Italia e San Marino: passi per sdoganare i regimi doganali?

Gabriel Pezzato
8 Luglio, 2021

Dal 1993, le forniture effettuate tra Italia e San Marino sono state accompagnate da una serie di obblighi doganali. Questi includono la presentazione di documenti alle autorità fiscali di entrambi i paesi.

Dopo l’introduzione del mandato di fatturazione elettronica italiano nel 2019, Italia e San Marino hanno avviato negoziati per espandere l’uso delle fatture elettroniche nelle transazioni transfrontaliere tra i due paesi. Questi negoziati hanno finalmente dato i suoi frutti e i dettagli sono ora disponibili.

Creazione della connettività SDI a San Marino

L’Italia e il paese enclavato di San Marino abbandoneranno i flussi doganali cartacei.

Le autorità fiscali italiane e sammarinesi hanno deciso di implementare un modello «a quattro angoli», in base al quale la piattaforma di liquidazione italiana SDI diventerà il punto di accesso per i contribuenti italiani, mentre un HUB-SM di nuova creazione sarà la controparte SDI per i contribuenti sammarinesi.

Le fatture elettroniche transfrontaliere tra i paesi saranno scambiate tra SDI e HUB-SM. Il sistema di scambio internazionale sarà applicato il 1o luglio 2022 e sarà in vigore un periodo di transizione tra il 1o ottobre 2021 e il 30 giugno 2022.

FatturaPA: Il formato di scelta

Le specifiche tecniche di HUB-SM sono ora disponibili per le importazioni dall’Italia a San Marino e per le esportazioni da San Marino verso l’Italia. I paesi hanno anche deciso di scegliere FatturaPA come formato di fattura elettronica, sebbene i requisiti di contenuto per le fatture di esportazione da San Marino differiscano leggermente dalle fatture elettroniche nazionali italiane FatturaPA.

I sistemi SDI e HUB-SM elaboreranno le fatture elettroniche da e verso i contribuenti ad essi collegati o sotto le giurisdizioni di ciascun paese.

In altre parole, i contribuenti italiani invieranno e riceveranno fatture transfrontaliere da o verso San Marino tramite la piattaforma SDI, mentre i contribuenti sammarinesi svolgeranno le stesse attività tramite HUB-SM.

Entrambe le piattaforme consegneranno le fatture ai contribuenti corrispondenti tramite i codici di destinazione assegnati dalle rispettive autorità fiscali. Ciò significa che HUB-SM assegnerà anche i codici di destinazione per le società sammarinesi.

Documenti di integrazione per aziende sammarinesi

Ispirato alla metodologia italiana per i controlli fiscali nelle transazioni transfrontaliere, San Marino richiederà agli acquirenti sammarinesi di compilare un ulteriore documento di integrazione (simile a una fattura di «autofatturazione» creata per motivi di prova fiscale) al ricevimento della FatturAPa. Questo documento sarà compilato in un nuovo formato XML-RSM creato dall’enclave e inviato a HUB-SM.

Dopo il più ampio lancio dello SDI per le transazioni B2B nel 2019, la piattaforma si è dimostrata in grado di adattarsi a nuovi flussi di lavoro e funzionalità.

Dall’anno scorso, gli ordini di acquisto elettronico provenienti dal Sistema Sanitario Nazionale Italiano sono stati scambiati tramite l’NSO, un componente aggiuntivo della piattaforma SDI. Nel gennaio 2022, la FatturaPA sostituisce l’Esterometro come meccanismo di segnalazione transfrontaliera.

SDI ha già debuttato nell’arena internazionale attraverso l’accettazione delle fatture elettroniche che seguono la Norma Europea, che vengono mappate in una FatturaPA prima di essere consegnata agli acquirenti italiani. Questa integrazione tra SDI e HUB-SM potrebbe anche rivelare le prime fasi dell’interoperabilità tra le piattaforme di entrambe le autorità fiscali per il commercio transfrontaliero.

Agisci

Mettiti in contatto con i nostri esperti che possono aiutarti a capire come SDI e HUB-SM lavoreranno insieme.

Scarica le tendenze IVA: verso i controlli continui delle transazioni per scoprire di più sul futuro dei sistemi fiscali in tutto il mondo.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Gabriel Pezzato

Gabriel Pezzato is a Regulatory Counsel at Sovos. Based in Stockholm and originally from Brazil, Gabriel’s background is in tax, corporate and administrative law. Gabriel earned a Law degree and a specialization degree in Tax Law in his home country and has a master’s degree in International and European Tax Law from Uppsala University (Sweden).
Share This Post