La Polonia si avvia verso la fatturazione elettronica obbligatoria con la deroga dell’UE e il test delle app di fatturazione elettronica

Marta Sowińska
1 Aprile, 2022

Passaggio dalla fatturazione elettronica volontaria a quella obbligatoria prevista dal 1° aprile 2023

Dal 1° gennaio 2022, i contribuenti sono stati in grado di emettere fatture strutturate (fatture elettroniche) utilizzando il sistema nazionale di fatturazione elettronica (KSEF) polacco su base volontaria, il che significa che i moduli elettronici e cartacei sono ancora accettabili in parallelo. L’introduzione del sistema KSeF fa parte della trasformazione digitale in atto in Polonia a seguito dell’istituzione di mandati di controllo continuo delle transazioni (CTC) in tutta Europa, favorendo un’identificazione più rapida ed efficace delle frodi fiscali.

Il sistema KSeF consente ai contribuenti di emettere e ricevere fatture elettronicamente. È uno degli strumenti tecnologicamente più avanzati in Europa per lo scambio di informazioni sugli eventi economici. Le fatture strutturate emesse tramite il sistema sono preparate secondo il modello di fattura sviluppato dal Ministero delle Finanze. Dopo l’emissione, le fatture vengono inviate dal sistema finanziario e contabile tramite un’interfaccia (API) al database centrale (KSeF). Successivamente sono disponibili nel sistema e possono essere scaricati dal destinatario.

Richieste di deroga della Polonia

Il 5 agosto 2021 la Repubblica di Polonia ha chiesto l’autorizzazione a derogare agli articoli 218, 226 e 232 della direttiva IVA per poter dare esecuzione all’obbligo di emettere fatture elettroniche, elaborate attraverso il sistema nazionale di fatturazione elettronica (KSEF), per tutte le operazioni che richiedono l’emissione di un fattura secondo la legislazione polacca sull’IVA.

Successivamente, il 9 febbraio 2022, la Polonia ha modificato la sua domanda, chiedendo l’autorizzazione a derogare solo agli articoli 218 e 232 della direttiva IVA e ha precisato che la fatturazione elettronica obbligatoria si applicherebbe solo ai soggetti passivi stabiliti nel territorio della Polonia.

La Polonia ritiene che l’introduzione di un obbligo generalizzato di emettere fatture elettroniche apporterebbe vantaggi significativi in termini di lotta contro la frode e l’evasione dell’IVA, semplificando al contempo la riscossione delle imposte. Inoltre, l’attuazione della misura accelererà la digitalizzazione del settore pubblico.

La decisione derogatoria della Commissione europea

Come risulta dall’articolo 218 della direttiva IVA, gli Stati membri sono tenuti ad accettare come fatture tutti i documenti o i messaggi in formato cartaceo o elettronico. La Polonia ha cercato di ottenere una deroga al summenzionato articolo della direttiva IVA, in modo che solo i documenti in formato elettronico potessero essere considerati fatture dall’amministrazione fiscale polacca.

Inoltre, in base all’articolo 232 della direttiva IVA, l’uso di una fattura elettronica è soggetto all’accettazione da parte del destinatario. Pertanto, l’introduzione di un obbligo di fatturazione elettronica in Polonia richiede una deroga al presente articolo, cosicché l’emittente non deve più ottenere il consenso del destinatario per inviare una fattura in formato non cartaceo. Attualmente, ai sensi dell’articolo 106 n della legge polacca sull’IVA, l’utilizzo di fatture elettroniche richiede l’approvazione del destinatario della fattura, il che ostacola la possibilità di imporre la fatturazione elettronica obbligatoria.

Come annunciato dalla Commissione europea il 30 marzo 2022, alla Polonia è stata concessa la decisione derogatoria sia all’articolo 218 che all’articolo 232 della direttiva 2006/112/CE. La decisione si applicherà dal 1° aprile 2023 al 31 marzo 2026, dopo aver ricevuto l’ultima approvazione da parte del Consiglio dell’UE. La fase obbligatoria del mandato dovrebbe iniziare il 1° aprile 2023.

La domanda del contribuente KSeF – all’orizzonte

Per consentire ai contribuenti di emettere e rendere disponibili fatture elettroniche utilizzando KSeF, il Ministero delle Finanze polacco offrirà gratuitamente diversi strumenti:

  • e-Mikrofirma, un’app online accessibile tramite smartphone e un modulo web a tutti i contribuenti che hanno effettuato l’accesso a e-Urząd (e-Office).
  • e-Urząd, fornirà ai contribuenti strumenti online che faciliteranno l’adempimento degli obblighi fiscali, incluso il pagamento delle tasse, attraverso un servizio di pagamento elettronico online.

Il 31 marzo 2022 il ministero delle Finanze ha annunciato che la versione di prova della domanda di contribuente KSeF sarà resa disponibile il 7 aprile 2022. Permetterà la gestione delle autorizzazioni, l’emissione e la ricezione di fatture da parte del KSEF.

Passaggi successivi

Con la decisione pubblicata della Commissione europea, la Polonia è entrata nella prossima fase di attuazione della fatturazione elettronica obbligatoria. I prossimi passi seguiranno dopo aver ricevuto l’approvazione da parte del Consiglio dell’UE (che ora è una formalità e dovrebbe avvenire entro poche settimane). Successivamente, il Ministero delle Finanze implementerà la fatturazione elettronica universale in Polonia, dando alle imprese il tempo sufficiente per adattarsi alle nuove soluzioni.

Hai bisogno di aiuto con i requisiti CTC in evoluzione della Polonia?

Lo sviluppo della soluzione CTC di Sovos per la Polonia è già in fase avanzata e sarà presto pronto per l’implementazione. Per anticipare l’inevitabile corsa a rispettare il mandato del CTC polacco, contattaci oggi.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Marta Sowińska

Marta Sowińska is a Junior Regulatory Counsel at Sovos. Based in Lisbon and originally from Poland, Marta earned a Bachelor’s degree in International and European Law from the Hague University of Applied Sciences in the Netherlands and has studied at the Beijing Normal University in China.
Share This Post