Come affrontare le complessità della tassa sull’assicurazione di viaggio

Hector Fernandez
16 Febbraio, 2022

L’assicurazione è un settore dinamico in costante evoluzione per soddisfare le esigenze degli assicurati. Un aumento delle vacanze all’estero dopo la seconda guerra mondiale ha visto la necessità di un’assicurazione di assistenza per eventuali imprevisti che si sono verificati al di fuori del paese di origine dell’assicurato. La direttiva 84/641/CEE del Consiglio ha disciplinato per la prima volta l’assicurazione di assistenza ed è stata creata una nuova classe di assicurazioni. Questo era in aggiunta alle 17 classi precedentemente regolamentate delineate nella direttiva 73/239/CEE dell’assicurazione non vita e si chiamava Assistenza (assicurazione di classe 18).

Evoluzione dell’assicurazione viaggi

Inizialmente, l’assicurato era coperto da una polizza che forniva aiuti per qualsiasi evento che viaggiasse all’estero (perdita del passaporto, assistenza per qualsiasi problema in auto, ecc.). L’assicuratore ha creato una serie di assistenza con call center, reti di fornitori e servizi aggiuntivi per aiutare a risolvere le difficoltà quando si viaggia all’estero.

Successivamente, seguendo i requisiti dell’assicurato, le compagnie di assicurazione e gli agenti di viaggio hanno creato un’assicurazione di viaggio che include una vasta gamma di servizi. Questi consistono in diverse protezioni all’interno di diverse classi di attività. È qui che inizia la complessità fiscale delle polizze assicurative di viaggio. È una fusione di coperture e l’applicazione del corretto trattamento fiscale deve essere analizzata in ogni territorio.

Trattamento fiscale corretto nell’assicurazione di viaggio

Nel valutare la corretta applicazione della tassa per l’assicurazione di viaggio, le aziende devono considerare quanto segue: ubicazione del rischio (LoR), classe di attività e approccio fiscale corretto.

Localizzazione del rischio: l’articolo 13 della direttiva 2009/138/CE deve essere seguito nelle seguenti circostanze:

  • Viaggi d’affari: la LOR della polizza del datore di lavoro per coprire i propri dipendenti sarà situata nel luogo in cui si trova l’azienda.
  • Persone fisiche: La LoR sarà il territorio in cui l’assicurato risiede abitualmente, a meno che la polizza non copra i rischi di viaggio o di vacanza per quattro mesi o meno. In questo caso, la LoR è lo Stato membro in cui l’assicurato ha sottoscritto la polizza.

Classe di attività interessata: come accennato in precedenza, una delle complessità dell’assicurazione di viaggio è determinare le classi di attività interessate. È comune vedere, in questi tipi di polizze, coperture multiple come copertura dell’assistenza medica, perdita o danneggiamento del bagaglio, ritardi o cancellazioni del viaggio, perdita di documenti o denaro, incidente personale, rimpatrio ecc. Gli assicuratori devono identificare adeguatamente questi dettagli di copertura per garantire il trattamento fiscale conforme viene utilizzato.

Imponibilità: questo passaggio è fondamentale. Il trattamento corretto delle polizze potrebbe variare le passività da pagare, le diverse imposte e/o prelievi e oneri parafiscali da includere nel calcolo dell’imposta. Ciò significa che il trattamento fiscale può cambiare in base al paese. È necessario identificare la passività o l’esenzione fiscale in base alla classe di attività e alla posizione geografica.

Gli assicuratori devono comprendere l’importanza dei dettagli vitali associati all’assicurazione di viaggio. Determinare la LoR, la classe di attività interessata e la tassabilità garantisce che l’importo corretto venga pagato e presentato alle giurisdizioni appropriate.

Agisci

Scarica la nostra Guida alla conformità IPT per saperne di più su come mantenere la conformità o contatta i nostri esperti IPT.

Sign up for Email Updates

Stay up to date with the latest tax and compliance updates that may impact your business.

Author

Hector Fernandez

Hector, a principal compliance services representative, joined the country team at Sovos in 2019 and specializes in Spanish insurance premium taxes. He has eight years’ experience working in Spain (Broseta Abogados) and Dublin (HERTZ) in tax departments dealing with direct and indirect taxes and has completed a Degree in Law and a Masters in International and Community Taxes. He is a Member of the Bar association Law Madrid (ICAM).
Share this post

E-Invoicing Compliance EMEA
April 5, 2023
Bizkaia: Qual è il sistema fiscale di Batuz?

La Bizkaia è una provincia della Spagna e un territorio storico dei Paesi Baschi, con un proprio sistema fiscale. Prima dell’approvazione della strategia Batuz, l’autorità fiscale della Bizkaia ha sviluppato diversi approcci per implementare una strategia completa che riducesse la frode fiscale. L’obiettivo è quello di impedire che la frode influisca sulle entrate generate dalle […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
March 7, 2023
L’IVA nell’era digitale introduzione di una piu’ estesa platea di transazioni ricomprese nella registrazione unica ai fini IVA

Il piano L’IVA nell’era digitale della Commissione europea propone una serie di novità, fra cui una registrazione IVA unica per facilitare il commercio transfrontaliero. La proposta, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2025, è parte dell’iniziativa della Commissione per modernizzare l’IVA nell’UE. In sostanza, comporterebbe la registrazione IVA una sola volta in tutta […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
February 13, 2023
L’IVA nell’era digitale: risposte alle domande che tutti si pongono

6 Frequenti Domande: Per capire meglio l’impatto delle proposte della commissione Europea nell’era digitale (ViDA) sulla tua attività, ti invito a leggere alcune delle domande più frequenti che ho ricevuto fino a questo momento. D: Quando le aziende probabilmente inizieranno a notare un impatto in seguito all’implementazione delle proposte ViDA?  R: Le proposte della Commissione […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 21, 2022
L’IVA nell’era digitale: trattamento dell’IVA sul fronte delle piattaforme digitali

La proposta “L’IVA nell’era digitale” della Commissione Europea apporta modifiche significative al trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali relativamente agli operatori nei servizi di alloggio di breve durata (massimo 45 giorni) e di trasporto passeggeri. Trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali Vale la pena ricordare che il “trattamento IVA sul fronte delle piattaforme digitali” riguarda […]

Dichiarazione fiscale e IVA EMEA
December 8, 2022
L’IVA nell’era digitale: Segnalazione e fatturazione elettronica obbligatoria per le transazioni intracomunitarie dell’UE

La Commissione Europea ha annunciato la sua tanto attesa proposta di modifiche legislative in relazione all’iniziativa l’IVA nell’era digitale (ViDA). Si tratta di uno degli sviluppi più importanti nella storia dell’IVA europea, che riguarda non solo le aziende europee, ma anche quelle non europee che commerciano con l’UE. La proposta richiede la modifica della Direttiva […]