,

Come gli assicuratori possono prepararsi per gli audit delle autorità fiscali

James Brown
17 Agosto, 2021

Un audit dell’autorità fiscale può presentarsi in varie forme, sia che si tratti direttamente dell’assicuratore stesso o indirettamente tramite un assicurato o un broker.

Può essere mirato, ad esempio, quando un assicuratore è stato specificamente identificato per essere indagato a causa di una discrepanza su una dichiarazione dei redditi, o può essere indiscriminato nella sua natura nell’ambito di un esercizio più ampio svolto da un’autorità.

Qualunque sia la forma dell’audit, la chiave per rispondere è in anticipo nella preparazione.

Quali informazioni devono essere conservate per un audit delle autorità fiscali?

Innanzitutto, gli assicuratori dovrebbero assicurarsi di conservare copie delle prove che possono essere utilizzate per giustificare gli importi fiscali dichiarati e regolati. Ciò può includere i contratti assicurativi stessi, le fatture emesse agli assicurati e una registrazione dei loro dati che comprende le dichiarazioni che sono state fatte.

Vale la pena notare che in Italia esiste un requisito formale di mantenere i libri IPT che descrivono in dettaglio ciascuno dei premi ricevuti durante ogni periodo annuale. Sebbene questo non sia necessariamente un requisito specifico in altri paesi, l’applicazione di questo approccio a tutti i premi ricevuti metterà un assicuratore in una posizione forte se viene effettuato un audit.

È utile anche un’ulteriore documentazione che dimostra la conformità. Se è stata richiesta una consulenza esterna, ad esempio, per determinare la classe di attività appropriata per una politica e la conseguente domanda fiscale, si consiglia di conservare un registro di tale consulenza nel caso in cui ciò sia richiesto in seguito.

Ci possono essere casi in cui è stata richiesta specificamente la consulenza di un’autorità fiscale e tale corrispondenza avrà inevitabilmente un peso considerevole se si interrogherà un trattamento fiscale durante un successivo audit. Anche la documentazione di qualsiasi processo in atto per garantire la conformità è preziosa.

Poiché i periodi di prescrizione statutari variano a seconda delle giurisdizioni, le prove devono essere conservate per il tempo possibile (in base alle leggi pertinenti sulla protezione dei dati, ove applicabile) in modo che possano essere prodotte in caso di verifica.

Le conseguenze della non conformità

Nell’era digitale, questa pratica non dovrebbe sembrare eccessivamente onerosa. Vale la pena fare riferimento ai regimi di sanzione in vigore in alcuni paesi per mettere in contesto le potenziali ripercussioni di un audit insoddisfacente.

Il Regno Unito è un esempio di dove viene utilizzato un approccio basato sul comportamento per determinare le sanzioni, con il più alto livello di sanzioni riservato ai casi di imposta non dichiarata deliberata e nascosta laddove l’autorità stessa abbia richiesto la dichiarazione.

Verranno riscosse sanzioni più basse (o addirittura nessuna sanzione) quando viene prestata una ragionevole attenzione e sarà molto più probabile che si consideri che siano state prese attenzioni ragionevoli laddove le registrazioni siano conservate secondo le modalità descritte.

Gli audit possono avvenire in qualsiasi momento, quindi è importante che gli assicuratori abbiano adottato le misure necessarie per garantire che le informazioni e i dati per dimostrare la conformità siano disponibili all’autorità fiscale quando richiesto.

Garantire la presentazione accurata e tempestiva delle dichiarazioni dei redditi rischia di ridurre la possibilità di un audit mirato. Il team di servizi gestiti IPT di Sovos ha una grande esperienza con le dichiarazioni fiscali nel Regno Unito e in tutta Europa e ha assistito molti assicuratori con audit imprevisti.

Agisci

Mettiti in contatto con Sovos oggi sui vantaggi che un provider di servizi gestiti può offrire per alleviare l’onere della conformità IPT.

Iscriviti per ulteriori informazioni

Rimani aggiornato con gli ultimi aggiornamenti fiscali e di conformità che potrebbero influire sulla tua attività.
Author

James Brown

James Brown is a Principal Compliance Services Representative at Sovos. His academic background is in Law having studied the subject at undergraduate level, and he has since enjoyed various roles in the IPT Managed Services Department at Sovos.
Share This Post