Comprendere oggi i CTC e il loro impatto sulla conformità IVA

Sovos
11 Luglio, 2021

In questo blog, forniamo una panoramica dei controlli continui delle transazioni (CTC) e della terminologia spesso associata ad essi.

Con le crescenti lacune IVA in tutto il mondo, più autorità fiscali stanno introducendo controlli sempre più rigorosi. Il loro obiettivo è aumentare l’efficienza, prevenire frodi e aumentare le entrate.

Uno dei modi in cui i governi possono ottenere maggiori informazioni sulle transazioni di un’azienda è l’introduzione di CTC. Questi mandati impongono alle aziende di inviare i dati della fattura all’autorità fiscale in tempo reale o quasi in tempo reale. Un metodo CTC più diffuso richiede la liquidazione di una fattura prima che possa essere emessa o pagata. In questo modo, l’autorità fiscale non ha solo visibilità, ma afferma effettivamente un certo controllo operativo sulle transazioni commerciali.

Cos’è l’IVA?

Il principio fondamentale dell’IVA (imposta sul valore aggiunto) è che il governo ottiene una percentuale del valore aggiunto in ogni fase di una catena economica. La catena termina con il consumo di beni o servizi da parte di un individuo. L’IVA è pagata da tutte le parti della catena, incluso il cliente finale. Tuttavia solo le aziende possono detrarre l’imposta a monte.

Molti governi utilizzano le fatture come prova primaria per determinare le tasse «indirette» dovute loro dalle società. L’IVA è di gran lunga la più significativa imposta indiretta per quasi tutte le nazioni commerciali mondiali. Molti paesi con IVA vedono che l’imposta contribuisca a oltre il 30% di tutte le entrate pubbliche.

Qual è il divario IVA?

Il divario IVA è la differenza complessiva tra le entrate IVA previste e l’importo effettivamente riscosso.

In Europa, il divario IVA ammonta a circa 140 miliardi di euro ogni anno secondo l’ultimo rapporto della Commissione europea. Tale importo rappresenta una perdita dell’11% delle entrate IVA previste nel blocco. A livello globale stimiamo che l’IVA dovuta ma non riscossa dai governi a causa di errori e frodi potrebbe arrivare fino a mezzo trilione di euro. Questo è simile al PIL di paesi come Norvegia, Austria o Nigeria. Il divario IVA rappresenta circa il 15-30% dell’IVA dovuta in tutto il mondo.

Cosa sono i controlli continui delle transazioni?

Il controllo continuo delle transazioni è un approccio all’applicazione fiscale. Si basa sulla trasmissione elettronica di dati transazionali dai sistemi di un contribuente a una piattaforma designata dall’amministrazione fiscale, che avviene poco prima/durante o subito dopo l’effettivo scambio di tali dati tra le parti della transazione sottostante.

Un CTC popolare viene spesso definito «modello di liquidazione» perché i dati della fattura vengono effettivamente liquidati dall’amministrazione fiscale e in tempo reale o in tempo reale. Inoltre, i CTC possono essere uno strumento forte per ottenere quantità di dati economici senza precedenti che possono essere utilizzati per informare la politica fiscale e monetaria.

Da dove sono iniziati i CTC?

I primi passi verso questo mezzo di applicazione radicalmente diverso sono iniziati in America Latina entro anni dai primi anni 2000. Altre economie emergenti come la Turchia hanno seguito l’esempio un decennio dopo. Molti paesi del LaTam dispongono ora di sistemi CTC stabili. Ciò richiede un’enorme quantità di dati per l’applicazione dell’IVA dalle fatture. Altri dati chiave, come lo stato del pagamento o i documenti di trasporto, possono essere raccolti e pre-approvati direttamente al momento della transazione.

Cos’è la fatturazione elettronica

La fatturazione elettronica o elettronica è l’invio, la ricezione e l’archiviazione di fatture in formato elettronico senza l’uso di fatture cartacee a fini fiscali o di prova. La scansione delle fatture in entrata o lo scambio di messaggi di fattura elettronica parallelamente alle fatture cartacee non è una fatturazione elettronica dal punto di vista legale. La fatturazione elettronica è spesso richiesta come parte di un mandato CTC, ma non deve essere così; in India, ad esempio, la fattura deve essere liquidata dall’amministrazione fiscale, ma non è obbligatorio scambiare successivamente la fattura in formato digitale.

L’obiettivo dei CTC e dei mandati di fatturazione elettronica è spesso quello di utilizzare i dati aziendali controllati alla fonte, durante le transazioni effettive, per precompilare o sostituire le dichiarazioni IVA. Ciò significa che le aziende devono mantenere una comprensione olistica dell’evoluzione dei CTC e del loro utilizzo da parte delle amministrazioni fiscali per la loro tecnologia e pianificazione organizzativa.

Cosa c’è all’orizzonte?

Man mano che un numero maggiore di governi si rende conto dei vantaggi relativi alle statistiche economiche e alle entrate che introducono questi controlli più rigorosi, stiamo assistendo a un maggior numero di mandati all’orizzonte. Ci aspettiamo che l’aumento dei regimi fiscali indiretti basati sui CTC acceleri bruscamente nei prossimi cinque-10 anni. La nostra aspettativa è che la maggior parte dei paesi che attualmente dispongono di IVA, GST o simili imposte indirette avranno adottato tali controlli in tutto o in parte entro il 2030.

Guardando avanti, a partire da oggi sappiamo che in Europa nei prossimi anni Francia, Bulgaria e Polonia introdurranno tutti i CTC. Anche l’Arabia Saudita ha recentemente pubblicato regole per la fatturazione elettronica e molti altri ne seguiranno l’esempio.

I prossimi mandati rappresentano un’opportunità per la trasformazione digitale di un’azienda piuttosto che una sfida. Se visto con la mentalità giusta. Ma, come per tutti i cambiamenti, la preparazione è fondamentale. Le aziende globali dovrebbero concedere tempo e risorse sufficienti per pianificare strategicamente i futuri requisiti CTC e altri requisiti di digitalizzazione dell’IVA. Una soluzione globale di conformità IVA soddisferà le loro esigenze sia oggi che in futuro, man mano che l’ondata di mandati acquisisce slancio in tutto il mondo.

Agisci

Con una copertura in più di 60 paesi, contattaci per discutere dei requisiti IVA per la fatturazione elettronica dell’IVA.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Sovos

Sovos is a leading global provider of software that safeguards businesses from the burden and risk of modern transactional taxes. As VAT and sales and use tax go digital, businesses face increased risks, costs and complexity. The Sovos Intelligent Compliance Cloud is the first complete solution for modern tax, giving businesses a global solution for tax determination, e-invoicing compliance and tax reporting. Sovos supports more than 7,000 customers, including half of the Fortune 500, and integrates with a wide variety of business applications. The company has offices throughout North America, Latin America and Europe. Sovos is owned by London-based Hg. For more information visit www.sovos.com and follow us on LinkedIn and Twitter.
Share This Post