,

Il Parlamento europeo raccomanda l’armonizzazione della fatturazione elettronica in tutta l’UE

Kelly Muniz
11 Marzo, 2022

Il 10 marzo, il Parlamento europeo (PE) ha adottato una risoluzione al piano d’azione della Commissione sulla tassazione equa e semplice a sostegno della strategia di risanamento, che ha definito 25 iniziative principalmente legate all’imposta sul valore aggiunto dell’Unione europea (IVA UE). Il documento include diverse considerazioni generali e raccomandazioni alla Commissione per la proposta di revisione della direttiva IVA («IVA nell’era digitale») per il 2022.

Modifiche alla politica fiscale dell’UE sull’IVA

La risoluzione del Parlamento europeo ha affrontato le sfide significative della politica fiscale in materia di IVA dell’Unione europea (UE) e ha posto particolare attenzione alla semplificazione, alla modernizzazione e all’armonizzazione di tali norme mediante l’adozione uniforme di strumenti tecnologici in tutti gli Stati membri, compresi i requisiti relativi alla fatturazione digitale e elettronica. e mandati.

La risoluzione aggiornata evidenzia la preoccupazione per la mancanza di un sostegno sufficiente da parte del Consiglio per quanto riguarda il regime definitivo dell’IVA, vale a dire il principio del passaggio dall’origine alla destinazione, ancora da attuare. In un tale sistema, l’IVA sarà riscossa nel luogo di destinazione, lasciandosi alle spalle le complesse norme transitorie del sistema IVA.

Sfide relative alla politica fiscale dell’UE

Sono state inoltre sollevate preoccupazioni sulla complessità delle molteplici normative fiscali in tutta l’UE e sui vincoli che ciò comporta, in particolare per quanto riguarda la conformità alle piccole e medie imprese (PMI) e per le persone vulnerabili alle frodi. A questi fattori si aggiungono gli elevati costi sostenuti dalle imprese per conformarsi alla moltitudine di requisiti legislativi nelle diverse giurisdizioni. Il Parlamento lancia un appello urgente per un passo coerente verso un sistema IVA più semplice e moderno.

Verso una dichiarazione IVA più semplice

Più specificamente, il PE ha definito «della massima importanza» gli sforzi della Commissione per armonizzare le norme procedurali in tutta l’UE e incoraggiare una più stretta cooperazione tra le autorità fiscali e le imprese attraverso il programma di conformità cooperativa dell’UE.

L’obiettivo di vari punti era utilizzare la tecnologia come mezzo efficace per la conformità fiscale semplice e moderna. La digitalizzazione dell’IVA è stata accolta con grande favore come mezzo per una conformità IVA moderna e semplificata, in cui la rendicontazione e la fatturazione elettronica in tempo reale o quasi reale devono essere utilizzate dagli Stati membri in modo uniforme e armonizzato in tutte le giurisdizioni dell’UE.

Sullo stesso fronte, le raccomandazioni erano per la raccolta una tantum di dati da parte dell’autorità fiscale in linea con la massima protezione e rispetto per quanto riguarda la legislazione sulla sicurezza dei dati e l’uso dell’intelligenza artificiale (AI) e vari software per garantire la massima efficacia dell’utilizzo e della sicurezza dei dati. L’adozione di requisiti di digitalizzazione migliorerà la sicurezza, preverrà e combatterà le frodi e aumenterà la cooperazione amministrativa tra gli Stati

La risoluzione riguardava anche la nuova agenda dell’Unione per le imprese e la tassazione, sostenendo l’elaborazione di un nuovo e unico regolamento dell’Unione in materia di tassazione delle società, che dovrebbe riflettere i negoziati dell’OCSE sul pilastro 1 (riallocazione dei diritti fiscali) e sul secondo pilastro (imposta minima sugli utili societari).

Queste raccomandazioni devono essere seguite dalla presentazione da parte della Commissione europea di una o più proposte legislative entro il 2022/2023.

Agisci

Sovos può aiutare. Contatta i vantaggi che un fornitore di servizi gestiti può offrire per aiutarti ad alleggerire gli oneri di conformità IVA.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Kelly Muniz

Kelly Muniz is a Junior Regulatory Counsel at Sovos. Based in Stockholm and originally from Brazil, Kelly earned a Bachelor’s degree in Law in her home country, where she worked as a licensed lawyer. She also holds a Master’s degree in EU Business Law from Lund University in Sweden.
Share This Post