Spagna ritiene che un deposito di terzi possa costituire uno stabilimento permanente in cui il fornitore ha accesso esclusivo a un’area delimitata del magazzino. Pertanto sarà importante esaminare attentamente il contratto di magazzino per le conseguenze IVA prima di firmarlo.

Inversione contabile e IVA all’importazione

La Spagna ha un reverse charge per le vendite B2B nazionali. Pertanto, un fornitore del Regno Unito che importa merci in Spagna e che effettua solo vendite B2B nazionali non sarà tenuto ad addebitare l’IVA locale. Inoltre, non sarà necessario presentare una dichiarazione IVA locale e pertanto l’IVA sulle importazioni verrà recuperata tramite la tredicesima direttiva. Si tratterà potenzialmente di un flusso di cassa negativo significativo.

Per evitare ciò, il fornitore del Regno Unito potrebbe modificare il luogo di importazione delle merci come segue:

Quando si invia la merce in Spagna, l’importazione avviene in Francia. Il fornitore del Regno Unito dichiarerà le merci per l’importazione in Francia e quindi segnalerà un trasferimento di merci proprie dalla Francia alla Spagna quando le merci arrivano nel magazzino spagnolo. Quando le merci si spostano su camion, questo non dovrebbe essere un problema eccessivo.

Dal 1° gennaio 2022, la Francia ha un’inversione contabile obbligatoria per l’IVA all’importazione e pertanto non vi è alcun problema con il recupero dell’IVA all’importazione pagata purché siano soddisfatte le condizioni. Il fornitore avrà bisogno di un numero di partita IVA francese per segnalare una spedizione dalla Francia e segnalare un’acquisizione in Spagna. Il fornitore richiederà anche un numero di partita IVA spagnolo per segnalare le acquisizioni, ma non sarà tenuto a presentare una dichiarazione IVA poiché tutte le vendite dal magazzino spagnolo sono soggette all’inversione contabile estesa.

In alternativa, le merci potrebbero essere importate in un magazzino francese dal quale il fornitore britannico può effettuare consegne intracomunitarie ai suoi clienti spagnoli, evitando così la necessità di un numero di partita IVA spagnolo e la necessità di una dichiarazione SII in caso di superamento della soglia.

L’IVA è un’imposta sulle transazioni e, una volta avvenuta una transazione, non può essere annullata. Pertanto, è importante comprendere appieno le conseguenze IVA di una transazione proposta prima della firma di un contratto. Una volta firmato un contratto, le parti si impegnano alle conseguenze IVA a meno che il contratto non possa essere rinegoziato prima della spedizione delle merci. Una volta spedite le merci, le conseguenze dell’IVA sono cristallizzate e non possono essere modificate.

Agisci

Mettiti in contatto con i nostri esperti fiscali per discutere dei requisiti IVA della tua catena di approvvigionamento o scarica il nostro e-book Proteggere le catene di approvvigionamento globali.

Sign up for Email Updates

Stay up to date with the latest tax and compliance updates that may impact your business.

Author

David Stokes

As an FCCA of many years, David brings a commercially focused accounting perspective to the treatment of European VAT issues. He specialises in the understanding of cross-border VAT transactions and has helped many clients map their flows to optimise their VAT position. He has successfully completed the VAT Forum’s ‘Expert in European VAT’ course and is a partner of the forum. As well as advising clients David also sits on several technology product development teams at Sovos.
Share this post

E-Invoicing Compliance EMEA
April 5, 2023
Bizkaia: Qual è il sistema fiscale di Batuz?

La Bizkaia è una provincia della Spagna e un territorio storico dei Paesi Baschi, con un proprio sistema fiscale. Prima dell’approvazione della strategia Batuz, l’autorità fiscale della Bizkaia ha sviluppato diversi approcci per implementare una strategia completa che riducesse la frode fiscale. L’obiettivo è quello di impedire che la frode influisca sulle entrate generate dalle […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
March 7, 2023
L’IVA nell’era digitale introduzione di una piu’ estesa platea di transazioni ricomprese nella registrazione unica ai fini IVA

Il piano L’IVA nell’era digitale della Commissione europea propone una serie di novità, fra cui una registrazione IVA unica per facilitare il commercio transfrontaliero. La proposta, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2025, è parte dell’iniziativa della Commissione per modernizzare l’IVA nell’UE. In sostanza, comporterebbe la registrazione IVA una sola volta in tutta […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
February 13, 2023
L’IVA nell’era digitale: risposte alle domande che tutti si pongono

6 Frequenti Domande: Per capire meglio l’impatto delle proposte della commissione Europea nell’era digitale (ViDA) sulla tua attività, ti invito a leggere alcune delle domande più frequenti che ho ricevuto fino a questo momento. D: Quando le aziende probabilmente inizieranno a notare un impatto in seguito all’implementazione delle proposte ViDA?  R: Le proposte della Commissione […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 21, 2022
L’IVA nell’era digitale: trattamento dell’IVA sul fronte delle piattaforme digitali

La proposta “L’IVA nell’era digitale” della Commissione Europea apporta modifiche significative al trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali relativamente agli operatori nei servizi di alloggio di breve durata (massimo 45 giorni) e di trasporto passeggeri. Trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali Vale la pena ricordare che il “trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali” riguarda […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 8, 2022
L’IVA nell’era digitale: Segnalazione e fatturazione elettronica obbligatoria per le transazioni intracomunitarie dell’UE

La Commissione Europea ha annunciato la sua tanto attesa proposta di modifiche legislative in relazione all’iniziativa l’IVA nell’era digitale (ViDA). Si tratta di uno degli sviluppi più importanti nella storia dell’IVA europea, che riguarda non solo le aziende europee, ma anche quelle non europee che commerciano con l’UE. La proposta richiede la modifica della Direttiva […]