La Croazia è stata uno dei primi paesi al mondo ad introdurre all’autorità fiscale un sistema di reporting in tempo reale per le transazioni in contanti. Conosciuto come sistema di fiscalizzazione online, sono stati introdotti nuovi requisiti per migliorare i controlli fiscali per le transazioni in contanti.

Sistema di fiscalizzazione online della Croazia

Il sistema mira a combattere le frodi dei rivenditori fornendo all’autorità fiscale la visibilità delle transazioni in contanti in tempo reale e incoraggiando i cittadini a svolgere un ruolo nei controlli fiscali convalidando la ricevuta fiscale attraverso l’applicazione web dell’autorità fiscale.

In precedenza, il sistema di fiscalizzazione online richiedeva agli emittenti di inviare i dati delle fatture all’autorità fiscale per l’approvazione e includere un codice identificativo fattura univoco (JIR) fornito dall’autorità fiscale nella ricevuta finale emessa al cliente. La registrazione della vendita può essere verificata inserendo il codice JIR attraverso l’applicazione web dell’autorità fiscale.

Cosa c’è di nuovo per il sistema di fiscalizzazione online della Croazia?

Il governo ha introdotto un nuovo requisito per le entrate fiscali per facilitare la partecipazione dei cittadini e aumentare il livello di controllo dei documenti fiscali e delle prove.

A partire dal 1° gennaio 2021 un codice QR deve essere incluso nelle ricevute fiscalizzate per le transazioni in contanti. I consumatori possono ora convalidare le loro ricevute inserendo il JIR tramite l’applicazione web o scansionando il codice QR.

Nell’ambito della riforma fiscale, il 1° gennaio 2021 è entrata in vigore una nuova procedura per la fiscalizzazione delle vendite tramite dispositivi self-service.

Per implementare la procedura di fiscalizzazione tramite dispositivi self-service, il contribuente deve consentire l’uso di software per la firma elettronica dei messaggi di vendita e fornire una connessione Internet per lo scambio elettronico di dati con l’amministrazione fiscale.

Quando si implementa la fiscalizzazione dei dispositivi self-service solo la vendita viene fiscalizzata e inviata all’amministrazione fiscale, nessuna fattura viene emessa al cliente.

Il diritto derivato che specifica il processo e le misure per la sicurezza e lo scambio dei dati non è ancora stato pubblicato nonostante il requisito sia andato in vigore, ma è previsto a breve termine.

Agisci

Per saperne di più su ciò che riteniamo valga il futuro, scarica Trends: Towards Continuous Transaction Controls. Seguici su LinkedIne Twitterper essere sempre aggiornato su notizie e aggiornamenti normativi.

L’Italia è in prima linea nella fatturazione elettronica B2G in Europa fin dal lancio del Sistema di Interscambio (SDI), piattaforma per la fatturazione elettronica creata e resa obbligatoria per tutti i fornitori del settore pubblico nel 2014.

Mentre alcuni dei suoi vicini europei si adoperano per recuperare lentamente terreno, l’Italia continua a migliorare l’integrazione delle nuove tecnologie nelle procedure della pubblica amministrazione. L’ultima novità è l’introduzione degli ordini elettronici negli appalti pubblici. Sfruttando il successo ottenuto dal Nodo di Smistamento degli Ordini della pubblica amministrazione in Emilia-Romagna, l’Italia sta ora estendendo questa funzionalità in tutto il paese.

Ordini elettronici per acquisti non limitati ai soli prodotti sanitari

Dal 1º ottobre 2019, tutti gli ordini di prodotti acquistati dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) devono essere consegnati e ricevuti dai fornitori tramite la piattaforma NSO. I fornitori interessati dal provvedimento saranno tenuti a ricevere ordini elettronici dagli enti pubblici: la pubblica amministrazione non procederà alla liquidazione e al pagamento di fatture emesse da società non conformi. È interessante notare che il provvedimento copre tutti gli ordini di acquisto effettuati da enti associati al SSN, compresi non solo i prodotti di carattere sanitario ma anche le forniture per ufficio e di elettronica.  

Oltre alla ricezione obbligatoria degli ordini elettronici, i fornitori potranno anche inviare messaggi alla pubblica amministrazione. In casi precedentemente concordati tra fornitori e pubblica amministrazione, la società fornitrice può inviare ordini elettronici precompilati all’acquirente della pubblica amministrazione, che potrà confermare o rifiutare la fornitura proposta.

Ordini elettronici e fornitori esteri

Anche i fornitori esteri dovranno adeguarsi al provvedimento. Il mandato NSO avrà un certo impatto sulla fatturazione elettronica per le pubbliche amministrazioni italiane, visto che alcuni dati degli ordini elettronici devono essere inclusi nelle fatture elettroniche che vengono trasmesse attraverso l’SDI.

Il sistema NSO è basato sull’infrastruttura SDI esistente e, di conseguenza, la comunicazione con l’NSO richiede che il canale venga accreditato in maniera simile all’SDI. I fornitori e gli intermediari che già provvedono alla trasmissione di messaggi tramite la piattaforma SDI devono conformarsi ai requisiti di certificazione complementari, che devono ancora essere pubblicati. Inoltre, le specifiche tecniche mostrano che gli intermediari PEPPOL possono interagire con la piattaforma NSO grazie a un servizio di Access Point accreditato con l’NSO.

Agisci

Scopri come Sovos aiuta le aziende a gestire fatturazione elettronica e altri mandati in Italia e in tutto il mondo. Per saperne di più su quello che riteniamo essere il futuro de settore, scarica l’eBook Sovos su tendenze in materia di conformità alla fatturazione elettronica