Controlli continui delle transazioni – Concentrati sul viaggio e non sulla destinazione

Christiaan Van Der Valk
25 Luglio, 2021

Un attuale mega-trend dell’IVA è il controllo continuo delle transazioni (CTC), in cui le amministrazioni fiscali richiedono sempre più dati sulle transazioni commerciali in tempo reale, spesso pre-autorizzando i dati prima che un’azienda possa passare alla fase successiva del flusso di lavoro di vendita o acquisto.

Quando un’autorità fiscale introduce CTC, le aziende tendono a considerarlo come una serie aggiuntiva di requisiti da implementare all’interno del software ERP o di automazione delle transazioni da parte di esperti IT. Questa reazione a strappo è comprensibile in quanto le tempistiche di attuazione tendono ad essere brevi e potenziali sanzioni per la non conformità significative.

Ma le aziende farebbero meglio ad affrontare questi cambiamenti nell’ambito di un percorso continuo per evitare inefficienze e altri rischi. Dal punto di vista dell’autorità fiscale, i CTC non sono un esercizio autonomo ma parte di una più ampia strategia di trasformazione digitale in cui tutti i dati a cui è possibile accedere legalmente a fini di audit vengono loro trasmessi elettronicamente.

Riguarda i dati

Nella visione di molte autorità fiscali della digitalizzazione, ogni categoria di dati viene ricevuta a intervalli «organici» che seguono la naturale cadenza del trattamento dei dati da parte delle aziende e le esigenze dei dati dei governi.

Le amministrazioni fiscali utilizzano la digitalizzazione per accedere ai dati in modo più comodo, a livello più granulare e con maggiore frequenza.

Un’azienda che non considera questo continuum dal vecchio mondo del reporting e dell’audit al nuovo mondo dello scambio di dati automatizzato rischia di concentrarsi eccessivamente sul «come», l’orchestrazione dei messaggi da e verso una piattaforma CTC, piuttosto che tenere d’occhio il «perché» – trasparenza delle operazioni aziendali.

I dati ricevuti più rapidamente e in un formato strutturato e sfruttabile dalle macchine sono infinitamente più preziosi per le amministrazioni fiscali in quanto offrono loro l’opportunità di eseguire un’analisi più approfondita delle varie fonti di dati contribuenti e di terze parti.

Se i tuoi dati aziendali sono incompleti o difettosi, probabilmente ti esporrai a controlli più elevati, poiché i tuoi dati errati sono sotto esame e sono più trasparenti per il tassista.

In modo diverso, in un mondo fiscale digitalizzato, la spazzatura si tradurrà in spazzatura.

Come prepararsi per CTCS: l’automazione è fondamentale

Molte aziende hanno già la formula magica per risolvere questi problemi di dati a portata di mano. Inizia preparandoti a questa ondata di digitalizzazione dell’IVA con un progetto per analizzare i problemi di dati interni e lavorare con le parti interessate interne ed esterne a monte, inclusi i fornitori, per risolverli.

Gli strumenti progettati per introdurre controlli automatizzati per i processi di deposito IVA possono aiutare a ottenere una migliore comprensione dei problemi relativi ai dati a monte che devono essere risolti. Questi stessi strumenti possono anche aiutarti a lungo il percorso CTC riutilizzando i metodi di estrazione e integrazione dei dati impostati per la segnalazione IVA per la trasmissione CTC, creando così una migliore governance dei dati e mantenendo una connessione tra questi due processi naturalmente collegati.

Molti dati errati derivano da processi residui basati su carta, come fatture di fornitori cartacei o PDF o ordini di acquisto dei clienti. Adottando ora misure per passare a processi automatizzati basati su alternative strutturate e completamente leggibili da macchina farà una grande differenza.

Migliorare i dati delle fatture non è l’unica sfida. Con l’inevitabile ampliamento dei tipi di documenti da presentare ai sensi delle regole CTC (dalla fattura ai messaggi di approvazione del lato acquisto, ai documenti di trasporto e ai dati sullo stato dei pagamenti), le amministrazioni fiscali controlleranno sempre più dati, così come i dati dei partner commerciali e di terze parti — pensate finanziarie istituzioni, dogane e altri dati disponibili.

È improbabile che le amministrazioni fiscali interrompano i loro sforzi di digitalizzazione in materia di imposte indirette. I mandati per l’introduzione di The Standard Audit File for Tax (SAF-T) e simili requisiti di contabilità elettronica mostrano la rapidità con cui i paesi si stanno allontanando dal vecchio mondo degli audit fiscali e onsite.

Tutti questi dati, provenienti da più fonti con autenticazione forte, dipingono un quadro sempre più dettagliato e innegabile delle operazioni aziendali. È solo questione di tempo prima che le dichiarazioni dei redditi delle società vengano pre-compilate dalle amministrazioni fiscali che si aspettano poco o nessun cambiamento legittimo da parte tua.

«Sostanza oltre forma» è un aforisma popolare nel mondo fiscale. Man mano che più applicazioni aziendali e flussi di dati diventano facilmente accessibili dalle amministrazioni fiscali, è necessario iniziare a considerare la qualità e la coerenza dei dati come un primo passo verso la prosperità nel mondo dell’applicazione fiscale digitalizzata.

Puntate a più, non meno, informazioni sulla vostra attività rispetto al tassista

Alla fine, le amministrazioni fiscali vogliono comprendere la tua attività. Non vogliono solo dati, vogliono informazioni significative su ciò che fai, perché lo fai, come fai trading, con chi e quando. Questo è esattamente ciò che vogliono i proprietari e la direzione.

Pertanto, gli obiettivi finali sono gli stessi tra le imprese e le amministrazioni fiscali: è solo che spesso le imprese daranno priorità all’efficienza operativa e agli obiettivi finanziari, mentre le amministrazioni fiscali si concentrano sull’ottenimento delle informazioni migliori e più obiettive possibili.

Le amministrazioni fiscali che introducono i CTC come obiettivo possono essere una benedizione sotto mentalità e ci sono vantaggi nell’introdurre analisi migliori per la tua azienda per rispettare i requisiti dell’amministrazione fiscale.

Il valore reale risiede nell’analisi in tempo reale delle operazioni aziendali e degli indicatori finanziari come la gestione della cassa o le debolezze della supply chain. Questo livello di analisi immediata della tua azienda ti consente inoltre di essere sempre un passo avanti, lasciandoti sotto il controllo dell’immagine che i tuoi dati forniscono ai governi.

I CTC sono il passo successivo naturale di un viaggio verso un nuovo e coraggioso mondo di trasparenza aziendale.

Agisci

Scarica le tendenze IVA: Verso i controlli continui delle transazioni per altre prospettive sul futuro dell’imposta. Seguici su LinkedIn e Twitter per rimanere aggiornato sulle notizie e gli sviluppi normativi.

 

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

Christiaan Van Der Valk

Christiaan Van Der Valk is vice president, strategy. Elected a World Economic Forum Global Leader for Tomorrow in 2000, Christiaan is an internationally recognized voice on e-business strategy, law, policy, best practice and commercial issues. Formerly co-founder and president of Trustweaver (acquired by Sovos), Christiaan also holds long-standing leadership roles at the International Chamber of Commerce (ICC) and the European E-invoicing Service Providers Association (EESPA). Over the past 20 years, he has presented at and authored key papers for international meetings at the Organisation for Economic Cooperation and Development (OECD), the Asia Europe Meeting, World Trade Organization and several other UN agencies. Christiaan earned his Master of Laws degree from Erasmus Universiteit Rotterdam.
Share This Post