,

Come affrontare le complessità della tassa sull’assicurazione di viaggio

Hector Fernandez
16 Febbraio, 2022

L’assicurazione è un settore dinamico in costante evoluzione per soddisfare le esigenze degli assicurati. Un aumento delle vacanze all’estero dopo la seconda guerra mondiale ha visto la necessità di un’assicurazione di assistenza per eventuali imprevisti che si sono verificati al di fuori del paese di origine dell’assicurato. La direttiva 84/641/CEE del Consiglio ha disciplinato per la prima volta l’assicurazione di assistenza ed è stata creata una nuova classe di assicurazioni. Questo era in aggiunta alle 17 classi precedentemente regolamentate delineate nella direttiva 73/239/CEE dell’assicurazione non vita e si chiamava Assistenza (assicurazione di classe 18).

Evoluzione dell’assicurazione viaggi

Inizialmente, l’assicurato era coperto da una polizza che forniva aiuti per qualsiasi evento che viaggiasse all’estero (perdita del passaporto, assistenza per qualsiasi problema in auto, ecc.). L’assicuratore ha creato una serie di assistenza con call center, reti di fornitori e servizi aggiuntivi per aiutare a risolvere le difficoltà quando si viaggia all’estero.

Successivamente, seguendo i requisiti dell’assicurato, le compagnie di assicurazione e gli agenti di viaggio hanno creato un’assicurazione di viaggio che include una vasta gamma di servizi. Questi consistono in diverse protezioni all’interno di diverse classi di attività. È qui che inizia la complessità fiscale delle polizze assicurative di viaggio. È una fusione di coperture e l’applicazione del corretto trattamento fiscale deve essere analizzata in ogni territorio.

Trattamento fiscale corretto nell’assicurazione di viaggio

Nel valutare la corretta applicazione della tassa per l’assicurazione di viaggio, le aziende devono considerare quanto segue: ubicazione del rischio (LoR), classe di attività e approccio fiscale corretto.

Localizzazione del rischio: l’articolo 13 della direttiva 2009/138/CE deve essere seguito nelle seguenti circostanze:

  • Viaggi d’affari: la LOR della polizza del datore di lavoro per coprire i propri dipendenti sarà situata nel luogo in cui si trova l’azienda.
  • Persone fisiche: La LoR sarà il territorio in cui l’assicurato risiede abitualmente, a meno che la polizza non copra i rischi di viaggio o di vacanza per quattro mesi o meno. In questo caso, la LoR è lo Stato membro in cui l’assicurato ha sottoscritto la polizza.

Classe di attività interessata: come accennato in precedenza, una delle complessità dell’assicurazione di viaggio è determinare le classi di attività interessate. È comune vedere, in questi tipi di polizze, coperture multiple come copertura dell’assistenza medica, perdita o danneggiamento del bagaglio, ritardi o cancellazioni del viaggio, perdita di documenti o denaro, incidente personale, rimpatrio ecc. Gli assicuratori devono identificare adeguatamente questi dettagli di copertura per garantire il trattamento fiscale conforme viene utilizzato.

Imponibilità: questo passaggio è fondamentale. Il trattamento corretto delle polizze potrebbe variare le passività da pagare, le diverse imposte e/o prelievi e oneri parafiscali da includere nel calcolo dell’imposta. Ciò significa che il trattamento fiscale può cambiare in base al paese. È necessario identificare la passività o l’esenzione fiscale in base alla classe di attività e alla posizione geografica.

Gli assicuratori devono comprendere l’importanza dei dettagli vitali associati all’assicurazione di viaggio. Determinare la LoR, la classe di attività interessata e la tassabilità garantisce che l’importo corretto venga pagato e presentato alle giurisdizioni appropriate.

Agisci

Scarica la nostra Guida alla conformità IPT per saperne di più su come mantenere la conformità o contatta i nostri esperti IPT.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Hector Fernandez

Hector Fernandez, Principal Compliance Services Representative – Spain, joined the country team at Sovos in 2019 and manages the IPT process for our Spanish customers. He has five years’ experience working in Spain (Broseta Abogados) and Dublin (HERTZ) in tax departments dealing with direct and indirect taxes and has completed a Degree in Law and a Master in International and Community taxes and is studying for his new Master Degree in Insurance Law (The National Distance Education University (UNED).
Share This Post